Grande piramide di Giza

Piramidi di Giza, che svettano sopra la città del Cairo, in Egitto
Piramidi di Giza, che svettano sopra la città del Cairo, in Egitto (Ingrandire)

La Grande Piramide di Giza è la più antica struttura del mondo - e la più misteriosa. Secondo la teoria archeologica prevalente - e non ci sono assolutamente prove per confermare questa idea - le tre piramidi sull'altopiano di Giza sono strutture funerarie di tre re della quarta dinastia (da 2575 a 2465 aC). La Grande Piramide, attribuita a Khufu (Cheope), si trova sulla destra della fotografia, la piramide attribuita a Khafra (Chephren) accanto ad essa, e quella di Menkaura (Mycerinus) la più piccola delle tre. La Grande Piramide era originariamente costituita da piedini 481 alti cinque pollici (metri 146.7) e misurati piedi 755 (misuratori 230) lungo i lati. Coprendo un'area di 13 acri, o 53,000 metri quadrati, è abbastanza grande da contenere le cattedrali europee di Firenze, Milano, San Pietro, Abbazia di Westminster e St. Paul. Costruito da circa 2.5 milioni di blocchi di calcare che pesano in media 2.6 tonnellate ciascuno, la sua massa totale è superiore a 6.3 milioni di tonnellate (che rappresentano più materiale da costruzione di quanto si possa trovare in tutte le chiese e cattedrali costruite in Inghilterra dai tempi di Cristo). La Grande Piramide era originariamente racchiusa in calcare bianco levigato e levigato e ricoperta, secondo la leggenda, da una perfetta piramide di pietra nera, probabilmente onice. Coprendo un'area di 22 acri l'involucro di calcare bianco fu rimosso da un sultano arabo in 1356 AD per costruire moschee e fortezze nel vicino Cairo. Erodoto, il grande geografo greco, visitò nel V secolo aC. Strabone, uno storico greco / romano, venne nel primo secolo dopo Cristo. Abdullah Al Mamun, figlio del califfo di Baghdad, ha forzato il primo ingresso storicamente registrato in AD 820, e Napoleone è rimasto incantato quando ha visto la fantastica struttura di 1798.

Secondo la nostra attuale conoscenza la Grande Piramide di Giza è per lo più di massa solida, solo gli spazi interni conosciuti sono il passaggio discendente (l'ingresso originale), il passaggio ascendente, la grande galleria, una misteriosa grotta, una camera sotterranea altrettanto misteriosa e due camere principali. Queste due camere, chiamate la Camera del re e la Camera della Regina, hanno purtroppo mantenuto i nomi fuorvianti dati loro dai primi visitatori arabi alla piramide. È un'usanza araba seppellire uomini in tombe con tetto piatto e donne in stanze con tetto a capanna; perciò, nella Grande Piramide, la camera di granito a tetto piatto divenne la Camera del Re, mentre la camera a spioventi, con il timpano sottostante, divenne la Regina. Persino quegli archeologi che ancora ostinatamente aderiscono alla teoria della tomba della piramide non credono che una regina o qualcun altro sia mai stata sepolta nella camera di calcare. La King's Chamber è 10.46 metri da est a ovest da 5.23 metri da nord a sud da 5.81 metri di altezza (una serie di misure che esprime precisamente la proporzione matematica conosciuta come Golden Mean, o Phi). È costruito con enormi blocchi di granito rosso solido (che pesano tanto quanto 50 tonnellate) che sono stati trasportati da un mezzo ancora sconosciuto dalle cave di Aswan 600 miglia a sud. All'interno della camera, nella parte occidentale, si trova un grande scrigno senza coperchio (piedini 7.5 per piedi 3.25, con fianchi in media di 6.5 pollici di spessore) di granito nero scuro che si stima pesare più di tre tonnellate. Quando l'arabo Abdullah Al Mamun alla fine forzò il suo ingresso nella camera in AD 820 - la prima entrata da quando la camera fu sigillata da molto tempo - trovò il cofano completamente vuoto. Gli egittologi presumono che questo fosse l'ultimo luogo di riposo di Khufu, tuttavia non è minimamente provato che un cadavere sia mai stato in questo scrigno o camera. Né sono mai stati trovati materiali da imbalsamazione, frammenti di alcun articolo o qualsiasi altro indizio nella camera o in qualsiasi altra parte dell'intera piramide che in alcun modo indichi che Khufu (o chiunque altro) sia mai stato sepolto lì. Inoltre, il passaggio che conduce dalla Grande Galleria alla camera principale è troppo stretto per ammettere il movimento del cofano; lo scrigno doveva essere stato posto nella camera mentre la piramide veniva costruita, contrariamente alla normale usanza funeraria praticata dagli egiziani per tremila anni.

