Tiahuanaco (Tiwanaku)


Stela 8 con Gateway of the Sun sullo sfondo,
Tempio di Kalasasaya, Tiahuanaco (Tiwanaku)

All'inizio di gennaio di 1998, comprai un vecchio furgone Volkswagen e iniziai un lungo viaggio verso le regioni più basse del Sud America. Durante l'anno successivo, vagando chilometri 22,000 su strade di montagna sconnesse e piste fangose ​​della giungla, ho visitato e fotografato più di 150 luoghi sacri e luoghi di potere in quattordici diversi paesi. Otto mesi dopo il viaggio, sono salito nelle regioni Altiplano del Perù e della Bolivia per trascorrere dieci settimane attraversando le montagne andine. Le Ande hanno dato vita a diverse grandi culture, tra cui l'Inca e quella di Tiahuanaco (scritto anche come Tiwanaku). Mentre l'impero Inca è meglio conosciuto e i suoi siti più numerosi e visivamente notevoli, Tiahuanaco è il vero centro sacro della regione andina (un nome precedente del sito era Taypicala, che significa "la roccia al centro").

Ora quasi interamente in rovina, Tiahuanaco è in Sud America ciò che la Grande Piramide è in Egitto e l'anello di pietra di Avebury è in Inghilterra. A dodici miglia dalla costa del sacro lago di Titicaca, Tiahuanaco era la fonte dei miti della creazione, dell'ordine sociale e della straordinaria preoccupazione per l'astronomia che ha sostenuto migliaia di anni di cultura andina. Eppure, per tutta la sua importanza, Tiahuanaco rimane un enigma. Questo non perché le rovine non siano state scavate o studiate. Piuttosto, la ragione per il mistero permanente di Tiahuanaco deriva da alcune delle sue strutture - e dagli allineamenti astronomici di quelle strutture - che indicano un probabile periodo di costruzione molto più antico di qualsiasi altro sito archeologico monumentale in tutto il Sud America.

Guidando a Tiahuanaco dal Lago Titicaca (dove avevo trascorso diversi giorni in campeggio sulle Isole del Sole e della Luna), mi sono ritrovato a pensare a diverse domande che erano state con me durante i miei lunghi viaggi da Sedona. L'America del Sud era originariamente abitata da paleo-indiani che attraversavano il ponte di terra di Bering durante le epoche passate della glaciazione polare (l'ipotesi ortodossa) o esistevano culture sofisticate preesistenti che erano misteriosamente scomparse (la teoria alternativa)? C'era qualche realtà reale dietro i molti miti andini di grandi cataclismi e enormi alluvioni in tempi arcaici? Chi era il leggendario eroe / salvatore Viracocha che presumibilmente avrebbe seminato la civiltà nelle regioni andine dopo il cataclisma? E qual è il significato dietro le stupefacenti storie di contatto, anzi insediamento, dalla mitica terra di Atlantide?

Ecco una variante del mito di Viracocha. Molto tempo fa, in un tempo dimenticato, il mondo ha vissuto una terribile tempesta con tremende inondazioni. Le terre furono immerse in un periodo di oscurità assoluta e freddo gelido, e l'umanità fu quasi debellata. Qualche tempo dopo il diluvio, il dio creatore Viracocha è sorto dalle profondità del lago Titicaca. Viaggiando prima verso l'isola di Titicaca (ora chiamata Isla del Sol o l'isola del sole), Viracocha comandò al sole, alla luna e alle stelle di sorgere. Successivamente, andando a Tiahuanaco (il cui nome originale, taypicala, significava "la roccia al centro"), Viracocha modellò nuovi uomini e donne con pietre e, mandandoli ai quattro quartieri, iniziò il ripopolamento del mondo. Con vari aiutanti, Viracocha viaggiò poi da Tiahuanaco (scritto anche come Tiwanaku), portando civiltà e pace ovunque andasse. Conosciuto con altri nomi tra cui Kon Tiki e Tunupa, si diceva fosse un uomo barbuto, con gli occhi azzurri, bianco di grande statura. Un insegnante e un guaritore, un operatore di miracoli e un astronomo, Viracocha è anche accreditato introducendo l'agricoltura, la scrittura e la metallurgia.

