Qoyllorit'i

qollur-Riti-chiesa-service
Interno della Chiesa, sede del Festival di Qoyllorit'i     

L'uso religioso e religioso delle alte montagne è diffuso e di grande antichità nelle Ande. La ricerca archeologica ha rivelato più di 50 siti cerimoniali su o vicino vette di alta montagna in Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia e Cile (gli studiosi hanno scalato e indagato quasi montagne 100 su metri 5,200). Una serie di rovine, sulla sommità Llullaillaco ai metri 6,723, costituisce il sito archeologico più alto al mondo. Mentre la maggior parte dei resti archeologici trovati in questi siti indicano la costruzione degli Inca (tra 1470 e 1532), è noto che le montagne vennero adorate per molte migliaia di anni prima dell'arrivo dell'Inca. Come spiega Johan Reinhard, "quando gli Inca entrarono in aree in cui queste convinzioni esistevano già, apparentemente sentirono la necessità di costruire siti rituali per aiutare a ottenere un maggiore controllo politico, religioso ed economico sulla gente e sulla terra che conquistarono".

Perché le montagne venerate nelle Ande antiche? Simile a quello che troviamo nelle regioni montuose di tutto il mondo, le alte montagne andine erano ritenute le dimore delle divinità che controllavano il tempo, le piogge e la produttività delle colture. È facile capire come si sarebbe sviluppato questo tipo di credenza. Si vedevano nubi di pioggia formarsi attorno alle cime delle alte vette, e ruscelli e sorgenti scorrevano verso il basso dalle cime delle montagne. I primi esseri umani offrirono adorazione alle montagne nella speranza di mantenere questi flussi di acqua vitale e anche di placare gli dèi del tempo arrabbiato che lanciarono frecce di fulmini e grandine distruttrice.

Di grande importanza nelle Ande era un Dio del Tempo, noto come Tunupa per l'Aymara della Bolivia, e Illapa per l'Inca del Perù. Questo dio controllava pioggia, neve, grandine, tempeste, fulmini e tuoni. Mentre l'Inca, per esempio, aveva altre divinità importanti, tra cui Viracocha (il Creatore), Inti (il Sole) e Pachamama (la Madre Terra), gli studiosi generalmente ritengono che le varie divinità del tempo fossero le iniziali, le più diffuse e la maggior parte importante di tutte le divinità andine. In alcune regioni, Pachamama era ritenuta la madre degli dei del tempo, ma in altri era considerata fertilizzata da loro. E l'adorazione degli Inti, il dio del sole, era principalmente una pratica dell'Inca, introdotta molto tempo dopo il tempo degli dei della tempesta.

Inoltre, le popolazioni andine hanno venerato le montagne come i luoghi mitici in cui hanno avuto inizio le loro culture, come le dimore degli spiriti degli antenati, i rifugi degli sciamani, le case degli animali di potere (specialmente il condor, che si credeva fosse una manifestazione degli dei della montagna) e come forma il collegamento tra i tre mondi di Underground, Earth e Sky. I lettori interessati a informazioni più dettagliate su questo argomento possono consultare gli scritti di Johan Reinhard, elencati nella bibliografia su questo sito web.

Due primari Apuso picchi sacri, Salcantay e Ausungate, dominano le montagne del sud del Perù. Ricerche archeologiche ed etnografiche hanno rivelato che sia la popolazione pre-inca che quella inca frequentavano queste montagne per scopi cerimoniali, e questa pratica è continuata ininterrotta nei tempi presenti. L'attuale uso religioso di questi Apus riflette un affascinante mix di influenze pagane e cristiane. Questo è forse chiaramente osservabile nel santuario di montagna di Qoyllur Rit'I, i luoghi sacri più venerati del sud del Perù.