La follia dell'ipotesi comune, secondo cui le piramidi dell'altopiano di Giza furono costruite e utilizzate dai re della dinastia come strutture funerarie, non può essere sopravvalutata. È un fatto archeologico che nessuno dei 4 re della dinastia abbia messo i loro nomi sulle piramidi presumibilmente costruite nel loro tempo, eppure dalla quinta dinastia in poi, le altre piramidi avevano centinaia di iscrizioni ufficiali, senza lasciare alcun dubbio su quali re costruirono loro. La complessità matematica, i requisiti ingegneristici e la vastità delle piramidi dell'altopiano di Giza rappresentano un enorme, apparentemente impossibile, salto di abilità negli edifici della terza dinastia. La spiegazione egittologica contemporanea non può spiegare questo salto, né possono spiegare il chiaro declino della matematica, dell'ingegneria e della dimensione delle costruzioni della quinta dinastia. I libri di testo parlano di "sconvolgimento religioso" e "guerre civili", ma non vi è alcuna prova di ciò che si sia verificato.

L'attribuzione a Khufu della Grande Piramide di Giza si basa esclusivamente su tre elementi di "evidenza" molto circostanziati:

  • Le leggende raccontate e riportate da Erodoto che visitarono le piramidi di 443 aC
  • Il complesso funerario vicino alla Grande Piramide con iscrizioni che citano Cheope / Khufu come il faraone regnante
  • Nella piramide stessa, su una lastra di granito sopra il soffitto della camera principale, alcuni piccoli segni di vernice rossa ocra hanno una leggera somiglianza con un simbolo geroglifico per il nome di Khufu.
Piramidi di Giza dopo il tramonto, Egitto
Piramidi di Giza dopo il tramonto, Egitto (Ingrandire)

Lo stesso faraone Khufu non ha lasciato alcuna indicazione sul fatto che abbia costruito la Grande Piramide di Giza. Tuttavia, ha affermato di aver svolto lavori di riparazione sulla struttura. Sulla vicina Stele "Inventario" (risalente a circa 1500 aC, ma che mostra la prova di essere stata copiata da una stele molto più antica contemporanea alla quarta dinastia), Khufu racconta delle scoperte fatte mentre sradicava le sabbie dalla piramide, della sua dedizione del monumento ad Iside e della sua costruzione delle tre piccole piramidi per sé, sua moglie e le sue figlie accanto alla Grande Piramide. Per quanto riguarda i segni di vernice ocra rossa trovati all'interno della piramide, la maggior parte degli esperti di geroglifici ora credono che questi siano falsi lasciati dal loro "scopritore" Richard Howard-Vyse, piuttosto che essere iscrizioni di cava lasciate dai costruttori originali. Howard-Vyse era sotto pressione per eguagliare le scoperte del suo rivale, l'esploratore italiano Caviglia, che aveva trovato iscrizioni in alcune delle tombe attorno alla Grande Piramide. Ricercatori moderni ora sospettano che, nella battaglia per l'unicità, Howard-Vyse abbia cercato di oscurare il suo rivale e ottenere un rinnovato sostegno per i propri progetti con una "scoperta" simile ma più spettacolare, forgiando iscrizioni di cava all'interno della Grande Piramide. In altre parole, nessuna prova certa collega in alcun modo le piramidi dell'altopiano di Giza agli egiziani dinastici.

