Basilica di San Servazio, Maastricht

Basilica di San Servazio, Maastricht
Basilica di San Servazio, Maastricht (Ingrandire)

La Basilica di San Servazio è una chiesa cattolica romana dedicata a San Servazio, nella città di Maastricht, nei Paesi Bassi. La chiesa architettonicamente ibrida, ma principalmente romanica, si trova accanto alla chiesa gotica di San Giovanni, che si affaccia sulla piazza principale della città.

La chiesa attuale è probabilmente la quarta chiesa costruita sul luogo della tomba di San Servazio, un missionario armeno che era vescovo di Tongeren e morto presumibilmente in 384 a Maastricht. Una grande chiesa in pietra costruita intorno a 570 sostituì una piccola cappella commemorativa sulla tomba del santo. Questa chiesa fu sostituita da una chiesa più grande nel 7esimo secolo, che fu poi sostituita dalla struttura attuale, che fu costruita in più fasi per un periodo di oltre 100 anni. La navata fu costruita nella prima metà dell'11esimo secolo, il transetto nella seconda metà del secolo e il coro nel 12esimo secolo. La chiesa romanica fu costruita durante un periodo in cui il capitolo di San Servazio manteneva stretti legami con i Sacri Imperatori romani, il che si tradusse in un edificio che ha le caratteristiche di una chiesa imperiale tedesca. Alla dedicazione della chiesa di 1039 presero parte l'imperatore Enrico III e dodici vescovi. La maggior parte dei preposti medievali della chiesa erano figli delle famiglie nobili tedesche di più alto rango.

Ingresso alla Basilica di San Servazio
Ingresso alla Basilica di San Servazio (Ingrandire)

Nel corso dei secoli l'interno della chiesa subì molti cambiamenti. Nel 17esimo secolo fu demolito il coro gotico con raffigurazioni scolpite della vita di Servazio. Frammenti dello schermo 14th secolo sono stati scoperti durante i lavori di restauro di 1980s e ora sono conservati nel lapidarium della chiesa nella cripta orientale. Alla fine del 18esimo secolo, l'intero interno della chiesa era stato dipinto di bianco, le colorate vetrate medievali erano state sostituite da vetri incolori e la chiesa aveva un aspetto decisamente barocco.

Pittura dell'interno della Basilica di San Servazio
Pittura dell'interno della Basilica di San Servazio (Ingrandire)

In 1797 i rivoluzionari francesi sciolsero il capitolo e la chiesa fu usata come scuderia dai soldati. In 1804 la chiesa è diventata di nuovo una chiesa parrocchiale. Fu durante questo periodo che un danno irreparabile fu fatto agli interni della chiesa. Per ragioni liturgiche, si è ritenuto necessario abbassare il coro elevato. La sottostante cripta 11th è stata interamente demolita e la maggior parte delle capitali scolpite sono andate perse. Allo stesso modo fu demolito l'altare maggiore su cui era stata esposta la teca reliquiario di San Servazio per molti secoli. Tra 1866 e 1900 la chiesa subì importanti restauri durante i quali alcuni dei danni fatti all'inizio del secolo furono invertiti.

Nel corso dei secoli, la presenza della tomba di San Servazio nella cripta della chiesa e le numerose reliquie nel tesoro della chiesa, hanno attirato un gran numero di pellegrini. A partire dal 14 secolo (ma forse prima) un pellegrinaggio di sette anni è stato organizzato in collaborazione con la vicina cattedrale di Aquisgrana e l'abbazia di Kornelimünster, attraendo decine di migliaia di visitatori nella regione. Questo cosiddettoHeiligdomsvaart continuato fino a 1632 quando Maastricht è diventato affiliato con la Repubblica olandese. La Heiligdomsvaart fu rianimata nel 19esimo secolo e la tradizione continua fino ai nostri giorni. Il prossimo Heiligdomsvaart si svolgerà a luglio 2018.

Statua in bronzo di San Servazio
Statua in bronzo di San Servazio (Ingrandire)

Dalla donazione di un reliquiario in argento a forma di arco trionfale romano del biografo di Carlo Magno Einardo in c. 830, la chiesa ha acquisito molti tesori, molti dei quali sono ora custoditi nel tesoro. Tra i punti salienti vi sono il reliquiario del santuario e il busto reliquiario di San Servazio, la chiave, la coppa, il pastorale e la croce pettorale di San Servazio, una grande croce patriarcale, e molti altri reliquiari e vasi liturgici, oltre a un'importante collezione di avori e tessuti medievali.

Oggi la Basilica di San Servazio è la chiesa principale di Maastricht. Papa Giovanni Paolo II ha reso la chiesa una Basilica Minore durante la sua visita in 1985.

Fotografia della Basilica di San Servazio dalla vecchia cartolina
Fotografia della Basilica di San Servazio dalla vecchia cartolina postale (Ingrandire)

Adattato da https://en.wikipedia.org/wiki/Basilica_of_Saint_Servatius

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Basilica di San Servazio, Maastricht, Paesi Bassi