Siti sacri della Russia


Monastero di Sergiev Posad

Siti sacri della Russia

Il cristianesimo divenne la religione della Russia nel 988 AD, ma per secoli innumerevoli esistevano già una varietà di tradizioni megalitiche, pagane e sciamaniche attive dal Mar Baltico attraverso la Siberia fino al Mare di Okhotsk. Data questa vasta distesa di terra, ci furono innumerevoli influenze culturali e religiose che si svilupparono nel corso dei secoli. Concentrazioni di megaliti, dolmen e labirinti di pietra sono state trovate (ma poco studiate) lungo le coste settentrionali della Russia con il Mar Bianco e il Mare di Barents, così come attraverso le montagne del Caucaso. La regione a nord del Mar Nero è stata fondata intorno al 700 aC dagli sciti dell'Asia centrale, le cui divinità primarie erano la grande dea Tabiti (Hestia), la sua consorte Papaeus (Dio dei cieli), Apia, (la dea della terra), Argimpasa / Atimpaasa (Dea della Luna) e Oetosyrus (il dio del sole). L'impero scitico regnò per circa 400 anni, dopo di che varie persone tra cui unni, greci, persiani, celti e slavi introdussero altre divinità e pratiche religiose. Gli slavi, che occupavano gran parte di quella che oggi è la Polonia, la Russia occidentale e l'Ucraina, erano adoratori della natura e avevano divinità come Svarog (dio dei cieli e tuono), Dazbag (Dio del sole), Myesyats (Dea della luna) e Jarovit (Dio delle sorgenti sacre). Le enormi steppe eurasiatica erano scarsamente popolate da popolazioni nomadi che continuarono a praticare le pratiche sciamaniche molto tempo dopo l'introduzione del cristianesimo nell'Europa occidentale.

L'influenza pagana scandinava entrò nella regione della Russia occidentale a metà del 9esimo secolo, quando gli slavi invitarono e assistettero i Varanghi svedesi (i Vichinghi), che allora stabilirono il primo stato russo a Novgorod. Dopo il suo battesimo e il matrimonio con una principessa bizantina, il re varagiano Vladimir I impose il cristianesimo sui russi in 988. Seguendo una pratica consolidata dal cristianesimo romano, i templi pagani furono demoliti e le chiese erette direttamente sulle loro fondamenta. I monasteri hanno cominciato a sorgere attraverso la Russia occidentale, accumulando grandi ricchezze e possedimenti terrieri, anche durante il periodo tartaro (iniziando in 1224) quando monaci e preti erano esentati dalle tasse dei tartari. Per un breve periodo, da 1315 a 1377, la città di Kiev divenne di nuovo pagana, ma a quel tempo la Russia era (e ha continuato ad essere) fortemente ortodossa.

Fin dall'inizio, l'ortodossia russa è stata caratterizzata da una fiorente tradizione di pellegrinaggio. Fortemente influenzato da concetti simili nel cristianesimo bizantino, l'ortodossia russa credeva che le icone funzionassero come adatte imitazioni di Cristo e dei santi, e che le reliquie avessero poteri miracolosi. Mentre il protestantesimo abolirebbe in seguito la pratica del pellegrinaggio in molte parti d'Europa, l'ortodossia russa incoraggiò il culto delle icone e la tradizione del pellegrinaggio come uno stile di vita. Nel 17th attraverso 19th secoli decine di migliaia di russi, sia contadini che abitanti delle città istruite, fecero lunghi pellegrinaggi verso i grandi centri monastici per adorare e vedere le icone sacre e le reliquie. Il famoso diario spirituale 19th century The Way of a Pilgrim offre una visione affascinante dello stile di vita di un pellegrino errante. L'autore anonimo scrive:

Decisi di andare in Siberia alla tomba di San Innocenzo di Irkutsk. La mia idea era che nelle foreste e nelle steppe della Siberia dovevo viaggiare in maggiore silenzio e quindi in un modo migliore per la preghiera e la guarigione. E questo viaggio ho intrapreso, per tutto il tempo dicendo la mia preghiera orale senza fermarmi.

Durante il periodo sovietico molti monasteri furono chiusi e le chiese distrutte. Dalla fine di quel periodo i restanti monasteri e le chiese sono state restituite alla chiesa ortodossa russa, gli edifici sono stati ricostruiti, i servizi religiosi sono nuovamente permessi ei pellegrini arrivano in numero maggiore ogni anno che passa.


