Templi neolitici di Malta

Tempio neolitico di Gigantija, isola di Gozo
Tempio neolitico di Gigantija, isola di Gozo (Ingrandire)

L'isola mediterranea di Malta figura nei documenti storici dell'Europa grazie alla sua associazione con i Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, fuggiti a Malta dall'isola di Rodi in 1530. Eppure questa piccola isola di 243 chilometri quadrati ha un'importanza molto maggiore nella preistoria europea grazie alla sua straordinaria collezione di templi megalitici. Situato 80 chilometri a sud della Sicilia e 370 chilometri ad est della costa tunisina, l'isola di Malta appare essere stato per la prima volta insediato durante il primo periodo neolitico da un'ondata di immigrati provenienti dall'isola di Sicilia. Questo aspetto di insediamento neolitico è tuttavia fortemente sfidato da nuove ricerche riguardanti una probabile influenza paleolitica, i cui dettagli sono presentati in questo saggio. Prima di esaminare questa nuova ricerca, diamo una breve occhiata alle teorie ortodosse o convenzionali sull'origine e la natura degli insediamenti umani sull'isola di Malta.

Secondo le supposizioni degli archeologi ortodossi, i resti di ossa, frammenti di ceramica e segni di fuoco indicano che gli esseri umani hanno vissuto a Malta almeno da 5200 aC. Queste prime persone vivevano nelle caverne, ma in seguito costruirono capanne e villaggi. Circa 1600 anni dopo il loro arrivo a Malta, queste persone hanno iniziato l'erezione di stupendi templi megalitici. Le rovine ora restanti sono gli scheletri spogli di strutture un tempo magnifiche, per lo più coperte, pavimentate, arredate con porte e tende e splendidamente decorate con sculture e dipinti. Alcuni archeologi presumono che il periodo in cui i primi maltesi progredirono dalle loro prime tombe comuni scavate nella roccia fino ai loro ultimi massicci complessi di templi fu tra 3800 e 2400 BC (supponiamo, perché non esiste assolutamente materiale databile al carbonio che è associato con il grande templi). Intorno a 2300 aC questa straordinaria cultura megalitica andò in rapido declino. Una delle cause principali sembra essere stata l'estrema deforestazione e la perdita di suolo che ha accompagnato l'aumento della popolazione e la conseguente rimozione della terra per l'agricoltura. Altre cause potrebbero essere carestia, disgregazione sociale in risposta a un sacerdozio oppressivo e l'arrivo di invasori stranieri. A seguito del declino della cultura del tempio, Malta potrebbe essere stata deserta fino all'arrivo delle popolazioni dell'Età del Bronzo intorno a 2000 BC.

Sulle isole di Malta e vicino a Gozo sono stati trovati i resti dei templi 50, con 23 in vari stati di conservazione. Nessun modello particolare emerge dalla distribuzione di questi templi e questo può essere spiegato dalla probabilità che numerosi templi siano stati distrutti nell'antichità e che altri restino da scoprire. Ci sono anche numerosi menhir e dolmen disseminati tra le due isole, ma il loro rapporto spaziale con i complessi di templi più grandi non è stato studiato nei minimi dettagli.

Quasi tutti i templi maltesi sono costruiti con lo stesso design di base: un corridoio centrale che attraversa due o più camere a forma di rene (ellissoidali) per raggiungere un piccolo altare absidale all'estremità. L'involucro esterno erculeo delle pareti è formato da grandi blocchi di pietra appoggiati all'estremità o ai bordi come ortostati. Le pareti interne sono costituite da blocchi corallini impilati o lastre ben tagliate poste come ortostati. Tutte le pareti sono composte da due volti, lo spazio tra l'essere pieno di terra o di macerie. Porte e passaggi utilizzano tutti il ​​principio del trilite: due ortostati paralleli l'uno all'altro per sostenere un architrave orizzontale. Spesso le porte sono costituite da un 'oblò', in cui l'accesso avviene attraverso un foro rettangolare al centro di una lastra. I templi erano probabilmente coperti di travi, sterpaglie e argilla (le pareti non avrebbero potuto sostenere il peso dei tetti in pietra, le lastre per tetti di oltre due metri di lunghezza si sarebbero rotte a causa del loro stesso peso, e non sono rimasti resti di tetti in pietra trovato).

