Siti sacri zoroastriani


Avvicinati attraverso il grande deserto a Chak Chak

La religione principale in Iran oggi è la setta sciita dell'Islam ma la fede molto più antica del profeta Zoroastro è ancora apertamente praticata, in particolare nelle regioni centrali e nord-occidentali del paese. Il nome di Zoroastro nella sua forma originale si trova nella sacra scrittura dell'Avesta come Zarathustra. Non è possibile dire esattamente quando visse, ma gli studiosi contemporanei hanno per lo più concordato le date di 660-583 BC, con il suo luogo di nascita nella regione dell'Iran nordoccidentale, ora nota come Azerbaijan. Simile ad altri grandi saggi di epoca arcaica, la vita di Zoroastro è parte della storia e parte della leggenda. Si raccontano racconti di segni nel cielo che annunciano la sua venuta, di meraviglie e presagi che assistono alla sua nascita, e di atti di potere che egli compie da ragazzo. Intorno ai vent'anni si ritirò dal mondo per cercare il divino attraverso lo studio, la meditazione vagante e solitaria nelle remote zone di montagna. All'età di trent'anni ha sperimentato la prima delle sette visioni mistiche da cui ha sviluppato la sua filosofia spirituale e ha iniziato il suo ministero. In queste visioni, un'entità angelica con il nome di Vohu Manah apparve a Zoroastro e lo scortò al trono del Creatore, Ahura Mazda. Gli insegnamenti di saggezza che ha ricevuto da Ahura Mazda sono dati sotto forma di diciassette inni, i Gathas, contenuti nella scrittura di Avesta. La religione zoroastriana ha tre comandi centrali di buoni pensieri, buone parole e buone azioni.

Zoroastro è nato in un'epoca di agricoltori e la sua religione è quindi profondamente associata al mondo naturale. Oltre alla sua enfasi sull'eterna conflittualità del bene e del male, lo zoroastrismo è anche caratterizzato dall'adorazione della natura, dalla divinizzazione del sole, della luna e delle stelle, e da scrupolosamente seguite ingiunzioni riguardanti la protezione della terra. Nella fede zoroastriana, la riverenza viene mostrata al Creatore Ahura Mazda sia direttamente che attraverso la venerazione delle sue varie creazioni e dei loro guardiani soprannaturali. Si ritiene che il fuoco pervada le altre sei principali creazioni ed è sempre presente alle cerimonie zoroastriane. Durante le loro preghiere, i credenti sono rivolti verso un fuoco, o verso il sole o la luna, che sono considerati come fuochi celesti e come Ahura Mazda stesso. Il fuoco, tuttavia, non è considerato come un simbolo ma come un essere santo che viene in aiuto dell'uomo in cambio di nutrimento e adorazione. Anche la venerazione del fuoco è equiparata all'invocazione della verità nella mente e nel cuore del credente.


Tempio zoroastriano di Pir-e-Naraki, vicino a Yazd

La pratica del pellegrinaggio zoroastriano nell'Iran contemporanea è simile a quella della Persia preislamica, sebbene praticata su scala notevolmente ridotta. Nel primo periodo della religione, sembra che il fuoco del focolare di ogni abitazione familiare sia stato usato per il culto, ma che attorno al 4th i templi comunali del secolo AC iniziarono a essere costruiti. I templi del fuoco furono costruiti nei villaggi e nelle città, e nei luoghi remoti delle alte montagne vennero venerate rocce sacre, grotte e sorgenti sacre. Le prove mitologiche e archeologiche indicano che questi siti di montagna erano stati luoghi sacri pagani ben prima dello sviluppo dello zoroastrismo. Lo storico greco Erodoto, scrivendo nel 5th secolo aC, fece il commento sul primo uso zoroastriano dei loro santuari di montagna: "Non è loro abitudine creare e allestire statue e templi e altari ma offrono sacrifici sulle vette più alte delle montagne". Durante i secoli di utilizzo, tuttavia, questi siti sacri naturali sono stati elaborati e sono stati costruiti semplici templi. Questi santuari di montagna, più che i templi del fuoco delle città e dei villaggi, divennero il fulcro della tradizione del pellegrinaggio zoroastriano.

