Siti Sacri dell'Etiopia e l'Arco dell'Alleanza


Guardia armata e obelisco di Axum, in Etiopia

Raramente visitata da turisti stranieri negli ultimi decenni a causa dei suoi continui problemi politici, l'Etiopia è più conosciuta come la possibile culla dell'umanità. I resti fossili (la famosa Lucy) scoperti nell'Etiopia nord-orientale sono stati datati a circa 3.5 milioni di anni, rendendoli il primo esempio conosciuto di un ominide eretto a piedi. Gli strumenti di pietra più antichi conosciuti, risalenti a 2.4 milioni di anni, sono stati trovati anche in questa stessa regione. Ma l'Etiopia ha numerose altre rivendicazioni, tra cui i misteriosi obelischi di granito di Axum, le straordinarie chiese scavate nella roccia di Lalibela e - la più enigmatica di tutte - la chiesa di Santa Maria di Sion, probabile posizione dell'Arco Sacro dell'Alleanza .

La storia antica dell'Etiopia (chiamata anche Abissinia) inizia con il regno glorioso ma poco conosciuto di Axum. Le origini dello stato axumita sono ora datate alla metà del 2 secolo aC. All'apice del suo potere, tra il 4th e il 7th AD, il regno di Axumite controllava la maggior parte dell'Etiopia attuale, compresi i territori nelle parti meridionali della penisola arabica. I governanti axumiti erano in regolare contatto diplomatico e commerciale con imperi egiziani, greci, bizantini e persiani. I risultati di questa grande cultura sono registrati oggi nelle rovine delle sue città, riserve, templi e, soprattutto, i suoi imponenti obelischi di granito nero.



Il campo degli obelischi, Axum, Etiopia

Obelisco di Axumite rovesciato
Guardia armata e il più alto degli obelischi di Axumite, rovesciato da una regina pazza

Questi obelischi, chiamati anche steli, sono noti per essere i più alti pezzi di pietra mai estratti e costruiti nel mondo antico. La loro età e il loro uso sono un mistero completo. Alcuni studiosi, estrapolando dalle monete antiche trovate alla base dei pilastri giganti, suggeriscono che potrebbero essere stati scolpiti ed eretti intorno all'inizio del 4esimo secolo d.C. A causa della loro vicinanza alle tombe vicine, gli obelischi potrebbero essere stati usati come memoriali per re e regine deceduti, ma questa è solo una speculazione. Il più alto dei monoliti, ora caduto e spezzato in sei massicci pezzi, era alto 33.3 e pesava circa cinque tonnellate (il più grande obelisco egizio è quello del Re Tutmosis, alto 32.16 metri e ora in piedi a Roma). L'obelisco più alto ancora in piedi ad Axum oggi è metri 23. Precisi intagli ai lati (e ai lati di molte altre stele vicine) sono quelle che sembrano essere rappresentazioni di più piani con piani tra di loro. Ogni piano presenta diverse sculture simili a finestre e, alla base degli obelischi, quelle che sembrano essere false porte complete di battenti e serrature. Queste sculture sono solo ornamenti artistici o hanno una funzione più profonda?

Un mistero ancora più grande circonda l'antica città di Axum. A poche centinaia di metri dall'ammasso di imponenti obelischi si trova un grande recinto murato che circonda due chiese. Tra queste due chiese, entrambe dedicate a Santa Maria di Sion, sono i resti fondamentali di un'antica chiesa e un "tesoro" dall'aspetto strano, recintato e molto sorvegliato che si dice contenga il vero Arco dell'Alleanza. Le leggende raccontano che molto tempo fa quest'intera area era una palude abitata da spiriti malvagi. Dio aiutò la popolazione locale scendendo nella vicina collina sacra di Makade Egzi e lanciando una polvere miracolosa dal cielo che prosciugò la palude, dissipò gli spiriti maligni e caricò la regione di un potere magico. Su innumerevoli secoli furono costruiti santuari sulla collina e dov'era stata la palude. Intorno a questo luogo sacro crescevano le città dei regni pre-Axumite e Axumite.

