Candi Sukuh, Java

Piramide di Candi Sukuh, Java, Indonesia
Piramide di Candi Sukuh, Java, Indonesia (Ingrandire)

Situato vicino al villaggio di Berjo a un'altitudine di piedi 2990 (metri 910) sulle pendici boscose del Monte Lawu, un vulcano dormiente nel centro di Giava, il tempio di Candi Sukuh è stilisticamente diverso da qualsiasi altro in Indonesia. Probabilmente costruito nel 15esimo secolo durante gli anni di declino dell'Inmpero Indù Majapahit (1293-1527), il Candi (pronunciato Chandi) Sukuh sembra avere poco a che fare con altri templi induisti e buddisti giavanesi. Costruito con rocce vulcaniche andesitiche e che copre un'area di circa 11,000 metri quadrati, il complesso del tempio presenta tre terrazze, una notevole piramide e numerose sculture enigmatiche. Le origini dei suoi costruttori e il loro strano stile scultoreo (con figure rozze, tozze e distorte scolpite nel wayang stile trovato in East Java) rimane un mistero e sembra segnare una ricomparsa dell'animismo pre-indù che esisteva 1500 anni prima.

Due cose in particolare distinguono Candi Sukuh, che è la sua unica piramide trancata, trapazoidale, simile a quella dei Maya nello Yucatan, in Messico, e le numerose sculture enigmatiche trovate in tutto il sito.

La piramide sale a dieci metri sul retro del sito e diverse leggende sono state attribuite al suo significato e alla sua funzione. Una leggenda dice che rappresenta la montagna sacra mitologica di Meru, la dimora degli dei e degli antenati. Un altro che rappresenta Mount Mandera dove Vasuki, il re dei serpenti, permise a molti dei e demoni di usarlo come corda per estrarre l'ambrosia dell'immortalità dall'oceano di latte. Al momento non c'è nulla in cima alla piramide, ma una volta ci sono state varie sculture, altari o altre strutture. La piramide può essere scalata attraverso una scala stretta e le leggende popolari locali affermano che i passaggi sono ripidi per testare la verginità delle ragazze nella comunità. Immediatamente davanti alle scale ci sono due grandi statue di tartaruga con superfici superiori appiattite, che forse funzionano come altari per i rituali di purificazione e il culto degli antenati. Nella mitologia indù, la tartaruga simboleggia il sostegno del mondo ed è un avatar del dio Vishnu.

Piramide di Candi Sukuh, Java, Indonesia
Piramide di Candi Sukuh, Java, Indonesia (Ingrandire)

In 1815, Sir Thomas Raffles, il sovrano di Java durante 1811-1816, visitò il tempio e lo trovò in cattive condizioni. Nel suo racconto, riferisce che molte statue erano state gettate a terra e la maggior parte delle figure era stata decapitata. Questo vandalismo della cultura tradizionale è probabilmente un effetto dell'invasione islamica di Java durante il 16esimo secolo. Le tombole hanno anche trovato adiacente alle tartarughe una gigantesca statua linga (fallo) 6-piede spezzata in due pezzi. Il linga ha la caratteristica distintiva che hanno tutti i falli sul tempio; palle sotto la punta. Questi sono rappresentativi di un'usanza praticata dalle caste aristocratiche e sacerdotali dell'Impero Majapahit, dove alcuni uomini avrebbero impiantato sfere di marmo o d'oro sotto la punta del loro pene. Il linga di Candi Sukuh, che ora è esposto nel Museo Nazionale di Giacarta, ne ha quattro.

Le rovine di Candi Sukuh rappresentano anche la questione della liberazione spirituale simboleggiata da numerose sculture, rilievi e statue associate a temi tantrici sessualmente legati del subcontinente indiano. Molte di queste sculture in pietra mostrano esplicitamente genitali maschili e femminili; quindi un nome delle rovine è il "tempio erotico".

