Machu Picchu

Rovine di Machu Picchu
Rovine di Machu Picchu (Ingrandire)

Le rovine di Machu Picchu, riscoperte in 1911 dall'archeologo Yale Hiram Bingham, sono uno dei siti più belli ed enigmatici del mondo. Mentre gli Inca usavano certamente la cima delle Ande (elevazione dei piedi 7972), erigendo molte centinaia di strutture in pietra dai primi 1400, leggende e miti indicano che Machu Picchu (che significa 'Vecchio Picco' in lingua quechua) era venerato come sacro luogo da un tempo molto precedente. Qualunque sia la sua origine, l'Inca ha trasformato il sito in una piccola (5 miglia quadrate), ma una città straordinaria. Invisibile dal basso e completamente autonomo, circondato da terrazzamenti agricoli sufficienti per sfamare la popolazione e annaffiato da sorgenti naturali, Machu Picchu sembra essere stato utilizzato dagli Inca come città cerimoniale segreta. Duemila piedi sopra il brontolio del fiume Urubamba, le nuvole avvolte nelle rovine hanno palazzi, bagni, templi, magazzini e alcune case 150, tutte in uno stato notevole di conservazione. Queste strutture, scolpite dal granito grigio della cima della montagna, sono meraviglie del genio architettonico ed estetico. Molti degli elementi costitutivi pesano tonnellate 50 o più, ma sono così scolpiti e montati con tanta precisione che le giunture senza malta non consentiranno l'inserimento di una lama sottile. Poco si sa dell'uso sociale o religioso del sito durante i tempi Inca. I resti scheletrici di dieci femmine a un maschio avevano portato all'assunzione casuale che il sito poteva essere un santuario per l'addestramento di sacerdotesse e / o spose per la nobiltà Inca. Tuttavia, il successivo esame osteologico delle ossa ha rivelato un numero uguale di ossa maschili, indicando così che Machu Picchu non era esclusivamente un tempio o dimora di donne.

Una delle funzioni principali di Machu Picchu era quella dell'osservatorio astronomico. La pietra Intihuatana (che significa 'Hitching Post of the Sun') ha dimostrato di essere un indicatore preciso della data dei due equinozi e di altri significativi periodi celesti. L'Intihuatana (chiamato anche la pietra Saywa o Sukhanka) è progettato per attaccare il sole ai due equinozi, non al solstizio (come si legge in alcuni libri di letteratura turistica e new-age). A mezzogiorno di marzo 21st e settembre 21st, il sole si trova quasi direttamente sopra il pilastro, senza creare alcuna ombra. In questo preciso istante il sole "siede con tutta la sua forza sul pilastro" ed è per un momento "legato" alla roccia. In questi periodi, gli Incas tenevano cerimonie sulla pietra in cui "legavano il sole" per fermare il suo movimento verso nord nel cielo. C'è anche un allineamento Intihuatana con il solstizio di dicembre (il solstizio d'estate dell'emisfero australe), quando al tramonto il sole affonda dietro Pumasillo (l'artiglio del Puma), la montagna più sacra della catena occidentale di Vilcabamba, ma il santuario stesso è principalmente equinoziale.

La pietra Intihuatana, Machu Picchu
La pietra Intihuatana, Machu Picchu (Ingrandire)

Le leggende sciamaniche dicono che quando una persona sensibile tocca la fronte alla pietra Intihuatana, apre la sua visione al mondo degli spiriti. Le pietre intihuatana erano gli oggetti supremi sacri del popolo inca e furono sistematicamente cercati e distrutti dagli spagnoli. Quando la pietra Intihuatana fu spezzata in un santuario Inca, gli Inca credevano che le divinità del luogo morissero o se ne andassero. Gli spagnoli non hanno mai trovato Machu Picchu, anche se sospettavano la sua esistenza, quindi la pietra Intihuatana e i suoi spiriti residenti rimangono nella loro posizione originale. Il santuario della cima della montagna cadde in disuso e fu abbandonato circa quarant'anni dopo che gli spagnoli presero Cuzco in 1533. Le linee di rifornimento che collegavano i numerosi centri sociali Inca furono interrotte e il grande impero terminò. La fotografia mostra le rovine di Machu Picchu in primo piano con il picco sacro di Wayna Picchu che torreggia dietro. A metà del lato settentrionale di Wayna Picchu si trova il cosiddetto "Tempio della Luna" all'interno di una caverna. Come per le rovine di Machu Picchu, non ci sono prove archeologiche o iconografiche a sostegno della supposizione "new-age" secondo cui questa grotta era un sito della dea.

Sebbene Hiram Bingham fosse la prima persona a portare la parola delle rovine nel mondo esterno in 1911, altri estranei avrebbero visto Machu Picchu prima di lui. Il sito potrebbe essere stato scoperto in 1867 da un uomo d'affari tedesco, Augusto Berns, e ci sono alcune prove che un altro tedesco, JM von Hassel, è arrivato anche prima. Le mappe trovate dagli storici mostrano riferimenti a Machu Picchu già in 1874. In 1904, un ingegnere di nome Franklin avrebbe individuato le rovine di una montagna lontana.

