Santiago de Compostela

Cattedrale di Santiago de Compostela, in Spagna
Cattedrale di Santiago de Compostela, Spagna (Ingrandire)

Leggende cristiane raccontano che San Giacomo il Vecchio, uno dei dodici apostoli di Cristo, aveva viaggiato molto sulla penisola iberica, portando il cristianesimo ai popoli celtici. Dopo il suo martirio a Gerusalemme intorno a 44 AD, le sue reliquie furono presumibilmente riportate in Spagna e incise. A causa della persecuzione romana, tuttavia, i primi cristiani spagnoli furono costretti ad abbandonare il santuario e, con lo spopolamento dell'area dopo la caduta dell'impero romano, la posizione del santuario fu dimenticata. In 813 o 838 AD, quindi la leggenda dice, un eremita guidato da una stella accattivante e musica celestiale ha scoperto la posizione delle reliquie sepolte.

Gli storici, tuttavia, dubitano che San Giacomo abbia mai visitato la Spagna e che l'idea che le sue reliquie siano state trasportate in Iberia è considerata una costruzione della Chiesa. La "scoperta" delle reliquie fornì un comodo punto di raccolta per la Spagna cristiana, poi confinata in una stretta striscia a nord della penisola iberica, la maggior parte dei quali era occupata dai Mori. Oltre alla storia della scoperta delle reliquie, c'erano anche resoconti di Santiago Matomoro, o San Giacomo il Moro, che apparve su un cavallo bianco in 844 AD per condurre i cristiani in battaglia contro i Mori. Queste due leggende sono interpretate dagli studiosi dell'età del pellegrinaggio medievale come tentativi delle autorità ecclesiastiche di raccogliere il sostegno popolare per il rovesciamento degli arabi. Inoltre, è noto che i funzionari della Cattedrale di Santiago hanno effettivamente assunto narratori per viaggiare nella campagna europea diffondendo "notizie" dei miracoli di San Giacomo e delle sue reliquie.

Mentre questo inganno e la corruzione della Chiesa possono scioccare alcuni lettori, è un fatto storico ben autenticato che molte delle leggende fondatrici dei santuari medievali di pellegrinaggio non erano altro che racconti alti. Tali storie sono state evocate da intraprendenti amministratori della chiesa che hanno riconosciuto che il numero di pellegrini che visitano e donano denaro a un santuario è proporzionale alla natura miracolosa della leggenda fondatrice e al grado in cui tale leggenda è stata promossa. Sopra la tomba dove furono rinvenute le reliquie di San Giacomo, la prima chiesa fu costruita nel 829 AD e negli anni 100 Santiago de Compostela attirava pellegrini da tutta Europa. Nel XII secolo era diventato il centro del più grande pellegrinaggio nell'Europa medievale.

Mentre Gerusalemme e Roma erano considerate le due destinazioni di pellegrinaggio più importanti per i cristiani, perché Santiago di Compostela era più vicina e molto più sicura da visitare, ricevette molti più visitatori. Quattro importanti rotte terrestri a Santiago si svilupparono nel corso dei secoli. Originari del nord della Francia e serpeggiavano verso sud attraverso altri siti di pellegrinaggio, le rotte si unirono, attraversarono i Pirenei e poi si diressero verso la Spagna nordoccidentale. I benedettini costruirono monasteri e ostelli per ospitare i pellegrini che percorrevano le rotte per Santiago, creando quella che è forse la prima grande industria turistica europea. L'attrazione emotiva e l'impulso morale fornito dal culto del santo hanno invaso l'Europa mentre i pellegrini hanno viaggiato per secoli al "Campo della Stella". Mentre la maggior parte arrivava come veri credenti, un gran numero arrivava come una clausola di ereditarietà, come alternativa alla prigione, o semplicemente nella speranza di fare un vivace commercio con il grande numero di visitatori. La fotografia mostra una scultura in pietra di San Giacomo nella veste di un pellegrino errante. Le conchiglie attaccate al suo mantello erano i distintivi dell'età medievale, a significare la visita di un pellegrino al santuario di Santiago.

La vecchia città di Santiago de Compostela e la sua grande cattedrale sono tra i più bei manufatti medievali di tutta Europa. Oltre alla bellezza visiva del luogo, l'atmosfera è carica di devozione e santità. L'istituzione della Chiesa potrebbe aver fatto ricorso a tattiche senza scrupoli nella pubblicità del sito, ma i molti milioni di pellegrini che hanno visitato il santuario sono venuti con amore e sincerità nei loro cuori. La presenza di quell'amore è ancora fortemente sentita a Santiago de Compostela.

