Mashhad

Santuario di Imam Reza, Mashhad
Santuario di Imam Reza, Mashhad

La capitale della provincia di Khorasan nell'Iran nordorientale e la seconda città più grande del paese, Mashhad è meglio conosciuta per il suo bellissimo santuario di pellegrinaggio dell'Imam Reza. Il santuario fu costruito sul sito del villaggio di Sanabad, dove l'Imam Reza morì in 818 AD (alcune fonti dicono 817). L'Imam Reza, l'ottavo Imam sciita, nacque a Medina nel 765 AD ed era noto per essere una persona di straordinario talento accademico e di qualità sante. All'età di 51 fu sorprendentemente nominato dal califfo abbadico Mamun (un musulmano sunnita) per diventare il suo successore come il prossimo califfo. Mamun convocò l'Imam Reza a Sanabad, lo proclamò pubblicamente suo successore e gli diede sua figlia in matrimonio. Le azioni di Mamun, benché accolte dai membri della setta sciita, hanno profondamente turbato i rivali sunniti, con il risultato che sono seguite diverse insurrezioni violente. Dopo essere rimasto per un po 'a Sanabad, il califfo Mamun e l'Imam Reza partirono per Baghdad (per riconquistare la città dai rivali politici) ma durante il viaggio Reza si ammalò e rapidamente morì. La repentinità della morte dell'Imam destò sospetti tra i credenti sciiti che credevano che Mamun lo avesse avvelenato per sedare i disordini politici derivanti da un imam sciita proclamato califfo dai numerosi credenti sunniti.

Il Califfo, tuttavia, mostrò un profondo lutto e costruì un mausoleo sulla tomba dell'Imam in 818 AD, adiacente alla tomba di suo padre. A causa della diffusa credenza sciita che Mamun aveva assassinato Reza, la tomba e il villaggio di Sanabad ricevettero il nome di Mashhad ar-Rizawi, che significa "il luogo del martirio di Riza". Una tradizione (leggendaria attribuita al padre dell'Imam Reza) raccontava che un pellegrinaggio alla tomba dell'Imam Reza avrebbe eguagliato i pellegrinaggi di 70,000 alla Mecca e la tomba dell'Imam divenne un santo luogo di pellegrinaggio al quale si accalcavano persone provenienti da tutta la Persia.

Il mausoleo originale sopra la tomba dell'Imam Reza fu distrutto da Sabuktagin, il sultano Ghaznevid in 993 DC, ma fu ricostruito e ampliato da suo figlio Mahmud di Ghazni in 1009 AD. Durante questo periodo il santuario era ornato con piastrelle, alcune delle quali sono ancora visibili nella camera a cupola più interna. In 1220 AD, i mongoli saccheggiarono la città e il santuario. Un secolo dopo il sovrano mongolo dell'Iran, Sultan Muhammad Khudabandeh si convertì allo sciismo e durante il suo regno (1304-1316 AD) rinnovò di nuovo il santuario su larga scala. Il famoso viaggiatore moresco Ibn Battuta visitò Mashhad in 1333 e riferì che era "una grande città con abbondanti alberi da frutto, ruscelli e mulini .. Una grande cupola di elegante costruzione sormonta il mausoleo nobile, le pareti sono decorate con piastrelle colorate. dell'Imam è la tomba del califfo Harun al-Rashid, che è sormontato da una piattaforma con lampadari a bracci. Ogni volta che uno sciita entra a far visita prende a calci la tomba di al-Rashid e pronuncia una benedizione su ar-Riza . "

La fase più gloriosa di Mashhad iniziò durante il regno di Shahrukh Mirza, figlio di Tamerlano, e raggiunse il suo massimo splendore durante il regno dei re Safavidi che governarono l'Iran da 1501 a 1786. I re Safavid abbellirono il complesso religioso con cupole dorate, minareti piastrellati e ampi cortili, oltre a vasti edifici accademici. Avendo stabilito lo sciismo come religione di stato, i brillanti primi sovrani safavidi, Shah Ismail I, Shah Tahmasp e in particolare Shah Abbas, ho fortemente incoraggiato il pellegrinaggio al santuario dell'Imam Reza, così come al santuario di sua sorella Fatima nel santuario città di Qum. Nadir Shah Afshar e i re Qajar che governarono l'Iran da 1779-1923 hanno ulteriormente ampliato e ornato il complesso del santuario, anche se questo periodo ha visto anche le incursioni occasionali di guerriglieri turchi, uzbeki e afghani. Il santuario è stato bombardato dall'artiglieria russa in 1912 e ulteriormente danneggiato dalle truppe di Reza Khan in 1935 e Reza Shah in 1978. Da quel momento il santuario ha subito un continuo rinnovamento e ampliamento e attualmente oltre 20 milioni di pellegrini visitano la tomba di Imam Reza ogni anno.

Altri santuari nell'area di Mashhad includono:

  • Santuario di Khwaja Rabi, a nord di Mashhad; santo patrono dei sunniti a Khorasan
  • 28 chilometri da Nishapur, nel villaggio di Mahmudabad, il santuario di Qadamgah contiene ciò che i fedeli credono essere l'impronta dell'impronta di Imam Reza
  • 18 chilometri da Mashhad, la sorgente montana e il santuario di Harsamat ibn Aiyin, chiamato localmente Khwaja Murad, 'Fulfiller of Vows'
  • 22 chilometri da Mashhad e lungo la stessa strada del santuario di Harsamat ibn Aiyin, il santuario di Khwaja Abbasalt Harav

Santuario di Imam Reza, Mashhad

Mashhad
Santuario di Imam Reza, Mashhad   

Per ulteriori informazioni:

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Mashhad