Tempio di Dhakeshwari, Dhaka

Statua della dea Durga che uccide un essere mitologico demoniaco, Tempio di Dhakeshwari, Dhaka, Bangladesh
Statua della dea Durga che uccide un mitologico demoniaco
essere, Dhakeshwari Temple, Dhaka, Bangladesh (Ingrandire)

Dhakeshwari, che significa "Dea di Dhaka" è il principale tempio indù in Bangladesh. Nell'anno 1966 iniziò a chiamarsi Dhakeshwari Jatiya Mandir, il risultato di una campagna di gruppi indù del Bangladesh che chiedevano il riconoscimento ufficiale in seguito alla dichiarazione dell'Islam come religione di stato in 1988. È di proprietà statale, dando la distinzione di essere il Tempio Nazionale del Bangladesh.
Secondo la leggenda Dhakeshwari fu costruita nel 12esimo secolo dal re Ballal Sen della dinastia Sena. Si dice che il re abbia sognato una statua della dea Durga sepolta nella giungla e dopo aver trovato la statua l'ha installata nel suo tempio come Dhakeshwari. L'attuale stile architettonico del tempio non può tuttavia essere datato al 12esimo secolo a causa dei numerosi lavori di ristrutturazione, riparazione e ricostruzione che si sono verificati nel tempo. L'attuale tempio ha duecento anni ed è stato costruito da un agente della Compagnia delle Indie Orientali, anche se molto probabilmente l'agente ha semplicemente rinnovato il tempio esistente. Si tratta di una struttura di tre stanze con una veranda di fronte e ha belle porte in legno con intagli. Nell'angolo nordorientale del complesso ci sono quattro piccoli templi di Shiva costruiti nel 16esimo secolo dal re Mansing. Il tempio di Dhakeshwari è aperto tutti i giorni e le persone di tutte le religioni sono benvenute.

Santuari di Shiva, Tempio di Dhakeshwari, Dhaka, Bangladesh
Santuari di Shiva, Tempio di Dhakeshwari, Dhaka, Bangladesh (Ingrandire)

Alcune persone considerano il tempio di Dhakeshwari come uno dei Shakti Pitha, dove era caduto il gioiello della corona della Dea Sati. Mentre la verità di ciò è sconosciuta, il tempio è stato molto venerato per molte centinaia di anni. La statua originale di Durga, risalente a 800, fu portata a Kumartuli, Kolkata nel Bengala Occidentale, in India, ma una replica di quella statua è ancora conservata a Dhakeswari.

Il Tempio di Dhakeshwari è stato gravemente danneggiato durante la 1971 Bangladesh Liberation War, e oltre la metà degli edifici del tempio sono stati distrutti. La principale sala di culto fu occupata dall'esercito pakistano e utilizzata come deposito di munizioni. Il tempio è stato ulteriormente danneggiato durante gli attacchi di mob musulmani di 1989-92. Una parte significativa della terra del tempio è stata persa a causa della legge sulla proprietà e la confisca del governo del Bangladesh, e le strutture attuali sono considerevolmente più piccole della portata storica della proprietà.

Il Tempio di Dhakeshwari è un centro di attività socio-culturali e religiose. Ogni anno, la grande celebrazione di Durga Puja (l'evento più importante del calendario indù bengalese) a Dhaka si tiene nel tempio. Diverse migliaia di fedeli e curiosi (compresi i musulmani) attraversano i locali in cui vengono offerti Prasad (cibo - di solito riso e lenticchie). Durga Puja giunge alla fine dopo cinque giorni, con gli idoli di Durga e i suoi quattro figli Lakshmi, Saraswati, Kartik e Ganesh presi in processione dal tempio per l'immersione nel fiume o nel mare. UN Bijaya Sammelani Il programma culturale si svolge nell'adiacente piazza d'armi pochi giorni dopo il completamento di Durga Puja, ed è anche un importante evento culturale nel calendario di Dhaka, attirando regolarmente alcuni dei migliori artisti della musica e dell'industria cinematografica di Dhaka.

Uno degli eventi più importanti dell'anno è la processione di Janmashthami che parte dal tempio di Dhakeshwari e procede poi per le strade della vecchia Dhaka; questo accade nel giorno del compleanno di Lord Krishna, che è anche un giorno festivo in Bangladesh e secondo solo a Durga Puja che ha importanza nel calendario bengalese. La processione risale a 1902, ma è stata fermata in 1948 in seguito all'insediamento del Pakistan e ai successivi attacchi da parte di fazioni musulmane a Dhaka. La processione è stata ripresa in 1989.

Nei secoli precedenti, i festival si svolgevano anche durante il mese di Chaitra nel complesso del tempio (nei calendari indù e tamil dell'India, Chaitra è il primo mese dell'anno, nei calendari bengalese e nepalese è considerato il mese scorso, e secondo il calendario gregoriano inizia a marzo o aprile).

Dhaka, precedentemente scritto come Dacca in inglese, è la capitale e una delle più antiche città del Bangladesh. La storia di Dhaka inizia con l'esistenza di insediamenti urbanizzati nell'area che è ora Dhaka risalente al 7 secolo EV. L'area della città era governata dal regno buddista di Kamarupa prima di passare al controllo della dinastia Sena nel 9 secolo EV. Dopo la dinastia Sena, Dhaka fu successivamente governata dai governatori turco e afgano che scendevano dal sultanato di Delhi prima dell'arrivo dei Moghul in 1608. Dopo i Mughal, gli inglesi governarono la regione per oltre 150 anni fino all'indipendenza dell'India. In 1947, Dhaka divenne la capitale della provincia del Bengala orientale sotto il dominio del Pakistan. Dopo l'indipendenza del Bangladesh in 1971, Dhaka divenne la capitale del nuovo stato.

Esistono diverse teorie sull'origine del nome Dhaka. Uno è che il nome è venuto dopo l'istituzione del tempio della Dea Dhakeshwari di Raja Ballal Sea nel 12esimo secolo. Un altro viene dal Rajatarangini testo, scritto da un brahmano del Kashmir chiamato Kalhana. Dice che la regione era originariamente conosciuta come Dhaka. La parola Dhaka si intende torre di osservazione. Bikrampur e Sonargaon - le precedenti roccaforti dei governanti del Bengala erano situate nelle vicinanze. Quindi Dacca fu probabilmente utilizzata come torre di avvistamento per le loro fortificazioni.

Statua di Shiva, Tempio di Dhakeshwari, Dacca, Bangladesh
Statua di Shiva, Tempio di Dhakeshwari, Dhaka, Bangladesh (Ingrandire)




Tempio di Dhakeshwari, Dhaka, Bangladesh