Bayazid Bostami, Chittagong

Ingresso al santuario di Bayazid Bostami, Chittagón
Ingresso al santuario di Bayazid Bostami, Chittagong (Ingrandire)

Situato nella città di Chittagong, il santuario di Bayazid Bostami è uno dei due santuari sufi più venerati nel paese del Bangladesh (l'altro è Hazrat Shah Jalal a Sylhet). Conosciuto anche come Sultan-ul-Arefin (Re degli gnostici), Bayazid Bostami nacque a 804 nella città di Bostam, in Iran. È morto in 874 ed è probabilmente sepolto a Bistam, in Iran. Benché si sappia molto poco dei suoi primi anni, i rapporti biografici lo ritraggono come un vagabondo, un insegnante e un mistico profondamente innamorato del divino. Fu uno dei pionieri di quella che in seguito divenne nota come la scuola "estatica" del misticismo islamico ed è onorato nel lignaggio di una delle più grandi confraternite sufi, l'ordine Naqshbandi. Prima di lui il percorso sufi era basato principalmente sulla pietà e l'obbedienza e ha svolto un ruolo importante nel porre il concetto di amore divino al centro del sufismo.

Sebbene non ci siano registrazioni storiche di Bayazid Bostami che abbia visitato Chittagong, è plausibile che sia lui che i suoi seguaci lo abbiano fatto nel mezzo del 9esimo secolo poiché Chittagong era un importante porto sulla rotta della seta meridionale che collegava l'India, la Cina e il Medio Oriente . Il complesso del santuario Bayazid Bostami è costituito dalla tomba di Bostami, che è stata racchiusa in una struttura moderna, un'antica moschea che si ritiene risalga al tempo dell'ultimo grande imperatore Mughal, Aurangzeb (1658-1707), e uno stagno con molte tartarughe sacre . Mentre i locali riconoscono che il corpo di Bayazid Bostami non è sepolto lì, la tomba, attribuita a lui come a Jawab o imitazione, è nondimeno l'oggetto di venerazione per le molte migliaia di pellegrini che vi si recano ogni anno.

Lo stagno, conosciuto localmente come Bayazid Bostami Pukur, è la patria di 300-400 rare e in via di estinzione tartarughe a guscio morbido di acqua dolce conosciute come Bostami Kasim (Aspideretes nigricans). La gente di Chittagong chiama queste tartarughe Gadali-Madali e credono di essere creature soprannaturali che non hanno obbedito all'ordine di Bayazid Bostami e hanno preso questa forma dopo averlo fatto arrabbiare. Si dice che queste tartarughe siano destinate a trascorrere l'eternità nello stagno. Questo parto, tuttavia, non è un disagio per le tartarughe. Oltre ad essere curati e protetti dalle autorità dei santuari, vengono alimentati dai visitatori banane, riso e verdure. Le tartarughe sono talmente abituate alla presenza di persone che si radunano su una piattaforma quando vengono chiamate, ognuna che allunga il collo per ricevere cibo.

Pellegrino al santuario di Bayazid Bostami, Chittagong
Pellegrino al santuario di Bayazid Bostami, Chittagong (Ingrandire)
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Bayazid Bostami, Bangladesh