Gunung Padang, Java

Gunung Padang, Java, Indonesia
Gunung Padang, Java, Indonesia (Ingrandire)

Il seguente saggio è stato preparato da Andrew Collins, un importante studioso di antiche civiltà.

Gunung Padang, nella provincia indonesiana di West Java, è considerato il più grande ed enigmatico complesso megalitico del sud-est asiatico. Situato vicino al villaggio di Karyamukti, alcune miglia 20 (30 chilometri) dalla città di Cianjur, e miglia 55 (90 chilometri) dalla capitale Giacarta, si compone di una serie di recinti di pietra rettangolari con partizioni interne, passerelle e ingressi del cancello, così come vari tumuli di roccia, tutti in rovina. Sono costruiti in andesite che forma naturalmente, cioè basaltici, pilastri o blocchi colonnari (come quelli usati nella costruzione dell'antica città di Nan Madol in Micronesia). La dimensione dei blocchi varia tra 25 centimetri e 40 centimetri in larghezza e altezza, e in media intorno a 1.5 metri di lunghezza, con un peso di circa 250 chilogrammi. Alcuni blocchi sono in realtà di dimensioni molto maggiori, con pesi che superano i chilogrammi 600.

Le varie strutture occupano cinque terrazze separate, o cortili, ciascuna collegata da scale ascendenti contrassegnate da pilastri in piedi. Queste terrazze si elevano in gradini ad un'altezza di circa 960 metri sopra il livello del mare e coprono un'area di circa 900 metri quadrati. Questi cortili sono accessibili da nord-nord-ovest tramite una scala ascendente di gradini 370, che si alza ad un angolo quasi 45º. Questo inizia nella valle sottostante, e dalla sua base alla terrazza più alta si tratta di metri 90. Ogni terrazza è posizionata l'una di fronte all'altra su una collina di nord-nord-ovest di formazione che è di natura vulcanica. Infatti, molti geologi ritengono che questa sia la fonte dei pilastri andesiti usati per creare le impostazioni di pietra, un fatto contestato alla luce delle recenti scoperte.

DATE RADIOCARBON

Il sito è stato menzionato per la prima volta in 1914, quando è apparso in Rapporten van de Oudheidkundige Dienst (ROD, "Rapporto del Dipartimento di Antichità"). Viene menzionato nuovamente in 1949, nell'ambito dell'opera dello storico olandese NJ Krom, anche se non è stato fino a 1979 che i membri del National Archaeology Research Center hanno esaminato attentamente la sua storia, l'archeologia e la geologia.

Convenzionalmente, archeologi e storici collocano la costruzione delle strutture megalitiche di Gunung Padang nell'età del bronzo, ca. 2500-1500 BC. Tuttavia, le indagini geologiche condotte nel sito da 2011 dal geologo indonesiano Danny Hilman Natawidjaja (che ha conseguito il dottorato alla Cal Tech) del Centro indonesiano per la ricerca geotecnica suggeriscono che il monumento è molto più antico, molto più antico.

Campioni di carotaggio e altri scavi esplorativi hanno scoperto che Gunung Padang è una struttura a più livelli, una fase che viene costruita sopra l'altra, con evidenza di attività sulla collina a 22,000-20,000 BC, 14,700 BC, 9,600 BC, 4700 BC e 2800 BC, la data finale è l'era delle strutture megalitiche visibili oggi. Infatti, Danny Hilman e il suo team ora credono che l'intera collina sia una piramide artificiale di incredibile antichità. Se corretto, questo lo renderebbe la struttura più antica costruita in qualsiasi parte del mondo. Le gamme di date sopra citate derivano dal test di carbonio-14 di materiali organici prelevati da campioni di carotaggio estratti da una serie di diverse profondità. Se è possibile dimostrare che le date del radiocarbonio si riferiscono all'attività umana e non sono semplicemente il risultato dell'accumulo di sedimenti naturali sui pendii collinari, è possibile che siano il risultato di popoli paleolitici che occupano o visitano un sito di grotte naturali situato nel cuore della struttura. In effetti, potrebbe essere possibile che il complesso megalitico sia stato costruito per circondare un santuario di grotte esistente di immensa antichità.

Danny è d'accordo con questa teoria. Le indagini geoelettriche, geomagnetiche e geo-radar di 3D hanno rivelato la presenza di un misuratore 10 a camera cava in larghezza, altezza e lunghezza a una profondità sotto la collina di circa 25 metri. Apparentemente ha anche due porte nel suo corridoio. Aggiunge che l'esistenza di questa presunta camera delle caverne fu l'impulso più probabile dietro la costruzione della struttura a piramide a più strati fin dall'età paleolitica superiore. Ciò è supportato dai campioni organici estratti da questa grande profondità, che hanno prodotto date di radiocarbonio nella gamma di 22,000-20,000 BC.

