Siti sacri del Marocco

Minareto della Moschea Koutoubia, Marrakesh, Marocco
Minareto della moschea Koutoubia, Marrakech, Marocco (Ingrandire)

Siti sacri del Marocco e pellegrinaggio islamico dall'Africa nordoccidentale

L'Islam è stato portato in Nord Africa dai primi guerriglieri arabi conquistando territori (Oqba Ben Nafi in 680 e Moussa Ben Nosair in 703 - 711) e dai commercianti che viaggiavano avanti e indietro lungo le antiche rotte della carovana transahariana. I primi pellegrinaggi africani alla Mecca furono dal Cairo durante l'era delle dinastie Fatamid (909 - 1171). Questi primi musulmani, viaggiando in carovane di cammelli attraverso la penisola del Sinai fino alla regione Hijaz dell'Arabia (dove si trova la Mecca), stabilirono un percorso che fu usato continuamente fino al 20esimo secolo. Entro il 13esimo secolo, le rotte dei pellegrini in tutto il Nord Africa dall'estremo ovest del Marocco sono collegate con la carovana del Cairo alla Mecca. Tre carovane sono state regolarmente avviate dalle città marocchine di Fez, Marrakech e Sijilmasa. Spesso si univano sulla rotta e procedevano sotto una leadership unita verso est attraverso i deserti del Nord Africa. Composto da pellegrini, mercanti e guardie, le grandi carovane spesso avevano mille o più cammelli. Coprendo forse venti miglia al giorno e visitando le famose moschee islamiche di Tlemcen (Algeria) e Kairouan (Tunisia), hanno impiegato molti mesi per raggiungere l'Egitto. A partire dal 19esimo secolo, una rotta marittima attraverso il Mediterraneo meridionale fino ad Alessandria divenne la rotta preferita per i pellegrini marocchini in viaggio verso la Mecca.

I primi documenti mostrano che la tradizione del pellegrinaggio islamico in Africa occidentale risale al 14esimo secolo, quando alcuni sovrani della regione, i recenti convertiti all'Islam, iniziarono a mettere in pratica gli insegnamenti dell'Islam. Questi pellegrini reali viaggiarono in stile opulento con centinaia di schiavi e guerrieri, portarono doni per i sovrani attraverso i cui territori passarono, e per la sicurezza si unirono spesso alle carovane transahariane che viaggiavano dal Marocco all'Egitto. Con la crescente islamizzazione dei territori dell'Africa occidentale durante i secoli 15th e 16th, la pratica dei pellegrinaggi reali è stata sostituita da un gran numero di pellegrini contadini. Diverse rotte di pellegrinaggio attraverso le savane subsahariane si sono gradualmente sviluppate tra 1600 e 1800 quando l'Islam è stato introdotto in queste regioni. I pericoli e le difficoltà legate all'utilizzo di entrambe le rotte di pellegrinaggio transahariana e savana erano estremi. Il rischio di morte lungo il percorso di pellegrinaggio dalle malattie, dalla sete e dalla violenza era considerevole, così come la possibilità di asservimento. In certi periodi le condizioni erano considerate così gravi che i pellegrini in partenza per la Mecca non dovevano tornare a casa. Alla partenza furono obbligati a vendere la loro proprietà ea dare alle loro mogli la scelta del divorzio se non le accompagnavano.

L'occupazione europea del 20esimo secolo delle terre del Sahara e della savana portò a miglioramenti della sicurezza e dei trasporti che avrebbero rivoluzionato il pellegrinaggio della Mecca e ampliato notevolmente il numero di pellegrini provenienti dall'Africa occidentale. All'inizio le ferrovie 1900 trasportavano migliaia di ricchi pellegrini, mentre i meno abbienti camminavano semplicemente lungo i binari. Il trasporto di automobili e autobus ha ulteriormente contribuito alla crescita del numero di pellegrini. Verso la metà del 20 secolo, la rotta della savana, a causa del suo terreno meno accidentato, aveva in gran parte sostituito la più antica rotta sahariana.