Nella costruzione dei templi sono stati utilizzati due diversi tipi di calcare; il duro e grigio calcare corallino e il morbido e pallido calcare globigerina. Entrambe queste pietre furono depositate nel periodo geologico del Miocene. Gli strumenti di costruzione disponibili all'epoca erano asce a mano fatte di pietra focaia e quarzite, coltelli e raschietti di ossidiana vulcanica, cunei di legno e pietra, martelli di pietra e leve di legno. Non sono stati trovati utensili di metallo di alcun tipo nei templi. Malta non ha risorse minerarie e la selce e l'ossidiana trovate a Malta e Gozo furono probabilmente importate dalle isole di Lipari (nord della Sicilia) e Pantelleria (sud-ovest della Sicilia). Dopo che i grandi blocchi di pietra furono estratti, furono trasportati con rulli e leve nei siti del tempio. Nei cantieri, i rulli venivano scambiati con sfere di pietra in modo che i massicci blocchi di pietra potessero essere spostati in qualsiasi direzione, piuttosto che il movimento in avanti e indietro possibile con i rulli.

I primi interni furono intonacati e dipinti con ocra rossa. Più tardi gli interni furono decorati con spirali riccamente intagliate su gradini e altari, fregi di animali da fattoria, pesci e serpenti, e un semplice schema di punti butterati. Ancora evidenti sono le prese a muro per le barriere di legno o le tende e le nicchie per le attività rituali. Alcune decorazioni in rilievo sono di un lavoro così delicato che è difficile capire come avrebbe potuto essere realizzato usando solo strumenti di pietra. Manufatti e suppellettili (ora rimossi dai templi e collocati nei musei) indicano il culto degli antenati, i culti della dea oracolare e della fertilità. I templi sembrano essere stati usati solo per attività rituali e non come cimiteri, poiché non sono state trovate sepolture. I coltelli di selce sacrificali sono tra i manufatti scoperti nei templi ma non ossa umane, il che indica che i sacrifici erano esclusivamente di animali e non umani.

Tempio neolitico di Hagar Qim, isola di Malta
Tempio neolitico di Hagar Qim, isola di Malta (Ingrandire)

Le imponenti rovine di Hagar Qim (pronunciato "agar-eem") e Mnajdra (pronunciato "eem-na-eed-rah") sorgono su un altopiano roccioso sulla costa sud-occidentale di Malta, si affacciano sul mare e si affacciano sull'isoletta disabitata di Filfla , 4.8 chilometri di distanza. Questo altopiano è composto da due tipi di calcare; la pietra più bassa, più dura (grigio calcare corallino) dalla quale è costruito Mnajdra, e la pietra superiore, più morbida (calcare globigerina pallida) da cui è stato costruito Hagar Qim.

Il nome Hagar Qim significa "pietre in piedi" e prima degli scavi di queste rovine tutto ciò che si poteva vedere era un tumulo di terra dal quale sporgevano solo le cime delle pietre più alte. Hagar Qim, probabilmente costruito in più fasi tra 3500 BC e 2900 BC, è costruito con alcune delle pietre più grandi di qualsiasi tempio a Malta; una massiccia pietra è 7 metri per 3 metri (22 ft di 10 ft) e pesa circa 20 tonnellate. Le morbide pareti di calcare globigerina del tempio sono sopravvissute male nel corso dei millenni e in seguito i costruttori del tempio hanno usato il più duro calcare corallino che si trova nel complesso di Mnajdra proprio in fondo alla collina. Le rovine sono state esplorate per la prima volta in epoca contemporanea in 1839. Ulteriori scavi in ​​1885 e 1910 hanno prodotto indagini dettagliate sul sito e la riparazione di alcune delle strutture danneggiate.

