Siti sacri di Bali

Il Tempio di Pura Besakih sulle pendici del Monte. Agung
Il Tempio di Pura Besakih sulle pendici del Monte. Agung (Ingrandire)

L'isola di Bali si trova geograficamente a circa 8 gradi a sud dell'equatore e a circa 18 gradi a nord dell'estremità occidentale dell'Australia. Una delle migliaia di isole che compongono l'arcipelago indonesiano, Bali è un'isola relativamente piccola con un'area di sole miglia quadrate 2147 (5633 kmq). Originariamente abitata da popolazioni aborigene di origine incerta, Bali fu colonizzata da un popolo marinaro, chiamato austronesiano, circa quattro o cinquemila anni fa. Sin dal settimo secolo dC, i balinesi animisti hanno assorbito diversi elementi del buddismo mahayana, dello shivaismo ortodosso e del tantrismo. Oggi l'isola è l'unica roccaforte restante dell'Hinduismo nell'arcipelago e la religione balinese è un affascinante amalgama di induismo, buddismo, culti degli antenati malesi e credenze e pratiche animistiche e magiche.

Una gamma di imponenti montagne vulcaniche divide l'isola in porzioni settentrionali e meridionali. Per il Balinese queste montagne sono le case degli dei. La gamma comprende quattro montagne sacre primarie: Agung, Batur, Batukao e Abang. Di questi, Gunung Agung, la montagna più alta di Bali ai piedi 10,308 (metri 3142), è la più sacra degli indù dell'isola, mentre Gunung Batur è considerato il più sacro dagli aborigeni che vivono nelle giungle remote attorno al lago Batur. Mt. Agung è la dimora di Batara Gunung Agung, identificata anche come Mahadewa, la manifestazione suprema di Shiva. Mt. Batur e il lago Batur sono sacri a Dewi Danu, la dea del lago. Chiamata anche Ida Ratu Ayu Dalem Pingit, questa dea è considerata il fornitore di acqua per l'irrigazione sotto forma di gorgoglianti sorgenti naturali che emettono su tutte le pendici del Monte. Batur. Un enorme lago d'acqua dolce di 4240 acri, il sacro Lago Batur è considerato dagli agricoltori e dai sacerdoti come la fonte principale delle sorgenti e dei fiumi che forniscono l'acqua di irrigazione per l'intero centro di Bali.

Bali è un'isola di templi. Il Dipartimento di religione ha catalogato almeno undicimila templi - piccoli e grandi, locali e regionali. I balinesi chiamano un santuario palinggih, che significa semplicemente "luogo" o "posto" e si riferisce a qualsiasi tipo di luogo temporaneo o permanente verso cui sono fatte le devozioni e le offerte. In nessun caso il santuario è considerato sacro; il santuario esiste o è costruito come residenza per gli spiriti sacri o sacri - antenati o divinità indù. I templi balinesi non sono edifici chiusi, ma cortili rettangolari aperti verso il cielo, con file di santuari e altari dedicati a varie divinità e divinità. Gli dei non sono pensati per essere presenti nei templi se non alle date delle feste del tempio, e quindi i templi sono di solito lasciati vuoti. Nei giorni di festa la congregazione di ciascun tempio si riunisce per pregare e intrattenere le divinità in visita. La maggior parte delle famiglie balinesi appartiene a una mezza dozzina o più di templi e dedica diverse settimane di lavoro ogni anno per mantenere i templi e prepararli per numerosi festival.

Scrivendo nel suo eccellente studio antropologico Il balinese, J. Stephen Lansing spiega che,

... l'attenzione principale nelle feste dei templi balinesi non è la fila di santuari per gli dei nel sancta sanctorum. La maggior parte dei templi balinesi contengono un cortile interno, uno spazio intermedio che divide il regno degli dei nel cortile interno dal mondo esterno. Allargare questo confine o divisione in uno spazio in cui un'orchestra può essere suonata e attori e burattinai possono esibirsi crea una zona in cui il mondo della vita quotidiana si sovrappone al mondo degli dei nel sancta sanctorum. Nei festival del tempio, questo cortile centrale diventa uno spazio di performance in cui attori e attrici che ritraggono episodi mitici della vita degli dei e degli eroi possono entrare in trance, posseduti dagli spiriti dei personaggi che ritraggono. Le esibizioni nel cortile centrale sono rivolte a entrambi i pubblici contemporaneamente: gli dei per i quali si tiene il festival e il pubblico umano.

Le preghiere e le offerte agli dei comprendono solo una piccola parte delle tipiche feste del tempio. Le attività principali svolte nei templi sono cerimonie di danza sacra e musica. Scrivere dentro Bali: Sekala e Niskala, Fred Eiseman spiega la natura e lo scopo di queste cerimonie,

... La filosofia indù-balinese concepisce l'universo, e tutto al suo interno, come un equilibrio tra forze buone e cattive. Nessuno dei due può essere eliminato, ma possono accadere cose brutte quando non si fa nulla per mantenere l'equilibrio in modo che le forze negative prendano il sopravvento. Le cerimonie religiose mantengono l'equilibrio. Le offerte adorabili che vedete sono per le forze positive, ma altrettanti sforzi e attenzione sono rivolti alle loro controparti negative, sebbene questo non sia evidente per il visitatore occasionale.

A Bali sono stati trovati sei templi supremamente sacri, chiamati Sad Kahyangan, o "i sei templi del mondo". Sono Pura Besakih, Pura Lempuyang Luhur, Pura Gua Lawah, Pura Batukaru, Pura Pusering Jagat e Pura Uluwatu. Il tempio più famoso di tutta Bali è il triplice santuario situato nel cortile del Pura Penataran Agung a Pura Besakih. A questo santuario tre Padmasanas (un tipo di santuario) sono disposti l'uno accanto all'altro. Sebbene si dica spesso che i tre santuari siano per Brahma, Vishnu e Shiva, tutti sono fondamentalmente dedicati a Shiva. L'elaborato santuario a più livelli è chiamato a meru e simboleggia la montagna del mondo, Gunung Maha Meru. Qualcosa come una pagoda cinese, a meru è costituito da un numero dispari - fino a undici - di livelli di paglia. Le leggi della tradizionale architettura balinese specificano attentamente le dimensioni di a meru, il modo in cui deve essere costruito, i tipi di legno appropriati per ciascuna parte e le cerimonie coinvolte nella sua dedicazione. Se, per qualche motivo, un santuario deve essere spostato in un altro luogo, lo spirito del santuario viene prima trasferito a un daksina, un'offerta speciale, che viene poi collocata nelle vicinanze in un santuario temporaneo. Il santuario originale è completamente distrutto. Nessuno dei suoi componenti può essere riutilizzato per qualsiasi scopo. Spesso i materiali vengono scaricati in mare per assicurare che non vengano più utilizzati inconsapevolmente. Questa pratica è in contrasto con certe altre tradizioni religiose in cui il riutilizzo dei resti dei templi precedenti è considerato in realtà aumentare la santità e il potere dei templi più nuovi.

Altri importanti templi balinesi sono Pura Ulun Danu Batur, il Tempio del Lago Cratere, dedicato alla dea del lago Dewi Danu e Tirta Empul, dove sgorgano le acque più sante di Bali, che si ritiene possedessero magici poteri curativi.

Mount Agung, Bali
Mount Agung, Bali (Ingrandire)


Lago Batur e Monte Batur, Bali
Lago Batur e Monte Batur, Bali (Ingrandire)
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Bali