Siti sacri del Kirghizistan

anche sulaiman
Anche la montagna sacra di Sulaiman, Osh

Sulaiman-Too Sacred Mountain, Osh

Sulayman Mountain (noto anche come Taht-I-Suleiman,Sulayman Rock or Sulayman Throne) è l'unico sito del patrimonio mondiale dell'Unesco nel paese del Kirghizistan. Si trova nella città di Osh e un tempo era un importante luogo di pellegrinaggio musulmano e pre-musulmano. La roccia si alza bruscamente dalle pianure circostanti della valle di Fergana ed è un luogo popolare tra i locali e i visitatori, con una splendida vista.

Sulayman (Salomone) è un profeta nel Corano, e la montagna contiene un santuario che presumibilmente segna la sua tomba. Le donne che salgono al santuario in cima e strisciano attraverso un'apertura attraverso la roccia sacra, secondo la leggenda, daranno alla luce bambini sani. Gli alberi e i cespugli sulla montagna sono avvolti da numerose "bandiere di preghiera", piccoli pezzi di stoffa che sono legati a loro.

Secondo l'Unesco, la montagna è "l'esempio più completo di una montagna sacra ovunque in Asia centrale, adorata per diversi millenni". Il sito è ancora un luogo popolare per i musulmani locali, con scale che portano alla vetta più alta dove si trova una piccola moschea originariamente costruita da Babur (1483-1530, il fondatore della dinastia Moghul) in 1510. Gran parte della moschea era stata ricostruita nel 20esimo secolo.

La roccia contiene anche il complesso storico e archeologico nazionale Sulayman, costruito durante l'era sovietica, che mostra reperti archeologici della zona e della sua storia.

anche sulaiman
Donne kirghise che fanno preghiere alla montagna sacra di Sulaiman, Osh

Per ulteriori informazioni:
http://en.wikipedia.org/wiki/Sulayman_Mountain
http://whc.unesco.org/en/list/1230

Museo dei Petroglifi, Cholpon Ata

C'è un museo all'aperto, a volte indicato come un giardino di pietra, che copre alcuni ettari 42 e contiene un certo numero di strutture monumentali preistoriche (cerchi di pietre, tombe, i resti di un muro di pietra di confine e sculture in pietra di teste umane conosciute come balbals ) e Petroglifi (risalenti al 2nd millennio aC fino al 6esimo secolo d.C.).

Le pietre hanno placche che danno alcune informazioni (una breve descrizione e una data), e ci sono diversi percorsi segnati con frecce attorno al "giardino di pietra". Il percorso più breve nel Giardino di Pietra richiede 20-30 minuti. Ma c'è un percorso più lungo verso il lato superiore del museo, che consente ai visitatori di esplorare una collezione di balbali di pietra, iscrizioni in pietra, cerchi di pietre e ... uno spettacolare panorama della baia di Cholpon-Ata sul lago Issyk-Kul.

Il momento migliore per visitare è il mattino presto o la sera tardi, quando tutti i disegni sono chiaramente visibili e si può sentire l'atmosfera dei tempi antichi. Si pensa che il sito fosse un tempo un gigantesco tempio all'aperto, dove gli antichi adoravano i corpi celesti - specialmente il sole - e forse altri dei. Le pietre variano in dimensioni da circa 30 cm a 3 metri.

Molti dei disegni sono esempi dello stile di arte animale Saka-Skythian. Ci sono figure di cacciatori e quelli che sembrano essere addomesticati leopardi delle nevi durante una caccia. Uno sembra raffigurare i leopardi di caccia in movimento ed è l'unico di questo tipo in Asia centrale. La maggior parte delle pietre si affacciano a sud-ovest e sud-est e si pensa che siano collegate all'adorazione del sole. Si pensa che uno degli scopi dietro i cerchi di pietra fosse di servire come strumenti astronomici. Il segno del Sole (solare), spesso accompagnato da carri, viene disegnato su rocce insieme a immagini di animali e persone (come i cacciatori).

Ci sono immagini di cervi (interessante l'immagine di Madre-cervo sembra essere stata diffusa in Altai, Semirechye e Siberia meridionale). Una delle più grandi tribù del Kirghizistan, che adorava i cervi della madre, era chiamata Bugu ("Cervo rosso") - sebbene i kirghisi stessi potessero essere emigrati nella regione molto tempo dopo che queste pitture rupestri furono eseguite.

L'arte delle iscrizioni di pietra scomparve gradualmente con la diffusione dell'Islam, che limitava le immagini di animali e di esseri umani all'Asia centrale. Tuttavia molte delle forme usate in questi petroglifi sono ancora con noi - formano la base di modelli, mostrando diverse parti di animali (corna, ali, artigli) sono usati nei tappeti kirghisi e in altre forme di arti e mestieri tradizionali. Ci sono altre collezioni di petroglifi situate ai piedi della catena montuosa Kungei Ala-Too, che si estende lungo l'intera lunghezza del lago, tra Kirghizistan e Kazakistan - ma il Giardino di Pietra rappresenta il sito più facilmente accessibile e preservato.

Ghiacciai e torrenti hanno depositato alcune delle pietre più grandi qui migliaia di anni fa. I petroglifi sono stati scolpiti (usando strumenti in metallo e pietra) e dipinti su di essi e sono stati bruciati in nero e marrone alla luce del sole durante gli anni intermedi.

I recenti tentativi di preservare i disegni sono stati purtroppo contornati da controversie poiché, si sostiene, parte della sostanza chimica utilizzata potrebbe effettivamente danneggiare questi artefatti storici.
http://www.advantour.com/kyrgyzstan/cholpon-ata-petroglyphs.htm

colpon ata
Petroglifo a Cholpon Ata, Lago Issyk Kul)


Statua di pietra a Cholpon Ata, Lago Issyk Kul
Statua di pietra a Cholpon Ata, Lago Issyk Kul


Statue di pietra a Burana
Statue di pietra a Burana


Statue di pietra a Burana
Statue di pietra a Burana


Statue di pietra a Burana
Statua di pietra a Burana


Statue di pietra a Burana
Statua di pietra a Burana


Statue di pietra a Burana
Statua di pietra a Burana
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.