All'ingresso del sito c'è un'evidente rappresentazione del rapporto sessuale; un lingam di pietra (fallo) che entra in uno yoni (vagina). Qualunque sia il suo scopo nei tempi antichi, le coppie senza figli oggi vengono a chiedere benedizioni e pregare per i bambini. Più avanti ci sono sculture che raffigurano Bhima, il grande eroe guerriero del Mahabharata, e Narada, il messaggero degli dei, all'interno di un grembo stilizzato, e un altro che mostra Bhima che passa attraverso l'utero alla sua nascita. È importante notare che Bhima era la figura centrale di un culto della liberazione di anime durante il quindicesimo secolo e una guida spirituale che conosceva il percorso che portava alla perfezione. Altre sculture di natura erotica includono una grande statua senza testa di un uomo che afferra il suo pene eretto, una scultura di un uomo accovacciato che espone i suoi genitali e una scultura che assomiglia ad un grembo con creature mitologiche.

Scultura di metallo fucina con Bhima, Arjuna e Ganesh
Scultura di metallo forgia con Bhima, Ganesh e Arjuna (Ingrandire)

Vicino alla piramide è una scultura importante con Bhima, Arjuna e Ganesh che lavorano in una fucina di metalli. Questa scena è significativa perché nella mitologia indù-Giava il fabbro, il metalmeccanico, si crede possegga non solo l'abilità di alterare i metalli, ma anche la chiave della trascendenza spirituale. Gli Smiths attirarono i loro poteri dal dio del fuoco (che esisteva prima dell'introduzione dell'induismo) e in alcuni casi una fucina era considerata un santuario.

In questa scena particolare Bhima è il fabbro e suo fratello Arjuna sta lavorando al soffietto. Stanno forgiando una spada con fuoco purificatore, che simboleggia varie cose qui. Rappresenta il linga (fallo) e il suo fodero lo yoni (vagina), come arma rende Arjuna invincibile in battaglia, ed è un kris, l'iconico pugnale giavanese che legittimava e potenziava i governanti. Tra Bhima e Arjuna è un Ganesh danzante, il dio indù e la divinità tantrica che incarna il processo di attraversamento da uno stato all'altro. Questa è un'insolita rappresentazione di Ganesh, perché non solo balla, ma anche i suoi genitali sono esposti, c'è un rosario di ossa intorno al suo collo e tiene in mano un piccolo animale, probabilmente un cane. Questo intaglio mostra una netta somiglianza con le pratiche tantriche che si trovano nel buddismo tibetano, dove i rosari ossei e le divinità dei cani sono prominenti nei rituali di trasformazione spirituale.

Secondo lo studioso Stanley O'Connoril sollievo mostra in termini visivi la corrispondenza tra metallurgia e destino umano. La lavorazione del ferro era una metafora della trasformazione spirituale. Illustrando il processo attraverso il quale le sostanze metalliche vengono trasformate (la riduzione dei minerali, la loro purificazione e quindi la ricostituzione in acciaio), lo scultore ha mostrato la connessione tra la metallurgia e la liberazione dell'anima. Inoltre, nella scultura è la selvaggia danza energetica di Ganesh, il guardiano delle soglie, che apre una via per l'anima a un piano più alto.

I primi studi del Candi Sukuh furono condotti su 1842, 1889 e 1910. Tra 2014 e 2017 il dipartimento archeologico del governo ha condotto un'ampia ricostruzione del sito. Il tempio, originariamente costruito su una fondazione di sabbia fluviale e pietre sciolte, era stato estratto per questi materiali dalla popolazione locale e aveva iniziato ad affondare.

Grandi tartarughe di pietra alla base della piramide, Candi Sukuh, Java
Grandi tartarughe di pietra alla base della piramide, Candi Sukuh, Java (Ingrandire)

Candi Sukuh, Java Photo Gallery

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Candi Sukuh, Indonesia