Dendera, Egitto: Tempio della dea Hathor

Tempio della dea Hathor
Tempio della dea Hathor, Dendera, Egitto

Simile ad altri siti del tempio in Egitto, il complesso attualmente in piedi a Dendera segna la posizione di un luogo santo molto antico. Un'indicazione dell'antichità del sito del tempio è data dall'allineamento astronomico del tempio principale a Gamma Draconis prima di 5000BC. I primi testi si riferiscono a un tempio pre-dinastico che fu ricostruito durante l'Antico Regno, e ulteriormente sviluppato dai faraoni del Nuovo Regno tra cui Thutmose III, Amenhotep III e Ramses II e III. La struttura attuale risale al periodo greco e romano, con il santuario e le cappelle circostanti costruite dai successivi Tolomeo nel 1st secolo aC, e la grande sala ipostila dei Romani nel 1st secolo d.C. Dendera era il luogo principale per l'adorazione di Hathor, che è variamente visto come la patrona dell'amore terreno, la dea della guarigione e la grande fonte femminile di ogni nutrimento (come la dea indù Kali, Hathor ha anche i suoi aspetti terribili; un antico mito è una leonessa infuriata inviata per punire l'umanità per la sua ribellione).

Studi recenti indicano che il tempio di Dendera aveva diverse funzioni correlate. Era un venerato luogo di pellegrinaggio in cui le cure miracolose venivano effettuate dalla dea; era una specie di ospedale in cui venivano praticate varie terapie fisiologiche, psicologiche e magiche; ed era la scena di grandi processioni e feste durante tutto il ciclo astrologico. Una caratteristica di Dendera non trovata altrove nei templi egizi sono le dozzine di misteriose cripte, alcune sotterranee, alcune racchiuse tra le massicce doppie pareti del tempio superiore. È stato suggerito che queste cripte fossero la dimora della dea, dove erano conservati la sua statua e gli oggetti rituali, e dove iniziarono le grandi processioni del nuovo anno che celebravano l'alba della creazione. Nel buio della notte, i sacerdoti del tempio portarono la statua della dea dalla cripta, attraverso i corridoi dell'enorme tempio e, salendo sul tetto, attesero l'arrivo dell'alba. Quando i primi raggi del sole del mattino si ruppero sull'orizzonte, la statua fu svelata. I testi antichi parlano di questa cerimonia per cui "la dea Hathor potrebbe essere unita ai raggi di suo padre, Re" e che "il cielo gioisce, le danze della terra, i sacri musicisti gridano in lode".

All'interno del recinto del complesso di Dendera sono racchiusi un lago sacro, un tempio della dea Iside e un sanatorio in mattoni in cui veniva praticata la guarigione divina. C'è anche una chiesa paleocristiana che caratterizza la situazione in così tanti templi egiziani, i cui sacri recinti sono stati usurpati dai cristiani. All'interno del tempio principale è interessante studiare i calendari astrologici belli e molto dettagliati scolpiti e dipinti sui soffitti. I visitatori possono interrogarsi sulle condizioni annerite degli altri soffitti nel tempio. Quando gli studiosi di Napoleone visitarono per la prima volta Dendera trovarono un villaggio arabo secolare saldamente stabilito all'interno del grande tempio; gli incendi degli abitanti dei villaggi avevano annerito i soffitti nel corso degli anni.

Tempio di Hathor
Interno del Tempio di Hathor, Dendera
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Dendera_Temple_complex

https://www.ancient-origins.net/ancient-places-africa/magnificent-temple-hathor-goddess-love-best-preserved-temple-all-egypt-007537

https://www.atlasobscura.com/places/hathor-temple

Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Dendera