Con l'avvento dell'Islam nel 7th secolo dC, lo zoroastrismo perse la sua posizione come religione dominante, un gran numero di zoroastriani convertiti all'islam, e molti santuari remoti furono abbandonati e dimenticati. La regione montuosa dell'Iran centrale intorno alla città di Yazd divenne una roccaforte dello Zoroastrismo e oggi rimane l'unica area significativa in cui il santuario è ancora praticato secondo le antiche tradizioni. Ci sono sei santuari santi (chiamati pirs o pirangah) nella regione di Yazd e i loro pellegrinaggi annuali sono un'occasione per radunare membri di diversi villaggi. Sebbene ogni villaggio abbia il proprio tempio del fuoco dove si tengono le iniziazioni, feste agricole e cerimonie funebri, i pellegrinaggi annuali a Pir-e Sabz e gli altri cinque santuari di montagna sono i più importanti periodi religiosi dell'anno. I pellegrini possono visitare uno qualsiasi dei santuari durante tutto l'anno, ma il beneficio religioso è considerato più grande quando un individuo partecipa ai pellegrinaggi annuali in comune. Le cerimonie di pellegrinaggio presso i santuari durano generalmente per cinque giorni e i pellegrinaggi stessi sono indicati dal termine musulmano hajj. Il pellegrinaggio è allo stesso tempo un'impresa di significato spirituale oltre che un'opportunità per banchettare, ascoltare musica e ballare.

 


Tempio zoroastriano di Pir-e-Naraki, vicino a Yazd

Scrivendo sulle leggende fondatrici dei sei maggiori santuari nella regione di Yazd, Michael Fischer commenta che la loro "origine mitica è una variante della leggenda di Bibi Shahbanu, cioè che al tempo dell'invasione araba una figlia o un figlio o un membro del il tribunale di Yazdegird III fuggì di fronte a un esercito arabo verso Khorassan, giunse a un punto di esaurimento vicino a Yazd, invocò Dio, e fu portato nella montagna, nella roccia, nel pozzo o nella caverna davanti agli occhi confusi degli arabi.La seconda parte della leggenda riguarda un processo di riscoperta, vale a dire che la posizione di questi siti di ascensione verso il mondo successivo è andata perduta e, in tempi relativamente recenti, sono stati riscoperti da un pastore, da un bambino o da un'altra persona bisognosa, a cui un spirito o santo (pir) è apparso in una visione o in un sogno: questo spirito aiuta il protagonista umano risolvendo il mistero della pecora smarrita, del sentiero perduto e così via, chiedendo in cambio la costruzione di un santuario ". Questa leggenda, comunemente usata dai devoti zoroastriani per santificare i loro santuari di montagna, è tuttavia nota per risalire a un periodo storico dimostrabile più recente dei templi stessi. I santuari di montagna zoroastriani della regione di Yazd furono usati come luoghi santi molto prima della nascita dell'Islam e quindi precedono qualsiasi leggenda associata a quella religione. I sei santuari sono:

  • Pir-e Sabz (Chak-Chak); 72 chilometri da Yazd, vicino ad Ardakan; Periodo di pellegrinaggio giugno 14-18.
  • Seti Pir; ad est di Yazd, periodo di pellegrinaggio di giugno 14-18, spesso visitato sulla via del santuario di Pir-e Sabz.
  • Pir-e Narestuneh (Narestan); Montagne Kharuna, sei miglia a est di Yazd; Periodo di pellegrinaggio: dopo la metà di giugno, dopo Pir-e Sabz.
  • Pir-e Banu-Pars; vicino a Sharifabad; periodo di pellegrinaggio all'inizio di luglio.
  • Pir-e Naraki; ai piedi del monte. Nareke, a sud di Yazd; periodo di pellegrinaggio a metà agosto.
  • Pir-e Herisht; vicino a Sharifabad.

Il santuario di Shekaft-e Yazdan (la "Fenditura di Dio") nella valle di Tutgin vicino al villaggio di Zardju è a volte visitato dopo il pellegrinaggio al santuario di Pir-e Banu-Pars. (Un altro luogo sacro nella regione di Yazd è il santuario musulmano di Haji Khezr, nella città di Kuhbanan).