Negli 1950 la possibilità di viaggiare in aereo aumentava ulteriormente il numero di pellegrini che compivano il viaggio verso la Mecca, ma non a scapito delle rotte terrestri. Le vie di pellegrinaggio di terra hanno continuato ad essere popolari. I fattori che spiegano questo continuo pellegrinaggio via terra includono la povertà (la tariffa aerea è troppo costosa per la maggior parte degli africani), il desiderio dei pellegrini di visitare luoghi famosi dell'Islam in Nord Africa e, soprattutto, la convinzione che le difficoltà incontrate sulle rotte terrestri ( in contrasto con le rotte aeree rapide e facili) in realtà aumentano il beneficio spirituale del pellegrinaggio. Tuttavia, un fattore post-coloniale che inibisce la libera circolazione dei pellegrini in tutto il Nord Africa è stato l'aumento del nazionalismo e la chiusura dei confini verso i viaggiatori di terra. I paesi di origine non desiderano perdere la loro popolazione, e quei paesi lungo le rotte terrestri temono lo sviluppo di gruppi di minoranza sostanziali.

Siti sacri in Marocco

Sparsi per i deserti, le coste e le montagne del Marocco sono luoghi sacri e luoghi di pellegrinaggio specifici per la cultura berbera indigena e per il popolo romano, ebreo e islamico che si stabilì nel nord-ovest del continente africano. I primi abitanti di questa regione, chiamato il Maghreberano i berberi (la parola berbero deriva dalla parola greca Barbaros e gli antropologi ritengono che i berberi possano avere una remota origine europeo-asiatica). Una presenza commerciale cartaginese era ben stabilita lungo la costa mediterranea dal 3rd secolo aC. I Romani, che costruirono la loro grande città di Volubilis nell'interno, seguirono questo nel 1st secolo d.C. Gli immigranti più importanti e durevoli, tuttavia, furono gli arabi islamici che iniziarono ad entrare nel Maghreb tra 703 e 711.

In 788 (o 787) AD, si è verificato un evento che avrebbe cambiato per sempre la traiettoria della cultura marocchina. Idris ibn Abdallah (o Moulay Idris I come viene chiamato in Marocco), il pronipote del profeta Maometto fuggì a ovest di Baghdad e si stabilì in Marocco. Erede del califfato omayyade di Damasco, Moulay aveva partecipato a una rivolta contro la dinastia degli Abbasidi (che aveva usurpato la leadership della dinastia degli Omayyadi e accelerato la divisione tra le sette sciita e sunnita). Costretto a fuggire dagli assassini abbasidi, Moulay inizialmente trovò asilo a Tangeri, ma poco dopo cercò di stabilirsi tra i resti dell'antica città romana di Volubilis. In poco tempo si trasferì nella vicina regione di Zerhoun, dove fondò la città che ora è chiamata Moulay Idris o Zerhoun (e che è il luogo di pellegrinaggio più venerato di tutto il Marocco). Le tribù locali dei berberi, neofiti appassionati dell'Islam, erano convinti del potere di Moulay di guidare sia come re sia come iman (guida spirituale) e la sua condotta esemplare ben presto assicurarono la sua signoria a molte delle tribù berbere.

La città santa di Zerhoun, in Marocco
La città santa di Zerhoun, in Marocco (Ingrandire)

Cortile della Zawiya di Moulay Idris I, Zerhoun, Marocco
Cortile della Zawiya di Moulay Idris I, Zerhoun, Marocco (Ingrandire)

Il potere crescente di Moulay Idris I tormentò il califfo abbaside, che inviò un assassino per avvelenarlo in 791. La morte di Idris e la conseguente destabilizzazione del giovane stato marocchino degli Omayyadi hanno deliziato il califfo di Baghdad. In poco tempo, tuttavia, l'immagine è cambiata. Una delle concubine di Idris I diede alla luce un figlio due mesi dopo la morte del padre. Questo bambino è diventato un essere straordinario. La scrittura di Idris II, lo storico Rom Landau, dice: "Nella tradizione dei marocchini, Idris II era un essere di attributi quasi magici, un giovane eccezionale che certamente doveva essere, in molti punti ci viene in mente uno dei i più grandi saggi dell'Islam, Ibn Sina o Avicenna: all'età di quattro anni, il piccolo Idris apparentemente poteva leggere, alle cinque scriveva, alle otto conosceva il Corano a memoria, e ormai si dice che avesse padroneggiato la saggezza di tutti i migliori savants. Aveva anche una vera forza fisica, e quando divenne ufficialmente sovrana in 805 all'età di tredici anni, aveva già compiuto prodezze di resistenza che gli uomini il doppio di lui non potevano emulare.La sua profonda fede islamica migliorò tutti questi vantaggi e aumentò il la venerazione lo ha accordato ".

