Bhabanipur Shakti Pitha

Statua della dea Bhabani, Bhabanipur Shakti Pitha
Statua della dea Bhabani, Bhabanipur Shakti Pitha (Ingrandire)

Situato a circa 20 miglia a sud della città di Bogra, il complesso del tempio di Bhabanipur è uno dei siti di pellegrinaggio indù più visitati in Bangladesh. Circondato da un muro di cinta e quattro acri di dimensioni, il complesso presenta uno dei cinque siti della dea Shakti Pitha in Bangladesh, diversi templi di Shiva e il sacro Shakha-Pukur stagno.

Il tempio di Bhabanipur Shakti Pitha è dedicato alla dea Bhabani, una forma della dea Durga. Si dice che il bracciale alla caviglia sinistro di Shakti sia caduto in questo sito, anche se alcune fonti sostengono che sia il suo occhio destro o le costole di sinistra. La forma di Shakti è alternativamente chiamata Bhavani, Arpana o Tara, e questa divinità ha diverse leggende associate ad essa. etimologicamente, Bhavani significa colui che governa l'universo, Arpana significa colui che è dedicato a Shiva, e Tara si dice che sia la forma più feroce di Durga.

Una leggenda popolare è associata al santo Shakha Pukur stagno. Un venditore ambulante di gioielli stava passando vicino al tempio quando incontrò una bambina che acquistò dei braccialetti per i polsi (braccialetti a conchiglia). Dicendo che era la figlia della famiglia reale dei Rajshahi, la ragazza ordinò al venditore di riscuotere il pagamento da Rani Bhavani, la regina. Quando Rani Bhavani ha sentito parlare di questo incidente, è andata allo stagno, perché all'epoca non c'erano bambine nella famiglia reale.

Pregò la dea Bhabani che si alzò dallo stagno indossando i braccialetti acquistati dalla ragazza. Una versione alternativa della storia racconta che la Regina nuotò sotto la superficie dello stagno, sollevandosi dall'acqua con i braccialetti ai polsi, portando coloro che assisteranno all'evento a dichiararla divina. Ad oggi, i devoti si immergono nello stagno Shakha-Pukur (conchiglia) come parte dei loro rituali di pellegrinaggio.

Gli altri quattro templi Shakti Pitha in Bangladesh sono Jessoreswari a Ishwaripur, Chandranath a Sitakunda, Shri Shail a Joinpur e Sugandha a Shikarpur.

Statua della dea Bhabani, Bhabanipur Shakti Pitha
Statua della dea Bhabani, Bhabanipur Shakti Pitha (Ingrandire)

La leggenda Shakti Pitha: siti di guarigione della dea

I principali luoghi sacri della dea in India sono noti come Shakti Pitha e sono elencati in diversi testi come 4, 18, 51 o 108 in numero, ognuno di questi siti è associato a una particolare parte del corpo di Shakti. Un'affascinante leggenda dà un'idea dei miracolosi poteri di guarigione degli Shakti Pitha.

Shakti era la figlia del re Daksa e della regina Prasuti. Era anche la moglie di Shiva, che il re Daksa non amava essere un asceta rude e sposare Shakti contro i suoi desideri. Il re Daksa ha tenuto una volta una grande cerimonia, chiamata a yagna, a cui non ha invitato né sua figlia né il genero Shiva. Shakti è stato offeso da questo leggero e ha partecipato alla cerimonia non invitato. Insultata da Daksa, si è tolta la vita immolandosi nel fuoco cerimoniale. Udendo questa notizia, Shiva si affrettò verso la casa di Daksa, che decapitò, e poi cominciò a interrompere la cerimonia e reclamare il corpo di sua moglie.
Poiché l'ostruzione della cerimonia yagna avrebbe creato devastazione e gravi effetti negativi sulla natura, gli dei Brahma e Vishnu si appellarono a Shiva, afflitto dal dolore, chiedendo che permettesse che la cerimonia fosse completata. Shiva obbedì e appose anche la testa del montone usato nella cerimonia al corpo decapitato di Daksha. Ritornato alla vita, Daksha si scusò con Shiva e implorò clemenza dal Parabrahman (il Supremo Onnipotente che è senza forma) che lo informò che Shiva era in realtà una manifestazione di Parabrahman. Daksha divenne quindi un grande devoto di Shiva.