Il complesso del tempio di Mnajdra si trova a circa 500 metri ad ovest di Hagar Qim, vicino al bordo del promontorio di fronte al mare. Mnajdra consiste di due edifici, un tempio principale con due camere ellissoidali e un tempio più piccolo con una camera. Tra i loro altri possibili usi, i templi di Mnajdra adempirono all'osservazione astronomica e alle funzioni calendarie. L'ingresso principale è rivolto ad est, e durante la primavera e l'autunno equinox i primi raggi di luce cadono su una lastra di pietra sul muro posteriore della seconda camera. Durante i solstizi invernali ed estivi, i primi raggi del sole illuminano gli angoli di due pilastri di pietra nel passaggio che collega le camere principali. Scrivendo nel suo affascinante libro, Underworld: The Mysterious Origins of CivilizationGraham Hancock fornisce informazioni più precise su questi allineamenti,

  • Mentre il sole cresta l'orizzonte sugli equinozi primaverili ed autunnali, 21 March e 21 September (quando la notte e il giorno sono della stessa lunghezza) i suoi raggi tagliano esattamente l'enorme ingresso del Trilithon al Tempio Inferiore di Mnajdra, proiettando un punto luminoso in un piccolo santuario nei recessi più profondi del complesso megalitico.
  • Sul solstizio d'inverno (20 / 21 dicembre, il giorno più corto) un'immagine molto particolare 'a fessura' - che assomiglia alla sagoma illuminata di un poleaxe o di una bandiera che vola su un palo - viene proiettata dai raggi del sole su una grande lastra di pietra, stimata per pesare tonnellate 2.5, posizionata sul retro della parete ovest dell'abside settentrionale del Tempio inferiore.
  • Nel solstizio d'estate (20 / 21 giugno, il giorno più lungo), appare la stessa immagine distintiva della fessura - ma ora con la 'bandiera' orientata nella direzione opposta - su una seconda lastra di pietra di grandi dimensioni, questa volta pesando le tonnellate 1.6 la parte posteriore della parete ovest dell'abside meridionale del Tempio Inferiore.

Simile al tempio di Mnajdra, Hagar Qim ha anche mostrato di avere allineamenti solstiziali. Per quanto riguarda Hagar Qim, Hancock nota che,

Hagar Qim offre diversi allineamenti del solstizio d'estate. Uno, all'alba, si trova sul lato nord-est della struttura, dove i raggi del sole, passando attraverso la cosiddetta buca dell'oracolo, proiettano l'immagine di un disco, grosso modo delle dimensioni del disco percepito della luna, su a una lastra di pietra sulla porta dell'abside all'interno. Man mano che i minuti passano, il disco diventa una mezzaluna, quindi si allunga in un'ellisse, quindi si allunga ulteriormente e alla fine scompare fuori dalla vista come se fosse a terra. Un secondo allineamento avviene al tramonto, sul lato nord-ovest del tempio, quando il sole cade in una tacca a forma di V su una cresta lontana in linea con una previsione a vista sul perimetro del tempio.

Finora, sono state condotte poche ricerche serie sugli allineamenti celesti dei templi maltesi. È probabile che ulteriori studi rivelino una miriade di altri orientamenti astronomici. Tuttavia, un fatto sorprendente che è emerso dagli studi finora condotti riguarda una datazione astronomica / matematica dei templi che è molte migliaia di anni più antica di quella ipotizzata dall'archeologia ortodossa. Hancock scrive che,

È noto che i punti di risalita del sole ai solstizi non sono fissi ma variano con l'angolo lentamente crescente e quindi decrescente dell'asse terrestre in relazione al piano della sua orbita attorno al sole. Questi cambiamenti in ciò che è noto tecnicamente come "obliquità dell'eclittica" (attualmente nell'intervallo dei gradi 23 27) si sviluppano su un grande ciclo di oltre 40,000 anni e se gli allineamenti sono sufficientemente antichi incorporeranno un grado di errore, causato cambiando obliquità. Dall'errore è possibile calcolare la data esatta della loro costruzione.