Consideriamo brevemente alcune questioni riguardanti la costruzione della Grande Piramide di Giza; questioni che indicano chiaramente che i costruttori della IV dinastia Egitto non avevano la capacità ingegneristica di erigere la Grande Piramide (non abbiamo ancora la capacità di oggi) e che questa struttura era usata per uno scopo del tutto diverso dalla semplice sepoltura.

La Grande Piramide di Giza è costruita con circa 2,300,000 calcare e blocchi di granito. Pesando ciascuno tra le tonnellate 2.5 e 50, questi blocchi di pietra dovevano essere estratti dalla terra. Qui è il nostro primo problema irrisolto. Nel museo del Cairo si possono vedere diversi esempi di semplici seghe in rame e bronzo, che gli egittologi sostengono sono simili a quelle utilizzate per il taglio e la sagomatura dei blocchi piramidali. Questi strumenti presentano un problema. Sulla scala Mohs di durezza minerale, rame e bronzo hanno una durezza di 3.5 a 4, mentre il calcare ha una durezza di 4 a 5 e granito di 5 a 6. Gli strumenti conosciuti avrebbero tagliato a mala pena il calcare e sarebbero stati inutili con il granito. Nessun esempio archeologico di strumenti di ferro si trova nel primo Egitto dinastico, eppure anche se lo fossero, i migliori acciai oggi hanno una durezza di solo 5.5 e quindi sono inefficienti per il taglio del granito. Alcuni anni fa Sir Flinders Petrie, uno dei "padri" dell'Egittologia, propose che i blocchi piramidali fossero stati tagliati con lunghe lame di sega tempestate di diamanti o di corindone. Ma questa idea presenta anche dei problemi. Il taglio di milioni di blocchi richiederebbe milioni di diamanti rari e costosi e corindone, che si consumano costantemente e richiedono la sostituzione. È stato suggerito che i blocchi di calcare sono stati in qualche modo tagliati con soluzioni di acido citrico o aceto, ma questi agenti ad azione molto lenta lasciano la superficie del calcare bucato e ruvido, a differenza della superficie meravigliosamente liscia trovata sulle pietre dell'involucro, e questi agenti sono completamente inutili per il taglio del granito. La verità è che non abbiamo idea di come siano stati effettivamente estratti i blocchi.

Il problema irrisolto di come i blocchi molto pesanti 2,300,000 sono stati trasportati al cantiere della piramide è ancora più mistificante. Come sono stati portati i blocchi all'altezza di quasi 500 piedi della sommità della piramide? Un ingegnere civile danese, P. Garde-Hanson, ha calcolato che una rampa costruita fino alla sommità della piramide richiederebbe 17.5 milioni di metri cubi di materiale, questo rappresenta oltre sette volte la quantità di materiale utilizzato per la piramide stessa e una forza lavoro di 240,000 per costruirla nel tempo assegnato dal regno di Cheope. Ma se questa enorme rampa fosse stata costruita, allora avrebbe richiesto una forza di più di 300,000 lavoratori fino a otto anni per smantellare. Dove sarebbe stato piazzato tutto il materiale della rampa, dato che non si trova da nessuna parte vicino alla Grande Piramide? E che dire di manovrare i blocchi accuratamente intagliati in posizione senza danneggiare gli angoli? I moderni ingegneri hanno proposto vari dispositivi di sollevamento e leve (ricorda, nessun record dinastico esistente, dipinti o fregi danno alcuna idea di questo mistero), ma nessuno risolve il problema di come i blocchi 50-ton della camera principale siano stati sollevati e posizionato utilizzando un'area in cui potevano resistere solo 4-6 lavoratori, quando sarebbe necessaria la forza di almeno 2000.

