Monte Sinai, Egitto

Monastero di Santa Caterina, mt. Sinai, Egitto
Monastero di Santa Caterina, mt. Sinai, Egitto (Ingrandire)

Nella regione giudeo-cristiana del Medio Oriente ci sono quattro montagne sacre primarie: il monte Ararat nella Turchia orientale, il tradizionale approdo dell'arca di Noè; Mt. Il Sinai nella penisola del Sinai, il picco in cui Mosè ricevette i Dieci Comandamenti; Mt. Moriah o Mt. Sion in Israele, dove si trova la città di Gerusalemme e il Tempio di Salomone; e il monte Tabor in Israele, il sito della trasfigurazione di Gesù. Mt. Sinai, chiamato anche Monte. Horeb e Jebel Musa (la "Montagna di Mosè") è il centro di una meta di pellegrinaggi molto venerata che include il Monastero di Santa Caterina e il Roveto ardente, l'Altopiano di Elia e la Piana di Ar-Raaha.

Mosè, il tradizionale fondatore del giudaismo, nacque in Egitto, figlio di uno schiavo ebreo. Gli ebrei erano stati in schiavitù in Egitto per quattrocento anni da circa 1650-1250 aC. Verso la fine di questo periodo un sacerdote egiziano al servizio del faraone pronunciò una profezia secondo cui sarebbe nato un bambino agli ebrei che un giorno li avrebbe liberati dalla schiavitù. Il faraone, sentendo questa profezia, ordinò che ogni figlio maschio nato agli ebrei venisse ucciso affogando. Nella speranza di impedire la sua morte, i genitori di Mosè lo misero in una piccola cesta, che lasciarono alla deriva sul Nilo. Fu trovato dalla figlia del Faraone e successivamente cresciuto come figlio adottivo della famiglia reale. Durante la sua educazione è stato ampiamente educato nelle tradizioni esoteriche e magiche delle scuole del mistero egiziano. All'età di quaranta anni Mosè scoprì che il suo popolo originario, gli ebrei, era in schiavitù con gli egiziani. Infuriato per questo trattamento crudele, uccise un sorvegliante egiziano e fuggì in esilio nel deserto del Sinai.

Approssimativamente quarant'anni dopo, mentre pascolava le sue greggi sul lato del monte. Horeb, Mosè si imbatté in un roveto ardente che era, miracolosamente, privo di consumo dalle sue stesse fiamme. Una voce che parla dal fuoco (Esodo 3: 1-13) gli ha comandato di condurre il suo popolo fuori dalla schiavitù in Egitto e tornare con loro sulla montagna. Al suo ritorno, Mosè salì due volte la montagna per entrare in comunione con dio. Per quanto riguarda la seconda salita, Exodus 24: 16-18 afferma: E la gloria del Signore dimorò sul monte Sinai, e la nuvola lo coprì per sei giorni; e il settimo giorno Dio chiamò Mosè dal mezzo della nuvola. E l'apparizione della gloria del Signore era come il fuoco divorante sulla cima del monte agli occhi dei figli d'Israele. E Mosè entrò in mezzo alla nuvola e salì sul monte; e Mosè fu nel monte quaranta giorni e quaranta notti. Durante questo periodo sul monte Mosè ricevette due tavole su cui Dio aveva inscritto i Dieci Comandamenti, oltre a dimensioni precise per l'Arco dell'Alleanza, un santuario portatile simile a una scatola che conterrebbe le tavolette. Poco dopo, l'Arco dell'Alleanza fu costruito e Mosè e il suo popolo partirono dal monte. Sinai.

Mosè ascende dal monte. Sinai che trasporta la Tavoletta con i Dieci Comandamenti. Fotografia della finestra di vetro macchiata alla chiesa di Saint Aignan, Chartres, Francia.
Mosè ascende dal monte. Sinai che trasporta la Tavoletta con i Dieci Comandamenti.
Fotografia della finestra di vetro macchiata alla chiesa di Saint Aignan, Chartres, Francia. (Ingrandire)

L'Arco dell'Alleanza e il suo contenuto apparentemente divino sono uno dei grandi misteri dell'antichità. Secondo fonti testuali arcaiche, l'Arco era una cassa di legno lunga tre piedi e nove pollici e alta due e tre pollici. Era rivestito dentro e fuori con oro puro ed era sormontato da due figure alate di cherubini che si fronteggiavano sul pesante coperchio d'oro. Alcuni studiosi ritengono che l'Arco possa aver contenuto, oltre alle Tavole della Legge, pezzi di meteoriti e rocce altamente radioattive. Nei successivi duecentocinquanta anni, tra il tempo è stato preso dal Monte. Sinai a quando fu finalmente installato nel tempio di Gerusalemme, l'Arco fu tenuto per due secoli a Shiloh, fu catturato dai Filistei per sette mesi, e poi, dopo il suo ritorno agli Israeliti, fu tenuto nel villaggio di Kiriath- Jearim. Durante tutto questo tempo fu associato a numerosi fenomeni straordinari, molti dei quali coinvolgevano l'uccisione o il consumo di un numero spesso elevato di persone. I passaggi nell'Antico Testamento danno l'impressione che questi avvenimenti siano azioni divine di Yahweh, il dio degli ebrei. Gli studiosi contemporanei, tuttavia, credono che possa esserci un'altra spiegazione. Scrivere dentro Il segno e il sigillo (riguardo alla sua ricerca per l'Arco perduto dell'Alleanza), Graham Hancock suggerisce che l'Arco, e più precisamente i suoi misteriosi contenuti, possa essere stato un prodotto dell'antica magia, scienza e tecnologia egiziana. Mosè, essendo altamente addestrato dal sacerdozio egiziano, era certamente ben informato in queste materie e quindi i poteri sorprendenti dell'Arco e le sue "Tavole della Legge" possono derivare dalla magia arcaica egiziana piuttosto che dal mitico dio Yahweh.

