Samaipata, Bolivia


Sculture di pietra giganti misteriose in cima alla montagna di Samaipata, in Bolivia

Situato nelle remote montagne della Bolivia centrale, a 120 chilometri dalla città di Santa Cruz, le rovine di Samaipata sono uno dei siti antichi più enigmatici di tutto il Sud America. Arroccato a 6500 piedi sul livello del mare (metri 1949), il sito fu scoperto per la prima volta dai primi spagnoli e chiamato "El Fuerte" in quanto si riteneva avesse un significato militare. Gli archeologi non credono più nell'uso militare del sito, ma ritengono che abbia avuto un significato religioso. Le rovine di Samaipata sono costituite da due parti: 1) la collina di pietra con molte affascinanti sculture di giaguari, serpenti, altre figure zoomorfe e geometriche, un serbatoio d'acqua con condotti e una disposizione dei posti curiosa, e 2) un'area a sud di la collina di pietra che sembra essere stata il distretto amministrativo e residenziale. La disposizione dei posti a sedere in cima alla collina di pietra è stata progettata con sedili 12 scolpiti nella cima della collina uno di fronte all'altro in un cerchio. All'interno di questa cerchia di sedili 12 c'è un'altra serie di tre sedili rivolti verso l'esterno verso i sedili 12. Questi tre posti sono uno contro l'altro, in modo che ciascun sedile sia rivolto verso 4 rispetto ai sedili dell'12.


Sculture di pietra giganti misteriose in cima alla montagna di Samaipata, in Bolivia
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Samaipata