Rovine di Macchu Picchu
Macchu Picchu Ruins (Ingrandire)

Rovine di Machu Picchu, in Perù
Rovine di Machu Picchu, in Perù (Ingrandire)

oad da Aguas Calientes fino a Machu Picchu, in Perù
oad da Aguas Calientes fino a Machu Picchu, in Perù (Ingrandire)

Particolare del lavoro di pietra a Machu Picchu
Particolare del lavoro di pietra a Machu Picchu (Ingrandire)

L'INCA e la loro storia

Al tempo della caduta di Colombo sul Nuovo Mondo, il più grande impero sulla terra era quello dell'Inca. Chiamato Tawantinsuyu o "La terra dei quattro quartieri", si estendeva per più di 4300 miglia lungo le montagne e i deserti costieri del Centro Sud America. Il vasto impero si estendeva dal Cile centrale per presentare il confine tra Ecuador e Colombia e comprendeva la maggior parte del Perù, della Bolivia, dell'Ecuador, del nord del Cile e dell'Argentina nordoccidentale (questa è un'area territoriale pari all'intera porzione degli Stati Uniti dal Maine alla Florida ad est del Appalachi). Ha superato le dimensioni di qualsiasi nazione europea medievale o contemporanea e ha eguagliato la distesa longitudinale dell'impero romano. Eppure, nonostante tutta la sua grandezza, il Tawantinsuyu esisteva da appena un secolo.

Le origini dell'Inca sono avvolte nel mistero e nella mitologia. Secondo la loro stessa mitologia, gli Inca iniziarono quando Manco Capac e sua sorella, Mama Occlo, emersero dal lago Titicaca, essendo stati creati dal Sole e dalla Luna come divinatori fondatori di un popolo eletto. Manco Capac e sua sorella sono poi andati via con una verga d'oro per trovare un luogo adatto per fondare una grande città. Attraverso una serie di avventure, risonanze geomantiche e corrispondenze astronomiche, fu scelto il sito di Cuzco.

La ricerca archeologica, d'altra parte, indica che gli Inca pre-imperiali erano semplicemente una delle numerose piccole tribù nella regione centro-meridionale del Perù. Da circa 1200 AD ai primi 1400, gli Inca si impegnarono in numerose battaglie con i rivali locali, ma non raggiunsero mai la supremazia su nessuno di loro. Intorno a 1438, tuttavia, l'imperatore Inca Viracocha e suo figlio, Pachakuti, sconfissero un potente rivale, i Chanka. Da questo momento è iniziata l'era dell'impero degli Inca. Altre tribù rivali intorno all'area di Cuzco furono presto unite e furono lanciate campagne nel bacino del Titicaca e oltre. Durante i susseguenti regni degli imperatori Pachakuti e Topa Inca gli eserciti Inca espansero le frontiere di Tawantinsuyu dalla Colombia meridionale al Cile centrale.

Nei pochi anni prima della loro caduta dagli spagnoli in 1532, gli Inca svilupparono uno degli imperi più grandi e sofisticati dell'intero mondo preindustriale. (Nel discutere i risultati Inca, tuttavia, è importante affermare che non erano la singolare invenzione di pochi imperatori ispirati, ma piuttosto l'elaborazione finale di numerose istituzioni pan-andine.) Gli Inca compirono la loro crescita fenomenale attraverso un misto di diplomazia e guerra, e un sistema di gestione sociopolitico basato su una tassazione molto efficace e la fornitura affidabile di beni e servizi ai popoli del loro regno.

Quando gli Inca iniziarono ad espandere i loro territori, il primo passo fu cercare alleanze con tribù sulle frontiere. Copiosi doni di tessuti, prodotti esotici provenienti da regioni lontane e mogli per aggiungere legami di sangue alle alleanze furono offerti ai capi di queste tribù. Molto spesso questi doni furono prontamente accettati (certamente lo spettro intimidatorio dei potenti eserciti Inca aiutati in questo processo), ma se alcune tribù si dimostrarono recalcitranti, gli Inca semplicemente li sopraffarono con un potere militare superiore.

In entrambi i casi, le tribù furono quindi incorporate in unità amministrative e province politiche più grandi. Questa strategia lasciò Tawantinsuyu con più di 80 province politiche, ciascuna con caratteristiche etniche e linguistiche diverse. Per affrontare queste differenze regionali, l'Inca ha imposto la propria lingua, il Quechua, come lingua del regno e il mezzo della comunicazione governativa. Inoltre, gli Inca hanno spesso spostato intere popolazioni attorno al loro regno, mettendo gruppi fedeli in aree problematiche e trasferendo tribù recalcitranti in aree leali. Questi trasferimenti all'ingrosso di persone sono stati utilizzati anche per introdurre tessitori e agricoltori, lavoratori della pietra e artigiani nelle aree in cui tali competenze erano necessarie.