In 331 AD, il re axumita Ezana fu convertito al cristianesimo dal monaco siriano Frumenzio. Sulle fondamenta degli antichi templi pagani, una grande chiesa di Santa Maria fu costruita in 372 AD. Questa chiesa, probabilmente la prima chiesa cristiana nell'Africa sub-sahariana, fu visitata nei primi 1520 dall'esploratore portoghese Francisco Alvarez. Scrivendo la chiesa, Alvarez dice:

"È molto grande e ha cinque navate di buona larghezza e di grande lunghezza, con volta a volta sopra, e tutte le volte sono coperte, e il soffitto e i lati sono tutti dipinti; ha anche un coro secondo la nostra moda ... Questa nobile chiesa ha un circuito molto grande, pavimentato con lastre di pietra, come le lapidi, e ha un grande recinto, ed è circondato da un altro grande recinto come il muro di una grande città o città . ”

Quali fattori spiegano la straordinaria grandezza di questa chiesa isolata così profondamente nelle remote montagne del nord dell'Etiopia, così lontana dall'orbita del cristianesimo? Una spiegazione è che un ricco re di un potente impero ha costruito la grande chiesa. Più avvincente è l'idea che sia stata costruita per ospitare la reliquia leggendaria ed enigmatica, l'Arco Santo dell'Alleanza.


Cortile di Santa Maria di Sion, Axum, Etiopia

L'Arco dell'Alleanza e il suo contenuto apparentemente divino sono uno dei grandi misteri dell'antichità. La sua storia inizia con Mosè. Il tradizionale fondatore del giudaismo, Mosè nacque in Egitto, figlio di uno schiavo ebreo. Gli ebrei erano stati in schiavitù in Egitto per quattrocento anni da circa 1650 - 1250 aC. Verso la fine di questo periodo un sacerdote egiziano al servizio del faraone pronunciò una profezia secondo cui sarebbe nato un bambino agli ebrei che un giorno li avrebbe liberati dalla schiavitù. Il faraone, sentendo questa profezia, ordinò che ogni figlio maschio nato agli ebrei venisse ucciso affogando. Nella speranza di impedire la sua morte, i genitori di Mosè lo misero in una piccola cesta, che lasciarono alla deriva sul Nilo. Fu trovato dalla figlia del Faraone e successivamente cresciuto come figlio adottivo della famiglia reale. Durante la sua educazione è stato ampiamente educato nelle tradizioni esoteriche e magiche delle scuole del mistero egiziano. All'età di quaranta anni Mosè scoprì che il suo popolo originario, gli ebrei, era in schiavitù con gli egiziani. Infuriato per questo trattamento crudele, uccise un sorvegliante egiziano e fuggì in esilio nel deserto del Sinai.

Approssimativamente quarant'anni dopo, mentre pascolava le sue greggi sul lato del Monte Horeb, Mosè trovò un cespuglio ardente che era, miracolosamente, privo di consumo dalle sue stesse fiamme. Una voce che parla dal fuoco (Esodo 3: 1-13) lo ha comandato a condurre il suo popolo fuori dalla schiavitù in Egitto e tornare con loro sulla montagna. Al suo ritorno, Mosè salì due volte la montagna per entrare in comunione con dio. Per quanto riguarda la seconda salita, Exodus 24: 16-18 afferma: E la gloria del Signore dimorò sul monte Sinai, e la nuvola lo coprì per sei giorni; e il settimo giorno Dio chiamò Mosè dal mezzo della nuvola. E l'apparizione della gloria del Signore era come il fuoco divorante sulla cima del monte agli occhi dei figli d'Israele. E Mosè entrò in mezzo alla nuvola e salì sul monte; e Mosè fu nel monte quaranta giorni e quaranta notti. Durante questo periodo sul monte Mosè ricevette due tavole su cui Dio inscriveva i Dieci Comandamenti, oltre alle precise dimensioni per l'Arco dell'Alleanza, che conterrebbe le tavole.

Poco dopo, l'Arco, un tempio a forma di scatola portatile, fu costruito e Mosè e il suo popolo partirono dal monte. Sinai. Secondo fonti testuali arcaiche, l'Arco reale era un baule di legno che misurava tre piedi e nove pollici di lunghezza per due piedi e tre pollici di altezza e larghezza. Era rivestito dentro e fuori con oro puro ed era sormontato da due figure alate di cherubini che si fronteggiavano sul pesante coperchio d'oro. Molti studiosi ritengono che possa aver contenuto pezzi di meteoriti o potenti rocce radioattive.

