Luce e colore

L'influenza di luce e colore

In tutto il mondo i costruttori hanno utilizzato la luce e il colore per potenziare il potere di trasformazione degli spazi sacri. Candele, torce e vari tipi di lampade a combustibile sono state utilizzate in questo modo. Ancora oggi, con l'uso quasi universale dell'elettricità, non è raro trovare centinaia o persino migliaia di candele che illuminano gli interni bui dei santuari di pellegrinaggio indù, buddisti e cristiani. L'effetto prodotto da tale illuminazione può essere davvero incantevole. Raggruppate sotto le statue dorate degli dei e della dea, una miriade di fiamme tremolanti di candele emanano contemporaneamente radiosità in tutto il santuario e nel cuore del pellegrino.

Un altro metodo di illuminazione era di guidare la luce del sole negli spazi sacri. Molto prima dello sviluppo della fabbricazione del vetro, i costruttori hanno creato schermi a traliccio che fungevano da finestre. In particolare, gli architetti islamici hanno utilizzato questa tecnica per modellare gli schermi in pietra e in legno della più squisita bellezza. Con aperture scolpite in forme geometriche e disegni intricati, questi schermi hanno portato abbaglianti fasci di luce negli interni bui dei santuari. Mentre l'angolo del sole cambiava con il passare delle ore, fasci di luce danzavano lentamente attraverso i pavimenti e le pareti, creando graziosi motivi di luce e ombra.

I colori sono stati aggiunti a questi spettacoli magici appendendo lunghi pezzi di seta tinta e altri tessuti diafani sugli schermi. Raggi di sole poi mostrati attraverso i tessuti colorati per bagnare i santuari con arcobaleni di colore. Schermi particolarmente delicati avevano gioielli collocati all'interno delle loro aperture reticolari, e la luce del sole divenne un vettore per la particolare vibrazione di ogni gioiello attraverso il quale passava. Con l'avvento del vetro, le aperture del reticolo iniziarono a essere riempite con piccoli pezzi di vetro traslucido e colorato. Con l'ulteriore innovazione della lastra di vetro, intere finestre di vetro colorato iniziarono ad adornare i luoghi sacri. Troviamo questa tecnica sviluppata in misura sublime nelle cattedrali di pellegrinaggio romaniche e gotiche dell'Europa medievale.

I costruttori di siti sacri hanno a lungo usato i colori dello spettro. Mentre gli usi terapeutici e spirituali dei colori sono quasi sconosciuti nei tempi moderni, varie prime culture avevano una conoscenza raffinata del soggetto. Gli antichi egizi, babilonesi, persiani, greci, cinesi, indiani e maya riconoscevano che i diversi colori erano efficaci nel trattare sia i disturbi fisiologici che quelli psicologici, oltre a contribuire al risveglio dell'intuizione spirituale. Nell'induismo esoterico, ad esempio, i sette centri di energia psico-spirituale del corpo umano, chiamati chakra, sono tutti associati e stimolati da uno dei sette colori dell'arcobaleno.

Questi colori erano ampiamente usati all'interno dei templi, in particolare nell'ornamento delle divinità, secondo precise combinazioni indicate nei testi segreti. Poiché ogni colore aveva una certa vibrazione, il mix di colori produceva una sinfonia visiva di vibrazioni nello stesso modo in cui un'orchestra combina i suoni di molti strumenti. La ricerca indica che i costruttori di piramidi maya e strutture cerimoniali hanno fatto un uso frequente di questa scienza della combinazione di colori. Secoli di tempo e le devastazioni degli elementi possono avere superfici del tempio spogliate ma gli affreschi interni rivelano che molti templi erano dipinti una volta, sia all'interno che all'esterno, in una gamma di splendidi colori.

Galleria di finestre di vetro colorato

Clicca qualsiasi immagine per ingrandirla.

Basilica di Nostra Signora dello Sameiro, Braga

Basilica di Nostra Signora dello Sameiro, Braga

Cattedrale di Canterbury, Canterbury, Inghilterra. Immagine che mostra il martirio di Thomas Becket in 1170.