Un'ulteriore prova della costruzione artificiale della collina deriva dal fatto che Danny Hilman e la sua squadra hanno scoperto serie di pilastri andesiti disposti in file sotto la superficie della collina, e poiché i pilastri andesitici sono sempre creati solo verticalmente, mai in orizzontale, significa che devono formare parte di una costruzione artificiale (spesso questi pilastri colonnari andesitici, cioè basaltiche, hanno un profilo a sei lati a causa del rapido processo di raffreddamento che è coinvolto nella loro fabbricazione.

Gunung Padang, Java, Indonesia
Gunung Padang, Java, Indonesia (Ingrandire)

LA QUESTIONE DI ORIENTAMENTO

Una questione che ho cercato di esaminare con l'aiuto dell'ingegnere Rodney Hale sono state le possibili motivazioni dietro l'orientamento nord-nord-ovest di Gudung Padang. Ho sentito che se questo potesse essere stabilito con una certa certezza potrebbe fornire una migliore comprensione non solo delle credenze e delle pratiche dei suoi costruttori megalitici, ma anche della sua data di costruzione.

La prima cosa che dovemmo considerare fu la natura delle molteplici impostazioni di pietra, che sono situate su cinque terrazze o livelli separati. Erano decisamente orientati a nord-nord-ovest, o potrebbero in effetti affacciarsi verso sud-sud-est? Rodney ha rapidamente stabilito che non poteva essere il secondo, dal momento che il paesaggio si innalza considerevolmente verso sud-sudest, rendendolo una direzione di orientamento molto improbabile. Al contrario, la vista verso nord-nord-ovest è senza ostacoli, ma per una singola collina o montagna alcune miglia 6 (10 chilometri) di distanza. Questo sale ad un'altezza di circa 1040 m, che è di circa 80 metri più alto di Gunung Padang. Eppure chiaramente visibile oltre questa collina quando visto da Gunung Padang è un doppio picco stratovulcano, che porta due nomi: Gunung Pangrango (il suo picco occidentale, che sale ad un'altezza di metri 3,019) e Gunung Gede (il suo picco orientale, che sale ad un'altezza di metri 2,958). Questo si trova a una distanza di circa 15 miglia (24 miglia) dal complesso megalitico, chiaramente in vista delle impostazioni di pietra su tutte e cinque le terrazze.

Che Gunung Padang sia allineato verso i picchi di Pangrango-Gede è rafforzato dalla consapevolezza che la leggenda parla di Gunung Padang costruito da un'antica razza originariamente originaria di questo stratovulcano (comunicazione personale con Danny Hilman).

Rodney Hale ha determinato l'azimut medio del complesso megalitico di Gunung Padang come 343-344º. Questa gamma di azimut a due gradi si dirigeva verso le pendici orientali dello stratovulcano, il che era un po 'deludente poiché significava che non c'era modo di dire in modo conclusivo che Gunung Padang avesse come bersaglio l'una o l'altra delle cime del vulcano.

La questione mi ha infastidito, così sono andato insieme a Rodney per esaminare ulteriormente la questione. Entrambi eravamo d'accordo che l'orientamento nord-nord-ovest delle terrazze a gradoni di Gunung Padang doveva essere diretto verso il vulcano. Quindi guardammo di nuovo l'asse dei vari settaggi di pietra rettilinea e ci rendemmo conto che erano le strutture al livello uno, la più bassa delle cinque terrazze, che sembrava definire l'asse principale del sito. Ciò è determinato dalla collocazione di un tumulo di roccia rettangolare posizionato centralmente, e ora collassato a est del quale è un lungo percorso che termina alla base di una scala, segnata da megaliti in piedi, che sale al secondo livello. L'azimut sia del tumulo che del sentiero al suo fianco è 342º. Questo obiettivo è il picco principale di Gede, che contiene il cratere più notevole del vulcano, noto come Gumuruh. Ciò suggerisce che il tumulo situato in posizione centrale, originariamente forse una piattaforma di osservazione usata per scopi cerimoniali, fu la prima costruzione sulla terrazza, il resto delle impostazioni di pietra molto probabilmente in seguito. Poiché le altre strutture in pietra sulla terrazza inferiore mostrano un variegato assortimento di azimuth che vanno da 338-348º hanno creato un falso azimuth medio, che non ha come bersaglio nessuna delle cime del vulcano.