Statua di San Giacomo il Vecchio, Cattedrale di Santiago de Compostela, in Spagna
Statua di San Giacomo il Vecchio, Cattedrale di Santiago de Compostela, Spagna (Ingrandire)

Il ruolo di San Giacomo sull'esoterico Camino de Santiago

Mentre il Camino de Santiago è generalmente considerato un pellegrinaggio cattolico alla tomba dell'Apostolo San Giacomo, sepolto nella grande cattedrale di Composela, uno sguardo più attento al Camino e alla figura di James rivela che, dietro la strada ufficiale di Compostela, si trova un altro Camino, a volte chiamato "Route of the Stars". Essendo di natura esoterica, il suo significato - anzi la sua esistenza - giace nascosto nei nomi dei luoghi e nei siti sacri, e nella traiettoria del Cammino stesso; è anche accessibile attraverso i segni e i simboli usati nell'arte e nell'architettura, attraverso il mito e la leggenda e con le caratteristiche naturali. Affinché questi elementi possano parlare, devono essere considerati insieme alle loro associazioni con altre tradizioni e aspetti diversi del pensiero e della credenza medievale ed esoterica. Qui, considereremo brevemente solo alcune delle idee e dei simboli associati a James per vedere, anche se anche parzialmente, dove potrebbero condurre.

La leggenda di San Giacomo in Spagna racconta i suoi anni insegnando il Vangelo in questo paese e il suo successivo ritorno in Palestina dove, in 44 CE., Fu martirizzato da Erode Agrippa, dopo di che le sue spoglie tornarono in Spagna, per mezzo di una barca guidato dal destino e accompagnato da due dei suoi discepoli. Alla deriva in una barca senza timone attraverso le Colonne d'Ercole, il gruppo arrivò in Galizia dove fu sepolto il corpo di James, rimasto nascosto per alcuni anni 800. La leggendaria natura di questo racconto sembra non aver riguardato la Chiesa, che invece ha accettato l'autenticità dei resti di Compostela come verità indiscussa; il suo significato, tuttavia, può forse essere meglio ricercato notando la somiglianza di questa leggenda con altri che raccontano di eroi e dei che arrivarono via mare, portando con loro la conoscenza di una "Saggezza Antica" che insegnavano ai nativi dove erano sbarcati. Dagli Oannes babilonesi - metà del cui corpo è un pesce -; a Osiride, che significa "oceano"; e il Noè giudaico, questi viaggiatori provenienti dall'Occidente portavano con sé i semi della civiltà e anche di una nuova religione.

In questo senso, l'arrivo di James deve essere visto come un corollario ad un altro; quello di "Arca di Noè", detto anche di aver toccato la riva in Spagna: il sito era Mt. Aro, situato vicino all'arrivo di James e della città di Noya, a cui Noè ha dato il suo nome. Se espandiamo il contesto di questa leggenda di James ad altre tradizioni, scopriamo che la direzione dell'Occidente non è solo la dimora delle anime nel cielo - come la Via Lattea, che il Camino si dice "specchio" - , ma alle nozioni di un "paradiso terrestre", conosciuto con nomi come "Le isole benedette" o "Giardino delle Esperidi". Si è spesso pensato che questo "paradiso" chiamato "Pardes", in caldeo e Paradesha, in sanscrito, fosse, in realtà, Atlantide, quella civiltà avanzata che, distrutta da un diluvio universale, cataclismico, era la vera "Terra del Morti ', e i cui sacerdoti e maestri - i "Noè" e "Saggi" dell'antichità - erano i destinatari di una certa "Saggezza Divina" che divenne l'origine di certe tradizioni segrete e orali che, anche oggi, si dicono, da alcuni, per costituire la fonte nascosta di tutte le religioni del mondo.

Ma se si può trovare una tale distinzione, nel Cammino esoterico, tra alcune precedenti forme di Cristianesimo e le loro radici giudaiche e la successiva Chiesa di Roma, siamo quindi obbligati a chiedere: quale connessione ci potrebbe essere tra lo storico San Giacomo e una saggezza antica? Dobbiamo prima dire, per quelli che si chiedono se per 'St. James "intendiamo il" Figlio di Zebedeo "o" Il Giusto ", che, come ha dimostrato Robert Eisenman, erano lo stesso uomo, il fratello di Cristo e il Vescovo della Chiesa di Gerusalemme e il capo della Comunità. a Qumran (1). Indichiamo anche l'importantissimo eponimo di James, "The Pillar", con il quale è associato alla tradizione "Tzaddik", come successore di un lignaggio che, di fatto, continua oggi attraverso alcuni gruppi Gnostici.