Pellegrini che osservano le reliquie a Sergiev Posad

Monastero di Trinity-St. Sergius Sergiev Posad

Il grande complesso monastico e la chiesa di Sergiev Posad, situata a 45 miglia a nord di Mosca, è il centro dell'ortodossia russa e uno dei luoghi di pellegrinaggio più importanti dell'intero paese. (Il centro dell'Ortodossia russa era originariamente a Kiev, in Ucraina, ma dopo l'invasione mongola del 13th secolo, il patriarca si trasferì nella città di Mosca in 1308). Le prime strutture religiose a Sergiev Posad furono fondate dal nobile russo Sergius (1319-92), chiamato anche Sergiev, che si ritirò nella foresta di Radonezh con suo fratello Stephen per condurre una vita di preghiera. In 1340 (alcune fonti dicono 1337) i due fratelli costruirono una piccola chiesa di legno e il sito iniziò ad attrarre altri monaci e un numero crescente di pellegrini. Rapidamente sviluppandosi in un complesso monastico, il sito ha ricevuto il nome di Trinity Monastery.

Anche il monaco Sergio è stato coinvolto in politica. Contribuì a unire il feudatario principe russo per resistere all'invasione dei tartari e sostenne il principe di Mosca Dmitrij Ivanovich che voleva far diventare Mosca il centro della Russia. Epiphanii il Saggio, un biografo di Sergio, parla di molti miracoli legati alla vita del santo. Secondo Epiphanii, Sergius sperimentò un'apparizione miracolosa della Madre di Dio, che promise protezione eterna al Monastero. Epiphanii descrisse anche miracoli accaduti a persone che chiamavano il nome di San Sergio. A causa delle sue conquiste religiose e politiche, Sergius fu canonizzato in 1422. Le sue reliquie furono collocate in un reliquiario d'argento nella cattedrale della Trinità, costruita tra 1422-27, sul sito della precedente chiesa di legno (distrutta durante un raid tartaro). La cattedrale è stata decorata dai più famosi pittori icona russi, Daniil Chernyi e Andrei Rublev. L'oggetto principale di culto nella cattedrale sono le reliquie di San Sergio.

Il monastero, la chiesa e il reliquiario di San Sergio divennero presto un simbolo nazionale dell'unità russa e ortodossa, ispirando la resistenza ai tartari. In 1552, per celebrare la sconfitta dei Tartari, lo zar Ivan Grozny (Ivan il Terribile) iniziò la costruzione della Cattedrale dell'Assunzione a Sergiev Posad. La cattedrale fu successivamente decorata in 1684 dai pittori di icone 35. Verso la metà del 16esimo secolo il monastero di San Sergio fu trasformato in una grande fortezza, con muri alti 6 e metri di spessore 3. All'inizio del 17esimo secolo, il monastero resistette ad un assedio del 16 mese dai polacchi e dai lituani. Gli invasori avevano un esercito di 30,000, mentre il monastero contava solo sui difensori 3,000 e questa guerra dimostrò la grande forza e lo spirito del popolo russo. Dopo questa guerra, diversi zar russi, prima di imbarcarsi nelle loro guerre, fecero il pellegrinaggio al monastero e le loro armate portavano le icone con le immagini di San Sergio.

In 1682 e 1689 il monastero divenne di nuovo un centro della storia russa. Lo zar Pietro I il Grande si rifugiò all'interno delle mura della fortezza quando l'esercito si ribellò contro di lui. Come segno di gratitudine fece ulteriori donazioni al monastero. Negli ultimi anni dell'17esimo secolo furono costruiti molti nuovi edifici all'interno del complesso monastico, tra cui la Chiesa di San Sergio, lo splendido Palazzo dello Zar e la Chiesa della Natività di San Giovanni Battista. A causa di numerose donazioni il monastero divenne il più grande e il più ricco in Russia, acquisendo vasti possedimenti terrieri. Solo lo zar aveva più potere.

In 1721 il patriarcato fu sospeso, il monastero perse gran parte della sua terra e della sua ricchezza per lo stato, e la chiesa fu governata da un consiglio controllato dallo Zar. Durante il periodo comunista, il resto delle proprietà del monastero fu sequestrato e la città fu ribattezzata Zagorsk dopo un importante leader comunista. Con la caduta del comunismo in 1991 Sergiev Posad riacquistò il suo nome ancestrale e il controllo dei propri affari. Sono in corso vasti progetti di ricostruzione e restauro e ogni anno numerosi pellegrini visitano il santuario. All'interno del complesso monastico di 25 acri sono numerose chiese e un percorso di pellegrinaggio che visita l'icona di Nostra Signora di Smolensky, la tomba di San Sergio e il pozzo di San Sergio. Il monastero è anche la sede della scuola principale del seminario in Russia, l'Accademia Teologica di Mosca. Più che i monaci 200 fanno la loro casa a Sergiev Posad.