Situato in alto nella valle di Sinakara, vicino alla città di Mahuayani e al picco di Ausungate (metri 6,372, 20,905 ft.), Il santuario di Qoyllur Rit'i deriva la sua santità da quattro fattori separati ma interconnessi. 1) La data di giugno del pellegrinaggio annuale al sito (e più precisamente il giorno sacro pre-cristiano di giugno 21, l'ora del solstizio) sembra essere associata alla preoccupazione preistorica pan-andina con la costellazione delle Pleiadi e il suo associazione con il vagabondare del mitico eroe pellegrino Wiracocha. 2) L'importanza generale della montagna sacra, Apu Ausungate, sul lato del quale si trova il santuario. 3) La leggenda pre-coloniale secondo cui Ausungate è noto ai contadini locali come un ragazzo dalla pelle bianca con i capelli biondi (ci sono strani paralleli qui all'aspetto fisico del dio Viracocha, che si dice sia un capello bianco, blu -eyed man). 4) La leggenda cristiana di come un pastore locale, e subito dopo alcuni funzionari della chiesa di Cuzco, incontrò un misterioso giovane apparente del Caucaso, che si presume essere il Cristo bambino, nel luogo in cui ora sorge il santuario del pellegrinaggio.

La trasformazione del sito religioso in precedenza indigeno in un pellegrinaggio cattolico iniziò in 1783 quando il culto del senor de Qoyllur Rit'i fu lanciato dalla dichiarazione del clero sull'apparizione di Cristo. Questa tendenza è proseguita attraverso gli sforzi della fratellanza cattolica sancita dalla chiesa che, come i custodi del santuario, dominano il culto, la cappella e le processioni di immagini sacre, e che si sforzano di conferire un'apparenza cristiana sempre più forte a tutti gli atti.

Questo uso antico e multiculturale del sito sacro di Qoyllur Rit'i è un chiaro esempio di un modello trovato in tutta l'America Latina (e in effetti nel mondo): l'usurpazione degli spazi sacri di una cultura da parte di una cultura conquistatrice. L'antropologa Deborah Poole, specialista in studi di pellegrinaggio peruviano, elabora questo tema. "Il pellegrinaggio ha goduto di uno status di spicco nella religione andina per molti secoli. Come parte di una vasta geografia sacra, i culti istituzionalizzati a tali santuari pan-andini come Pachacamac e Copacabana, così come quelli indirizzati a numerosi santuari regionali (huacas), formarono un parte integrante della vasta rete politica ed economica che collega i domini etnici e le province conquistate alla capitale Inca di Cuzco, a sua volta un centro religioso di grande importanza. Con l'arrivo dell'egemonia spagnola e la sua ideologia cattolica, molti di questi santuari furono trasformati, almeno nel nome, nei centri di pellegrinaggio cristiani che ospitano immagini miracolose di santi, Vergine Maria e un assortimento di figure di Cristo ".


Sito del festival di Qoyllorit'i, mt. Ausungate, Perù     

Il santuario di alta montagna di Qoyllur Rit'i è difficile da raggiungere e quindi raramente visitato da persone diverse dai pellegrini religiosi. Una manciata di arditi pellegrini gocciolano sul sito durante il breve periodo estivo estivo. In due giorni particolari, a metà giugno (durante la luna piena prima del Corpus Domini) e nel mese di settembre 14, si riuniscono a migliaia. La data di giugno, il festival principale, sta diventando famosa grazie agli studi sugli antropologi e ai tour offerti dalle compagnie di viaggio nella vicina Cuzco. Di conseguenza, la purezza di questo festival è stata in qualche modo attenuata dal numero crescente di turisti occasionali e dalle migliaia di contadini peruviani che vengono per ubriacarsi in modo ridicolo piuttosto che per motivi religiosi. Il festival 14 di settembre, tuttavia, essendo relativamente poco conosciuto, è un'occasione straordinaria per vedere lo spettacolo meravigliosamente colorato della danza e della devozione che caratterizza il tradizionale pellegrinaggio andino.

Le festività e le devozioni religiose che si verificano ogni giugno e settembre a Qoyllur Rit'i iniziano in realtà molti mesi prima nelle città e nei villaggi in Perù e in Bolivia. Per descrivere succintamente questo affascinante processo, citerò tra gli scritti di due specialisti, MJ Sallnow e Deborah Poole, entrambi elencati nella mia bibliografia.