Nell'anno 809, Idris II rifondò la città di Fez sulla riva sinistra del fiume Fez (vent'anni prima suo padre aveva fondato una città sulla riva destra). Durante i successivi diciannove anni, fino alla sua morte in 828 all'età di 35, Idris II iniziò a unificare il Marocco, a stabilire la sua ferma fedeltà all'Islam ea preparare la strada per l'arabizzazione di una società amorfa e principalmente tribale. Così facendo, ha riunito in un'unica fede e sotto una bandiera il nucleo di uno stato futuro. Per i successivi dodici secoli la tradizione monarchica stabilita da Idris I e II mantenne la sua presa sul Marocco, e il progresso culturale del paese divenne intimamente legato a ciascuna dinastia in successione. La nobile bellezza delle sue grandi moschee - tra i migliori esempi di architettura islamica - è dovuta al patronato dei sultani delle dinastie almohade, marinidi e sa'dian.

Nel corso dei secoli i mausolei (luoghi di sepoltura) di Moulay Idris I a Zerhoun e Moulay Idris II a Fez sono diventati i principali luoghi di pellegrinaggio in Marocco. (Originariamente si pensava che Idris II fosse stato sepolto, come suo padre, a Zerhoun, ma la scoperta in 1308 di un corpo incorrotto a Fez, diede impulso all'istituzione di un culto di Moulay Idris II. Donne locali che vengono a accendere candele e incenso, e prega per facilità nel parto venerare il santuario del culto.Il Sultano Moulay Ismail ricostruì il santuario stesso nel 17esimo secolo).

L'esistenza di luoghi di pellegrinaggio, diversi dal santuario sacro della Ka'ba alla Mecca, è un argomento controverso nell'Islam. I musulmani ortodossi, seguendo i dettami delle rivelazioni di Maometto nel Corano, affermano che non ci può essere nessun altro luogo di pellegrinaggio della Mecca. Allo stesso modo, l'Ortodossia sostiene che la credenza nei santi non è coranica. La realtà, tuttavia, è che i luoghi di santi e pellegrinaggi sono estremamente popolari in tutto il mondo islamico, in particolare in Marocco, Tunisia, Iraq e Iran sciita. Edward Westermarck, noto studioso della cultura marocchina (Rituale e credo in Marocco) scrive che,

"Il culto dei santi crebbe sul terreno del precedente paganesimo, e la sua crescita fu in realtà favorita dal severo monoteismo dell'Islam, che rese gli intercessori necessari per colmare il divario che separava gli uomini dal loro dio. Quando si diffuse in Africa trovò un nuovo sostegno nelle idee native dei berberi e la loro fede nelle donne indolenti o sante ha certamente avuto qualcosa a che fare con il grande numero di sante tra i loro discendenti islamizzati ... Un luogo che è in qualche modo connesso con un santo partecipa al suo baraka e sono contrassegnati in modi diversi e con nomi diversi. Un santo noto spesso ha un qo'bba or qu'bba eretto sulla sua tomba. Questo è di solito un edificio quadrato, imbiancato con una porta a ferro di cavallo e una cupola ottagonale. Il qo'bba sviluppato fuori dalla tenda che gli arabi di un tempo usavano per porgere sul corpo di una persona defunta di importanza. La parte più sacra di un santuario in cui è sepolto un santo è la tomba stessa. La tomba di un santo importante è spesso contrassegnata da un cenotafio, chiamato darbuz, questo è un grande petto coperto con un panno colorato su cui sono ricamati i passaggi del Corano. La santità di un santo viene comunicata non solo all'edificio in cui è sepolto e agli oggetti in esso contenuti, ma a tutto ciò che è dentro di lui Horm or nuocerecioè il sacro dominio del santo. Il Horm può essere limitato all'edificio sopra la sua tomba, ma può anche estendersi ben oltre. I limiti di un ormone santo sono spesso indicati da ometti di pietra fuori dal santuario. Molto spesso un tumulo di pietre fatto in un luogo dove una persona santa si è riposato o accampato è imbiancato e ha un bastone con una bandiera bianca infilata in esso, e lo stesso è il caso di molti recinti murati e anelli di pietre. Il bianco è un colore pulito e di buon auspicio, che tiene lontane le contaminazioni e le influenze del male. La città o il villaggio attorno al santuario di un grande santo si chiama suo za'wia. Fez è il za'wia di Mulay Idris il più giovane, Zerhoun è il za'wia di Mulay Idris il vecchio. "