Nei successivi duecentocinquanta anni, tra il tempo in cui fu portato dal Monte.Sinai a quando fu finalmente installato nel primo grande tempio ebraico a Gerusalemme, l'Arco fu tenuto per due secoli a Shiloh, fu catturato dai Filistei per sette mesi, e poi, restituito agli israeliti, fu tenuto nel villaggio di Kiriat-Iearim. Durante tutto questo tempo fu associato a numerosi fenomeni straordinari, molti dei quali coinvolgevano l'uccisione o il consumo di un numero spesso elevato di persone. Bibbie e altre fonti arcaiche parlano dell'Arca ardente di luce e fuoco, che infligge tumori cancerosi e gravi ustioni, livella montagne, ferma fiumi, fa esplodere interi eserciti e getta città devastanti.

I passaggi nell'Antico Testamento danno l'impressione che questi avvenimenti siano azioni divine di Yahweh, il dio degli ebrei. Gli studiosi contemporanei, tuttavia, credono che possa esserci un'altra spiegazione. Scrivendo nel suo libro meticolosamente ricercato, Il segno e il sigillo (riguardo alla sua ricerca per l'Arco perduto dell'Alleanza), Graham Hancock suggerisce che l'Arco, e più precisamente i suoi misteriosi contenuti, possa essere stato un prodotto dell'antica magia, scienza e tecnologia egiziana. Mosè, essendo altamente addestrato dal sacerdozio egiziano, era certamente ben informato in queste materie e quindi i poteri sorprendenti dell'Arco e le sue "Tavole della Legge" possono derivare dalla magia arcaica egiziana piuttosto che dal mitico dio Yahweh.

In qualche data sconosciuta, questo fantastico oggetto svanì dal suo posto nel Sancta Sanctorum nel Tempio ebraico. La data della sua scomparsa e la sua successiva ubicazione ha confuso legioni di studiosi, archeologi e storici biblici. Tra le varie spiegazioni fornite per la sua scomparsa, due sono particolarmente degne di considerazione.

Le leggende etiopi dicono che quando la regina di Saba fece il suo famoso viaggio a Gerusalemme fu impregnata dal re Salomone e gli diede un figlio - un principe reale - che negli anni successivi rubò l'Arca. Il nome del principe era Menelik, che significa " il figlio dell'uomo saggio ". Sebbene fosse stato concepito a Gerusalemme, era nato in Etiopia, dove la regina di Saba era tornata dopo aver scoperto che stava trasportando il figlio di Salomone. Quando raggiunse l'età di vent'anni, Menelik si recò dall'Etiopia in Israele e arrivò alla corte di suo padre. Lì fu immediatamente riconosciuto e accordato un grande onore. Dopo che un anno era passato, tuttavia, gli anziani della terra diventarono gelosi di lui. Si sono lamentati del fatto che Salomone gli avesse mostrato troppa simpatia e hanno insistito affinché tornasse in Etiopia. Questo il re accettò a condizione che anche i figli primogeniti di tutti gli anziani fossero inviati per accompagnarlo. Tra questi ultimi c'era Azario, figlio di Zadok, il sommo sacerdote di Israele, ed era Azario, non Menelik, che rubò l'Arca dell'Alleanza dal suo posto nel Luogo Santissimo nel Tempio. Il gruppo di giovani non rivelò il furto al principe Menelik finché non furono lontani da Gerusalemme. Quando infine gli dissero cosa avevano fatto, affermò che non avrebbero potuto riuscire in un'impresa così audace a meno che Dio non avesse voluto il suo risultato. Pertanto ha accettato che l'Arca dovrebbe rimanere con loro. Così Menelik portò l'Arco in Etiopia, nella sacra città di Axum, dove è rimasto da allora.

Chiesa di Santa Maria di Sion con il Tesoro dell'Arco dell'Alleanza
Chiesa di Santa Maria di Sion con il tesoro dell'Arco dell'Alleanza in sottofondo

In Il segno e il sigillo, Graham Hancock presenta una spiegazione radicalmente diversa per la scomparsa dell'Arc. Basandosi su prove convincenti raccolte da anni di ricerche, suggerisce che i sacerdoti ebrei del tempio di Salomone hanno rimosso l'Arco durante il regno dell'apostolato Re Manasse (687 - 642 aC). L'Arco fu poi nascosto per duecento anni in un tempio ebraico sull'isola sacra egiziana di Elefantina nel Nilo. Successivamente è stato portato in Etiopia, sull'isola di Tana Kirkos nel Lago Tana, dove è rimasto per oltre 800 anni. Quando il regno axumita si convertì al cristianesimo dopo 331 AD, l'Arca dell'Alleanza fu cooptata dalla gerarchia cristiana e portata da Tana Kirkos alla nuova chiesa di Santa Maria di Sion ad Axum.