Nel caso di Mnajdra, l'allineamento oggi è buono, ma non del tutto perfetto perché i raggi che formano l'immagine della fessura sono proiettati a due centimetri dal bordo della grande lastra sul retro del tempio. Tuttavia, i calcoli di Paul Micallef mostrano che quando l'obliquità dell'eclittica era pari a 24 in gradi 9 minuti e 4 secondi, l'allineamento sarebbe stato perfetto con l'immagine a fessura che si formava esattamente in linea con il bordo della lastra. Questo allineamento "perfetto" si è verificato due volte negli ultimi anni 15,000 - una volta in 3700 BC e ancora, ancora prima, in 10,205 BC.

Tempio neolitico di Mnajdra, isola di Malta
Tempio neolitico di Mnajdra, isola di Malta (Ingrandire)

Oltre ai loro allineamenti celesti, i templi maltesi rivelano anche sorprendenti evidenze di raffinatezza matematica e ingegneristica. Un ricercatore, Gerald Formosa (Monumenti megalitici di Malta), ha scoperto numerosi esempi del cosiddetto Megalithic Yard dei piedi 2.72. Questa costante matematica, trovata in siti megalitici in tutto l'antico mondo europeo, è stata portata all'attenzione scientifica attraverso gli studi del professore di Oxford, Alexander Thom. In Hagar Qim e Mnajdra, gli esempi del Megalithic Yard si trovano nelle misure delle pietre del portale e nei triangoli incisi sui pavimenti del tempio.

Questi reperti astronomici, matematici e ingegneristici sono per lo più ignorati dagli archeologi ortodossi perché si ritiene che l'architettura del tempio maltese sia stata sviluppata prima e indipendente da qualsiasi influenza esterna. DH Trump, noto "esperto" a Malta (Malta: una guida archeologica"Non esiste nulla che sembri lontanamente simile a uno di questi templi al di fuori delle isole maltesi, quindi non possiamo usare" influenza straniera "per spiegarli: la quasi completa assenza di ceramica importata rafforza ulteriormente l'argomento." Ma, come allora, dobbiamo spiegare l'enigmatica presenza del Megalithic Yard. Questo innegabile manufatto di grande antichità suggerisce che i templi di Malta, piuttosto che essere rovine isolate, potrebbero in realtà essere parte di una geografia sacra pan-regionale (o globale).

Un altro mistero riguarda le statue di cifre grossolane sovrappeso trovate in molti dei templi maltesi. Le loro gonne pieghettate, le cosce generose e le mani e i piedi piccoli li hanno portati a essere chiamati divinità della dea della fertilità. Ma sono di sesso indeterminato e, inoltre, si è notato che le "donne" non hanno il seno. Di conseguenza, gli archeologi hanno ora rivisto i loro nomi per il termine più accurato di "figure obese". DHTrump commenta che, "Deve essere ammesso all'inizio che descrivere (queste statue obese), come si fa di solito, come una dea o una" cicciona "può essere nient'altro che un pregiudizio maschile.Il sesso non è esplicitamente indicato. nelle donne è spesso, anche se per errore, ritenuto un segno di fertilità: se la chiamiamo dea d'ora in poi, si tratta di una questione di probabilità e convenienza piuttosto che di prove. Inoltre, statuette di uomini in gonne, con capelli intrecciati e con la coda di maiale, e numerosi esempi di falli scolpiti dimostrano che i templi maltesi avevano una funzione di fertilità generale che includeva sia elementi maschili che femminili. Nondimeno, è vero che alcune figurine trovate a Malta, come la Signora Addormentata e la Venere di Malta, mostrano che il popolo neolitico dell'isola aveva forse una sorta di culto della dea specifico.

