Caacupé

Icona di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay
Icona di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay (Ingrandire)

Situato a trentasei miglia (57 km) ad est di Asuncion, la capitale del Paraguay si trova la piccola città di Caacupé, sede del luogo di pellegrinaggio più importante del paese. Le leggende raccontano che nel 16esimo secolo un contadino della tribù indiana dei Guarani di nome Indio Jose era stato convertito al cristianesimo dai missionari francescani francesi che stavano nel villaggio di Tobati. Indio Jose era uno scultore ed era stato scelto dai missionari per ritagliare un'immagine della Vergine Maria per la nuova chiesa che era stata creata per la sua tribù. Un giorno stava camminando nella foresta in cerca di un grande albero Yerba Mate da cui avrebbe potuto scolpire la statua quando i guerrieri di una tribù rivale nota come Mbayae lo scoprirono quasi. I Mbayae erano violentemente contrari alla tradizione cristiana e si erano dichiarati nemici di tutti i convertiti. Per sfuggire ai suoi inseguitori, Indio Jose fuggì più a fondo nella foresta e si nascose nel tronco di un enorme albero. Mentre si nascondeva all'interno dell'albero, pregò la Vergine Maria per proteggersi dai guerrieri e che sarebbero passati senza vederlo. Dopo aver terminato la sua preghiera, una colonna di luce si posò su di lui e Mary gli apparve in una visione. Indio José le promise che se lo avesse protetto, avrebbe fatto due sculture di lei dal legno dell'albero in cui si nascondeva. Mary accettò questa promessa e scomparve, lasciando Jose solo sull'albero e passando i guerrieri senza vederlo. Fedele alla sua parola, Indio Jose abbatté l'albero e dal suo legno scolpì due statue della Santa Madre, la più grande delle quali collocò all'interno della chiesa di Tobati (dove risiede ancora) e la più piccola che teneva per le sue devozioni .

Alcuni anni dopo, nel 1603, il vicino lago Tapaicuá straripò e allagò la valle del Pirayú, spazzando via tutto, compresa la casa di Indio Jose e la statua che vi teneva. Il sacerdote francescano Luis de Bolaños (1549-1629), accompagnato dagli abitanti della regione, ha pregato fervidamente per la calma delle acque. Presto accadde un altro miracolo. Le acque impetuose si ritirarono, la statua apparve miracolosamente galleggiando sul lago e da quel momento in poi fu chiamata la Vergine dei Miracoli (La Virgen de los Milagros). Dopo che la statua sopravvisse al diluvio, un falegname, anche lui chiamato Jose, ricevette il permesso dai francescani di costruire una piccola chiesa in cui sarebbe stata ospitata. Alla ricerca del legno per il santuario ha scoperto un posto chiamato Ka'aguy Kupe (dietro il bosco) e ha deciso di trasferirsi lì con la sua famiglia. Dopo la sua morte, alcuni anni dopo, un parente riportò la vedova e il figlio a Tobati dove pose la piccola statua accanto a quella più grande che era già lì (l'immagine più grande che era stata scolpita dal primo Jose, Indio). Dopo un altro secolo, un discendente del 2 ° Jose restituì la statua più piccola a Ka'aguy Kupe, dove fu eretto un nuovo santuario.

Basilica di Caacupé, Paraguay
Basilica di Caacupé, Paraguay (Ingrandire)

Nei secoli successivi, la statua fu collocata in una successione di almeno nove cappelle, chiese e basiliche sempre più grandi. Per un po ', per darle più risalto e coprirla con abiti ricchi, la sua figura fu ingrandita in modo sproporzionato, fino a quando le autorità della Chiesa decretarono che l'immagine sarebbe tornata alla sua dimensione originale. Oggi, Nostra Signora di Caacupé è una bella scultura in legno, alta circa 50 centimetri, con un delicato viso ovale e occhi azzurri. Indossa un'elegante tunica candida e ha un mantello celeste attorno alle spalle, entrambe decorate con ricami dorati. I suoi capelli biondi cadono sulle sue spalle e le sue mani si uniscono in preghiera. La statua si erge su una sfera che poggia su una grande mezza luna. A causa del suo mantello blu, è anche chiamata la Vergine blu del Paraguay, o La Virgen Azul de Paraguay.

La costruzione della chiesa attuale è iniziata nel 1945 e, sebbene non sia stata ancora completamente completata, è stata il santuario della Vergine dei Miracoli di Caacupé dal 1980. La città stessa è stata fondata nel 1770 da Carlos Murphy, un soldato al servizio di re Carlo III di Spagna, anche se esisteva un primo insediamento dal XVII secolo. Caacupé è considerato il centro religioso del Paraguay, il luogo di incontro della nazione e della Chiesa, e l'immagine benedetta di Maria ha accompagnato il processo di formazione della nazionalità paraguaiana.

Pittura di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay
Pittura di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay (Ingrandire)

Dicembre 8th, la festa di Maria, è la festa religiosa più importante del Paraguay. Alla vigilia della festa, le strade che conducono a Caacupé diventano quasi impraticabili, secondo le stime che un milione di pellegrini inondano le strade. Si tratta di un numero enorme di visitatori considerando che l'intero paese ha una popolazione di meno di sette milioni di persone (il paese è 87% cattolico). Intere famiglie arrivano con le loro provviste e trascorrono la notte in veglia in attesa della prima messa all'alba. La piazza rivestita di ciottoli davanti alla basilica è abbastanza grande da ospitare persone 300,000 e ogni anno è riempita. Durante la notte, molte persone dormono sui marciapiedi, chiazze di erba e in qualsiasi altro posto in cui possano trovare spazio.

Alcuni pellegrini percorrono le miglia 36 da Asunción, altri prendono autobus che corrono tutto il giorno in un flusso costante, alcuni prendono l'autobus in parte e poi percorrono diverse ore, altri prendono le biciclette, altri ancora percorrono le ultime dieci miglia in ginocchio e alcuni addirittura percorrono le ultime miglia 20 trasportando croci pesanti. Dato che dicembre è il picco dell'estate nell'emisfero australe, la passeggiata è tipicamente fatta durante la notte. C'è un mercato gigante in tutta la città con centinaia di venditori di souvenir e persone che vendono cibo. La città ospita un grande spettacolo pirotecnico e migliaia di persone si uniscono in una processione a lume di candela.

Statua intagliata indiana di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay
Statua intagliata indiana di Maria, Basilica di Caacupé, Paraguay (Ingrandire)

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.
 

Caacupé, Paraguay