Poi arriviamo forse al problema più straordinario, quello della modellazione e del posizionamento delle pietre calcaree lucidate che coprivano l'intera piramide. La piramide finita conteneva circa 115,000 di queste pietre, ognuna del peso di dieci tonnellate o più. Queste pietre erano vestite su tutti e sei i lati, non solo sul lato esposto alla superficie visibile, a tolleranze di .01 pollici. Sono messi insieme così da vicino che una lama sottile non può essere inserita tra le pietre. L'egittologo Petrie ha espresso il suo stupore per questa impresa scrivendo: "Solo mettere pietre di questo tipo in contatto esatto sarebbe un lavoro accurato, ma farlo con il cemento nel giunto sembra quasi impossibile, ma è paragonabile al lavoro degli ottici più raffinati la scala degli acri. " Erodoto, visitando nel V secolo aC, riferì che le iscrizioni di strani personaggi si trovavano sulle pietre dell'involucro della piramide. In AD 1179 lo storico arabo Abdel Latif registrò che queste iscrizioni erano così numerose che avrebbero potuto riempire "più di diecimila pagine scritte". William of Baldensal, un visitatore europeo del primo quattordicesimo secolo, racconta come le pietre fossero ricoperte da strani simboli disposti in file attente. Purtroppo, in 1356, in seguito a un terremoto che ha raso al suolo il Cairo, gli arabi hanno rubato la piramide del suo bellissimo involucro di pietre per ricostruire le moschee e le fortezze della città. Quando le pietre furono tagliate in pezzi più piccoli e rimodellate, tutte le tracce delle antiche iscrizioni furono rimosse da esse. Una grande biblioteca di saggezza senza età fu perduta per sempre.

Ancora ulteriori prove del fatto che gli egiziani dinastici non costruirono la Grande Piramide di Giza si possono trovare nei sedimenti che circondano la base del monumento, in leggende riguardanti filigrane sulle pietre a metà dei suoi lati, e in incrostazioni di sale trovate all'interno. I sedimenti di limo che si elevano a quattordici piedi attorno alla base della piramide contengono molte conchiglie e fossili datati al radiocarbonio per avere quasi dodicimila anni. Questi sedimenti avrebbero potuto essere depositati in quantità così grandi solo dalle grandi inondazioni del mare, un evento che gli egiziani dinastici non avrebbero mai potuto registrare perché non vivevano nella zona fino a ottomila anni dopo l'alluvione. Solo questa evidenza suggerisce che le tre piramidi di Giza principali hanno almeno dodicimila anni. A sostegno di questo antico scenario alluvionale, misteriose leggende e documenti narrano di filigrane chiaramente visibili sulle pietre calcaree della Grande Piramide prima che queste fossero rimosse dagli Arabi. Queste filigrane erano a metà dei lati della piramide, o circa 400 piedi sopra l'attuale livello del Nilo. Inoltre, quando la Grande Piramide fu aperta per la prima volta, all'interno sono state trovate incrostazioni di sale spesse un pollice. Mentre gran parte di questo sale è noto per essere essudazione naturale dalle pietre della piramide, l'analisi chimica ha dimostrato che parte del sale ha un contenuto minerale coerente con il sale del mare. Queste incrostazioni saline, che si trovano ad un'altezza corrispondente ai segni del livello dell'acqua lasciati all'esterno, sono un'ulteriore prova del fatto che, a un certo momento, nel lontano passato, la piramide fu sommersa a metà altezza.

I blocchi di costruzione della Grande Piramide di Giza
Gli elementi costitutivi della Grande Piramide di Giza (Ingrandire)

Rivolgiamo la nostra attenzione brevemente alla questione dello scopo o degli scopi multipli della Grande Piramide, attingendo alla nostra discussione su entrambe le esatte misurazioni fatte dagli scienziati moderni e dalle mitiche leggende del passato remoto. Alcuni fatti:

  • I lati della piramide sono allineati quasi esattamente con i punti cardinali della bussola. L'accuratezza di questo allineamento è straordinaria, con una discrepanza media di soli circa tre minuti di arco in qualsiasi direzione o una variazione inferiore alla percentuale di 0.06.
  • La Grande Piramide funzionava come un'enorme meridiana. La sua ombra a nord, e la sua luce solare riflessa a sud, segnavano accuratamente le date annuali sia dei solstizi che degli equinozi.
  • Le dimensioni di base della Grande Piramide comprendono misure da cui è possibile calcolare la dimensione e la forma della Terra. La piramide è un modello in scala dell'emisfero, che incorpora i gradi geografici di latitudine e longitudine. Le linee di latitudine e longitudine che si intersecano alla Grande Piramide (30 gradi nord e 31 gradi est) attraversano più superfici terrestri di qualsiasi altra linea, quindi la piramide si trova al centro della massa terrestre della terra (la piramide è costruito sul sito adatto più vicino a questo incrocio). Il perimetro originale della piramide equivale esattamente a mezzo minuto di latitudine all'equatore, indicando che i suoi costruttori hanno misurato la terra con estrema precisione e registrato questa informazione nelle dimensioni della struttura. Complessivamente, queste misurazioni mostrano che i costruttori conoscevano esattamente le dimensioni del pianeta esattamente come sono state recentemente determinate dalle indagini satellitari.
  • La fondazione della Grande Piramide è incredibilmente di livello. Nessun angolo della sua base è più alto di un pollice o mezzo rispetto agli altri. Considerando che la base della piramide copre più di tredici ettari, questo livellamento quasi perfetto supera di gran lunga anche i migliori standard architettonici dei nostri giorni.
  • Le misurazioni lungo la piramide mostrano che i suoi costruttori conoscevano le proporzioni dei triangoli pi (3.14 ...), phi o Golden (1.618) e dei triangoli "Pitagorici" migliaia di anni prima di Pitagora, il cosiddetto padre della geometria, vissuto.
  • Le misurazioni mostrano che i costruttori conoscevano la forma sferica e le dimensioni della terra e avevano accuratamente tracciato eventi astronomici così complessi come la precessione degli equinozi e le date di arresto lunari. Le discrepanze minime delle lunghezze della base della piramide (parecchi pollici sopra la lunghezza del metro 230 della sua base) rivelano non un errore da parte dei costruttori ma un ingegnoso modo di incorporare nella piramide le "discrepanze" della terra stesso, in questo caso l'appiattimento del globo terrestre ai poli.
  • Gli alberi che portano verso l'alto dalle due camere principali, precedentemente considerati alberi di ventilazione per la ventilazione, hanno dimostrato di avere un altro possibile scopo. Un robot elettronico in miniatura ha strisciato meccanicamente sessantacinque metri lungo i pozzi e le sue scoperte hanno suggerito che i pozzi sud e nord della Camera dei Re sono indicati rispettivamente con Al Nitak (Zeta Orionis) e Alpha Draconis, mentre i pozzi sud e nord delle Regine La camera indica Sirius e Beta Ursa Minor. Gli scienziati che conducono questa ricerca ritengono che la disposizione delle tre piramidi sul plateau di Giza rispecchi esattamente la posizione delle tre stelle principali nella costellazione di Orione. (Mentre strisciavano lungo uno dei pozzi della camera del Queens, le telecamere del robot hanno fotografato una porta chiusa precedentemente sconosciuta che potrebbe portare ad una camera nascosta.) I lettori interessati a queste nuove scoperte dovrebbero consultare The Orion Mystery di Robert Bauval e Adrian Gilbert.
Le piramidi di Giza
Le piramidi di Giza (Ingrandire)