ERUZIONI VULCANICHE

Se tutto ciò è corretto, suggerisce che i costruttori megalitici di Gunung Padang vedevano lo stratovulcano come centrale nelle loro credenze e pratiche, e costruirono una piattaforma panoramica di pilastri andesitici per guardarlo da una distanza di sicurezza di circa miglia 15. Quindi sorge la domanda: perché concentrare le tue attenzioni su un vulcano? La risposta probabilmente sta nel fatto che il vulcano è stato periodicamente attivo negli ultimi anni 10,000, con evidenza di eruzioni intorno a 10,000 BP (prima del presente), 4,000 BP, 1,200 BP e 1,000 BP. Scoppiò anche in 1840, con varie altre eruzioni minori da quel momento. Attualmente, tuttavia, è inattivo.

Dal momento che il tumulo rettilineo sul livello più basso di Gudung Padang era diretto verso il cratere principale di Gede, o "stratocone", chiamato Gumuruh, sembrava importante determinare esattamente quando fu formata la sua caldera 1.12 mile (1.8 km). Tuttavia, i campioni organici provenienti da quattro diverse posizioni intorno al cratere hanno fornito solo date precedenti a 45,000 anni fa, il limite per una datazione accurata di Carbon-14.

È possibile che il tumulo di roccia che definisce l'asse principale di Gudung Padang sia stato costruito in seguito a una grande eruzione del cratere di Gumuruh, forse per onorare o placare una specie di spirito del fuoco o divinità che si pensa possa abitare il vulcano. Poiché le presunte eruzioni precedenti a 45,000 anni fa sono chiaramente troppo presto per avere un impatto sulla costruzione di edifici nel sito, dovremmo considerare la possibilità che seguisse l'una o l'altra delle eruzioni successive di Gede, principalmente quelle di 10,000 BP e / o 4,000 BP. Tuttavia, queste date non rientrano nelle nuove prove radiocarboniche provenienti dalle indagini geologiche eseguite a Gunung Padang, che presentano le date 22,000-22,000 BC, 14,700 BC, 9600 BC, 4700 BC e 2800 BC. Quindi non si può più dire sull'argomento in questo momento, se non supporre che possano aver avuto luogo altre eruzioni, che corrispondono all'una o all'altra data.

L'unica cosa che possiamo dire è che l'eruzione di 4,000 BP corrisponde piuttosto bene con la datazione convenzionale del complesso megalitico di Gunung Padang a ca. 2500-1500 BC (o 2800 BC secondo le recenti indagini geologiche condotte nel sito). Ciò potrebbe quindi influire sull'orientamento di alcune delle impostazioni di pietra visibili oggi. Tuttavia, questi riflettono semplicemente la fase finale della costruzione del sito e gli strati più vecchi di attività edilizia si trovano più in profondità all'interno della collina.

FUOCO E INONDAZIONE

Un altro punto di interesse è che le popolazioni indigene dell'Indonesia (come le popolazioni Bontoc e Igorot), e anche quelle delle Filippine, conservano leggende su una grande alluvione che un tempo si era sollevata e aveva consumato la terra. Solo una coppia umana è rimasta in vita, dopo aver scalato una montagna e / o riparato all'interno di una grotta di montagna. In procinto di morire per mancanza di calore, il Grande Spirito, Lumawig, i cui due figli avevano causato il consumo delle acque della terra, si recava su un'altra montagna, o altrove, sulla stessa montagna, e li accendeva. Questo brucia così intensamente e con tale ferocia che evapora l'acqua, rendendo di nuovo il mondo asciutto. A questo punto la donna è rimasta incinta, e così diventa la progenitrice della prossima razza umana, che continua a ripopolare il mondo (Perry, 1935, 96-98; Bacwaden, 1997, 3-49; e "Fuoco e alluvione: un racconto popolare di Igorot").

La connessione con un diluvio onnicomprensivo è allettante e potrebbe essere basata sulla memoria di un evento reale nella recente storia geologica. Sebbene semplicemente non ci siano abbastanza informazioni in questo account catastrofico per collegarlo a un evento specifico, non si può fare a meno di pensare all'evento di impatto del Giovane Dryas Boundary di ca. 10,900 BC. Si ritiene che questo sospetto impatto della cometa abbia provocato incendi boschivi su vasta scala, super tsunami e un lungo periodo di oscurità causato da una densa nube di cenere. Questo a sua volta ha innescato una mini glaciazione 1,300-anno conosciuta come la Dryas più giovane evento. È interessante notare che l'account catastrofico citato sopra afferma che immediatamente prima che i due figli di Lumawig facessero alzare le acque e consumassero il mondo "il cielo si oscurò".