"I grandi raduni di pellegrini avvengono durante le principali feste annuali, e in queste occasioni molti devoti frequentano non come individui ma in gruppi basati sulle loro comunità di appartenenza, quartieri o parrocchie.Questi gruppi sono tradizionalmente organizzati su base semi-volontaria attorno a un set di uffici, o carichi, che circolano di anno in anno tra i membri di una comunità locale, l'elemento di volontarietà per coloro che assumono incarichi nel contingente è qui legato all'obbligo sociale: i membri di un tale partito di pellegrinaggio si riferiscono a se stessi come che rappresenta non una comunità o un villaggio, né una dipendenza amministrativa, ma una nacion, una designazione arcaica che si traduce approssimativamente come "razza" o "tribù" .... Lo scopo apparente di un pellegrinaggio di gruppo è di trasportare una piccola icona in miniatura, il lamina, dalla comunità al santuario, dove riposava per un tempo - di solito durante la notte - alla presenza dell'immagine del santuario .... L'organizzazione di un pellegrinaggio di gruppo è centrata nell'ufficio di sponsor occupato da un uomo diverso ogni anno del pellegrinaggio ... È il principale officiante di tutti i rituali; in particolare è il capo della troupe della dozzina di ballerini rituali di ballerini. "(Sallnow)

"La danza rituale mascherata, in costume e con coreografia elaborata è una tradizione di grande antichità in tutta l'area andina.I primi cronisti spagnoli della vita indiana in Perù hanno incontrato ballerini decorati che si esibivano nei santuari provinciali o nelle huacas, così come nelle feste di stato stagionali di Inca Cuzco ... Con l'arrivo delle istituzioni politiche e religiose spagnole, queste forme di danza preconquista si sono rapidamente adattate e perpetuate come forme di devozione cristiana. Come le festività annuali in cui sono state eseguite, le interpretazioni coreografiche indigene della natura, della società e gli dei sono stati sovrapposti e alla fine si sono fusi con quelli dei loro nuovi signori spagnoli .... Ancora più importante, le forme di danza, i costumi e la musica distintamente andini sono diventati un mezzo per affermare la partecipazione indigena e il controllo dei loro più potenti siti sacri. molti altri aspetti della religione cristiana, le danze del pellegrinaggio sono state sfruttate come mezzo per esprimere l'identità indigena e non-decadenza missione alla cultura straniera rappresentata dal pellegrinaggio e dal cristianesimo .... Molti pellegrini a Qoyllur Rit'i non entrano mai in chiesa e pochi assistono alle messe, sebbene le confessioni rimangano per alcuni importanti obiettivi del pellegrinaggio. La maggior parte dell'attenzione dei pellegrini è invece diretta a prendersi cura e assistere i ballerini, i cui compiti richiedono danze notturne quasi costanti e che accompagnano l'immagine del Cristo di Qoyllur Rit'i nella sua processione all'aperto. " (Poole)

"Senza ballerini rituali, lo scopo di un pellegrinaggio non poteva essere realizzato. Oltre a fornire intrattenimento ai pellegrini, scortavano l'icona del pellegrinaggio del partito da e verso i luoghi di riposo - la cappella della comunità, la casa dello sponsor e il santuario stesso. Ci sono decine di diversi stili di danza rituale nelle Ande, ognuno con i suoi costumi, strumentazione, musica, coreografia e simbolismo .... Oltre alla principale compagnia di ballo, un gruppo di pellegrini di solito includeva almeno un ballerino nello stile burlesco L'ukuku doveva rappresentare un orso: indossava un lungo camice di lana marrone scuro e una maschera di lana e una parrucca, l'ukuku è l'imbroglione andino per eccellenza. " (Sallnow)