Altri importanti complessi di templi sono Tarxien, l'Ipogeo e Tas Silg a Malta e Gigantija nella vicina isola di Gozo. Il sito di Tarxien (pronunciato "tar-sheen"), scoperto da un contadino in 1915, è composto da tre templi, uno dei quali contiene una famosa statua del corpo inferiore di una figura in piedi. A volte interpretata come una statua della dea da scrittori femministi (non c'è davvero alcun modo di sapere questo come il genere è indeterminato), è una delle prime e più potenti rappresentazioni di una divinità del mondo (la statua nel tempio è una replica, l'essere originale in un museo nella vicina capitale della Valletta.)

Tempio neolitico di Mnajdra, isola di Malta
Tempio neolitico di Mnajdra, isola di Malta (Ingrandire)

Un altro importante tempio, l'Ipogeo di Hal Saflieni, parte dalla norma dei templi maltesi. Situato vicino al complesso del tempio di Tarxien nel sobborgo moderno di Paola, è stato scoperto per caso in 1902 durante lo scavo di un pozzo. L'ipogeo è un labirinto sotterraneo a più piani (25 x 35 metri) costituito da camere, corridoi, corridoi e scale, che nel corso dei secoli sono stati estesi sempre più in profondità alla calcare tenero. Costruito (secondo la cronologia ortodossa) tra 4000 e 5000 anni fa, l'Ipogeo era sia un santuario che un cimitero, e sono state trovate le ossa di alcuni umani 7000. La camera più imponente, comunemente chiamata "il santo dei santi", ha pilastri e architravi architettonicamente notevoli. Con le sue pareti rivestite di vernice rossa, è stato suggerito che la camera fosse usata per i sacrifici di animali. Un'altra camera, la cosiddetta stanza oracolare, ha una nicchia quadrata tagliata nel muro che potrebbe essere stata utilizzata in modo che la voce di un sacerdote potesse risuonare attorno al tempio. Una qualità misteriosa di questa particolare stanza è che la voce di un uomo risuonerà con forza nella stanza mentre la voce di una donna è quasi assorbita dalle pietre antiche. L'ipogeo è stato chiuso per gran parte degli 1990 per riparazioni e restauri, ma è programmato per essere riaperto qualche volta dopo l'inizio del nuovo millennio.

Il tempio recentemente scavato chiamato Tas Silg è unico a Malta in quanto mostra la prova del continuo uso religioso nel corso di migliaia di anni e da varie culture. Inizialmente costruito come un tempio della dea durante la fase megalitica, fu usato dalle popolazioni dell'Età del Bronzo del primo millennio aC, successivamente incorporato in un santuario di Astarte (la dea della fertilità, della bellezza e dell'amore) stabilito dai Fenici nel 8 secolo aC , mantenuto e migliorato dai Cartaginesi, usato dai nativi neopunonici come santuario di Astarte-Tanit, adottato dai Romani come tempio della dea Giunone, preso in consegna dai cristiani nel 4mo secolo d.C., e infine divenuto il sito di una moschea araba nel 9esimo secolo.

Il più grande e meglio conservato di tutti i templi maltesi si trova sulla piccola isola di Gozo (a 20 minuti di traghetto da Malta). Costruito (secondo le ipotesi dell'archeologia convenzionale) tra 3600 e 3000 BC, il tempio di Gigantija copre i metri quadrati 1000 e il suo sorprendente muro posteriore sale ancora i metri 6 e contiene megaliti che pesano alle tonnellate 40-50. Secondo le leggende locali, i massicci blocchi di Gigantija (la parola significa gigantesca) sono stati scolpiti nel sud di Gozo da un gigante femminile.

