Grandi rovine dello Zimbabwe

Grandi rovine dello Zimbabwe, mura esterne
Grandi rovine dello Zimbabwe, mura esterne (Ingrandire)

Il grande Zimbabwe è una città in rovina tra le colline sudorientali dello Zimbabwe, vicino al Lago Mutirikwe e alla città di Masvingo. Era la capitale del Regno dello Zimbabwe durante la tarda età del ferro del paese. La costruzione del monumento iniziò nel 11esimo secolo e continuò fino al 15esimo secolo. L'esatta identità dei costruttori del Grande Zimbabwe è attualmente sconosciuta, e varie ipotesi sono state proposte su chi fossero questi muratori. Le tradizioni locali registrate nei secoli 18th e 19th affermano che i fuochi d'artificio furono costruiti dai primi Lemba. Tuttavia, la teoria archeologica moderna più popolare è che gli edifici siano stati eretti dagli ancestrali Shona. La città di pietra si estende su un'area di ettari 722 (1,780 acri) che, al suo apice, poteva ospitare fino a 18,000 persone. L'UNESCO lo riconosce come sito del patrimonio mondiale.

Grandi rovine dello Zimbabwe, mura esterne
Grandi rovine dello Zimbabwe, mura esterne (Ingrandire)

Si crede che il grande Zimbabwe sia stato un palazzo reale per il monarca locale. In quanto tale, sarebbe stato usato come sede del potere politico. Una delle caratteristiche più importanti dell'edificio era le sue mura, alcune delle quali erano alte più di cinque metri. Sono stati costruiti senza malta. Alla fine, la città fu abbandonata e cadde in rovina.

Grandi rovine dello Zimbabwe, portale d'ingresso
Grandi rovine dello Zimbabwe, portale d'ingresso (Ingrandire)

La prima menzione scritta delle rovine del Grande Zimbabwe era in 1531 di Vicente Pegado, capitano della guarnigione portoghese di Sofala, che lo registrò come Symbaoe. Il viaggiatore portoghese António Fernandes potrebbe aver effettuato la prima visita europea in 1513-1515, che ha attraversato due volte e riportato dettagliatamente la regione dell'attuale Zimbabwe (compresi i regni Shona) e anche centri fortificati in pietra senza mortaio. Tuttavia, passando per alcuni chilometri a nord e circa 56 km (35 mi) a sud del sito, non ha fatto riferimento all'enigma del Grande Zimbabwe.

Grandi rovine dello Zimbabwe, portale d'ingresso
Grandi rovine dello Zimbabwe, portale d'ingresso (Ingrandire)

Le prime visite confermate dagli europei furono nel 19esimo secolo, con le indagini sul sito che iniziavano in 1871. Più tardi, gli studi sul monumento furono controversi nel mondo archeologico, con la pressione politica esercitata dagli archeologi dal governo della Rhodesia per negare la sua costruzione da parte dei nativi africani. Il grande Zimbabwe è stato adottato come monumento nazionale dal governo dello Zimbabwe e il moderno stato indipendente è stato nominato per questo. La parola "Grande" distingue il sito dalle molte centinaia di piccole rovine, ora conosciute come "zimbabwes", sparse attraverso lo Zimbabwe Highveld. Ci sono 200 tali siti nell'Africa meridionale, come Bumbusi nello Zimbabwe e Manyikeni in Mozambico, con muri monumentali senza mortaio; Il grande Zimbabwe è il più grande di questi.

Grandi rovine dello Zimbabwe, misterioso corridoio interno
Grandi rovine dello Zimbabwe, misterioso corridoio interno (Ingrandire)

Ci sono vari misteri sul Grande Zimbabwe, che l'interpretazione archeologica ortodossa non può spiegare. Uno riguarda la cosiddetta Fortezza di collina sopra il complesso primario di rovine. È gravemente carente come una struttura militare. Ci sono entrate controllate, ma ci sono anche diversi punti deboli in cui gli attaccanti possono facilmente penetrare nella fortezza e il lato nord-occidentale è praticamente indifeso. Inoltre, non ci sono fonti naturali di acqua all'interno del forte in cima alla collina, rendendolo vulnerabile agli assedi.

Un altro mistero riguarda la mancanza di sepolture nelle vicinanze delle rovine. Se al Grande Zimbabwe esisteva una popolazione stabile, la maggior parte dei suoi morti non erano sepolti lì. Una delle implicazioni della rarità delle sepolture è che il Grande Zimbabwe è stato progettato principalmente per uso rituale e forse ha ospitato permanentemente solo alcuni sacerdoti.

Infine, vi sono prove convincenti, presentate dall'archeologo-astronomo Richard Wade, dell'Osservatorio Nkwe Ridge di Johannesburg, secondo cui il sito potrebbe essere stato utilizzato come osservatorio astronomico. Al centro della sua conclusione c'è la posizione dei monoliti di pietra sull'arco orientale del Grande Recinto. Secondo Wade, si allineano con il sorgere del Sole, della Luna e delle stelle luminose in determinati periodi astronomicamente significativi dell'anno. Uno degli allineamenti più sorprendenti che Wade ha osservato è l'ascesa di tre stelle luminose a Orione su tre monoliti, la mattina del solstizio d'inverno, il giorno più corto dell'anno. Un monolite potrebbe anche essere un predittore di eclissi. Wade dice che è dentellato in modo tale che "il modello e la quantità di tacche possono solo essere una registrazione degli allineamenti di Venere con la Terra, e sappiamo che la posizione di Venere nel cielo può essere usata per prevedere le eclissi. ha mezzelune e dischi scolpiti dentro. " Forse il più controverso, Wade crede di sapere perché sia ​​stata costruita una torre conica che in precedenza aveva sconcertato gli archeologi. "La torre conica si allinea perfettamente con la supernova che è stata esplosa a Vela, da 700 a 800 anni fa", dice. I documenti storici non ne fanno menzione, un'omissione che non sorprende Wade da quando la stella morente apparve nell'emisfero australe, che all'epoca non aveva praticamente culture letterarie. Ma le leggende orali nella regione danno credito all'idea della supernova, ha detto Wade. Il popolo Sena dello Zimbabwe racconta che i suoi antenati migrarono dal nord seguendo una stella insolitamente luminosa nei cieli meridionali.



La costruzione del Grande Zimbabwe, il disegno di un artista
La costruzione del Grande Zimbabwe, il disegno di un artista (Ingrandire)
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Note adattate dalle seguenti pagine Web:
https://www.wikiwand.com/en/Great_Zimbabwe
http://www.greatzimbabweruins.com/




Grandi rovine dello Zimbabwe