"Oltre agli sponsor, ai ballerini e ai musicisti, un pellegrinaggio di gruppo include due donne portatrici di croce e fino a cinquanta pellegrini" laici ", molti dei quali indossano i loro migliori abiti tradizionali o acquistati in negozio per l'occasione. i sentieri di montagna ... Si recitavano preghiere speciali e si eseguivano rituali in cui il santuario oi suoi dintorni apparvero per la prima volta, e in punti del viaggio in cui altri santuari regionali divennero visibili attraverso le montagne. croci, cappelle e cumuli di pietre lasciate dai pellegrini di passaggio, e questi punti di riferimento divennero più frequenti e pieni di santità più profonda avvicinandosi al santuario, ma il significato di questo codice topografico variava con la direzionalità. con le preghiere e i rituali associati alle varie fasi del percorso che vengono eseguite con una puntigliosa attenzione ai dettagli .... Ogni volta che c un altro passava sul sentiero, entrambi i gruppi dovevano schierarsi uno di fronte all'altro ei rispettivi leader si scambiavano icone di pellegrinaggio. Dopo aver intonato una breve preghiera, ogni leader teneva l'icona dell'altro mentre i membri del suo stesso partito si passavano uno dopo l'altro per baciarlo. L'intera azienda, quindi, ha raddoppiato due volte l'invocazione, "Dio e Maria ci proteggono". L'episodio è stato punteggiato con brani musicali appropriati e interrotto dall'esplosione di un razzo del cielo ... Nel viaggio di ritorno verso casa, tuttavia, il gruppo era spesso lacero e disorganizzato; ci sono state molte battute e scherzi e i rituali sono stati eseguiti in modo superficiale ". (Sallnow)

La sera in cui sono andato a Qoyllur Rit'i era estremamente freddo e ventoso, e il cielo stellato aveva una profondità di blu che ho visto solo nelle alte montagne del Tibet occidentale. Dietro e di fronte a me si stagliavano i corpi ombrosi di centinaia di pellegrini ambulanti; alcune torce trasportate ma la maggior parte erano guidate solo dalle stelle. Il sentiero conduce all'infinito verso l'alto, a volte attraverso aree pianeggianti per poche centinaia di metri, ma soprattutto lungo sentieri pericolosi e scogliere che precipitano nel vuoto oscuro. Camminando per tre ore ho pensato ai pellegrinaggi notturni che avevo fatto su altre montagne sacre in tutto il mondo. Kailash, Wu Tai Shan, Mt. Sinai e Popocatepetl.

Arrivato al santuario ben oltre la mezzanotte, ho trovato più di un migliaio di pellegrini stretti nella chiesa di cemento grezzo. È un edificio massiccio e brutto con solo un pavimento sporco, ma il posto sembrava santo come qualsiasi cattedrale. Una squadra di ballerini dai colori vivaci si è scatenata allegramente al centro e noi pellegrini eravamo schiacciati tutt'intorno a loro, stretti come le sardine. Gli odori erano ricchi e forti, di sudore e lana casalinga e erbe infuocate. La brezza fredda dell'aria di montagna filtrava all'infinito attraverso le finestre senza vetro, ricoprendo tutti con l'onnipresente polvere andina. L'energia era intensa. I bambini piangevano, i pellegrini urlavano in estasi religiosa e le splendide danze andavano avanti all'infinito. Non un'anima dormì un minuto quella notte, o se lo facessero, si alzò in piedi, tenuto in quel modo, dallo stretto abbraccio della folla ondeggiante.

Con l'arrivo del sole, abbastanza tardi nella valle scoscesa, gruppi di pellegrini salirono più in alto sulla montagna, fino ai piedi del ghiacciaio di Qollqepunku. Con seghe, bastoni e plettri hanno scolpito pesanti blocchi di ghiaccio sacro, che sono stati portati in chiesa per essere benedetti da un prete gesuita. Si celebrava una specie di messa celebrativa, troppo solenne per i miei gusti, ma gli orsi degli imbroglioni dell'Ukuku (pellegrini in costume da orso) guaivano e ululavano nei momenti propizi. Decine di pellegrini danzavano energicamente attorno al santuario, mentre le tube, le trombe e i cimbali risuonavano dalle pareti della montagna. Qualche ora dopo, scendendo dalla montagna dove era parcheggiato il mio furgone, mi intrattenevo con un paio di quegli orsetti e in loro presenza provavo un acuto piacere. Entrambi siamo stati toccati dallo spirito di questo luogo potente.


Santuario pagano ai piedi del ghiacciaio di Qollqepunku, Qoyllorit'i    
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide turistiche del Perù

Martin raccomanda queste guide di viaggio 

 

Qoyllorit'i