Come accennato in precedenza, l'opinione archeologica ortodossa asserisce che le isole dell'arcipelago maltese rimasero disabitate fino a circa 5200 aC, quando gli immigrati neolitici provenienti dalla vicina isola di Sicilia li stabilirono per primi. Per una serie di motivi questo scenario di datazione degli insediamenti è ora altamente sospetto. La ricerca condotta da diversi scienziati e sintetizzata, interpretata e riportata dallo studioso delle civiltà antiche, Graham Hancock, ha definitivamente dimostrato una presenza umana a Malta molte migliaia di anni prima dell'alba del Neolitico. La gente è venuta dalla Sicilia durante il Neolitico, ma molto prima di quel momento anche un altro gruppo di persone ha viaggiato e vissuto a Malta.

Durante il processo di raccolta di ricerche per il suo libro, Underworld: The Mysterious Origins of Civilization, Hancock è stato più volte attratto dallo studio della Malta preistorica e, in particolare, da alcune questioni che contraddicevano la valutazione archeologica convenzionale dell'isola. Tra queste primeggiava il fatto che Malta fosse semplicemente di dimensioni troppo ridotte per aver sviluppato e sostenuto la civiltà necessaria che diede origine alle tecniche di costruzione enormemente sofisticate trovate nei templi di Mnajdra, Hagar Qim, Gigantija e Ipogeo. In altre parole, come rendiamo conto della presenza di ventitré templi megalitici senza antecedenti architettonici e senza prove per la grande quantità di architettura domestica locale che avrebbe ospitato le persone che costruirono e usarono i templi? Discutendo di questa questione, Hancock scrive,

Come possiamo spiegare il fatto che i più antichi monumenti di pietra al mondo, che in virtù della loro dimensione e raffinatezza si dichiarano inequivocabilmente costruiti da un popolo che già accumulato una lunga esperienza nella scienza della costruzione megalitica, appaiono sulla scena archeologica su un gruppo di isole molto piccole - l'arcipelago maltese - che non era nemmeno stato abitato da esseri umani fino a 1600 anni fa? Non è contro-intuitivo? Non ci si aspetterebbe che una "storia della civiltà" si presenti nella documentazione archeologica maltese che documenta tecniche di costruzione sempre più sofisticate - e in effetti non ci si aspetterebbe neppure che un vasto "territorio di civiltà" in grado di supportare una popolazione di dimensioni ragionevoli (piuttosto che minuscole isole sterili) per circondare e nutrire il più grande salto architettonico dell'antichità?

Questa nozione di un "territorio di civiltà" più esteso che contribuisce allo sviluppo della Malta preistorica è qualcosa che fino a qualche anno fa era considerato impossibile. Due discipline scientifiche al di fuori dei confini dell'archeologia ortodossa hanno recentemente presentato prove per contraddire questa nozione. I paleoantropologi che scavano nelle caverne di Ghar Hasan e Ghar Dalam a Malta hanno trovato prove di uomini di Neanderthal insieme ai resti scheletrici di animali (cervo europeo, orso, lupo e volpe) che si sono estinti molto prima della fine del Paleolitico. Mentre il Neanderthal avrebbe potuto compiere il viaggio per mare dall'Europa continentale a Malta durante il Paleolitico (sebbene non vi sia assolutamente alcuna prova di tali migrazioni navali ovunque nel registro di Neanderthal), gli animali non avrebbero potuto compiere un simile viaggio in mare e quindi dovevo in qualche modo raggiungere la regione di Malta. Ma Malta non è un'isola lontana nel mezzo di un vasto mare?

Malta non è sempre stata un'isola e questo è ciò che apprendiamo dagli oceanografi e dalla nuova scienza della mappatura delle inondazioni. Intorno a 17,000 anni fa, al momento dell'ultimo massimo glaciale, quando il livello degli oceani del mondo era più di 120 metri più basso di quello che è oggi, le isole dell'arcipelago maltese erano le cime montuose di una massa di terra unite da un ponte di terra in Sicilia (90 chilometri a nord), che a sua volta era unita all'estremità meridionale di quella che oggi è la terraferma italiana. Pertanto, fino a 16,400 anni fa, gli esseri umani del Paleolitico e gli animali cacciati potevano semplicemente aver camminato dall'Europa fino a Malta. Queste persone avrebbero vissuto, cacciato (e forse allevato) per lo più nelle zone di pianura e (come molte altre culture dell'antichità) avrebbero potuto costruire alcuni dei loro templi sulle vette delle montagne sacre. Considerate le molte migliaia di anni in cui Malta era collegata via terra all'Europa continentale e la probabilità di scambi di informazioni da altre regioni culturali dell'Europa preistorica, è eminentemente possibile che lo straordinario stile architettonico dei templi maltesi potesse essere stato sviluppato.