Zawiya di Sidi Ali Bousseerrghine, Sefrou
Zawiya di Sidi Ali Bousseerrghine, Sefrou (Ingrandire)

Un fenomeno tipicamente marocchino è maraboutism. Un marabout è o un santo o la sua tomba. Il santo può essere una figura di importanza storica nella cultura marocchina (come Moulay Idris I) o un mistico sufi di sufficiente pietà o presenza per attirare un seguito. Nel caso di un santo sufi, i suoi seguaci spesso si limitano all'enclave monastica e si ritirano (za'wia) in cui la dimora del santo era stata trasformata, dedicandosi alle preghiere e alle opere caritative. Dopo la morte del santo, la sua tomba continuò ad essere visitata da seguaci che si sviluppavano così in un luogo di pellegrinaggio. Decine di santi di epoche passate sono ancora venerate dai marocchini e dai loro musimso i giorni di festa sono l 'occasione per il raduno di grandi folle al za'wiya del santo. Oltre alle loro funzioni religiose, Musims caratteristiche corse di cavalli, danze popolari, recital di canzoni e mercati colorati pieni di artigianato nativo. I due più importanti musims sono quelli di Moulay Idris il maggiore di Zerhoun in agosto 17 e Moulay Idris il più giovane a Fez a metà settembre.

Oltre ai mausolei dei santi marocchini, alcune moschee attirano anche un gran numero di pellegrini. Tra queste primeggiano la moschea Kairouine di Fez e la moschea Kutubiya (Koutoubia) di Marrakech.

Moschea Kairouine (in primo piano) e Zawiya di Moulay Idris II (sfondo), Fez, Marocco
Moschea Kairouine (in primo piano) e Zawiya di
Moulay Idris II (sfondo), Fez, Marocco (Ingrandire)

Nel cuore della parte più antica di Fez, la grande moschea di Kairouine (Qarawiyin) è interamente circondata da stretti vicoli, gruppi di mercati e case simili a caserme. Fondata in 859 da Fatima, una ricca donna rifugiata dalla città di Kairouan in Tunisia, la moschea ha subito diversi lavori di ristrutturazione e aggiunte, in particolare quelle di 956 (quando fu eretto l'attuale minareto), 1135 e 1289. L'interno della moschea è semplice e austero, composto da sedici navate dipinte di bianco separate l'una dall'altra da file di archi a ferro di cavallo nati su semplici colonne; ospita i fedeli di 22,700 che possono entrare attraverso diciassette porte separate. Adiacente alla moschea c'è un ampio cortile il cui pavimento è fittamente piastrellato con centinaia di migliaia di pietre bianche e nere tagliate con precisione. Nel centro del cortile si trova una fontana gorgogliante e ad ogni estremità si trova un padiglione a cielo aperto sostenuto da sottili colonne di marmo. Lo storico Rom Landau scrive che "queste colonne sono ricoperte da intricati intagli e sostengono archi le cui superfici scolpite similmente suggeriscono le incisioni di un argentiere piuttosto che il lavoro di un intagliatore di pietre: infatti questi archi potrebbero benissimo essere descritti come pezzi di gioielli piuttosto che di architettura: con il suo muro di fondo traforato da porte ad arco aperto, le piastrelle verdi sul tetto e la sua profusione di piastrelle colorate, l'intero cortile ha una spensieratezza quasi operistica. " Oltre alla sua architettura unica, la moschea Kairouine ha l'onore di essere una delle più antiche università del mondo. Tra i suoi studenti c'erano il grande filosofo ebreo Maimonide, il brillante Ibn al-Arabi, e il papa cristiano 10th secolo, Silvestro II, che ha incontrato i numeri arabi e il sistema decimale che ha poi introdotto in Europa.