Che cosa significa tutto questo? Perché gli antichi costruttori delle piramidi di Giza, chiunque fossero, hanno codificato così tanto precise informazioni matematiche, geografiche e astronomiche nelle loro strutture? Qual era lo scopo della Grande Piramide? Sebbene al momento non possa essere data una risposta autorevole a questa domanda, due questioni intriganti suggeriscono una direzione per ulteriori indagini e ricerche. Il primo ha a che fare con le leggende persistenti che la Grande Piramide di Giza, e specialmente la camera principale, era usata come una sorta di centro di iniziazione sacra. Secondo una leggenda, gli studenti che avevano subito per primi lunghi anni di preparazione, meditazione e istruzione metafisica in una scuola esoterica (la mitica "Hall of Records" nascosta in profondità sotto le sabbie del deserto da qualche parte vicino alla Grande Piramide e alla Sfinge) furono collocati nel scrigno di granito della camera principale e lasciato solo per un'intera notte. Il cofano era il punto focale delle energie raccolte, concentrate, mirate e dirette alla camera principale in virtù della precisa posizione matematica, dell'allineamento e della costruzione della piramide. Queste energie, considerate particolarmente potenti in certi periodi calcolati precisamente quando la terra si trovava in un particolare allineamento geometrico con oggetti solari, lunari e stellari, favorivano il risveglio, la stimolazione e l'accelerazione della coscienza spirituale nell'adepto adeguatamente preparato. Mentre oggi è quasi impossibile passare una serata da soli nel forziere della camera principale, è interessante leggere i resoconti di quelle persone che lo hanno fatto in passato. Menzione sarà fatta di esperienze terribilmente spaventose (forse a causa della mancanza di un adeguato addestramento da parte dello sperimentatore) e anche profondamente pacifiche, persino illuminanti spiritualmente. Lo stesso Napoleone trascorse una notte da solo nella camera. Emergendo pallido e stordito, non parlò delle sue potenti esperienze, solo dicendo: "Non mi crederesti se te lo dicessi".

Una seconda questione che richiede un'ulteriore indagine da parte della comunità scientifica che studia la Grande Piramide di Giza - e che potrebbe aiutare a spiegare l'argomento appena discusso - riguarda la questione delle anomalie energetiche inspiegabili spesso rilevate e registrate nella camera principale. Negli 1920, un francese di nome Antoine Bovis fece la sorprendente scoperta che, nonostante il caldo e l'elevata umidità della camera principale, i cadaveri di animali lasciati nella camera non decadevano ma completamente disidratati. Pensando che potrebbe esserci qualche relazione tra questo fenomeno e la posizione della camera principale nella piramide, Bovis costruì un modello in scala ridotta della piramide, orientandolo nella stessa direzione della Grande Piramide e pose il corpo di una morta gatto al livello approssimativo della camera principale. Il risultato è stato lo stesso. Come aveva osservato nella Grande Piramide, il corpo del gatto non decadde. Negli 1960, i ricercatori della Cecoslovacchia e degli Stati Uniti, conducendo studi limitati sulla geometria della piramide, hanno ripetuto questo esperimento con gli stessi risultati. Scoprirono anche che la forma della piramide conservava in qualche modo misteriosamente gli alimenti preservati senza guastare, affilare le lamette di rasoio opaco, indurre le piante a germogliare e crescere più rapidamente, e affrettare la guarigione delle ferite degli animali. Altri scienziati, in considerazione dell'elevato contenuto di quarzo dei blocchi di granito nella camera principale e delle incredibili pressioni a cui sono sottoposti questi blocchi, hanno teorizzato che la camera principale potrebbe essere stata il punto focale di un potente campo piezoelettrico; le misurazioni del magnetometro all'interno della camera mostravano infatti livelli più alti rispetto al normale campo magnetico geomagnetico di fondo.

Anche se resta ancora molto da fare in queste aree, leggenda, archeologia, matematica e scienze della terra sembrano indicare che la Grande Piramide era un dispositivo monumentale per raccogliere, amplificare e focalizzare un misterioso campo energetico per il beneficio spirituale degli esseri umani. Non sappiamo esattamente come sono state utilizzate la piramide e la sua camera principale, e la struttura geometrica della piramide è stata subdolamente alterata dalla rimozione delle pietre dell'involucro e della pietra del cappuccio. In ogni caso, la Grande Piramide dell'altopiano di Giza emana ancora un grande potere come luogo di potere trasformazionale. Lo ha fatto per migliaia di anni innumerevoli e sembra destinato a continuare per secoli a venire.


Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio



La grande piramide di Giza