Cattedrale di Canterbury, Canterbury, Inghilterra. Immagine che mostra il martirio di Thomas Becket in 1170.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Espulsione di Adamo ed Eva dal Giardino dell'Eden.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Espulsione di Adamo ed Eva dal Giardino dell'Eden.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Abramo si prepara a sacrificare suo figlio, Isacco, sul monte Moria, al comando di Dio. Genesis 22.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Abramo si prepara a sacrificare suo figlio, Isacco, sul monte Moria, al comando di Dio. Genesis 22.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Mosè brucia il vitello d'oro. Exodus 32.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Mosè brucia il vitello d'oro. Exodus 32.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. La storia di Mosè e dei dieci comandamenti è ambientata in Exodus 20: 1-17 e Deuteronomy 5: 6-21.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. La storia di Mosè e dei dieci comandamenti è ambientata in Exodus 20: 1-17 e Deuteronomy 5: 6-21.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di David che combatte contro Goliath, 1 Samuel 17

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di David che combatte contro Goliath, 1 Samuel 17

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Giona e della balena dal libro di Giona nella Bibbia ebraica.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Giona e della balena dal libro di Giona nella Bibbia ebraica.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù che espelle i cambiamonete dal Tempio. La narrazione avviene vicino alla fine dei Vangeli sinottici (in Matteo 21: 12-17, Mark 11: 15-19 e Luke 19: 45-48) e nel Vangelo di Giovanni 2: 13-16.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù che espelle i cambiamonete dal Tempio. La narrazione avviene vicino alla fine dei Vangeli sinottici (in Matteo 21: 12-17, Mark 11: 15-19 e Luke 19: 45-48) e nel Vangelo di Giovanni 2: 13-16.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Tre saggi che presentano il piccolo Gesù con doni nella notte della sua nascita. Matthew 2: 1-12.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Tre saggi che presentano il piccolo Gesù con doni nella notte della sua nascita. Matthew 2: 1-12.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù che lava i piedi ai suoi discepoli, Giovanni 13: 1-17.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù che lava i piedi ai suoi discepoli, Giovanni 13: 1-17.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù e la miracolosa presa di pesci riportata nel Vangelo di Giovanni 21: 1-14.

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù e la miracolosa presa di pesci riportata nel Vangelo di Giovanni 21: 1-14.

Basilique Notre-Dame de la Délivrande, Douvres-la-Délivrande

Basilique Notre-Dame de la Délivrande, Douvres-la-Délivrande

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù nell'ultima cena. L'ultimo pasto che Gesù ha condiviso con i suoi discepoli è descritto in tutti e quattro i Vangeli canonici (Mt 26: 17-30, Mk. 14: 12-26, Lk. 22: 7-39 e Jn. 13: 1-17: 26 ).

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres. Immagine di Gesù nell'ultima cena. L'ultimo pasto che Gesù ha condiviso con i suoi discepoli è descritto in tutti e quattro i Vangeli canonici (Mt 26: 17-30, Mk. 14: 12-26, Lk. 22: 7-39 e Jn. 13: 1-17: 26 ).

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint-Aignan, Chartres

Chiesa di Saint Pierre, Chartres

Chiesa di Saint Pierre, Chartres

Basilique Notre-Dame de la Délivrande, Douvres-la-Délivrande

Basilique Notre-Dame de la Délivrande, Douvres-la-Délivrande

Santuário De Nossa Senhora Dos Remédios, Lamego

Santuário De Nossa Senhora Dos Remédios, Lamego

Santuário De Nossa Senhora Dos Remédios, Lamego

Santuário De Nossa Senhora Dos Remédios, Lamego

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Église Saint-Blaise, Le Couvent. Il battesimo di Gesù nel fiume Giordano di San Giovanni Battista. Contrassegna 1: 11.

Église Saint-Blaise, Le Couvent. Il battesimo di Gesù nel fiume Giordano di San Giovanni Battista. Contrassegna 1: 11.

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Église Saint-Blaise, Le Couvent

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Saint Julien, Le Mans

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Cattedrale di Leon, Leon

Basilica di Nostra Signora di Mariapocs, Mariapocs

Basilica di Nostra Signora di Mariapocs, Mariapocs

Maria

Maria

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Basilica della Madonna Nera, Montserrat

Rennes Le Chateau, Francia. Maria Maddalena che unge i piedi di Gesù. Matthew 26, Mark 14 e John 12.

Rennes Le Chateau, Francia. Maria Maddalena che unge i piedi di Gesù. Matthew 26, Mark 14 e John 12.