Chaco Canyon, New Mexico

alt
Rovine di Pueblo Bonito, Chaco Canyon, New Mexico

Nelle profondità dei deserti remoti del New Mexico nordoccidentale si trovano le estese rovine del più grande successo architettonico degli indiani nordamericani. Conosciuto come il complesso del Chaco Canyon, il sito era il principale centro sociale e cerimoniale della cultura Anasazi. In realtà non sappiamo come si chiamassero queste persone; la parola Anasazi è una parola Navaho che significa in vario modo "gli antichi" o "i nemici dei nostri antichi padri". I primi Anasazi (100 aC) erano cacciatori-raccoglitori nomadi che si estendevano su grandi distese di territorio; da AD 700 avevano cominciato a vivere in comunità stabilite, di cui Chaco Canyon è l'esempio migliore. La costruzione intensiva si è verificata in tutto il Chaco Canyon da AD 900 a 1100, dando vita allo sviluppo di numerosi sofisticati complessi di abitazioni. Pueblo Bonito (che significa "grazioso villaggio" in spagnolo, il cui nome originale Anasazi è sconosciuto) aveva più di seicento stanze, numerosi edifici a due e tre piani, diverse strutture cerimoniali chiamate kivase una popolazione tra 800 e 1200 persone. Dalla datazione ad anelli, è noto che un periodo di grande siccità si è verificato nella zona del Chaco in 1150, causando l'abbandono del sito. Riscoperto in 1849 dai soldati dell'esercito degli Stati Uniti, il sito è stato gravemente distrutto da atti vandalici per settanta anni fino a quando non è diventato un monumento nazionale in 1907. In 1920, la National Geographic Society ha iniziato una ricostruzione approfondita del sito.

Le radiazioni del complesso Chaco sono una serie enigmatica di linee rette che si estendono da dieci a venti miglia nel deserto. Le teorie archeologiche convenzionali spiegano queste linee come strade che conducono agli insediamenti periferici, ma questo sembra altamente improbabile, poiché le linee sono diritte, indipendentemente dal terreno. Si avvicinano tavoli (montagne da tavolo), su e giù per le pareti verticali della scogliera e lungo i percorsi che li rendono assolutamente pratici per l'uso da parte del viaggiatore occasionale o commerciale. Forse avevano un altro scopo. Paul Devereux, studioso e scrittore britannico nel cosiddetto campo "Misteri della terra" ha suggerito che queste linee (e altre che ha studiato in tutto il mondo) sono meglio comprese come segni che rappresentano i viaggi spirituali fuori dal corpo degli antichi sciamani . La ricerca archeologica indica infatti che le linee spesso conducono a piccole strutture simili a un santuario dove è comune la prova di attività religiose e sciamaniche. Queste linee misteriose, a volte apparentemente tra nessun luogo particolare, si trovano in molte parti della regione di Anasazi. Più di cinquecento miglia di linee sono state finora tracciate. Oggigiorno sono per lo più visibili solo dall'aria al mattino presto o nel tardo pomeriggio, quando il sole proietta ombre profonde. Ispezionando queste linee a livello del suolo, è evidente che sono state messe in atto da centinaia di anni di erosione naturale, che ha oscurato tutti tranne i pochi resti. Sembra quindi ragionevole suggerire che queste linee, prima della loro erosione, avrebbero potuto essere seguite attraverso grandi distese di terra, delineando in tal modo un'enorme griglia o mappa di geografia sacra e sciamanica. I lettori interessati a questi argomenti dovrebbero consultare i libri di Devereux elencati nella bibliografia.

L'architettura primaria della cultura Chacoan: un'espressione cosmologica
Di Anna Sofaer

alt
Great Kiva of Pueblo Bonito Ruins, Chaco Canyon, New Mexico

Legno in un paesaggio senza alberi

Gli archeologi hanno aiutato a risolvere il mistero di dove gli antichi pueblo del New Mexico hanno ottenuto legname per costruire le monumentali "grandiose" del Chaco Canyon in un paesaggio quasi privo di alberi. Costruite intorno agli alberi 240,000, le case sono alcuni dei più grandi edifici precolombiani del Nord America. Molti sono alti fino a cinque piani e contengono centinaia di stanze.

I ricercatori dell'Università dell'Arizona hanno analizzato i dati degli anelli degli alberi per determinare le origini geografiche del legname - la prima volta che questo metodo di dendroprovazione è stato utilizzato negli Stati Uniti sudoccidentali. I risultati mostrano che il legname proveniva da due diverse catene montuose. Prima di AD 1020, la maggior parte del legno proveniva da una fonte di legname precedentemente non riconosciuta - le montagne Zuni, circa 75 chilometri a sud del sito. Ad AD 1060, tuttavia, i Chacoan stavano procurando alberi dalle montagne di Chuska, a circa 75 chilometri a ovest.

L'interruttore coincide con un'espansione della cultura Chacoan nell'area e la costruzione di molte nuove grandi case. Christopher Guiterman dell'Università dell'Arizona, autore principale dello studio, ha dichiarato alla CWA (Current World Archaeology magazine), "I risultati mostrano che il legno è stato trasportato a Chaco Canyon da una grande distanza - senza l'aiuto di bestie da soma, la ruota, strumenti di metallo, o un corso d'acqua importante, e l'approvvigionamento del legno era un processo dinamico e mutevole. L'arrivo dei legni di Chuskan significa un cambiamento radicale nella società Chacoan. Ora vediamo che una volta che i materiali iniziano ad arrivare dai Chuskas, la formazione e la proliferazione della società Chacoan si cristallizza, e il Chaco che conosciamo oggi è il risultato di questa trasformazione. "

http://www.ancient-origins.net/news-history-archaeology/puebloans-treeless-chaco-canyon-hauled-240000-trees-over-75-km-house-020649

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Chaco Canyon

canyon degli Stati Uniti