Avevo letto del pellegrinaggio di Viracocha a Tiahuanaco per vent'anni ed ero incantato di essere finalmente arrivato da me. La prima cosa che ho notato è che Tiahuanaco non è un grande spettacolo visivo come le rovine di Machu Picchu, Palenque o Teotihuacan. La parte centrale scavata della città è relativamente piccola e si può attraversarla in quindici minuti. Inoltre, non c'è un gran numero di strutture da vedere, perché tanto è stato rubato e portato via nel corso dei secoli. La cosa successiva che osservai fu che il sito sembrava essere molto, molto più vecchio del periodo di costruzione e abitazione primitivo postulato nella teoria dell'archeologia ortodossa. Questa teoria convenzionale presuppone che la civiltà che ha generato Tiahuanaco sia sorta attorno a 600 BC e sia caduta in declino poco dopo 1000 AD. Eppure, qualcosa su questa datazione relativamente recente non si adattava alla mia impressione del luogo. Con più di trent'anni di esperienza nell'esplorare e fotografare molte centinaia di rovine archeologiche, ho sviluppato qualcosa di sensato per misurare l'antichità di questi luoghi, e i resti di Tiahuanaco si sono sentiti molto più vecchi degli anni 2500. Anche l'orientamento del sito era diverso; aveva uno stile molto insolito. Sembra che sia stato progettato e realizzato da un popolo con sensibilità artistica, scientifica e filosofica distintamente diverso da quello di altre culture precolombiane.

Questo stesso sentimento è ciò che ha motivato Arthur Posnansky, un erudito tedesco-boliviano, a studiare esaustivamente Tiahuanaco per quasi cinquant'anni. Vivendo nelle rovine e intimamente a loro familiare, Posnansky notò dozzine di cose che non potevano essere spiegate dalla teoria archeologica convenzionale né inserite nella sua struttura cronologica. Ad esempio, in tutto il sito c'erano enormi blocchi di pietra che nessuna cultura pre-colombiana aveva la tecnologia per la moda o il trasporto. Ancora più sorprendente, la disposizione spaziale di queste strutture - l'una rispetto all'altra e alle stelle sopra - indica che i primi ingegneri del sito avevano una conoscenza altamente sofisticata di astronomia, geomanzia e matematica. Facciamo un breve tour di alcune di queste strutture e riflettiamo sulle loro notevoli qualità.

Tiahuanaco ha quattro strutture primarie (sopravvissute), chiamate piramide di Akapana, la piattaforma di Kalasasaya, il Tempio sotterraneo e il Puma Punku. Il nucleo cerimoniale di Tiahuanaco era circondato da un immenso fossato artificiale che l'archeologo Alan Kolata ritiene "di non fornire all'élite di Tiwanaku una struttura difensiva ... ma piuttosto evocato l'immagine del nucleo della città come un'isola, non un'isola comune e generica, ma l'isola sacra di Titicaca, il sito mitico della creazione del mondo e dell'emergenza umana. "Continuando a commentare questa idea della mitica centralità di Tiahuanaco, Kolata spiega che" il vero nome di Tiwanaku era Taypikhala ", la pietra al centro. ' Tale nome aveva un significato geocentrico ed etnocentrico a significare che la città era concepita non solo come capitale politica dello stato ma anche come il punto centrale dell'universo. "

La piramide di Akapana, a volte chiamata la montagna sacra di Tiahuanaco, è una piramide molto erosa a sette livelli che misura alcuni metri 200 su un lato e alti quasi 17. Come il vicino Tempio Subterraneo e il Kalasasaya, l'Akapana è precisamente orientato verso le direzioni cardinali. Ognuno dei sette livelli è costruito con blocchi splendidamente tagliati e uniti con precisione che sono stati affrontati con pannelli una volta coperti con placche metalliche, intagli e dipinti. Al centro della cima piatta di Akapana c'è un piccolo cortile sommerso, disposto a forma di quadrato sovrapposto a una croce perfetta; questo cortile è anche orientato alle direzioni cardinali. Recenti scavi di questo cortile, l'interno della piramide e il terreno sottostante hanno rivelato un sistema inaspettato, sofisticato e monumentale di canali interconnessi di superficie e sotterranei. Questi canali portavano l'acqua raccolta sulla vetta giù e attraverso i sette livelli, dove usciva sotto il livello del suolo, fusa in un importante sistema di drenaggio sotterraneo sotto il nucleo civile / cerimoniale di Tiwanaku, e alla fine fluiva nel lago Titicaca.

Commentando questa magnifica ingegneria, Kolata afferma: "È evidente che il complesso sistema di drenaggio dell'Akapana non era un imperativo strutturale. Un insieme di canali molto più semplice e più piccolo avrebbe potuto prosciugare l'acqua accumulata dalla cima. In effetti, il sistema installato dagli architetti di Akapana, benché superbamente funzionale, è troppo ingegnerizzato, un pezzo di taglio tecnico e falegnameria che è puro virtuosismo. "Kolata continua a chiedersi perché tutto questo lavoro è stato fatto e conclude che , "L'Akapana è stato concepito dal popolo di Tiwanaku come il loro principale emblema della montagna sacra, un simulacro delle huacas di montagna altamente visibili e naturali (luoghi sacri) nella gamma di Quimsachata .... L'Akapana era il principale santuario terrestre di Tiwanaku, un'icona della fertilità e dell'abbondanza agricola. Era la montagna al centro del mondo insulare e poteva persino evocare l'immagine specifica delle montagne sacre sull'Isola del Sole del Lago Titicaca. In questo contesto, l'Akapana era la principale huaca del mito cosmogenico, la montagna delle origini e dell'emergenza umana, che assumeva un particolare significato storico-mitologico. "