 


Avvicinati attraverso il grande deserto a Chak Chak
Santuario di Pir-e-Sabz

Per gli zoroastriani iraniani, l'estate inizia con il pellegrinaggio a Pir-e-Sabz. Questo sito remoto è il santuario della montagna zoroastriana più sacro e più visitato. Leggende del santuario raccontano di un esercito arabo conquistatore che aveva inseguito Nikbanoo, la figlia dell'imperatore sassanide Yazdgird III, in questa regione. Temendo la cattura, pregò Ahura Mazda di proteggerla dal nemico. Nel momento giusto la montagna si aprì miracolosamente e le diede protezione. Questo sito leggendario, in cui una sorgente sacra esce dalla torreggiante scogliera, è anche chiamato Chak-Chak, che significa "drop-drop" in persiano. Crescere accanto alla fonte della sorgente sacra è un albero immenso e antico che le leggende dicono che era il bastone di Nikbanoo, e le acque della sorgente si crede siano lacrime di dolore versato dalla montagna per Lady Nikbanoo. Il recinto del santuario, una grotta artificiale, è pavimentato in marmo e le sue pareti sono oscurate dalla fuliggine dei fuochi tenuti eternamente in fiamme nel santuario. Ogni anno da giugno 14 a 18, molte migliaia di zoroastriani provenienti da Iran, India e altri paesi si riversano nel tempio di Pir-e Sabz. Uno dei sentieri di pellegrinaggio a Chak-Chak è una strada sterrata che inizia vicino al villaggio di Elabad, a nord di Yazd. È una tradizione consacrata che i pellegrini si fermino nel momento in cui vedono la vista del santuario e proseguono il resto del loro cammino a piedi. Numerosi padiglioni coperti sono stati costruiti sulle scogliere sotto il santuario e per tutto il giorno e la notte sono stracolmi di pellegrini.

 


Tempio zoroastriano di Chak Chak, vicino a Yazd

Note sulle montagne sacre dello Zoroastro

Fonti di informazione sulle montagne sacre dello Zoroastro si trovano in alcune parti della letteratura di Avesta zoroastriana nota come Zamyad Yasht e Pahlavi Bundahishn.

Mt. Ushi-Darena (tradotto come "Sostegno della coscienza divina" o "Sostenitore della saggezza divina") è la montagna in cui Zoroastro raggiunse l'illuminazione e ricevette la conoscenza rivelata del dio supremo, Ahura Mazda. Un altro santo zoroastriano menzionato nella letteratura di Avestan Yasht, Asmo-Khanvant, raggiunse anche l'illuminazione spirituale su Ushi-Darena. Questa montagna sembra essere situata nel Monte. La gamma di Alborz si trova vicino all'Azerbaijan, il luogo di nascita tradizionale di Zarathustra. Il Bundahishn, tuttavia, lo colloca in Seistan (o Sajestan), a est dell'Iran, nella regione indicata nell'Avesta (Vendidad I, 9-10) come Vaekereta, l'antico nome di Kabul (o Sajestan). I greci chiamavano Dranjiana e negli scritti pahlavi è noto come Hushdastar.

Mt. Asnavant, ora conosciuto come Monte. Ushenai nella regione dell'Azerbaijan vicino al lago sacro di Chaechasta (noto anche come Urumiah). Asnavant è un'altra montagna dove Zarathustra visse per un certo numero di anni praticando la meditazione solitaria. Nel Bundahishn, il monte Asnavant è indicato come la sede di Adar Gushasp, il fuoco sacro. È su questa montagna dove si crede che Zarathustra abbia acquisito il potere e l'energia per uscire nel mondo come un grande maestro spirituale, mentre era sul monte. Ushi-Darena che realizzò la realizzazione di ciò che in seguito insegnò. Le leggende del Monte. Inevitabile indica che ha un potere che dissipa l'ignoranza e sviluppa la purezza.