L'Arco rimase ad Axum fino ai primi 1530 quando fu rimosso in un nascondiglio segreto per proteggerlo dall'avvicinarsi agli eserciti musulmani. In 1535, il fanatico invasore musulmano, Ahmed Gragn, travolse il Corno d'Africa dalla città santa islamica di Harar (nel sud dell'Etiopia) e distrusse la Chiesa di Santa Maria di Sion. Cento anni dopo, con la pace restaurata in tutto l'impero, l'Arca fu riportata ad Axum. Fu installato in una nuova chiesa di Santa Maria costruita dal re Fasilida (con assistenza portoghese), immediatamente adiacente alle rovine della chiesa precedente. L'Arco rimase in questa chiesa, chiamata Maryam Tsion Cathedral, fino a 1965 quando Haile Selassie (che si dice fosse il duecentoventinovesimo discendente diretto di Menelik, figlio della regina di Saba e del re Salomone) lo trasferì in un cappella più sicura, il cosiddetto tesoro, a dieci metri dall'angolo nord-est della vecchia chiesa.


Il Tesoro dell'Arco dell'Alleanza di Axum, in Etiopia

Nei secoli scorsi, l'Arco dell'Alleanza fu portato fuori durante importanti festività della chiesa, per essere portato in processione intorno alla città di Axum. Più recentemente il suo uso in tali processioni era limitato al festival di Timkat, la principale celebrazione ortodossa etiopica che si tiene ogni anno a gennaio. Dall'inizio dei conflitti militari tra l'Etiopia e il suo vicino settentrionale, l'Eritrea, l'Arco è rimasto saldamente bloccato all'interno del tesoro. Nessuno tranne il capo sacerdote della chiesa, nemmeno il presidente dell'Etiopia, è autorizzato a vedere l'Arco. (Ma i fortunati pellegrini, come questo autore, a volte riceveranno dell'acqua da bere che scorre sull'arco sacro).

Scrivere nel suo libro I segreti perduti della sacra ArcaL'autrice Laurence Gardner non è d'accordo con le affermazioni di Hancock e afferma che l'Arca di Axumite "Chiamato un tabù di manabara, è in realtà una bara che contiene una lastra d'altare venerata nota come tabot. La realtà è che, sebbene il petto di Axum possa avere un particolare significato culturale nella regione, ci sono manabara tabotat (plurale di tabot) in chiese di tutta l'Etiopia. Il tabotat che contengono sono lastre di altare rettangolari, in legno o pietra. Chiaramente, il prezioso tabot manbaiano di Axum è di considerevole interesse sacro e, per definizione linguistica, è davvero un'arca - ma non è l'Arca biblica dell'Alleanza, né qualcosa di lontanamente simile ".

Altre fonti ricercate da Laurence Gardner indicano che l'Arco dell'Alleanza era stato nascosto sotto il Tempio di Salomone al tempo del re Giosia (597 aC) per non essere catturato da Nabucodonosor e dai Babilonesi. Nella sua Mishneh Torah di 1180, il filosofo spagnolo Moses Maimondes ha detto che Solomon aveva costruito uno speciale nascondiglio per l'Arco in gallerie profonde sotto il tempio. Il profeta Geremia, figlio di Hilkiah che divenne Sommo Sacerdote di Gerusalemme, era il capitano della Guardia del Tempio di Hilkia. Prima dell'invasione di Nebuchadnezzar, Hilkiah istruì Geremia affinché i suoi uomini secernessero l'Arco dell'Alleanza, insieme ad altri tesori sacri, nei sotterranei sotto il Tempio. Più di 1700 anni dopo un gruppo di nove francesi conosciuti come i Cavalieri Templari originali passarono gli anni da 1118 a 1127 scavando sotto la moschea El-Aqsa sul sito del vecchio Tempio di Gerusalemme. Hanno recuperato, oltre a una vasta ricchezza di lingotti d'oro e tesori nascosti, il vero Arco dell'Alleanza. Mentre l'esistenza e la posizione esatta di questo arco non sono attualmente noti, i Templari divennero presto una delle più potenti istituzioni religiose e politiche dell'Europa medievale.