La struttura conosciuta come Puma Punka sorprende anche l'immaginazione. Sembra che siano i resti di un grande pontile e di un massiccio edificio a quattro parti, ormai crollato, e questo ha un senso per il lago Titicaca, molto tempo fa, al confine con le coste di Tiahuanaco, ora a dodici miglia nell'entroterra dal lago. Uno dei blocchi di costruzione da cui è stata modellata la banchina pesa un quantitativo stimato di 440 (pari a quasi 600 di automobili a grandezza naturale) e molti altri blocchi sono tra 100 e 150 tonnellate. La cava di questi blocchi giganti si trovava sulla riva occidentale di Titicaca, a circa dieci miglia di distanza. Non esiste una tecnologia conosciuta nell'antico mondo andino che potesse trasportare pietre di tale peso e dimensioni così enormi. Il popolo andino di 500 AD, con le sue semplici barche a canna, non poteva certo averle spostate. Ancora oggi, con i moderni progressi dell'ingegneria e della matematica, non siamo riusciti a creare una struttura del genere. Come si muovevano queste pietre mostruose e qual era il loro scopo? Posnansky suggerì una risposta, basata sui suoi studi sugli allineamenti astronomici di Tiahuanaco, ma quella risposta è considerata così controversa, persino impossibile, che è stata ignorata e censurata dalla comunità scientifica per più di cinquanta anni. Come tale non ha fatto parte dei libri di storia tradizionali e quindi quasi nessuno conosce le sorprendenti implicazioni delle scoperte di Posnansky.

Nelle vicinanze il Puma Punka e la piramide di Akapana sono il complesso di Kalasasaya e il cosiddetto Tempio sotterraneo. Fu in queste strutture che Posnansky fece le scoperte che lo portarono a suggerire sia una grande antichità per Tiahuanaco sia un uso straordinario. Come parte dei suoi studi, Posnansky aveva condotto indagini precise su tutte le principali strutture di Tiahuanaco. La struttura di Kalasasaya, un recinto rettangolare che misura circa i piedi 450 dai piedi 400, era delineata da una serie di pilastri di pietra verticali (il nome Kalasasaya significa "i pilastri in piedi") e aveva un orientamento est-ovest. Utilizzando le sue misure delle linee di vista lungo questi pilastri di pietra, l'orientamento del Kalasasaya e le deviazioni volutamente intenzionali dai punti cardinali, Posnansky fu in grado di dimostrare che l'allineamento della struttura era basato su un principio astronomico chiamato obliquità dell'eclittica.

Questo termine, l'obliquità dell'eclittica, si riferisce all'angolo tra il piano dell'orbita terrestre e quello dell'equatore celeste, pari a circa i gradi 23 e 27 al momento. L'inclinazione dell'obliquità, tuttavia, cambia molto lentamente per lunghi periodi di tempo. La sua variazione ciclica varia tra i gradi 22, 1 minuto e 24 gradi, 5 minuti per un periodo di 41,000 anni o 1 gradi negli anni 7000 (questo ciclo non deve essere confuso con il ciclo precessionale più noto degli anni 25,920 o il grado di movimento 1 ogni anno 72). La figura che Posnansky determinò per l'obliquità dell'eclittica al momento della costruzione del Kalasasaya era 23 gradi, 8 minuti e 48 secondi. Sulla base di questi calcoli, Posnansky è stato in grado quindi di datare la costruzione iniziale di Kalasasaya e Tiahuanaco a 15,000 BC. Questa data è stata successivamente confermata da un team di quattro importanti astronomi di varie prestigiose università in Germania.

Questa data di costruzione iniziale, essendo enormemente più antica di quella ritenuta possibile dal paradigma prevalente della storia, era (ed è tuttora) ridicolizzata dagli archeologi e dai preistori tradizionali. Ma non è così facile respingere le scoperte di Posnansky perché ci sono altri misteri riguardanti Tiahuanaco che sembrano confermare la grande antichità del sito. Tra questi ci sono gli antichi miti di Tiahuanaco (provenienti da tutta la regione andina) che raccontano la sua fondazione e l'uso in un tempo pre-alluvione; gli studi scientifici che dimostrano un'inondazione catastrofica si sono effettivamente verificati circa dodicimila anni fa; gli utensili, gli strumenti e i frammenti di scheletri umani che sono mescolati con gli strati più profondi dell'alluvione alluvionale (che indica l'uso umano del sito prima della grande alluvione); e le strane incisioni di persone barbate e non andine che si trovano intorno al sito (piene di dettagli scultorei e iconografici che sono unici nell'emisfero occidentale).