Cortile e minareto di Zawiya di Moulay Idriss II, Fez, Marocco
Cortile e minareto di Zawiya di Moulay Idriss II, Fez, Marocco (Ingrandire)

Con la caduta della dinastia Idriside e l'ascesa degli Almoravidi (1068 - 1145 AD), la sede del governo marocchino si spostò dalla città di Fez a sud fino a Marrakesh. La grande moschea di Marrakech è chiamata Kutubiya e deriva il suo nome dal kutubiyin, o librai, che originariamente si raggruppavano attorno alla base della moschea. Iniziata attorno a 1150, poco dopo la conquista della città da parte della dinastia almohade (1145 - 1250 AD), fu completata da Sultan Yacoub Mansour in 1199. L'orgoglio del Kutubiya è il suo minareto; salendo a un'altezza di metri 77, è uno dei più impressionanti dell'intero mondo islamico. I minareti persiani, turchi ed egiziani sono di solito cilindrici o ottagonali; quella del Kutubiya è quadrata, probabilmente ispirata al minareto degli Omayyadi a Kairouan, in Tunisia. Mentre i minareti delle regioni orientali dell'Islam sono per lo più bianchi, costruiti in mattoni o ricoperti di tegole, il minareto Kutubiya è costituito da enormi blocchi di pietra locale color ocra che cambiano sottilmente la loro tonalità con l'angolo mutevole dei raggi del sole. La grande moschea, una delle più grandi di tutta l'Africa, ospita comodamente più di adoratori 25,000.

Marrakech è anche famosa da tempo per i numerosi santi sepolti nei suoi cimiteri e ai quali gli abitanti della città e quelli della campagna circostante hanno sempre mostrato grande devozione. Nel 17esimo secolo, il sultano Moulay Ismail, nel tentativo di compensare l'influenza del pellegrinaggio noto come "I Sette Santi della Regraga" (intrapreso ogni anno dalle tribù nel territorio di Chiadma), decise che Marrakech avrebbe dovuto avere il suo importante pellegrinaggio. L'uomo che ha incaricato di questo progetto è stato Sheikh el Hassan el Youssi il cui compito era di scegliere tra i molti santi popolari di Marrakech che avevano vissuto tra i secoli 12th e 16th. Basando la sua selezione sulla fama di alcuni santi, e memore dell'importanza mistica del numero sette, organizzò la prima "Ziara des Sebatou Rijal", il Pellegrinaggio dei Sette Santi di Marrakech. Questi sette santuari continuano ad essere visitati oggi.

Altri siti sacri, luoghi di potere e santuari di pellegrinaggio in Marocco

  • Zawia (scritto anche Zaouia) di Sidi Rahhal, a est di Marrakech
  • Zawia di Mulay Bus'aib, Azemmur
  • Zawia of the Wazaan Shereefs, Wazaan
  • Zawia di Mulay Buselham, sulla costa, a sud di Laraiche
  • Grotta di Kaf l-ihudi sul monte. Jbel Binna, vicino a Sefrou
  • Jbel l-Hdar montagna sacra
  • Collina sacra fuori città di Demnat
  • Santuario di collina di Lalla Tamjlujt, montagne dell'Atlante, sacro alla tribù di Unzutt
  • Holy hill sopra il villaggio di Z-Zemmij, Andjra
  • Santuario di Boujad
  • Zawia di Mulay Abd as-Salim ibn Mashish, Mt. Al-Alam, montagne del Rif, vicino a Chefchaouen
  • Zawia di Sidi Harazin, vicino a Fes
  • Zawia di Sidi Kacen, vicino a Tanjier
  • Zawia di Sidi Ahhmed Tijane, Fez
  • Zawia di Sidi Ali Bousserghine, Sefrou
  • Shines of Seven saints of Marrakesh (Sidi Bel Abbes, Sidi Mohammed ben Slimane, ecc.)

I lettori interessati ad esplorare i luoghi santi berberi e islamici dovrebbero consultare maggiori dettagli Rituale e credo in Marocco (volume 1) di Edward Westermarck.

Consulta anche:

Pellegrinaggio non-Hajj nell'Islam: una dimensione trascurata della Circulatio Religiosan; Bhardwaj, Surinder M .; Journal of Cultural Geography, vol. 17: 2, 1998 primavera / estate

Sufismo: i suoi santi e santuari: un'introduzione allo studio del sufismo con speciale riferimento all'India; Subhan, John A .; Samuel Weiser editore; New York; 1970

Minareto della Moschea Koutoubia, Marrakesh
Minareto della Moschea Koutoubia, Marrakech (Ingrandire)

Moschea Koutoubia, Marrakech
Moschea Koutoubia, Marrakech (Ingrandire)
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide turistiche del Marocco

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Siti sacri del Marocco