Mt. Hara-Berezaiti, identificato come Mt. Alborz. Il Bundahishn menziona come esistente in questa montagna un "Ponte del Giudizio" o "Ponte di Discriminazione Morale" che è un percorso che conduce all'Altromondo. Questo ponte o percorso dovrebbe correre tra due montagne, Chakad-e-Daitik e la cresta Arezur del Monte. Alborz. Le scritture zoroastriane raccontano di un santo re, Yima Vivanghvant, che ricevette il potere della profezia da Ahura Mazda su questa montagna.

Per ulteriori informazioni sui siti sacri e le pratiche di pellegrinaggio dello zoroastrismo, consultare le seguenti fonti:

  • Una roccaforte persiana dello zoroastrismo; di Mary Boyce; Oxford Press; 1977
  • Sacred Circles: circuiti di dilettantismo e pellegrinaggio iraniani (zoroastriani e sciiti musulmani); di Michael Fischer; in Sacred Places e Profane Spaces, a cura di Jamie Scott; Greenwood Press, New York; 1991
  • Gli zoroastriani dell'Iran: conversione, assimilazione o Persistenza; di Janet Amigh; AMS Press, New York; 1990
  • Zoroastrismo in Armenia; di James Russell; Harvard University Press, Cambridge; 1987

Ulteriori note sul pellegrinaggio zoroastriano e sui luoghi sacri:

Caratteristiche geografiche e origine dei luoghi di pellegrinaggio degli Zoroastriani in Iran

Introduzione

Probabilmente i luoghi sacri più importanti in Iran per gli zoroastriani sono luoghi di pellegrinaggio vicino ad Ardakan, Aghdâ, Mehriz e Yazd, situati nella provincia di Yazd, nell'Iran centrale. Questi luoghi santi vengono visitati ogni anno da centinaia di zoroastriani non solo da diverse parti dell'Iran, ma anche da diverse parti del mondo. Lo scopo di questo articolo è quello di evidenziare il significato e le caratteristiche di questi luoghi storici e religiosi.

I luoghi di pellegrinaggio che verranno considerati in questo articolo sono: Pir-e Sabz, Pir-e Herisht, Pir-e Narestaneh, Pir-e Banoo e Pir-e Naraki.

Posizioni geografiche

Tranne Pir-e Herisht, tutti gli altri luoghi di pellegrinaggio si trovano su o vicino alle pendici montuose. Le posizioni di questi luoghi di pellegrinaggio sono mostrate nella tabella 1. Il più vicino di questi luoghi santi a Yazd è Narestaneh e il più lontano è Pir-e Banoo.

Tabella 1: Le posizioni dei luoghi di pellegrinaggio degli Zoroastriani rispetto allo Yazd e alle altre città più vicine.

Luogo di pellegrinaggio Posizione rispetto a Yazd Posizione rispetto ad altre città
Pir-e Sabz 65 km a nord-ovest 40 km a nord est di Ardakan
Pir-e Herisht 90 km a nord-ovest 15 km a nord est di Ardakan
Pir-e Narestaneh 30 km a nord _______
Pir-e Banoo 110 km ovest 12 km a sud di Aghdâ
Pir-e Naraki 55 km sud-est 15 km ad ovest di Mehriz

Pir-e Sabz (Chak Chaku) si trova sul pendio del Chak Chak Mountain in un'area abbandonata (Plate 1). Una strada secondaria da Ardakan al villaggio di Khorânagh sta passando a 14 km di distanza. Pir-e Herisht è stato costruito su una piccola collina e si trova a circa 5 km da una strada secondaria a Khor (significa sole) nel cuore del Dasht-e Kavir (The Great Kavir). Una piccola fattoria e sorgente, chiamata Howz-e Gowr (piscina zoroastriana), è il luogo più vicino all'Herisht situato a 14 km di distanza vicino alla strada verso il Khor.

Narestaneh si trova in uno dei lati della valle del Narestaneh Mountain, che è anche un luogo remoto. Il villaggio più vicino a questo luogo sacro è Dorbid situato 7 km a nord. L'ultima volta (1990) che ho visitato in questo villaggio vivevano due famiglie di pastori. Uno dei pastori indicò i resti di un antico tempio del fuoco di Dorbid. Era stato demolito e raso al suolo dalle persone locali (principalmente dalla città) che volevano invece costruire una moschea.