Scrivendo nel suo libro, The Head of God: The Lost Treasure of the Templars, Keith Laidler dice:
"Si può anche dimostrare che l'Arca dell'Alleanza è di derivazione egiziana. Molti dei (incluso il dio dello stato Amun-Ra) furono portati in processione in barche stilizzate, o archi. Erano, per così dire, case mobili per gli dei. Questa era una tradizione molto antica. Quando Tutmoses III, il grande costruttore dell'impero della diciottesima dinastia, uscì per combattere, il suo dio andò con lui. "Procedendo verso nord da mia maestà, portando mio padre Amun-Ra, Signore dei Troni delle Due Terre prima di me." Mentre respingeva molti dei vecchi metodi, Akhenaten conservava l'arca come una "casa" per il suo dio. Che Mosè abbia introdotto un concetto identico agli israeliti (che era solito portare l'arca del loro dio Adon (Aten) dinanzi a loro quando erano impegnati in combattimento) è una prova abbastanza convincente dell'identità ".

La città di Axum occupa anche un posto centrale nelle tradizioni dei musulmani. La remota città di Axum fu il primo centro storico in cui i seguaci di Maometto esercitarono liberamente la loro religione in un'atmosfera di pace senza il timore di persecuzioni. Nel quinto anno della missione di Maometto (corrispondente all'anno 615 nell'era cristiana), il re axumita, Ella Saham, offrì asilo a un piccolo gruppo di seguaci di Muhammad (uomini 11 e donne 4, incluso Uthman ibn Affan, che doveva diventare il terzo califfo). Qualche anno dopo, quasi 100 più musulmani venne a far parte di questo primo gruppo e insieme rimasero ad Axum per tredici anni. Gli studiosi ritengono che Axum sia stato scelto come luogo di asilo perché esisteva uno stretto legame commerciale tra il regno di Axum e la città-stato della Mecca molto prima della nascita dell'Islam.

Le chiese rupestri di Lalibela

Axum iniziò a declinare nei primi decenni dell'7esimo secolo in seguito all'aumento e alla rapida espansione degli arabi musulmani in tutto il Medio Oriente. Sia Bisanzio che l'impero persiano caddero agli arabi e questo infliggeva un colpo mortale agli sforzi commerciali dei re axumiti. Poco si sa di cosa sia diventato il regno di Axumite tra i secoli 8th e 11th. Intorno alla metà del 11esimo secolo lo stato etiopico riapparve come la dinastia cristiana Zagwe con il suo centro nella città di Roha nella regione Amhara degli altipiani etiopici. La dinastia Zagwe, dominata da undici re, durò fino all'13esimo secolo, quando il suo ultimo re abdicò in favore di un discendente della vecchia dinastia degli Axumiti.

Il più notevole dei sovrani della dinastia Zagwe fu il re Lalibela che regnò da 1167 a 1207. Un brillante risultato del suo regno fu la costruzione di una dozzina di bellissime chiese scavate nella roccia. Secondo la leggenda, una densa nube di api circondava il principe Lalibela al momento della sua nascita. Sua madre, sostenendo che le api rappresentavano i soldati che un giorno avrebbero servito suo figlio, scelse per lui il nome Lalibela, che significava "le api riconoscono la sua sovranità". Il fratello maggiore di Lalibela, il re Harbay, fu reso geloso da queste profezie su suo fratello e cercò di avvelenarlo. Mentre Lalibela era drogata, gli angeli lo trasportavano in vari regni del paradiso, dove Dio gli diede le indicazioni per costruire una Nuova Gerusalemme con chiese in uno stile unico. Lalibela ha anche imparato che non ha bisogno di temere per la sua vita o la sua sovranità, perché Dio l'ha unto per poter costruire le chiese. Dopo tre giorni di comunicazione divina, Lalibela tornò all'esistenza mortale e accettò il trono da suo fratello, che era stato visitato da Dio (e disse di abdicare a Lalibela). Entrambi i fratelli si recarono nella città di Roha e iniziarono la costruzione delle chiese. Assistiti dagli angeli e da San Gabriele, costruirono dodici chiese straordinarie per un periodo di venticinque anni. La chiesa ortodossa etiopica successivamente canonizzò il re e cambiò il nome della città di Roha in Lalibela.

