Isola di Tinos


Chiesa del Megalohari, isola di Tinos, in Grecia

L'isola battuta dal vento di Tinos, situata nell'arcipelago delle Cicladi e cinque ore di traghetto da Atene, è stata sistemata per oltre 25.000 anni. Un'isola di molte battaglie e popoli diversi, Tinos montagnoso è stato governato da Ioni, Persiani, Ateniesi, Spartani, Macedoni, Veneziani, Franchi, Turchi e Russi oltre a sperimentare le devastazioni dei pirati arabi e barbareschi. Ora una tranquilla isola di quaranta villaggi imbiancati e più di 700 chiese e monasteri, Tinos è famosa in tutto il mondo greco-ortodosso per la sua icona miracolosa di guarigione della Vergine Maria.

Nell'antichità, Tinos era ben noto come luogo sacro nel Mediterraneo orientale, visitato frequentemente per i suoi templi di Poseidone e Dioniso. Nessuna fonte storica fa luce sulla presenza cristiana iniziale sull'isola, ma è noto che una chiesa primitiva, una struttura bizantina, fu costruita direttamente sulle fondamenta del tempio di Dioniso. La metà di 10th Il secolo dC vide l'invasione di incursori musulmani, la loro distruzione della chiesa bizantina e l'abbandono del sito. Otto secoli dopo, nel mese di giugno di 1822 nel monastero di Kechrovounion, una monaca di nome Pelagia ebbe una serie di visioni della Santa Vergine. Maria ordinò a Pelagia di informare gli anziani del villaggio di Tinos che avrebbero iniziato gli scavi in ​​un campo incolto, dove avrebbero trovato un'icona sacra. Gli scavi iniziarono e gennaio 30, 1823, un operaio che scavava nel terreno scoprì l'icona. Successivi scavi archeologici hanno determinato che l'area della scoperta dell'icona sia stata il sito dell'antica chiesa bizantina e, prima ancora, il tempio di Dioniso.

L'icona, chiamata Panagia Evangelistria, che significa Nostra Signora del Buon Novella, è una bella rappresentazione di Maria inginocchiata con la testa piegata in preghiera. Considerato dagli studiosi come più antico del periodo bizantino, potrebbe essere forse l'opera dell'apostolo ed evangelista San Luca. Si presume che l'icona fosse un oggetto sacro nella chiesa bizantina e fu nascosta o persa nel periodo delle invasioni musulmane. Poco dopo la scoperta dell'icona, fu iniziata la costruzione di una nuova chiesa. Prima che la chiesa fosse completata a 1830, un gran numero di pellegrini aveva cominciato a venire sull'isola da tutta la Grecia. Numerosi resoconti di miracoli di guarigione aumentarono rapidamente la fama della Chiesa dei Megolohari, con il risultato che oggi l'icona sacra è l'elemento di pellegrinaggio più venerato della nazione greca. Nel santuario vengono celebrati i quattro giorni principali del festival: gennaio 30, l'anniversario del ritrovamento dell'icona; Marzo 25, l'Annunciazione di Maria; Luglio 23, l'anniversario della visione della monaca Pelagia; e August 15, l'Assunzione di Maria. In ognuno di questi giorni la tranquilla città di Tinos è piena di migliaia di pellegrini celebranti. Ho vissuto per un certo numero di mesi sull'isola e l'ho trovato uno dei luoghi più tranquilli di tutti i molti siti sacri che ho visitato. Oltre alla Chiesa dei Megolohari, la vetta più alta di Tinos, il Monte. Il profeta Elias è anche un bel posto dove trascorrere una giornata di meditazione tranquilla.

I lettori interessati a informazioni più dettagliate sull'Isola di Tinos e la sua tradizione di pellegrinaggio apprezzeranno l'eccellente studio antropologico di Jill Dubisch: In un posto diverso: pellegrinaggio, genere e politica in un santuario dell'isola greca.


Pellegrino presso la Chiesa del Megalohari, isola di Tinos, in Grecia


Chiesa del Megalohari, isola di Tinos, in Grecia


Guide di viaggio della Grecia

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Isola di Tinos