Pir-e Banoo è il luogo di pellegrinaggio più lontano da Yazd e si trova in una delle diverse valli abitate da agricoltori locali, pastori e cacciatori. È vicino ad Aghdâ, una zona piena di antichi nomi persiani, oltre a nuovi nomi arabi. Nomi persiani come Ormudeh, Ashtigah (luogo di pace!), Desgin, Parpar, Haftador (Hapt Ador = sette fuochi) sembra essere storico.

Caratteristiche archeologiche

Nessuna prova archeologica è stata trovata in questi luoghi santi finora per suggerire l'antichità o l'età molto antica delle caratteristiche. Probabilmente l'edificio più vecchio appartiene a Pir-e Banoo non poteva essere più vecchio di 200 anni a causa dei suoi elementi architettonici e materiali e anche secondo le iscrizioni esistenti. Forse gli edifici o le strutture più vecchi erano stati demoliti in modo naturale o durante il processo di ricostruzione.

Si può supporre che questi luoghi fossero importanti per molti secoli, prima che il rinnovamento degli edifici di Firealtar avvenisse. Anche se le prove archeologiche sono assenti in questi luoghi ci sono alcune prove dalle aree vicine. Nel monte Aghdâ vicino al villaggio di Zarjoo (adiacente a Pir-e Banoo) è stata trovata una grotta storica con tracce di resti di detriti compattati e cementati provenienti da un camino. Nessuno fino ad ora ha cercato di indagare sull'età esatta dell'abitazione di questa grotta e sull'età del camino. Nel caso Naraki, ad esempio, sono stati trovati diversi strumenti e sculture archeologiche vicino a Mehriz, che sono stati interpretati come resti achemenidi. Tuttavia, non vi è alcun indizio per scoprire alcuna relazione tra le prove archeologiche trovate nelle aree vicine e l'occorrenza dei luoghi santi.

Ci sono voci tra la popolazione locale sui tesori storici, che sono stati trovati da pastori locali e passeggeri stranieri. La popolazione locale parla di punti che hanno trovato monete, gioiellieri rotti, pugnali e scheletri umani attorno ai luoghi di pellegrinaggio. Sfortunatamente, in diversi casi, le prove archeologiche di attività umane sono state rimosse o distrutte da persone che cercavano tesori di valore.

Teorie sull'origine di questi luoghi santi

Una delle prime e più convenzionali teorie sull'origine di questi luoghi santi è legata al tempo dell'invasione araba. L'inizio dell'evento, secondo questa teoria, è legato alla caccia alle figlie o ai parenti di Yazdgerd Terzo, l'ultimo re sassanide dell'Iran da parte di invasori stranieri. La famiglia del re, e in particolare le sue figlie con i loro tesori, si stavano dirigendo verso Khorasan. Khorasan si trova nella parte nord-orientale del paese ed era molto più grande di oggi durante il periodo sassanide. Lo scopo dei parenti Yazdgerd era di fuggire dagli invasori arabi in un luogo più sicuro, lontano da Pars, che era la terraferma del Sassanian. Le leggende raccontano che durante il viaggio verso Khorasan, quando la famiglia Yazdgerd raggiunse le montagne Aghdâ, i cacciatori furono molto vicini a catturarli. Di conseguenza, i parenti del re si separarono in gruppi diversi e cercarono di fuggire in montagne diverse. La leggenda concluse che negli ultimi minuti del viaggio, quando i viaggiatori erano vicini ad essere catturati, le ragazze o le donne innocenti pregavano Dio per proteggersi. Di conseguenza, il dio li ha aiutati e sono stati spariti nelle fessure di apertura o sepolti dalle rocce cadenti. I vecchi zoroastriani spiegano che molti anni fa un panno colorato pietrificato era visibile vicino a Pir-e Banoo e credevano che fosse parte di un abito da donna. Tuttavia, le rocce conglomerate dell'area Pir-e Banoo sono piene di pietre colorate, che assomigliano a vestiti colorati (piastra?).

