Hazrat Shah Jalal, Sylhet

Cancello d'ingresso di Hazrat Shah Jalal, Sylhet, Bangladesh
Cancello d'ingresso di Hazrat Shah Jalal, Sylhet, Bangladesh (Ingrandire)

Shah Jalal ad-Din al-Mujarrad al Naqshbandi, popolarmente noto come Hazrat Shah Jalal (1271 - 1346) è un santo sufi molto amato in Bangladesh. Nato Shaikh Makhdum Jalal ad-Deen bin Mohammed, in seguito fu rinominato affettuosamente Shaikh-ul-Mashaikh Hazrat Shah Jalal al-Mujarrad (l'ultimo nome che significa "lo scapolo", a causa del suo celibato).

La data e il luogo di nascita di Shah Jalal non sono chiari. Varie tradizioni e folklore suggeriscono diverse possibilità. Un certo numero di studiosi sostiene che sia nato in 1271 a Konya, Turchia, figlio di un religioso musulmano turco, che era un contemporaneo del famoso poeta persiano e santo Sufi Rumi. Shah Jalal è stato educato e cresciuto dal suo zio materno, Syed Ahmed Kabir, in La Mecca. Ha eccelso nei suoi studi, è diventato un Hafiz (colui che ha commesso il Corano a memoria) e raggiunto Kamaliyat (perfezione spirituale) dopo 30 anni di apprendimento e meditazione. La sua biografia fu registrata per la prima volta a metà del 16 secolo da Shaikh 'Ali (morto 1562), un discendente di uno dei compagni di Shah Jalal. Secondo il racconto di Shaikh 'Ali, Shah Jalal è nato a Turkestan in Asia centrale, dove divenne un discepolo spirituale di Saiyid Ahmad Yasawi, uno dei fondatori della tradizione sufi dell'Asia centrale.

Secondo la leggenda, un giorno Syed Ahmed Kabir ha dato a suo nipote Shah Jalal una manciata di terra e gli ha detto di viaggiare in India, cercando un posto dove iniziare l'introduzione dell'Islam dove il terreno era dello stesso colore. Shah Jalal viaggiò verso est, incontrando diversi studiosi sufi lungo la strada, e arrivò a Sylhet (nell'odierna Bangladesh) in 1303. Durante gli anni successivi, Shah Jalal si dedicò alla propagazione dell'Islam e divenne così famoso che il famoso viaggiatore Ibn Battuta (1304-1369) venne a incontrarlo in 1345. Ibn Battuta notò che Shah Jalal viveva in una grotta, dove il suo unico oggetto di valore era una capra che teneva per il latte e che molte persone lo visitavano per chiedere aiuto. Scrivendo di Shah Jalal nel suo diario di viaggio, il Rihla (Il viaggio) Ibn Battuta dice:

"fu annoverato tra i principali santi e fu uno degli uomini più singolari. Aveva compiuto molti atti degni di nota e compiuto molti celebri miracoli. Era solito rimanere in piedi (in preghiera) per tutta la notte. Gli abitanti di queste montagne hanno ricevuto l'Islam dalle sue mani, ed è per questo motivo che è rimasto in mezzo a loro ".

La data esatta della morte di Shah Jalal è discussa, ma Ibn Battuta afferma che è morto a marzo 15, 1346. Non ha lasciato discendenti e fu sepolto a Sylhet in a dargah (Santuario della tomba), che si trova in un quartiere ora conosciuto come Dargah Mahalla. Il suo santuario è famoso in tutto il Bangladesh, con decine di migliaia di devoti che visitano ogni anno. Di sera, le candele illuminano la tomba e all'esterno del santuario ci sono due grandi stagni, uno pieno di pesce gatto e l'altro con pesci d'oro, entrambi considerati sacri.

Il nome di Shah Jalal è fortemente associato alla diffusione dell'Islam in Bangladesh e il più grande aeroporto del paese, Hazrat Shah Jalal International, porta il suo nome. Non lontano dal santuario di Shah Jalal si trova il santuario di Shah Paran, che si ritiene sia il nipote di Shah Jalal.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Hazrat Shah Jalal, Sylhet