Cattedrale di Santa Sofia
Cattedrale di Santa Sofia a Novgorod

Novgorod, una delle più antiche città della Russia, fu fondata nel 5 secolo dC sulla riva del fiume Volkhov. La prima chiesa conosciuta, eretta sul sito di un tempio pagano, era una piccola struttura di legno costruita in 989. In 1045 questo edificio bruciato a terra e sullo stesso sito, una cattedrale di pietra è stata costruita dal principe Vladimir Yaroslavovich di Novgorod in 1045-1050. La nuova cattedrale fu consacrata in 1052 a Santa Sofia, che simboleggiava l'aspetto femminile della saggezza divina. Gli studiosi interpretano la dedica della cattedrale di Novgorod a Santa Sofia (come avvenne anche con le grandi cattedrali di Kiev e Polotsk) come continuazione di un culto della Grande Dea che era ampiamente praticato in queste regioni fin dai tempi arcaici.

Nei due secoli successivi la cattedrale di Santa Sofia divenne il centro principale della spiritualità cristiana nella Russia settentrionale. Inizialmente la cattedrale di pietra aveva un aspetto spoglio e un po 'ascetico a causa della sua mancanza di intonaco e decorazione. All'inizio del 12esimo secolo, i pittori di icone greche iniziarono a decorare l'interno dell'edificio e nel corso dei secoli furono aggiunti molti più affreschi. Mentre nessuno di questi antichi affreschi è sopravvissuto, l'edificio attuale ha conservato la maggior parte della sua forma originale.

In 1170 si è verificato un evento che ha stabilito con fermezza la cattedrale come luogo di pellegrinaggio. Un esercito della città di Suzdal aveva attaccato Novgorod e minacciava di sopraffare gli abitanti. Il vescovo locale ebbe una visione in cui gli fu comandato di portare l'icona della Vergine alle mura della fortezza. La freccia di un aggressore volò nell'aria e si fermò direttamente nell'icona, dove sulle lacrime cominciarono a scorrere gli occhi della Vergine. In questo momento, così dice la leggenda, tutti gli attaccanti sono diventati ciechi e l'esercito di Novgorod è stato in grado di sconfiggere facilmente il nemico. Da quel momento l'icona della Vergine è stata chiamata Znamenie, che significa "Nostra Signora del Segno" e si crede che sia la protettrice della città. Il suo festival è celebrato a dicembre 10.

Nei secoli 13th e 14th, Novgorod fiorì come avamposto commerciale della lega anseatica e fu un importante centro culturale. Respinse le invasioni dei tatari nel 13esimo secolo, ma in 1478 fu annessa dal suo rivale, Mosca, sotto Ivan III. La città declinò come centro commerciale dopo l'insediamento della vicina San Pietroburgo a 1703, ma rimase un importante centro di pellegrinaggio fino a 1929 quando la cattedrale fu chiusa dal governo sovietico. Durante il periodo sovietico e l'occupazione tedesca di 1941-44, la città di Novgorod fu gravemente danneggiata e la cattedrale fu saccheggiata, bombardata e lasciata deteriorare. Verso la fine del periodo sovietico la cattedrale fu parzialmente rinnovata, in 1991 fu restituita alla Chiesa ortodossa russa, e da allora ha subito un ampio restauro.


Monastero di Optina Pustyn

Il monastero di Optina Pustyn si trova sulla riva destra del fiume Zhizdra a due chilometri dalla città di Kozelsk e circa 70 chilometri a sud di Kaluga. Secondo la leggenda, il monastero fu fondato nel 15esimo secolo da un ex fuorilegge che si chiamava Opta. Pentendosi dei suoi peccati, prese i voti monastici con il nome di Makari. La prima testimonianza storica del monastero proviene dal 17esimo secolo, durante il regno dello zar Mikhail Feodorovich. A quel tempo il monastero era solo un piccolo stabilimento, con una chiesa di legno, diverse celle monastiche e meno di venti monaci.

