Isola di Pasqua

Le statue Moai dell'Isola di Pasqua (Rapa Nui)
Le statue Moai dell'Isola di Pasqua (Rapa Nui)

Uno dei siti archeologici più famosi e meno visitati al mondo, l'isola di Pasqua è un'isola vulcanica di piccole dimensioni, collinosa e ora senza alberi. Situata nell'Oceano Pacifico a gradi 27 a sud dell'equatore e alcune miglia 2200 (3600 chilometri) al largo della costa del Cile, è considerata l'isola abitata più remota del mondo. Sessantatre miglia quadrate e con tre vulcani estinti (il più alto dei piedi 1674), l'isola è, tecnicamente parlando, un singolo enorme vulcano che si eleva a oltre diecimila metri dal fondo dell'Oceano Pacifico. Il più antico nome tradizionale conosciuto dell'isola è Te Pito o Te Henua, che significa "Il centro (o l'ombelico) del mondo". Nei marinai tahitiani di 1860 ha dato il nome all'isola Rapa Nui, che significa "Grande Rapa", a causa della sua somiglianza con un'altra isola della Polinesia chiamata Rapa Iti, che significa "Piccola Rapa". L'isola ha ricevuto il suo nome attuale più noto, Isola di Pasqua, dal capitano di mare olandese Jacob Roggeveen che è diventato il primo europeo a visitare la domenica di Pasqua, 5, 1722.

Nei primi 1950s, l'esploratore norvegese Thor Heyerdahl (famoso per il suo Kon-Tiki e Ra i viaggi in zattera attraverso gli oceani) rese popolare l'idea che l'isola fosse stata originariamente colonizzata da società avanzate di indiani della costa del Sud America. L'ampia ricerca archeologica, etnografica e linguistica ha definitivamente dimostrato che questa ipotesi è inaccurata. Si ritiene ora probabile che gli abitanti originari dell'Isola di Pasqua siano di razza polinesiana (gli estratti di DNA da scheletri lo hanno confermato), che molto probabilmente provenivano dalle isole Marchesi o della Società, e che arrivarono fin da 318 AD (datazione al carbonio di canne da una tomba lo conferma). Si stima che i coloni originari, che potrebbero essere stati persi in mare, siano arrivati ​​in poche canoe e siano stati numerati meno di 100. Al momento del loro arrivo, gran parte dell'isola era boscosa, brulicava di uccelli terrestri ed era forse il sito di riproduzione più produttivo per gli uccelli marini nella regione della Polinesia. A causa dell'abbondanza di cibo per uccelli, pesci e piante, la popolazione umana crebbe e generò una ricca cultura religiosa e artistica.

Le caratteristiche più famose di questa cultura sono le enormi statue di pietra chiamate moai, almeno 288 di cui una volta si ergeva su enormi piattaforme di pietra chiamate ahu. Ci sono alcuni 250 di questi ahu piattaforme distanti circa mezzo miglio l'una dall'altra e creando una linea quasi ininterrotta attorno al perimetro dell'isola. Un altro 600 moai statue, in varie fasi di completamento, sono sparse per l'isola, sia in cave o lungo antiche strade tra le cave e le aree costiere dove le statue sono state più spesso erette. Quasi tutti i moai sono scolpiti dalla dura pietra del vulcano Rano Raraku. La statua media è 14 piedi, 6 pollici di altezza e pesa 14 tonnellate. Alcuni moai erano grandi come i piedini 33 e pesavano più di 80 tonnellate (una statua estratta solo parzialmente dal substrato roccioso era lunga 65 e avrebbe pesato una stima di tonnellate 270). A seconda delle dimensioni delle statue, è stato stimato che tra 50 e 150 fossero necessarie persone per trascinarle attraverso la campagna su slitte e rulli fatti dagli alberi dell'isola.

Statue Moai dell'Isola di Pasqua
Statue Moai, Isola di Pasqua

Il sito Paschalococos disperta e il Saphora Toromiro erano una volta gli alberi più abbondanti dell'isola ei campioni di sedimenti risalenti a 200 AD indicano un'abbondanza di polline da entrambi gli alberi nel biota dell'isola in quel momento. Il Paschalococos disperta avere una sorprendente somiglianza con i sopravvissuti Jubaea chilensis, la palma da vino cilena, che cresce fino a ottanta metri di altezza e sei piedi di diametro. Quindi il Paschalococos disperta I tronchi di palma sono i candidati più probabili per la soluzione al trasporto degli enormi moai dalla loro posizione di scultoreo al vulcano Rano Raraku alle numerose località in cui sono stati eretti intorno all'isola. Questi alberi erano anche importanti per gli isolani per il combustibile e per la costruzione di case e canoe per la pesca oceanica.

Il sito moai e ahu erano in uso già nell'AD 500, la maggior parte è stata scolpita ed eretta tra AD 1000 e 1650, ed erano ancora in piedi quando Jacob Roggeveen visitò l'isola in 1722. Ricerche recenti hanno dimostrato che alcuni siti di statue, in particolare quelli più importanti, sono grandiosi ahu piattaforme, sono stati periodicamente smantellati e ricomposti con statue sempre più grandi. Un piccolo numero di moai una volta erano ricoperti da "corone" o "cappelli" di pietra vulcanica rossa. Il significato e lo scopo di queste lapstones non è noto, ma gli archeologi hanno suggerito che il moai così marcati erano di significato rituale pan-isola o forse sacro per un particolare clan.

Gli studiosi non sono in grado di spiegare definitivamente la funzione e l'uso del moai statue. Si presume che la loro scultura e l'erezione derivino da un'idea radicata in pratiche simili trovate altrove in Polinesia, ma che si sono evolute in modo univoco sull'isola di Pasqua. L'analisi archeologica e iconografica indica che il culto della statua era basato su un'ideologia dell'autorità maschile basata sul lignaggio che incorpora il simbolismo antropomorfico. Le statue erano quindi simboli di autorità e potere, sia religiosi che politici. Ma non erano solo simboli. Per le persone che li hanno costruiti e usati, erano veri e propri depositi dello spirito sacro. Oggetti di pietra e di legno scolpiti in antiche religioni polinesiane, quando erano correttamente modellati e ritualmente preparati, erano ritenuti carichi di un'essenza spirituale magica chiamata mana. Il sito ahu le piattaforme dell'Isola di Pasqua erano i santuari del popolo di Rapa Nui, e il moai le statue erano gli oggetti sacri ritualmente caricati di quei santuari. Mentre le statue sono state rovesciate e riemerse nel corso dei secoli, il mana o la presenza spirituale di Rapa Nui è ancora fortemente presente al ahu siti e in cima ai sacri vulcani.

Il mistero circonda lo scopo del ahu piattaforme e moai statue, ma misteri ancora più sconcertanti hanno cominciato a emergere dalla ricerca di studiosi fuori dai confini dell'archeologia convenzionale. Come accennato in precedenza, gli archeologi ortodossi ipotizzano che l'Isola di Pasqua sia stata inizialmente stabilita intorno al 320 AD da un piccolo gruppo di polinesiani persi in mare aperto. Altri studiosi, tuttavia, hanno suggerito che la piccola isola potrebbe essere stata parte di un'isola più grande la cui scoperta e uso originari potrebbero essere diverse migliaia di anni prima nel tempo (è noto, per esempio, che i melanesiani stavano viaggiando intorno al Pacifico in barche fin da 5500 BC).

Tre ricercatori in particolare, Graham Hancock, Colin Wilson e Rand Flem-Ath, ritengono che l'Isola di Pasqua fosse un nodo importante in una griglia globale di geografia sacra che precede le grandi inondazioni dei tempi arcaici. L'isola di Pasqua, scrive Graham Hancock, fa parte di una massiccia scarpata sotterranea chiamata East Pacific Rise, che raggiunge quasi la superficie in diversi punti. Dodicimila anni fa, quando la grande calotta glaciale dell'ultima glaciazione era ancora in gran parte inesplorata, e il livello del mare era di metri 100 più basso di quello che è oggi, il Rise avrebbe formato una catena di ripide e anguste isole antidiluviane, purché La catena montuosa delle Ande ". A quel tempo, la terra che ora chiamiamo Isola di Pasqua sarebbe stata semplicemente la vetta più alta di un'isola molto più grande. Gli umani viaggiavano in queste zone in quel momento e quindi si sarebbero stabiliti in vari posti, compresa quella che ora è l'isola dell'Isola di Pasqua.

Oltre al suo nome più noto di Rapa Nui, l'isola di Pasqua è anche conosciuta come Te-Pito-O-Te-Henua, che significa "L'ombelico del mondo", e come Mata-Ki-Te-Rani, che significa "Occhi che guardano il cielo". Questi antichi nomi e una miriade di dettagli mitologici ignorati dagli archeologi tradizionali, indicano la possibilità che l'isola remota possa essere stata un tempo un contrassegno geodetico e il sito di un osservatorio astronomico di una civiltà da tempo dimenticata. Le speculazioni su questa oscura cultura antidiluviana comprendono l'idea che i suoi marinai avessero tracciato gli oceani del mondo, che i suoi astronomi possedessero una conoscenza sofisticata di cicli astronomici a lungo termine come la precessione e le orbite cometarie e che i suoi storici avessero documentazione dei precedenti cataclismi globali e della distruzione hanno causato di civiltà ancora più antiche.

Nel suo libro, Lo specchio del cielo, Hancock suggerisce che l'Isola di Pasqua potrebbe essere stata un importante avamposto scientifico di questa civiltà antidiluviana e che la sua posizione aveva un'importanza estrema in una griglia di siti sacri che si estendeva su un pianeta, matematicamente preciso. Egli scrive: "L'esistenza stessa di una griglia del mondo così antica è stata strenuamente respinta dagli archeologi e dagli storici tradizionali - come, naturalmente, hanno tutti i tentativi di mettere in relazione siti conosciuti con esso. Tuttavia, le tracce certe della conoscenza astronomica perduta che si vedono sull'isola di Pasqua, e gli echi ricorrenti di antichi temi spirituali e cosmologici egizi, mettono in dubbio la spiegazione accademica che il nome strano 'Navel of the World' è stato adottato per puro ragioni 'poetiche e descrittive'. Sospettiamo che Te-Pito-O-Te-Henua possa essere stato originariamente selezionato per l'insediamento, e dato il suo nome, interamente a causa della sua posizione geodetica. "" Quello che stiamo suggerendo quindi è che l'Isola di Pasqua potrebbe essere stata originariamente stabilita in per servire come una sorta di faro geodetico, o indicatore, che soddisfa qualcuno che non ha ancora funzionato in un antico sistema globale di coordinate celesti che collegava molti cosiddetti 'ombelichi del mondo' ".

Altri due studiosi alternativi, Christopher Knight e Robert Lomas, hanno studiato approfonditamente la posizione e la possibile funzione di questi indicatori geodetici. Nel loro affascinante libro, La macchina di Uriel, suggeriscono che uno degli scopi dei marcatori geodetici era come parte di una rete globale di sofisticati osservatori astronomici dedicati a predire e preparare i futuri impatti cometari e cataclismi di dislocamento crostale. Le grandi inondazioni dei miti arcaici non sono il risultato dello scioglimento delle calotte glaciali tra 13,000 e 8000 BC, ma piuttosto di due grandi cataclismi causati da oggetti cosmici e cometari che colpiscono l'intero pianeta. Questi cataclismi furono 1) il passaggio di un enorme oggetto cosmico di dimensioni lunari e un successivo spostamento crostale su tutto il pianeta in 9600 BC e 2) i sette impatti cometari di 7640 BC che provocarono le onde massicce (3- 5 miglia alte, viaggiando a oltre 400 miglia all'ora per distanze superiori a 2000 miglia), attività vulcanica e altri eventi terrestri e climatologici registrati nei miti di tutto il pianeta. Prima di questi eventi cataclismici, tuttavia, in quella che è comunemente chiamata la tarda era paleolitica, una civiltà marittima potrebbe essere esistita con città situate lungo le coste che ora sono sommerse sotto i mari.

Le statue Moai di Rapa Nui
Statue Moai, Isola di Pasqua

Il declino della cultura sull'isola di Pasqua
Negli ultimi decenni varie teorie sono state suggerite per il rapido declino della notevole cultura dell'isola di Pasqua. Jared Diamond nel suo eccellente libro Collapse: come le società scelgono di fallire o sopravvivere Spiega che alcuni secoli dopo la colonizzazione iniziale dell'isola di Pasqua, i bisogni di risorse della popolazione in crescita avevano cominciato a superare la capacità dell'isola di rinnovarsi ecologicamente. Con gli 1400, le foreste erano state interamente tagliate, la ricca copertura del terreno si era erosa, le sorgenti si erano prosciugate e gli immensi stormi di uccelli che venivano a posarsi sull'isola erano scomparsi. Senza tronchi per costruire le canoe necessarie per la pesca in mare aperto, con risorse di uccelli e fauna selvatica impoverito, e con la diminuzione dei raccolti a causa dell'erosione del buon terreno, l'apporto nutrizionale delle persone è crollato. La prima carestia, poi il cannibalismo, iniziò. Poiché l'isola non poteva più nutrire i capi, i burocrati e i preti che mantenevano in funzione la società complessa, il caos risultante innescò un collasso sociale e culturale. Con 1700 la popolazione scese tra un quarto e un decimo del suo precedente numero e molte delle statue furono rovesciate durante presunte "guerre di clan" di 1600 e 1700. Tutto questo è successo prima che arrivassero gli europei.

Dopo che sono arrivati, le cose sono andate ancora peggio. Per comprendere appieno l'enorme devastazione sociale che si è verificata sull'isola di Pasqua, è fondamentale riconoscere che è stata una conseguenza di due questioni separate: il degrado ambientale pre-europeo e il conseguente collasso culturale e il comportamento inumano di molti dei primi visitatori europei, in particolare gli schiavisti che hanno violentato e assassinato gli isolani, ha introdotto il vaiolo e altre malattie e ha brutalmente rimosso i nativi nel continente sudamericano. I lettori interessati a informazioni più dettagliate sulle cause della devastazione ecologica dell'isola di Pasqua, sulla sua cosiddetta guerra civile e sul genocidio causato dagli schiavisti europei apprezzeranno l'articolo, Dal genocidio all'ecocidio: il ratto di Rapa Nui, scritto da Benny Peiser.

Ricerca recente:
Nuove scoperte indicano che i nativi americani avevano visitato l'isola di Pasqua prima che Colombo salpasse per le Americhe. Lo studio, I modelli di antenati su tutto il genoma in Rapanui suggeriscono la mescolanza pre-europea con i nativi americani, è stato condotto da un gruppo di genetisti del Museo di storia naturale della Danimarca e pubblicato sulla rivista Current Biology a novembre 3, 2014. Gli scienziati hanno analizzato i marcatori genetici per Rapanui nativo di 27 (isolani di Pasqua) e hanno determinato che il 10 percentuale del loro mix genetico proveniva da indiani americani, mentre il 75 percentuale era polinesiano e 15 percentuale era europeo. I coautori dello studio, Eske Willerslev e Anna-Sapfo Malaspina, sostengono che questa prova supporta la possibilità di un contatto nativo americano prima della 'scoperta' europea dell'isola in AD 1722, in particolare l'incrocio tra Rapa Nui e nativi in Sud America si è verificato all'incirca tra 1300 e 1500, o 19 a 23 generazioni fa.

Un'altra questione interessante è che recenti studi sul DNA delle patate dolci sembrano confermare che i Polinesiani lo avevano coltivato prima del contatto con gli europei, una forte prova del contatto tra la Polinesia e l'Indiano Americano. Uno studio 2013 di un team francese, guidato da Caroline Roullier e Vincent Lebot, nel Atti della National Academy of Sciences, ha analizzato il DNA delle patate dolci raccolte durante i viaggi di James Cook (che ha navigato nel Pacifico negli anni 1768-1779). Usando questi esemplari precoci e quindi non contaminati, i ricercatori hanno sostenuto che i loro "risultati forniscono un forte supporto per il trasferimento (i) preistorico di patata dolce dal Sud America (regione Perù-Ecuador) in Polinesia".

Per ulteriori informazioni:





Isola di Pasqua

l'isola di pasqua del Cile delle americhe dell'Asia