Poi le calotte polari iniziarono a sciogliersi e il livello degli oceani si alzò lentamente, inondando inesorabilmente le aree costiere e i ponti di terra tra le regioni di alta quota. 14,600 anni fa, il ponte terrestre in Sicilia era scomparso sotto il mare e da 10,600 anni fa le acque erano salite così in alto che solo le vette di Malta erano al di sopra dei mari, formando le isole che abbiamo oggi di Malta, Gozo e Comino . Nel processo di questa inondazione, i centri sociali delle regioni di pianura si sarebbero persi sotto le acque e il popolo si sarebbe ritirato sulle altitudini più alte delle vette maltesi o sarebbe migrato verso nord in Italia e la terraferma della massa continentale europea. L'arcipelago maltese d'ora in poi sarebbe completamente isolato dalle influenze culturali europee e pertanto mostrerebbe caratteristiche di sviluppo uniche, che è esattamente il caso trovato nella documentazione archeologica. Come dice Hancock, "Forse questo isolamento paleolitico piuttosto che l'invasione neolitica (di 5200 aC dalla Sicilia) è stata la vera genesi del carattere distintivo e delle conquiste della civiltà maltese.

Forse anche i grandi templi di Malta non furono realmente costruiti durante il Neolitico ma sono in realtà artefatti di una civiltà paleolitica molto più antica (ricordate, non esiste alcuna datazione archeologica o radio-carbonica a sostegno dell'ipotesi ortodossa di un'origine neolitica di i templi maltesi). Forse gli eleganti allineamenti astronomici dei templi e la presenza di matematica avanzata nella loro costruzione indicano che l'isola di Malta era una volta parte di una geografia sacra pan-regionale (o globale), a sua volta formulata da una civiltà perduta di alto livello scientifico e spirituale realizzazione. Per determinare le risposte a queste domande sarà necessario condurre scavi archeologici molto più ampi a Malta e, ugualmente importante, nei numerosi siti archeologici sottomarini che si conoscono nelle acque circostanti le isole. Qualunque sia la loro ultima genesi, tuttavia, i templi maltesi sono luoghi di potere da non perdere per tutti gli appassionati di pellegrini e di misteri della terra.

Importante anche come luogo di pellegrinaggio, sebbene di origine più recente rispetto ai grandi templi megalitici, è la basilica romanica di Ta 'Pinu sull'isola di Gozo. Le leggende raccontano che in 1883, una donna del luogo di nome Carmel Grima, quando passava una piccola cappella dell'16esimo secolo, udì una voce che le diceva di pregare. Un amico, Francesco Portelli, ha affermato di aver anche sentito la voce. Hanno pregato insieme per la madre malata di Francesco e presto ha avuto una guarigione miracolosa. Furono riportate più guarigioni miracolose e dalle offerte di ringraziamento l'attuale santuario fu costruito negli 1920. Questo santuario incorpora la prima cappella, il cui custode originario, Pinu Gauci, prestò il suo nome al sito. Oltre ad essere visitato per le sue qualità curative, il santuario Ta 'Pinu è sacro per i marinai. All'interno del santuario c'è un corridoio pieno di dipinti di marinai naufraghi che vengono salvati dalla Vergine Maria.

Basilica di Ta'Pinu, isola di Gozo
Basilica di Ta'Pinu, Isola di Gozo (Ingrandire
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni: