Luang Prabang, Laos


Wat Si Bun Heuang, Luang Prabang

Il centro spirituale del buddismo in Laos è la città di Luang Prabang, situata su una penisola formata dai fiumi Mekong e Nam Khan sulle miglia 265 (426 chilometri) a nord di Vientiane, la capitale del paese. Resti di strumenti in pietra scavati nella Grotta Tham Hua Pu suggeriscono che la regione di Luang Prabang fu abitata sin da 8000 aC, mentre manufatti in bronzo e ceramica testimoniano l'insediamento durante il secondo millennio aC.

Secondo la leggenda, il Buddha passò una volta attraverso la regione e profetizzò che un giorno sarebbe diventato il luogo di un regno ricco e potente. Un'altra leggenda attribuisce la scelta del sito a due eremiti, attratti dalla sua bellezza naturale, che gli hanno dato il nome di Xieng Dong.

In 1354, Fa Ngum, un principe reale lao che era stato educato nella città di Khmer ad Angkor (nell'odierna Cambogia) si stabilì a Xieng Dong e fondò il regno Lao di Lan Xang (Regno di un milione di elefanti). Questo regno prosperò da 1354 a 1707, grazie alla sua posizione strategica sulla Via della seta, oltre ad essere il centro del buddismo nella regione.

Xieng Dong rimase la capitale di Lan Xang fino a 1563 quando il re Setthathirat la trasferì a Vientiane perché Xieng Dong era considerato vulnerabile agli attacchi dei birmani. Fu in quel momento che alla città venne anche dato il nome attuale di Luang Prabang, in onore della famosa statua del Buddha - il Pra Bang - dato dal monarca Khmer della Cambogia in 1512. Nonostante il trasferimento della capitale a Vientiane, tuttavia, Luang Prabang rimase il centro religioso e spirituale del regno.

I primi viaggiatori europei arrivarono a Lan Xang in 1641 durante il regno di re Sourigna Vongsa. Dopo la sua morte in 1695, i principi rivali combatterono per il trono e in 1707 Lan Xang fu diviso in tre regni separati: Luang Prabang nel nord, Vientiane nel centro e Champasak nel sud. Quando la Francia ha annesso il Laos a 1893, i francesi hanno riconosciuto Luang Prabang come residenza reale del Laos. Durante la seconda guerra mondiale i giapponesi occuparono la città anche se rimase sotto il controllo francese nominale. A marzo 9, 1945, l'indipendenza fu dichiarata per il Laos, Vientiane rimase la capitale del paese, mentre Luang Prabang continuò come centro spirituale.

Situato nella città sono trentaquattro templi, così come la collina sacra 100-metro del Monte Phou Si con i suoi importanti templi buddisti di Wat Tham Phou Si e Wat Chom Si. Altri due bellissimi templi sono Wat Si Bun Heuang, il 'Tempio dei tesori di 100,000' (mostrato nella foto) e il Wat Haw Pha Bang, dove è conservata la tanto onorata statua del Buddha Phra Bang. In 1778, il siamese (ora Tailandia) ha invaso Luang Prabang e catturato la statua di Phra Bang, riportandola a Bangkok. Tuttavia, lo sconvolgimento politico e la sfortuna sono stati attribuiti al Phra Bang, e in 1782 è stato restituito al popolo laotiano. In 1828, il siamese catturò il Phra Bang una seconda volta, ma lo restituì nuovamente in 1867 dopo un simile sconvolgimento politico.


Wat Si Bun Heuang, Luang Prabang


Wat Si Bun Heuang, Luang Prabang


Guardia del tempio, Luang Prabang


Divinità del tempio, Luang Prabang


Gatto all'ingresso del tempio
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Luang Prabang