Posnansky e altri scrittori come Graham Hancock, Zecharia Sitchin e Ivar Zapp, hanno suggerito che queste scoperte e gli allineamenti astronomici del sito, sottolineano con forza la probabilità che la civiltà originale di Tiahuanaco sia fiorita molte migliaia di anni prima del periodo assunto dal archeologi. Piuttosto che salire e scendere durante i due millenni intorno al tempo di Cristo, Tiahuanaco potrebbe essere esistito durante il tempo molto più antico dell'ultima Era Glaciale, alcuni 15,000 a 20,000 anni fa. Le implicazioni di questo sono davvero sorprendenti. Tiahuanaco potrebbe essere (insieme a Teotihuacan in Messico, Baalbek in Libano e la Grande Piramide in Egitto) un frammento sopravvissuto di una civiltà a lungo perduta.

Chi erano le persone di questa civiltà perduta e dove si trovava? I lettori interessati ad esplorare questi misteri apprezzeranno l'affascinante libro di Hancock, Impronte digitali degli dei. A sostegno delle sue idee radicali sulla grande antichità di Tiahuanaco, Hancock fornisce una sorprendente prova del fatto che la linea costiera del Sud America è stata mappata con dettagli straordinariamente precisi molto prima che quel continente fosse "scoperto" dagli europei. Mappe come la mappa Piri Reis di 1513 e la mappa di Oronteus Finaeus di 1531, raffigurano la linea costiera del Sud America del Sud e - sulla stessa mappa - mostrano accuratamente la topografia subglaciale della vicina Antartide al di sotto del suo grande strato di ghiaccio. (Entrambe queste mappe hanno note sui loro confini che dicono che sono state copiate da fonti molto precedenti.) In poche parole, questo significa che alcune civiltà sconosciute hanno esplorato e mappato precisamente il continente antartico dell'Antartide migliaia di anni prima che gli europei lo avvistassero per la prima volta 1818.

Queste stesse persone oscure hanno costruito e usato l'enigmatica città di Tiahuanaco? E, in caso affermativo, cosa ne è stato di loro? Non è altamente significativo che sia i miti antichi che gli studi geologici moderni raccontino di grandi inondazioni che hanno spazzato l'alto altipiano andino circa dodicimila anni fa? Ci sono miti paralleli di inondazioni che distruggono la civiltà che si trovano in quasi tutte le antiche culture del mondo, a partire dallo stesso periodo. Qual era la natura di queste inondazioni? Cosa li ha causati? Usando la matematica del calendario dell'archeoastronomia per decifrare i miti, possiamo discernere specifici periodi di comete e terremoti in grado di cambiare il continente che hanno colpito la civiltà umana in epoca preistorica.

Velikovsky ha teorizzato che un'enorme fetta di roccia è stata staccata dal pianeta Giove e che si è scatenata come una cometa attraverso il sistema solare interno, quasi scontrandosi con la terra e causando catastrofi di cui si parla in numerose antiche mitologie. Più recentemente, altri scienziati hanno suggerito possibili cause per i grandi cataclismi come l'oggetto cosmico di 9600 BC che passò vicino alla terra e provocò i fenomeni di dislocamento crostale e i sette impatti cometari di 7460 BC. Come ci ricorda la seguente citazione di Platone, grandi catastrofi hanno visitato la terra molte volte in epoche passate e lo faremo sicuramente ancora.

... con te e gli altri popoli ancora e ancora la vita è stata arricchita solo di recente con lettere e con tutte le altre necessità della civiltà quando ancora una volta, dopo il consueto periodo di anni, i torrenti del cielo precipitano come una pestilenza lasciando solo il rude e illetterato tra di voi. E così ricominciare da bambino, senza sapere nulla di ciò che esisteva nei tempi antichi, qui o nel tuo paese.


Rovine di Puma Punku, Tiahuanaco, Bolivia



Rovine di Puma Punku, Tiahuanaco, Bolivia


Gateway of the Sun, Tiahuanaco


Stela 8, tempio di Kalasasaya, Tiahuanaco


Ingresso al tempio di Kalasasaya, Tiahuanaco, in Bolivia


Tempio di Kalasasaya, Tiahuanaco, Bolivia


Tempio sommerso con l'ingresso al tempio di Kalasasaya sullo sfondo


Piramide di Akapana, rovine di Tiahuanaco, Bolivia
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Ulteriori informazioni su Tiahuanaco all'antica saggezza.

Tiahuanaco