La seconda teoria è simile alla prima ma, in questa versione, i ribelli interni sono sostituiti da invasori stranieri. Secondo questa teoria, durante le guerre tra esercito sasanide e arabi al confine occidentale della Persia, alcuni gruppi di opposizione hanno sollevato disordini all'interno del paese. Il figlio (o uno dei parenti) di Bahrâm Chubineh, un grande generale del precedente re (Khosro Parviz), per esempio, guidò uno di questi gruppi di opposizione. Qualunque sia la ragione del conflitto, i ribelli hanno cercato di tagliare la famiglia Yazdgerd durante il loro viaggio verso Khorasan, molto probabilmente per saccheggiare il tesoro del regno, che hanno portato via. Il resto della storia è lo stesso del primo: la scomparsa delle persone innocenti (in particolare ragazze e donne) all'interno del terreno improvvisamente aperto.

La terza narrazione, che è anche legata all'origine di alcuni edifici musulmani di agrifoglio (imamzadeh) in Iran, legati al punto di vista più economico. Secondo questa teoria, questi luoghi santi, o le loro terre vicine, erano i nascondigli dei tesori degli Yazdgerd o di altri nobili sassanidi. Durante la loro fuga dagli invasori arabi, o dai ribelli interni, le possibilità di salvataggio erano molto più basse se si attaccavano ai loro pesanti tesori. D'altra parte, se le condizioni climatiche fossero più asciutte del tempo presente, il che significava meno accesso all'acqua, non c'era bisogno di avere i cacciatori dietro per liberarsi del carico pesante e pericoloso. Questo era probabilmente il caso, se avessero perso i loro cavalli o muli e dovevano continuare il resto del viaggio camminando. Di conseguenza, secondo questa teoria, hanno seppellito i tesori, ove possibile, con una registrazione più o meno vaga dei loro luoghi di sepoltura. La santità di quei luoghi fu creata in seguito da gente del luogo, che era interessata a mantenere i tesori al sicuro, o dai sopravvissuti, se ce ne fossero.

La quarta nozione sull'origine di questi luoghi santi è legata all'Anahita (in Avesta: ardevi sura anahita). Anahita era la dea o Izad di acqua, pioggia, fiumi, amore, maternità e nascita (Frahvashi, 1987). Anche se da quei luoghi santi solo due, Pir-e Sabz e Naraki, hanno cascate, al momento queste caratteristiche potrebbero essere state più attive durante le più umide condizioni dei tempi storici (Mobed Rostam Shahzadi, comunicazione personale, marzo 1989). Inoltre, fiumi e sorgenti erano molto più attivi in ​​questi luoghi durante quel periodo, mentre al giorno d'oggi ci sono alcune piccole quantità di acqua sotterranea o flussi intermittenti stretti. Cascate e sorgenti all'interno di tali luoghi erano state funzionate come il luogo sacro di Anahita, probabilmente prima del periodo zoroastriano, sotto gli effetti del Mitraismo. Si può supporre che l'acqua in ambienti così aridi fosse troppo preziosa e lodevole che la presenza di sorgenti, cascate e fiumi fosse collegata a Izad Anahita come fonte di queste preziose caratteristiche.

Un indizio per questa idea è che la maggior parte di questi luoghi santi sono iniziati in relazione alle donne piuttosto che agli uomini. Ad esempio, Banoo in Pir-e Banoo significa signora o gentildonna. Un altro esempio è Pir-e Sabz, che è collegato a Hayat Banoo, una donna santa, sebbene con un nome arabo invertito. C'è anche una storia simile per l'iniziazione di Pir-e Naraki in relazione a una santa donna. Tutte queste relazioni insieme, secondo questa teoria, potrebbero essere originate dall'effetto di Izad Anahita, che poi si convertì in una più accettabile storia di figlie di Yazdgerd e in seguito, per necessità, si convertì alla storia di quelle sante signore con nomi arabi.