Forse è collegato che frammenti della cometa che hanno avuto un impatto con il continente nordamericano sono stati ipotizzati per aver fatto evaporare all'istante l'acqua rinchiusa nelle calotte glaciali della regione dei Grandi Laghi. Quest'acqua sarebbe poi tornata sulla terra come pioggia torrenziale per un lungo periodo di tempo, causando notevoli inondazioni e un rapido innalzamento del livello del mare. Inoltre, l'evento di impatto Younger Dryas ha prodotto uno spesso strato di cenere, noto alla scienza come l'orizzonte di Usselo, che è stato rilevato nelle registrazioni geologiche in tutta Europa, e anche in Egitto, Asia sud-occidentale e persino in Australia. Quindi c'è motivo di sospettare che questo evento abbia avuto qualche impatto sul continente indonesiano. Forse ha anche innescato le eruzioni dello stratovulcano Pangrango-Gede.

Blocchi di fondazione in pietra di Andesite, Gunung Padang
Blocchi di fondazione in pietra di Andesite, Gunung Padang (Ingrandire)

APPASSIONARE GLI SPIRITI

Qualunque sia la base dietro questi miti catastrofici, essi forniscono una ragione adeguata dietro la venerazione del fuoco tra i costruttori megalitici dell'Indonesia, che hanno lasciato dietro di sé un'ampia varietà di scenari di pietra straordinari in tutta la regione (vedi il tomo essenziale di WJ Perry La cultura megalitica dell'Indonesia, pubblicato su 1918, anche se non fa menzione di Gunung Padang). Anche l'associazione diretta del Grande Spirito Lumawig con l'acquisizione di fuoco per conto dei sopravvissuti alle inondazioni è interessante e potrebbe riferirsi solo alle attività di un vulcano attivo al momento del cataclisma sopra menzionato. Ancora una volta, ciò avrebbe potuto influire sull'interesse mostrato dai costruttori megalitici di Gunung Padang nello stratovulcano Pangrando-Gede, abbastanza da orientare il loro intero monumento verso una delle sue vette.

Gunung Padang fu costruito in risposta a una sorta di catastrofe globale o regionale? La popolazione locale credeva di aver bisogno di placare il Grande Spirito, una sorta di forma locale di Lumawig, al fine di prevenire futuri cataclismi? Hanno associato questa divinità con le emissioni infuocate dello stratovulcano e le eruzioni periodiche?

Queste sono idee interessanti che possiamo esplorare per ottenere un'immagine migliore della funzione originale di Gunung Padang e forse anche della sua maggiore antichità. Forse uno studio delle leggende e del folclore che circondano Gunung Gede potrebbe anche pagare dividendi. Ad esempio, ho letto che:

Questo parco [vale a dire il Gunung Gede Pangrango-National Park] è circondato da antiche superstizioni e credenze. La leggenda narra che gli spiriti di Eyang Suryakencana e Prabu Siliwangi [i santi locali] custodiscano il Monte. Gede per impedirgli di scoppiare.

Solo queste affermazioni suggeriscono che in Java l'appeasement di spiriti e divinità locali è necessario per prevenire le eruzioni dello stratovulcano, una questione che non può essere disgiunta dall'orientamento di Gunung Padang nei confronti di Gunung Gede. La menzione anche di caverne in cui le persone si affollano per meditare in certi periodi dell'anno riecheggia il modo in cui i progenitori dell'attuale razza umana emersero da una grotta di montagna sulla scia dell'alluvione onnicomprensiva.

ALLINEAMENTI ASTRONOMICI?

Rodney Hale ha esaminato i potenziali allineamenti astronomici basati sull'asse proposto da Gudung Padang di 342º (cioè verso il principale cratere di Gede) e, utilizzando le date radiocarboniche proposte dalle recenti indagini geologiche, ha trovato le seguenti possibili correlazioni tra cielo e terra:

21,000 BC - ambientazione di Cassiopea.
20,000 BC - ambientazione di Polaris in Ursa Minore.
14,900 BC e ancora in 8750 BC - ambientazione di Vega in Lyra.
12,450 BC - ambientazione della stella del Cigno Deneb e l'apertura alla Great Rift della Via Lattea, o Cygnus Rift.
5200 BC to 600 BC: l'ambientazione di varie stelle appartenenti all'Orsa Maggiore * e all'Orsa Minore. Alioth in Ursa Major si adatta bene due volte in questo arco di tempo.
2800 a 2700 BC - Dubhe di Ursa Major

Il problema di tutte queste correlazioni terreno-cielo è che non hanno senso fino a quando l'esatta età di costruzione di Gudung Padang può essere stabilita con assoluta certezza. Questo può venire solo da uno scavo completo del sito, qualcosa che si spera possa rivelare la prova della cultura materiale dietro la costruzione di Gudung Padang.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Questa Tema è stato scritto da Andrew Collins, uno dei principali studiosi di antiche civiltà. http://www.andrewcollins.com/page/articles/gp.htm

Gunung Padang, Galleria fotografica Java

Gunung Padang, Java, Indonesia