Le chiese di Lalibela sono tra le più straordinarie creazioni architettoniche della civiltà umana. Ogni chiesa è scolpita, sia dentro che fuori, direttamente dalla roccia viva della terra (questo tipo di architettura non era nuovo per l'area perché ci sono numerosi altri esempi intorno all'Etiopia risalenti a periodi precedenti, le costruzioni di Zagwe, tuttavia, hanno preso il forma d'arte ad un nuovo livello). Ci sono due tipi di base a Lalibela: chiese rupestri scavate nella roccia che sono tagliate verso l'interno da più o meno pareti verticali e chiese monolitiche scavate nella roccia che imitano una struttura costruita ma sono in realtà tagliate in un unico pezzo dalla roccia circostante e separate da esso da una trincea avvolgente. Il probabile metodo di costruzione era che gli artigiani affondassero prima le trincee direttamente nella pietra, poi lentamente scalpellavano la pietra in eccesso per rivelare gli spazi esterni ed interni. Strette gallerie labirintiche collegano molte delle chiese e le pareti delle trincee e dei cortili contengono cavità e stanze piene di mummie di monaci e pellegrini devoti. Le chiese sono ancora oggi utilizzate per il culto e molte sono piene di murales biblici riccamente dipinti.


La collina che contiene la chiesa scavata nella roccia di Bet Giorgi, Lalibela, Etiopia


Guardando in basso sulla chiesa di Bet Giorgis, Lalibela

La più notevole delle chiese di Lalibela, chiamata Bet Giorgis, è dedicata a San Giorgio, il santo patrono dell'Etiopia. Secondo la leggenda, quando il re Lalibela aveva quasi completato il gruppo di chiese che Dio gli aveva insegnato a costruire, San Giorgio apparve (in armatura completa e cavalcava il suo cavallo bianco) e rimproverò aspramente il re per non aver costruito una casa per lui. Lalibela promise di costruire una chiesa più bella di tutte le altre per il santo. La chiesa di Bet Giorgis è un cubo quasi perfetto, scolpito a forma di croce, ed è orientato in modo che l'ingresso principale sia a ovest e il santuario a est. Le nove finestre della fila inferiore sono cieche; le dodici finestre sopra sono funzionali. Uno dei dettagli più sofisticati di Bet Giorgis è che lo spessore delle pareti aumenta passo dopo passo verso il basso ma che le bande orizzontali di modanatura sulle pareti esterne nascondono intelligentemente l'aumento. La decorazione del tetto, usata spesso oggi come simbolo dei monumenti di Lalibela, è un rilievo di tre croci greche equilatermiche l'una dentro l'altra. La chiesa è situata in una fossa profonda con pareti perpendicolari e può essere inserita solo attraverso un tunnel nascosto scavato nella pietra.

Lalibela era il rifugio di una delle eresie più interessanti del cristianesimo, nota come monofisismo. Questa credenza afferma che Cristo era al tempo stesso divino e umano prima della sua incarnazione, ma che la sua natura divina lasciò il suo corpo e la raggiunse solo dopo la risurrezione. Prima professo al 2nd Council of Ephesus in 449 AD e subito dopo condannato come eresia al Concilio di Chalcedon in 451, il Monofisismo si diffuse attraverso l'Asia Minore in Africa ed Etiopia. In forme diverse sopravvive oggi nella chiesa ortodossa siriana, nella chiesa armena, nella chiesa copta dell'Egitto e nell'ortodossia etiopica.


Sacerdote ortodosso etiope con antica Bibbia e corone di re etiopi, Santa Maria di Sion, Axum

Altri siti sacri, luoghi di potere e santuari di pellegrinaggio in Etiopia:

  • Santuario di Abreha Atsbeha vicino a Wukro
  • Antico tempio di Yeha, 25 chilometri ad est di Axum
  • Chiese rupestri della regione di Gheralta, vicino a Hawzen
  • Chiesa di pellegrinaggio di San Gabriele, vicino alla città di Kulubi
  • Monastero di Debre Libanos
  • Monastero di Debre Damo
  • Monastero di Gishen Maryam
  • Sito archeologico di Tiya
  • Sito di pellegrinaggio musulmano a Shek Husen
  • Chiesa sull'isola di Tana Kirkos, Lago Tana

Cortometraggio del festival di Lalibela di Karoki Lewis.









Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.