A questo proposito, possiamo notare che il primo 'Tzaddik' si dice che sia Noè, che era, secondo lo Zohar: "un Giusto, sicuramente così dopo il modello celeste ...": è anche il "Pilastro che sostiene il mondo "e colui che" ha agito in modo da essere una copia perfetta dell'ideale celeste ... un'incarnazione del Patto di pace dei mondi ". In questo senso, leggiamo anche nello Zohar che James era "per il cui amore il cielo e la terra vennero all'esistenza" (2). Potremmo anche notare la scoperta di "opere misteriose" dalla biblioteca di Qumran che riguardavano Enoch e Noè, che si dice siano stati i custodi dei segreti divini del Cielo e della Terra che, peraltro, erano stati "tramandati attraverso certi iniziati". Lomas e Knight aggiungono: "C'è un'antica credenza secondo cui i mitici antenati della razza umana erano uomini di superba saggezza, e ci sono molti racconti riguardanti Enoch e Noah come detentori di segreti divini. Queste storie si trovano in gran parte della letteratura apocalittica e sebbene siano antiche come il libro della Genesi, provengono chiaramente da un'altra fonte non identificata "(3). Che James abbia potuto conoscere tali "segreti del Cielo e della Terra" è suggerito dal fatto, come sottolinea Eisenman, che egli era associato alla "Meticalità di Hechalot", cioè al misticismo delle "Ascensioni Celesti", come sarebbe ulteriormente suggerito dal (perduto) Anabathhmoi Jacobou di Epifanio, "le ascese di Giacomo". (4). Il legame etimologico tra la parola "Hechalot" e l'egiziano "heka", o energia magica, è anche significativo nel contesto della presente discussione.

Un altro ruolo importante e correlato che è associato al Camino con James è il suo aspetto, come "Matamoros" o "Slayer of Mori", su un cavallo bianco nella Battaglia di Clavijo, dove egli porta tutto il simbolismo dell'Apocalisse . Qui è, inoltre, il guardiano dei "Cicli del Tempo", dove, come Janus - il bidello "a due teste" che detiene le chiavi delle Porte del Capricorno e del Cancro -, è associato, attraverso il suo originale giorno di festa in 30th, con St. John, si dice che nasca il mese di giugno 24th, così che insieme mantengano l'asse del solstizio. Ma l'associazione di Giacomo con Giano si estende anche alla precessione degli equinozi e dell'Anno Grande: in questo senso, si dice che uno sguardo dalla "terza faccia di Giano", quella del presente, riduca tutto in cenere. Ed è in questo modo che James e John sono anche associati a Castore e Polluce, i primi conosciuti come i "Boanerges" o "I figli del tuono", mentre i Gemelli Gemelli sono i "figli di Zeus". Ulteriori corrispondenze si possono trovare nella loro mutua associazione con il mare, i Dioscuri come protettori dei marinai e Giacomo come Giovanni dei pescatori. Significativamente pure, Castore e Polluce cavalcano i caricatori bianchi nella battaglia del lago Regillus, indossando elmi sormontati da stelle e tenendo ognuno una metà del guscio d'uovo da cui sono nati, un simbolo dell '"uovo del mondo".

James - come St. John - fu autore di opere apocalittiche: la prima e la seconda apocalisse di James furono scoperte a Nag Hammadi. Era anche considerato, nei circoli gnostici, come la guida che scortava le anime alla "Porta" del Regno Celeste, situata alle "Porte" del Capricorno e del Cancro. Possiamo anche notare qui che il simbolo dei "Gemelli Celesti" si riferisce, come le "Porte" Zodiacali con cui sono identificati, alla duplice natura dell'uomo, sia umano che Divino, così James, come "Pilastro" "tra Cielo e Terra, non solo è incaricato di preservare intatto ciò che Guenon chiama il" deposito della tradizione sacra "ma è anche l'archetipo dell'uomo universale e quindi il" Grande iniziatore "nei segreti della Saggezza Antica, la quale funzione porta noi, infine, perché St. James è considerato 'guida ai pellegrini'.

Allo stesso modo, anche Atlantide è una "copia terrena di un paradiso celeste". In relazione a questa idea, potremmo osservare che Giacomo, come vescovo e capo della Chiesa di Gerusalemme, non era solo responsabile della liberazione della Città Santa da Roma, ma, come "The Just", fornendo "stabilità" , vale a dire, "Giustizia", ​​"Rettitudine", che da sola, essendo radicati in una fonte celeste, può fornire "l'unione di Cielo e Terra". Come "Tzaddik", James diventa così una manifestazione terrena di Melki-Tsedeq, sovrano di Salem, che è "la fonte di ogni potere legittimo" e "l'origine e la dissoluzione di tutti gli esseri della manifestazione ciclica di cui rappresenta la legge" (4 ). Che i simboli principali di James come guida per i pellegrini siano il bastone dell'autorità e il guscio di Venere è in consonanza con questa idea, poiché è su questo pianeta che si dice che la saggezza di Melchisedec, nel pensiero esoterico, è trasmessa.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide di viaggio della Spagna

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Per maggiori informazioni:

Note di riferimento

(1). Eisenman, Robert, "James the Brother of Jesus", 1997.
(2). Ibid.
(3). Knight, Christopher e Lomas, Robert, "The Hiram Key", 1996.
(4). Guenon, Rene, "Il re del mondo", 1958.




Santiago de Compostela