Inca statecraft, un sistema di efficienza davvero straordinaria, è stato fondato sull'antico concetto pan-andino di reciprocità. I beni e i servizi si trasferirono dall'area locale ai magazzini regionali e statali e furono poi ridistribuiti alla popolazione in molti modi importanti. L'economia statale era basata non sui sistemi monetari, ma sull'estrazione delle tasse sotto forma di lavoro. C'erano tre forme primarie per questa tassazione: prelievi agricoli su terre gestite dalla comunità locale; un servizio di lavoro richiesto a uomini normodotati che provvedevano a progetti di costruzione monumentali e campagne militari; e la produzione tessile richiesta a donne, bambini e uomini più anziani. I beni e i servizi raccolti in questi modi sono stati divisi in tre parti. Il primo terzo è andato a sostenere Inti (il dio del sole), altri dei nel pantheon di stato e un'ampia varietà di attività cerimoniali. La seconda parte andò a sostenere l'imperatore Inca e i progetti di costruzione e militari da lui avviati. La terza porzione è stata ridistribuita alla gente comune sotto forma di cibo, tessuti, sagre feste e protezione militare.

Gli esempi più visibili e rimanenti del genio Inca si trovano nei loro monumentali progetti di costruzione: sotto forma di strade, terrazze agricole e strutture amministrative e cerimoniali. Il vasto impero era unito da un sistema autostradale ampio e superbamente efficiente. Due autostrade parallele, una lungo la costa e l'altra sulle alte montagne, correvano da nord a sud da un'estremità all'impero. Tra queste due principali autostrade correvano dozzine di strade est-ovest che collegavano le coste, le montagne e le giungle. Complessivamente c'erano più chilometri di 30,000 di queste strade, la maggior parte delle quali era meravigliosamente asfaltata, ben drenata e dotata di magazzini, pensioni per viaggiatori e postazioni militari. I prodotti dell'impero si muovevano in modo efficiente lungo queste strade, trasportati da duri lama legati insieme in roulotte di mille o più animali. Inoltre, lungo le strade ha accelerato il più rapido sistema di comunicazione mai sviluppato nel mondo preindustriale; nella forma di un movimento costante di corridori con le gambe lunghe.

Per nutrire le persone nel loro impero in rapida crescita, le Inca terrazzarono grandi aree di terra di montagna, trasportarono terreni ricchi alle terrazze, impiegarono sistemi di irrigazione altamente sofisticati e sperimentarono una varietà di raccolti. Questi progetti paesaggistici monumentali, chiamati Andenes in lingua quechua, impressionò così tanto lo spagnolo coloniale che chiamarono le Ande dietro di loro (la recente fotografia satellitare ha dimostrato che queste terrazze inca coprivano più terra di quella attualmente coltivata nelle nazioni andine centrali).

Nei loro centri amministrativi e, ancor più, nei loro centri cerimoniali, gli Inca mostravano in modo più chiaro il loro genio con il design e la costruzione. Grandi centri sopravvissuti come Pisac, Ollantaytambo, Machu Picchu e Cuzco, la capitale Inca, sono esempi ben noti. In questi luoghi l'architettura monumentale inca è uguale in bellezza a qualsiasi cultura del vecchio mondo. Massicci blocchi a più lati sono stati montati con precisione in modelli ad incastro per resistere agli effetti disastrosi dei terremoti (in un terremoto le pietre sulle pareti del terrazzo inca si serrano insieme, permettendo all'intero muro di flettersi e coesionarsi simultaneamente). Sia l'architettura secolare che quella sacra avevano ampie finestre, nicchie per gli idoli e altre elaborazioni scultoree puramente artistiche. Gli schizzi delle fontane abbondavano ei capolavori dell'ingegneria idraulica portavano acqua fresca negli edifici, mentre altri canali eliminavano i rifiuti.

Gli Incas non usarono mai la ruota in alcun modo pratico. Il suo uso nei giocattoli dimostra che il principio era ben noto a loro, anche se non era applicato nella loro ingegneria. La mancanza di forti animali da tiro, così come i terreni ripidi e le questioni di vegetazione densa, potrebbero aver reso la ruota poco pratica. Il modo in cui si muovono e posizionano gli enormi blocchi di pietre rimane un mistero, anche se la convinzione generale è che hanno usato centinaia di uomini per spingere le pietre su piani inclinati. Alcune delle pietre hanno ancora delle manopole su di esse che potrebbero essere state usate per farle leva in posizione.

Va notato, tuttavia, che i luoghi menzionati sopra, Pisac, Ollantaytambo e Machu Picchu in particolare, sono noti per essere stati siti cerimoniali per molti secoli e persino millenni prima che l'Inca si sviluppasse e, inoltre, già esistevano strutture esistenti che erano usate per osservazioni astronomiche e funzioni cerimoniali. Molte persone contemporanee che scrivono e parlano dell'Inca non sono ancora abbastanza istruite per conoscere questa materia, tuttavia, è un fatto archeologico.

Il nome del sito archeologico Machu Picchu è a volte errato come machu pichu, macchu picchu, machu piccu, machupicchu, macu picchu, macho picchu, machu piccho, machu picch, macha picchu, machu piccuh, mach picchu. La corretta ortografia è Machu Picchu.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide turistiche del Perù

Martin raccomanda queste guide di viaggio 

Per ulteriori informazioni:

 

 

 

Machu Picchu

americas peru machu picchu