Durante la fine dell'18esimo secolo e l'inizio dell'19th, le entrate del Monastero aumentarono in modo significativo e furono costruiti diversi nuovi edifici. Questa crescita del monastero fu stimolata e contribuì allo sviluppo di una tradizione chiamata Starchestvo, che significa "un lignaggio di saggezza della preghiera" mantenuto da Staretz, essendo questi monaci ortodossi russi o "Anziani" di profonda saggezza. Le radici di questo movimento si trovano nel hesychia bizantino, "l'arte della preghiera silenziosa" (14th -15th c.), Che fu introdotto in Russia da San Sergio di Radonezh e dai suoi successori. Nei secoli 16th-18th la vita ecclesiastica in Russia era diventata sempre più laica e politica, e come reazione contro questa mondanità la tradizione starchestvo divenne molto popolare tra il popolo russo. Un centro primario, anche se non ufficiale, di Starchestvo in Russia era il complesso monastico di Optina Pustyn.

Nel 19esimo secolo molti anziani provenivano da diverse parti della Russia per vivere e insegnare presso Optina Pustyn. Questi anziani hanno condiviso la loro esperienza spirituale con entrambi i praticanti laici e con la comunità di monaci, hanno scritto e tradotto libri e hanno prestato servizio ai poveri e ai malati. C'erano quattordici anziani particolarmente saggi durante questo periodo e i giorni della loro morte sono commemorati con feste religiose nel monastero. La celebrazione dell'intero consiglio degli anziani Optina è in 24 ottobre. Optina Pustyn divenne un luogo di pellegrinaggio non solo per una moltitudine di vagabondi contadini russi, ma anche per importanti figure culturali dell'epoca. Gli scrittori Tolstoj, Gogol e Dostoevskij, così come i principali filosofi, ricevettero tutti i consigli dagli anziani Optina.

La tradizione degli anziani di Optina Pustyn continuò fino alla ribellione bolscevica. In 1918 il governo sovietico chiuse il monastero e le sue chiese, imprigionò numerosi monaci e trasformò il complesso in un museo in 1923. Durante gli 1930, molti monaci furono inviati nei campi di lavoro siberiani, torturati e fucilati. L'ultimo anziano Optina, Archimandrite Isaachlus II, è stato girato a dicembre 26, 1938. In 1987, Optina Pustyn è stata restituita alla Chiesa ortodossa e da allora è diventata di nuovo una celebre destinazione di pellegrinaggio.


Monastero della Trasfigurazione, Isola di Valaam

Nella parte settentrionale del lago Ladoga, il più grande lago d'Europa, si trovano numerose isole, la più grande delle quali è la Valaam con un'area di circa trentasei chilometri quadrati. Il nome Valaam è tradotto dal finlandese come "la terra alta" ea volte il nome dell'isola è anche attribuito al nome del dio pagano Baal o del profeta biblico Balaam. Una leggenda di Valaam racconta che molto tempo fa, prima che i popoli ugro-finnici e slavi che abitavano sulle rive del lago Ladoga adottassero il cristianesimo, l'isola era un luogo di grande santità pagana. Nella parte meridionale dell'isola principale sorge il Monte Snake, chiamato anche Monte Karmil, dove un tempo si ergevano altari a diversi dei pagani. Le leggende cristiane dicono che nel XIII secolo d.C., uno dei discepoli di Cristo, Sant'Andrea visitò Valaam dove distrusse gli altari pagani e eresse una croce di pietra, ma non ci sono prove storiche che confermino la visita di Andrea.

La storia cristiana di Valaam inizia davvero nel 10esimo secolo con l'arrivo di due monaci chiamati Sergius e tedeschi. Attorno a questi due monaci crebbe una fiorente comunità monastica. Nei secoli successivi i pirati e i soldati svedesi attaccarono ripetutamente il monastero, con la ricostruzione successiva a ogni profanazione. In 1163 le reliquie di Sergius e di German furono rimosse a Novgorod per essere custodite in sicurezza, ma furono restituite in 1180 e da allora sono state sepolte in una profonda camera di roccia sotto la chiesa. Le cronache del monastero parlano di numerosi miracoli compiuti con le reliquie, della loro capacità di salvare le persone dall'annegamento e dal congelamento nel lago, e che le preghiere rivolte alle reliquie guariscono malattie nervose, mentali e infettive, così come l'alcolismo.

In 1617 l'isola è stata data in Svezia ma è stata restituita in Russia in 1721. In 1719 la cattedrale in legno della Trasfigurazione è stata costruita sopra la tomba delle reliquie del santo, ma tre fuochi durante i primi 1700 hanno distrutto tutti gli edifici in legno. In 1755 la cattedrale a cinque cupole della Trasfigurazione fu nuovamente consacrata e Valaam entrò in un periodo di periodi favorevoli durante i quali gli abati intraprendenti ingrandirono notevolmente il complesso monastico. Da 1917 a 1940 l'isola era sotto la giurisdizione della Finlandia e la Cattedrale e gli edifici monastici hanno subito oblio e decadimento graduale. Da 1940 fino a 1990 il governo russo ha utilizzato l'isola per esercitazioni militari e alloggi per soldati disabili, e in 1991 le vecchie proprietà monastiche sono state restituite alla Chiesa ortodossa. Da quel momento il monachesimo ha vissuto una nuova nascita sul Valaam e ogni anno migliaia di pellegrini si recano sull'isola per sperimentare le reliquie miracolose e trascorrere del tempo in ritiro spirituale. Speciali giorni sacri, il giorno della commemorazione di San Sergio e San German in luglio 11 e la Festa della Trasfigurazione del Salvatore in agosto 19 attirano un numero maggiore di visitatori. L'isola di Valaam è anche un luogo di grande bellezza naturale con foreste vergini, coste rocciose e oltre alle varietà di piante 400.


Icone in vendita, monastero di Sergiev Posad

Altri siti sacri e luoghi di potere in Russia:

  • Monastero Ipatevsky a Kostroma
  • Monastero di Solovyetsky, isola di Solovets
  • Pechorsky Lavra, vicino a Pskov
  • Monastero di Seraphimo-Diveeno
  • Shamordino Poustyn
  • Monastero di Zadonsk
  • Monastero di Sanaksarsk
  • Isola di Kizhi
  • La tomba di St. Ksenya Blazhennaya a San Pietroburgo.
  • Montagna di Suhaya, vicino al lago Tibercul, in Siberia
  • Montagne sacre della provincia di Kharkov
  • Megaliti e labirinti di pietra delle isole Solovetski
  • Megaliti sulle rive di Tersk, penisola di Kola meridionale
Per i siti megalitici in Russia consultare il sito Web:
Importanti monasteri in Russia
  • Tikhonova Pustyn (Monastero Panfutievo-Borovskii); Vicino alla città di Kaluga. Fondata nel 15esimo secolo da San Tikhon. All'inizio del 20esimo secolo era uno dei più grandi monasteri della Russia. Visitato da migliaia di pellegrini, è famoso per la sua sorgente sacra medicinale.
  • Davidova Pustyn (Svyato-Voznesenskaya Davidova Pustyn); 80 chilometri da Mosca. Fondato in 1515 da St. David Serpukhovskoi.
  • Monastero Nilo-Stolbenskii (Nilova Pustyn); Vicino alla città di Ostaskov. Fondato nel 16esimo secolo da San Nilo che ha avuto il dono della profezia. In 1995 la reliquia di St. Nil è stata restituita dalla cattedrale Voznesenskii di Ostashkov. Il monastero ha una festa all'inizio di giugno.
  • Monastero di Tolgskii; Vicino alla città di Yaroslavl. In 1314 St. Prokhor ha ricevuto l'icona Tolgskaya della Madre di Dio. Sia il monastero (maschio) che il convento (femmina) sono stati ricostruiti dalla fine dell'era sovietica.
  • Monastero Aleksandro-Svirskii; Vicino a San Pietroburgo. Fondato da Alexander, un monaco del monastero di Valaam, in 1484.
  • Convento Novodevichii (femmina); A mosca. Fondata dal principe Vasily III in 1524. La chiesa più antica (1524) è dedicata a Nostra Signora di Smolensk. I principali oggetti di culto sono le icone di Nostra Signora di Smolensk e Nostra Signora di Iversk.
  • Monastero di Borisoglebskii; Nella città di Dimitrov. Fondato nel 15esimo secolo. La cattedrale di Borisoglebskii è stata costruita in 1537.
  • Monastero di Bogoyavlenskii Staro-Golutvin; Vicino alla città di Kolomna. Fondato in 1374 da San Sergio di Radonezh e dal principe di Mosca Dmitrij Donskoi.
  • Svyatotroitskii Staro-Golutvin Convent (femmina); Vicino alla città di Kolomna. Fondato nel 15esimo secolo.
  • Voskresenskii Novoierusalimskii Monastery; Vicino a Mosca Fondato in 1656. La Cattedrale della Resurrezione è stata costruita in 1658-1685.
  • Convento di S. Trinità Belopesotskii (femmina); Vicino alla città di Kashira. Fondato in 1498. Nel 16th-17esimo secolo il Convento ebbe un'importanza strategica e partecipò a diverse battaglie. È stato nuovamente aperto in 1993.
  • Convento Pokrovskii Khot'kov (femmina); Vicino alla città di Khot'kov. Fondato in 1308. San Sergio di Radonez è diventato un monaco qui. Ci sono quattro diverse icone della Madre di Dio custodite nella Cattedrale del Velo Protettivo (1810).
  • Monastero Iosifo-Volotskii; Vicino alla città di Volokalamsk. Fondato dal miracolo che operava San Giuseppe di Volotsk in 1479.
  • Monastero di Nikolo-Ugreshskii; Vicino alla città di Dzerzhinsky. Fondata dal principe Dmitrii Donskoi in 1381. Principale oggetto di culto era l'icona miracolosa di San Nicola, creata in 1380. La grande cattedrale di San Nicola, costruita nel 14esimo secolo, fu distrutta in 1940. Ora la chiesa principale è la Cattedrale della Trasfigurazione (1880-1894).
  • Ferapontov Luzhetskii Mozhaiskii Monastery; Vicino alla città di Mozhaisk. Fondata da St. Ferapont in 1398. Principale oggetto di culto era la reliquia della reliquia di San Feraponte. La Cattedrale della Natività della Madre di Dio fu costruita nel 16esimo secolo). Aperto di nuovo in 1993.
  • Monastero Vysotskii Serpukhovskoi; Vicino alla città di Serpukhov. Il posto per il monastero fu scelto da San Sergio di Radonezh. Nel 16esimo secolo il monastero fu molto favorito dagli zar russi che fecero grandi donazioni. La cattedrale della Concezione della Vergine fu costruita nel 16esimo secolo.
  • Monastero Svyato-Ekaterinenskii; Vicino alla città di Vidnoe. Fondata dallo zar Alexey Mikhailovich in 1658. Durante il periodo sovietico il monastero fu usato come prigione ma è stato rianimato da 1992.
  • Monastero di Uspenskii Svenskii; In Bryanskoblast. Fondata in 1288 da Chernigov, il principe romano Mikhailovich. Una leggenda dice che era cieco e ha recuperato la vista di fronte all'icona della Madonna di Pechyora. In quel luogo ha fondato il monastero. L'edificio principale è la Chiesa della Candelora (1679). La Cattedrale dell'Assunzione è stata distrutta durante l'epoca sovietica, ma è in fase di ricostruzione.
  • Monastero Ioanno-Bogoslovskii; Nella regione di Ryazan. Fondato nel XVI secolo. Il monastero aveva la famosa icona di San Giovanni di Dio che prevenne il colera in 1848 e 1892, fermò un incendio nel villaggio di Poshchupovo e guarì molti pellegrini. L'edificio principale è la Cattedrale di San Giovanni di Dio (1689). Aperto di nuovo in 1989.
  • Convento Svyato-Bogorodichnyi Shcheglovskii (femmina); Nella città di Tula. Fondato in 1868. I principali oggetti di culto erano le reliquie di San Panteleimon, di S. Evfimii, di S. Ignatii e di S. Akakii, un pezzo della Vera Croce e l'icona della Madre di Dio.
  • Monastero Spaso-Yakovlevskii Dmitriev Rostovskii; Vicino alla città di Rostov. Fondato in 1389 da St. Jacob. I principali oggetti di culto erano reliquie di San Giacomo e di San Dmitri di Rostov. L'edificio principale è la Cattedrale della Concezione della Vergine (1686).
  • Monastero Svayto-Danilov; Primo monastero a Mosca. Fondata dal principe di Mosca St. Daniil in 1282.
  • Svyato-Troitskaya Aleksandro-Nevskaya Lavra; A San Pietroburgo. Fondato da Peter I il grande in 1710. Principale oggetto di culto è la reliquia di Sant'Alessandro Nevskii. Molti straordinari russi sono sepolti nel territorio del monastero. La chiesa più grande è St. Trinity Cathedral (1786).
Le informazioni su questi monasteri sono state prese da:

www.radrad.ru/new/sheduleInfo.asp


Pellegrini che bevono e salvano l'acqua santa, monastero di Sergiev Posad



Pellegrini che bevono e salvano l'acqua santa, monastero di Sergiev Posad
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.