Salar de Uyuni e il monte Tunupa, Bolivia


Monte Sacro Tunupa e Salar de Uyuni (Tunupa), Bolivia

Molte volte nel lungo corso dei miei viaggi mi sono state poste le domande: qual è il tuo luogo sacro preferito, o dov'è il posto più bello che tu abbia mai visto? Quasi sempre rispondo che ho dieci o venti preferiti, ma è impossibile dire qual è il posto più bello che abbia mai visto. La bellezza si trova in molte forme quando si viaggia sulla terra così ampiamente come sono stato in grado di fare. Ci sono montagne altissime colorate di cremisi dal sole al tramonto, ci sono dune di sabbia aggraziate che si susseguono a perdita d'occhio, ci sono laghi circondati da un ambiente così sublimemente bello che il paradiso è l'unica parola per descriverli. Come potresti scegliere tra questa tavolozza di perfezione?

Eppure, se dovessi scegliere un posto con una bellezza quasi senza confronti, potrei scegliere il grande lago salato della Bolivia meridionale. Le mappe di oggi si chiamano principalmente il lago Salar de Uyuni, poiché vicino alla sua costa sud-orientale si trova la piccola città con quel nome. Ma interrogare la gente indigena locale i cui antenati hanno vissuto intorno al lago per migliaia di anni. Imparerai che il suo nome non è collegato a Uyuni, ma alla montagna sacra di Tunupa, che si erge come un miraggio galleggiante dalle sue rive settentrionali.

Il Salar è solo un lago reale, con acqua, per alcune settimane o mesi ogni anno (ea volte non c'è acqua per un periodo di molti anni). Perché non è l'acqua che lo rende un lago ma un mare di sale. Un po 'più di dodicimila chilometri quadrati e arroccato sull'Altiplano a metri 3720, il Salar de Tunupa è una vasta distesa di bianco bianchissimo che ho visto in qualsiasi parte del mondo. Più bianchi anche le straordinarie dune di sabbia di gesso del Nuovo Messico meridionale, un altro luogo sacro mostrato in questo sito.

Non ci sono strade attraverso le saline, solo tracce stagionali lasciate da alcune jeep che portano i viaggiatori a vedere l'altro luogo del mondo. Il silenzio è completo; nessun suono ti farà eccetto la cotta di cristalli di sale sotto i tuoi piedi. Miraggi luccicanti fanno risuonare l'orizzonte in ogni direzione mentre le montagne viola incombono nella nebbiosa distanza. Nel mezzo, trafiggendo il bianco sfolgorante, c'è la piccola isola di Isla Inkahuasi; le sue aspre rocce di roccia vulcanica nere come l'inchiostro più scuro. L'unica prova della vita dell'isola è una profusione di cactus verdi alti e pelosi e qualche dozzina di conigli timidi con lunghe orecchie da cartone. Ho trascorso tre giorni su quest'isola e il suo mare circostante di sale incontaminato, ed è stata per me un'esperienza di estasi spirituale. La combinazione di terra bianca accecante, cieli blu cobalto e sole dorato mi ha toccato in un modo che pochi altri posti hanno. Semplicemente trovandosi in questo luogo si trova uno stato di pace interiore. Nessuno sforzo deve essere fatto per raggiungere questo stato, perché l'ambiente te lo concede. I viaggiatori che ho incontrato che erano stati qui hanno osservato che anche dopo settimane di distanza sentivano ancora il potere della sua presenza.


Dusty Magic Bus, Laguna Verde (sopra i piedi 11,000), Bolivia
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Salar de Uyuni