Mt. Croach Patrick

Mt. Croach Patrick, Irlanda
Mt. Croach Patrick, Irlanda (Ingrandire)

Risalendo ai piedi 2510 (metri 765) vicino alla città di Westport nella contea di Mayo, il picco di quarzite di Croach Patrick era un luogo sacro pagano molto prima dell'arrivo del cristianesimo. Per i popoli celtici d'Irlanda era la dimora della divinità Crom Dubh e il principale sito del festival del raccolto di Lughnasa, tradizionalmente tenuto intorno ad agosto 1 (fino alla metà del XIX secolo solo le donne erano ammesse sulla cima durante questo pellegrinaggio e le donne senza figli avrebbero dormito sulla cima durante la vigilia di Lughnasa nella speranza di incoraggiare la fertilità). Secondo le più famose storie cristiane, San Patrizio visitò la montagna sacra durante il periodo del festival in AD 441 e trascorse quaranta giorni e quaranta notti bandendo dragoni, serpenti e forze demoniache dal sito. C'erano draghi e forze demoniache che vivevano realmente su questa montagna, o la leggenda ha un significato metaforico piuttosto che letterale? Per far luce su questo argomento è importante sapere qualcosa della persona conosciuta come San Patrizio, il santo patrono dell'Irlanda.

Patrick non è in realtà irlandese. È nato in Gran Bretagna intorno AD 385. Catturato in gioventù da pirati irlandesi che inseguivano la costa scozzese, fu venduto in schiavitù in Irlanda. Più tardi fuggito in Europa, Patrick ha trascorso alcuni anni studiando presso il monastero di San Martino di Tours in Francia, dove è stato ordinato sacerdote. Profondamente colpito dallo zelo missionario cristiano così prevalente all'inizio del quinto secolo, decise di tornare in Irlanda per intraprendere la conversione dei pagani celtici e dei loro sacerdoti druidi. Arrivato in Irlanda nell'ANNUNCIO 432, Patrick trascorse quasi trent'anni viaggiando per la campagna, portando il cristianesimo alla popolazione locale e fondando chiese e fondazioni monastiche su molti siti sacri druidici, che erano stati stabiliti su siti megalitici molto più antichi degli Magazzini scanalati persone. Patrick si è poi ritirato a Glastonbury, in Inghilterra, dove è morto all'età di 111.

Era comune per i primi cristiani vedere le pratiche religiose pagane come culto del diavolo; quindi la leggenda di Patrick che uccide draghi e forze demoniache sulla montagna sacra è in realtà una metafora per la sua sottomissione e conversione dei sacerdoti pagani. A sostegno della santità precristiana della montagna è importante notare che sono state trovate fondazioni neolitiche sulla vetta e, su uno sperone roccioso naturale (noto come "la sedia di San Patrizio") lungo il percorso di pellegrinaggio verso la vetta, il Neolitico l'arte è stata scoperta. Dal settimo secolo la montagna sacra era diventata uno dei due siti di pellegrinaggio cristiano più importanti di tutta l'Irlanda (l'altra era l'Isola della Stazione, chiamata anche il Purgatorio di San Patrizio, a Lough Derg, vicino alla città di Sligo). Prima di AD 1113 i pellegrini arrivarono alla montagna durante la quaresima, ma in seguito a una tempesta selvaggia in cui trenta pellegrini morirono sulla vetta, il periodo di pellegrinaggio fu cambiato in estate, con i giorni più popolari l'ultimo venerdì e domenica di luglio.

Attualmente si stima che quasi un milione di pellegrini salga sulla vetta ogni anno, ben quaranta mila l'ultima domenica di luglio. Nella tradizione cristiana irlandese l'ascesa è intrapresa come un atto di penitenza per i trasgressori, e molti dei pellegrini si arrampicano a piedi nudi o addirittura in ginocchio. L'antico culto al monte Croach Patrick, tuttavia, non aveva nulla a che fare con questioni di penitenza e presunti illeciti. La montagna sacra era un santuario per il dono del ringraziamento e la celebrazione dell'abbondanza della vita. Simile a quello che accadde in molti altri luoghi sacri preistorici in tutta Europa, a Croach Patrick il cristianesimo ha deformato, soffocato e corrotto la naturale tendenza umana a venerare la vita e la bellezza della Terra, mentre imponeva idee di paura, colpa e controllo. Questa grande montagna sacra certamente non si crogiola in concetti così limitanti e che negano la vita, né richiede o sostiene gli umani nel farlo. Mt. Croach Patrick era - ed è tuttora - un posto dove vivere e ringraziare per la squisita bellezza della vita.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni:



Mt. Croach Patrick