Attualmente non ci sono prove archeologiche che il picco di granito 7507 (metro 2288) di Jebel Musa sulla penisola del Sinai sia l'attuale monte. Sinai dell'Antico Testamento e vari studiosi, come Emmanuel Anati, che scrivono nel suo studio completo, La montagna di Dio, hanno proposto diverse posizioni alternative. L'associazione di Jebel Musa con il monte biblico Il Sinai sembra essersi sviluppato per la prima volta nell'3rd secolo quando gli eremiti che vivevano nelle caverne della montagna cominciarono a identificare la loro montagna con l'antica cima santa.

Sulla cima del Jebel Musa si trova una piccola cappella dedicata alla Santissima Trinità. Questa cappella, costruita a 1934 sulle rovine di una chiesa 16th, si ritiene che racchiuda la roccia da cui Dio fece le Tavole della Legge. Nella parete occidentale di questa cappella c'è una fessura nella roccia dove si dice che Mosè si è nascosto mentre la gloria di Dio passava (Esodo 33: 22). Settecentocinquanta gradini sotto la vetta e la sua cappella è l'altopiano noto come Bacino di Elia, dove Elia trascorse 40 giorni e notti in comunione con Dio in una grotta. Nelle vicinanze si trova una roccia su cui si trovavano Aaron, il fratello di Mosè e gli anziani 70 mentre Mosè riceveva la legge (Esodo 24: 14). A nord-ovest dell'altopiano di Elia i pellegrini resistenti visitano Jebel Safsaafa, dove venerano e pregavano gli eremiti bizantini come San Gregorio. Sotto il vertice del metro 2168 di Ras Safsaafa si trova la Piana di ar-Raaha, dove gli israeliti si accamparono nel momento in cui Mosè salì sulla montagna e dove Mosè eresse il primo tabernacolo.

La presunta identificazione di Jebel Musa con il monte biblico. Il Sinai era una potente attrazione per eremiti e pellegrini dell'era paleocristiana. Certamente il più famoso di questi pellegrini fu Helena, un'imperatrice bizantina dell'4esimo secolo che confermò la sua fede nell'autenticità di Jebel Musa costruendo la prima chiesa nella zona. Tradizionalmente chiamata la cappella del roveto ardente, è stata costruita nel luogo esatto in cui è cresciuto un raro esemplare di Rubus sanctus, l'arbusto ancora vivo che i monaci credono sia l'originale Burning Bush. Una comunità monastica si sviluppò presto attorno a questa cappella e, per proteggere sia i monaci che la cappella dagli attacchi dei predoni beduini itineranti, l'imperatore bizantino Giustiniano I costruì una basilica simile a una fortezza attorno alla cappella in 542 AD. La basilica fu chiamata la Chiesa della Trasfigurazione, in memoria della trasfigurazione di Gesù alla presenza di Mosè ed Elia sul sacro monte. Tabor.

Il Monastero della Trasfigurazione è anche chiamato Monastero di Santa Caterina dopo il primo martire cristiano, Santa Caterina. Nata come Dorothea di Alessandria in 294 AD, fu successivamente torturata e decapitata dall'imperatore romano Massimo per averlo criticato incessantemente per la sua adorazione degli idoli pagani. La leggenda dice che il corpo di Catherine miracolosamente scomparve e fu trasportato da una banda di angeli sulla cima del Jebel Katerina, la vetta più alta della penisola del Sinai. Tre secoli dopo, i monaci trovarono il suo corpo apparentemente non corrotto e lo portarono giù al Monastero della Trasfigurazione, dove alcune delle sue reliquie e certamente il suo nome rimangono ancora oggi.

Dopo l'imperatrice Helena, il prossimo famoso pellegrino del Jebel Musa e del monastero fu il profeta Maometto. Ben curato dai monaci cristiani ortodossi, Maometto diede il suo impegno personale di protezione, che poi divenne incombente per tutti i musulmani, garantendo in tal modo che i monasteri continuassero a esistere. Le annotazioni conservate presso il Monastero della Trasformazione indicano che durante il 12th attraverso i secoli 14th molte migliaia di pellegrini venivano ogni anno e che il viaggio dal Cairo durava otto giorni a piedi e in cammello. Dopo la Riforma, la popolarità del pellegrinaggio diminuì drasticamente e fino a metà 1900 non fu più che i pellegrini 80-100 fecero il difficile viaggio ogni anno. Negli 1950 le strade lastricate del governo egiziano conducevano a campi petroliferi e miniere lungo il Sinai occidentale e sviluppavano anche una strada sterrata ai piedi del Gebel Musa e del monastero, che consentivano a un numero crescente di turisti laici di viaggiare in taxi dal Cairo. L'occupazione israeliana del Sinai in 1967, il ritorno della regione in Egitto in 1980 e il completamento di una strada asfaltata hanno ulteriormente aumentato il numero di visitatori di Jebel Musa. Il servizio di autobus da e per il Cairo è diventato disponibile su base giornaliera in 1986 e oggi non è raro che un centinaio di pellegrini e turisti visitino l'antico sito sacro in un solo giorno. Attualmente i monaci ortodossi greci tendono il monastero e la sua straordinaria collezione di arte bizantina.

Alternative possibili posizioni del Monte. Sinai

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni:

https://sacredsites.com/africa/egypt/mount_sinai_egypt.html

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Mount_Sinai

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Biblical_Mount_Sinai

http://www.sacred-destinations.com/egypt/mount-sinai


Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Monte Sinai