La quinta e ultima teoria è la "teoria delle stazioni di immigrazione". Credo che questi importanti e preziosi luoghi di pellegrinaggio fossero, in effetti, una catena di stazioni e gli ultimi luoghi di addio verso l'India. Dopo 1100 AD (5esimo secolo di khorshidi) l'immigrazione di Zoroastriani verso est fu accelerata a causa di un rapido aumento della vita di disagio e della limitazione delle loro attività. Zoroastriani in tutta la Persia, dall'Azerbaijan e Aran (Eran), a Susiana (Khuzistan); e da Alborz alle Zagros Mountains, sono stati oggetto di continue discriminazioni e persecuzioni in seguito. Di conseguenza, un'ondata di immigrazione è proseguita con il movimento di diversi gruppi di persone verso est.

I deserti di Yazd e Ardakan avevano due caratteristiche notevoli; uno era il loro isolamento dalle altre parti dell'Iran, e un altro era la loro posizione centrale all'interno della Persia. L'isolamento era dovuto alla presenza di estesi deserti e kavir nell'area di Yazd-Ardakan e quest'area (con Nain) era geograficamente la parte centrale dell'altopiano iraniano. D'altra parte, si può presumere che durante quei giorni bui e duri, le carovane dello Zoroastro cercassero di non attirare attenzioni. Di conseguenza, era ragionevole evitare di attraversare le principali strade e città. I bisogni vitali delle roulotte erano acqua e cibo, entrambi erano relativamente disponibili nelle aree montuose abbandonate di Aghda, Ardakan e Yazd. La capra selvatica, la pecora selvatica e la pernice erano molto più abbondanti di oggi e l'approvvigionamento idrico era probabilmente migliore di adesso a causa di un clima più umido.

Indipendentemente dal fatto che quei luoghi santi funzionassero durante quei giorni come pellegrinaggio, furono usati come stazioni durante il lungo viaggio degli zoroastriani verso est. Varietà di accenti zoroastriani nelle aree di Yazd, Ardakan e Taft potrebbero essere una testimonianza dell'effetto di tali eventi di immigrazione e mescolanza. Era altamente possibile che molti di quei viaggiatori si stabilissero nelle aree di Ardakan, Yazd, Aghda e Taft.

Questi luoghi possono anche essere stati usati come rifugi temporanei durante i disordini locali o regionali quando gli zoroastriani erano seriamente sotto pressione. Ad esempio, il periodo di Sultan Hosain Safavi, l'ultimo re della dinastia Safavi, fu una delle sequenze più oscure della storia degli Zoroastriani. Durante gli ultimi mesi della vita di Sultan Hosain, gli zoroastriani furono seriamente sotto attacco e perseguitati. Ci sono alcuni ricordi orali di quei giorni in cui gli zoroastriani fuggivano nelle zone montuose di Isfahan, Nain, Aghda, Ardakan e Yazd. Durante tali periodi di sofferenza le montagne locali con un'adatta fonte d'acqua erano più probabili di grande interesse per gli zoroastriani. Anche se quei giorni bui hanno finito, gli zoroastriani si riuniscono ancora in questi posti "a piroon", qualunque sia l'origine e la ragione della loro genesi. Questi pellegrinaggi al momento non funzionano solo come luoghi di preghiera, ma sono allo stesso tempo luoghi incantevoli per l'intrattenimento e la felicità.

Conclusione

I pellegrinaggi zoroastriani di Yazd sono convenzionalmente ritenuti originati dalla fine della dinastia sassanide come luoghi del martirio delle figlie di Yazdgerd. C'è anche un'altra nozione che considera questi luoghi come l'adorazione di Anahita in origine.

Considerando le condizioni geografiche, geologiche e storiche dell'area di Yazd-Ardakan, i luoghi santi possono essere stati utilizzati come rifugi temporanei per le carovane dello Zoroastriano che viaggiano verso l'India.

Si meritavano di essere luoghi santi, indipendentemente dal fatto che la loro santità appartenga o meno ad Anahita o alle figlie del re Yazdgerd. Hanno meritato di essere luoghi di pellegrinaggio perché conducono una lunga storia di fede, resistenza, amore, speranza e sopravvivenza.

Riferimento:

Dr Daryoush Mehrshahi FEZANA Journal, USA, Autunno 1999, p.55-57.


Porta del sancta sanctorum, tempio di Chak Chak

 

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

 

Ulteriori informazioni sui siti sacri dello Zorastrian:

Per ulteriori informazioni: