Tempio di Luxor

Tempio di Luxor, Luxor Egitto
Il colonnato di Amenhotep III Tempio di Luxor, Egitto (Ingrandire)

In 1937 il matematico alsaziano, filosofo ed egittologo, RASchwaller de Lubicz ha iniziato uno studio quindicennale sul sito del grande complesso del tempio di Luxor. Assistito da una squadra altamente qualificata di geometri e disegnatori di architettura, ha misurato, analizzato e registrato con precisione ogni pietra, colonna, passaggio, camera, iscrizione e statua nel complesso del tempio. Le sue scoperte, pubblicate nel Tempio di Man, richiedere un riesame totale e la reinterpretazione di tutto il corpo della teoria egittologica. Tuttavia, nel complesso, il lavoro fondamentale svolto da Schwaller de Lubicz è stato ignorato, persino abusato, dalla comunità egittologica contemporanea. Le ragioni per questo non sono difficili da trovare.

Schwaller de Lubicz aveva affrontato in profondità le teorie archeologiche prevalenti riguardanti lo sviluppo, la sofisticazione matematica, il simbolismo religioso e la cultura totale degli antichi egizi. Per comprendere il significato, anzi la natura radicale, di ciò che ha fatto è importante riconoscere due questioni. Primo, che le nozioni attualmente "popolari" sull'origine, i tempi, l'ordine e la localizzazione dello sviluppo della prima civiltà sono poco più che teorie - ipotesi ipotetiche data l'apparenza dell'autorità da parte delle posizioni elitarie della comunità accademica - basate su meno di duecento anni di studio archeologico frammentario. E in secondo luogo, che quei duecento anni di studio furono profondamente influenzati dall'arrogante credenza dell'Età Europea dell'Illuminismo che la civiltà moderna rappresenta un grande progresso, soprattutto filosoficamente e matematicamente, sulle antiche civiltà.

Schwaller de Lubicz sfidò queste nozioni dimostrando che gli egiziani dinastici possedevano una matematica superiore a quella dei greci pitagorici, che precedettero per più di 1500 anni e quella degli europei, che precedettero con più di 3000. Inoltre, ha dimostrato che la cultura egiziana rappresenta una grande dottrina in cui scienza, religione, filosofia e arte sono state fuse in un'unica grande e straordinaria sintesi eguagliata in nessun'altra parte in tutto il mondo antico o moderno. La maggior parte degli egittologi contemporanei si sente piuttosto a disagio quando viene menzionata la ricerca di Schwaller de Lubicz. Non riescono a trovare difetti con la precisione assoluta delle sue misure e della sua cultura, eppure rifiutano di vedere oltre i pregiudizi della loro programmazione 'moderna' eurocentrica per cogliere l'incredibile brillantezza della cultura egiziana. I lettori interessati agli studi di Schwaller de Lubicz troveranno una buona introduzione nell'eccellente libro Serpent in the Sky di John Anthony West.

Costruito sul sito di un piccolo tempio del Medio Regno, gran parte dell'attuale tempio di Luxor fu costruita dal faraone 18th Dynasty Amenhotep III (regnò 1391 - 1353 BC). Una corte a doppio colonnato straordinariamente bella è stata aggiunta dal faraone 19th Dynasty Ramses II (regnò 1290 - 1224 BC). L'enorme complesso asimmetrico, lungo 800 piedi di lunghezza, è stato costruito in fasi per un design unico nell'architettura sacra; è costruito su tre assi separati, e ogni parete, colonnato e sala è rigorosamente allineata all'una o all'altra di questi tre assi. Aggiunte fatte mille anni dopo dall'ultimo dei faraoni di origine egiziana, quelle fatte pochi anni dopo da Alessandro Magno, e anche quelle dei Romani, erano tutte allineate secondo gli assi originali, dimostrando che le linee guida architettoniche che ordinavano il tempio fu tramandato attraverso le generazioni. Questi tre diversi assi, per quanto distorti, sembrano sfidare la spiegazione logica, eppure Schwaller de Lubicz ha visto al loro interno un'espressione deliberata di armonia, proporzione e straordinario simbolismo.

Mentre è un argomento troppo complesso da discutere qui, Schwaller de Lubicz ha trovato nel tempio di Luxor una registrazione della comprensione dell'egiziano delle leggi cosmiche della creazione e del modo in cui lo spirito si manifesta come materia. Una delle sue intuizioni centrali era che le varie sezioni del corpo umano sono incorporate nelle proporzioni del tempio stesso (vedi illustrazione sotto), e nelle proporzioni delle varie sculture e sculture sul muro. John Anthony West scrive:

"Poiché nella nostra società non c'è nulla che corrisponda a distanza al Tempio di Luxor, è difficile capire perché l'Egitto avrebbe dovuto esercitare un dolore e un genio infiniti su ciò che è in definitiva un gesto simbolico. È ancora più difficile per noi capire usi a cui è stato messo e l'effetto che deve aver avuto su quelli esposti ad esso. " West suggerisce che "il Tempio è nella natura di un rito magico, che si estende per oltre due millenni, progettato per evocare in uno spettatore una comprensione della creazione e del potere creativo".

diagramma di luxor
Il Tempio di Luxor sovrapposto a uno scheletro umano con
proporzioni geometriche sacre dimostrate da RA Schwaller de Lubicz

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni:

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Luxor_Temple

http://www.sacred-destinations.com/egypt/luxor-luxor-temple

Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Luxor