Shiva porta il corpo di Shakti mentre fa la danza selvaggia Tandava attraverso l'universo. Scavando sul muro esterno del tempio, Bhabanipur Shakti Pitha
Shiva porta il corpo di Shakti mentre fa la danza selvaggia Tandava attraverso l'universo. Scavando sul muro esterno del tempio, Bhabanipur Shakti Pitha (Ingrandire)

Ancora inconsolabile per la perdita della sua amata moglie, tuttavia, Shiva appoggiò il suo corpo sulla sua spalla e cominciò il Tandava, una danza folle attraverso l'universo. Per frenare Shiva e proteggere l'universo dalla distruzione, Vishnu gettò il suo discus (o sparò frecce in alcuni racconti) per smembrare il corpo di Shakti arto per arto (altre fonti dicono che entrò nel corpo di Sati con lo yoga e tagliò il cadavere in diversi pezzi ). Quando Shiva fu così privato del corpo, cessò la sua danza pazza. Le parti del corpo di Shakti (o dei suoi gioielli) caddero dalle spalle di Shiva alla terra e i luoghi in cui erano sbarcati divennero i luoghi dei sacri santuari di Shakti Pitha. Per innumerevoli secoli questi siti sono stati visitati da donne che hanno disturbi in certe parti del loro corpo - ogni tempio che consacra una particolare parte del corpo di Shakti è ritenuto avere la capacità miracolosa di guarire quella stessa parte del corpo di una donna. In tutti i templi Shakti Pitha, la Dea Shakti è anche accompagnata dal suo consorte Lord Bhairava, una manifestazione del Signore Shiva.

Degno di nota è la posizione geografica dei templi Shakti Pitha. Vi è una concentrazione considerevolmente più alta di questi templi nella parte orientale dell'India, in particolare nel nord-est. Circa quaranta per cento dei templi si trovano in questa regione, che può forse essere chiamata il cuore del culto della dea in India. La storia del popolamento dell'India suggerisce che la popolazione aborigena e i suoi culti della dea si spostarono più a est seguendo l'invasione ariana nel nord-ovest iniziando da 1500 BCE, sia che venissero espulsi forzatamente o che volessero migrare in cerca di luoghi più sicuri. Notevole è anche il fatto che quasi tutti i templi Shakti Pitha sono strettamente associati agli oggetti naturali; la maggior parte dei santuari si trova in cima a una collina o in cima a una montagna o in altri luoghi sopraelevati.

Alcuni studiosi hanno notato che le tempie 51 Shakti Pitha possono essere collegate alle lettere 51 nell'alfabeto sanscrito. Un'altra serie di santuari 108 della dea è menzionata nei testi e ha una significativa importanza simbolica nei sistemi astronomici e astrologici vedici. Il numero 108 è il prodotto di 12 months e 9 zodiacs, il prodotto delle varietà 36 di divinità e dei regni mitici 3, e il prodotto delle dimore lunari 27 e delle direzioni 4.

Su questi si possono trovare i nomi e le posizioni delle Shakti Pitha wikipedia e Tempio Purohit pagine. I lettori interessati a saperne di più su questi luoghi possono consultare libri di Bagchi, Housden, Morinis, Sastri e Sircar elencati nel Bibliografia. Viene fornito un elenco di 51 Shakti Pithas Viaggia attraverso l'India sacra di Roger Housden, e le indicazioni per i santuari si possono trovare nella guida intitolata India: una guida praticadi John Howley.

 

Elenco e posizioni dei siti Shakti Pitha:

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Bhabanipur Shakti Pitha, Bangladesh