Obelisco della regina Hapshetsut, Karnak

Obelisco a Karnak, in Egitto
Obelisco della regina Hapshetsut, Karnak, Egitto

Nell'Alto Egitto, sulla riva orientale del Nilo, si trovano i resti del più vasto complesso templare degli egiziani dinastici. L'intero sito è stato chiamato Wast dagli egiziani, Thebai dai greci, e Tebe dagli europei (la parola Thebai deriva dalla parola egizia Apet, che era il nome del festival più importante che si tiene ogni anno a Luxor). Una gran parte delle rovine dell'antico Egitto sono situate qui, suddivise tra i templi di Luxor (dall'arabo L'Ouqsor, che significa "i palazzi") e i templi di Karnak (questo nome deriva dal villaggio arabo di Al-karnak ). Le rovine di entrambi questi complessi del tempio coprono un'area considerevole e sono ancora molto impressionanti. Nulla rimane, tuttavia, delle case, dei mercati, dei palazzi e dei giardini che devono aver circondato i templi nei tempi antichi. La caratteristica principale nei centri sociali egiziani, e di solito l'unica sopravvissuta, era il tempio. Non era un luogo per il culto collettivo, ma piuttosto una casa degli dei, solo i sacerdoti del tempio e l'alta nobiltà potevano entrare nei santuari interiori. Il tempio, tuttavia, fungeva da punto focale coesivo per la comunità locale, che partecipava alle numerose feste e processioni di pellegrinaggio al tempio.

Recenti scavi hanno spinto la storia di Karnak a circa 3200 aC, quando c'era un piccolo insediamento sulla riva del Nilo dove ora sorge Karnak. Il grande complesso del tempio di Karnak è, tuttavia, principalmente una creazione del Regno di Mezzo. Gli scavi archeologici rivelano che il complesso era in uno stato quasi costante di costruzione e decostruzione, e che quasi tutti i re del Medio Regno lasciarono un segno della sua presenza a Karnak. Il tempio centrale di Karnak era dedicato al dio dello stato, Amon, ed è orientato in senso direzionale ad ammettere la luce del sole al tramonto al momento del solstizio d'estate. Appena a nord di questo tempio sono le fondamenta di un precedente, ma anche centrale e primario, tempio dedicato al dio Montu. Poco rimane di questo tempio, non perché fosse alterato dagli elementi, ma piuttosto perché è stato sistematicamente decostruito e le sue pietre da costruzione in seguito utilizzate nella costruzione di altri templi. Secondo Schwaller de Lubicz, questo misterioso smantellamento dei templi, trovato a Karnak e in numerosi altri luoghi in Egitto, ha a che fare con il cambiamento dei cicli astrologici. La soppiantazione del toro di Montu con l'ariete di Amon coincide con il passaggio astronomico dall'età del Toro, il toro, all'età di Ariete, l'ariete; il precedente tempio di Montu aveva perso il suo significato con il cambiamento astronomico e quindi fu costruito un nuovo tempio per l'allineamento con l'attuale configurazione delle stelle.

La fotografia mostra un obelisco eretto dalla regina Hatshepsut (1473 -1458 BC). È alto 97 e pesa circa 320 tonnellate (alcune fonti dicono tonnellate di 700). Un'iscrizione alla sua base indica che il lavoro di tagliare il monolite fuori dalla cava ha richiesto sette mesi di lavoro. Nelle vicinanze si trova un obelisco più piccolo eretto da Tuthmosis I (1504 - 1492 BC). È alto 75 piedi, ha i lati 6 piedi larghi alla base e pesa tra 143 e 160 tonnellate. Hatshepsut ha sollevato quattro obelischi a Karnak, solo uno dei quali si trova ancora. Gli obelischi egizi erano sempre scolpiti da singoli pezzi di pietra, solitamente granito rosa proveniente dalle lontane cave di Aswan, ma esattamente come venivano trasportati per centinaia di miglia e poi eretti senza blocco e placcaggio rimane un mistero. Delle centinaia di obelischi che un tempo si ergevano in Egitto, ne rimangono solo nove; altri dieci caddero, vittime dei conquistatori o del fanatismo religioso delle sette in competizione. Il resto è sepolto o è stato portato via in terre straniere dove si trovano nei parchi centrali e nei musei di New York, Parigi, Roma, Istanbul e in altre città.

L'uso degli obelischi è ancora più un mistero della loro scultura e dei mezzi di erezione. Mentre gli obelischi sono solitamente coperti di iscrizioni, questi non offrono alcun indizio sulla loro funzione, ma sono invece notazioni commemorative che indicano quando e da chi è stato scolpito l'obelisco. È stato suggerito che l'erezione dell'obelisco fosse un gesto che simboleggiava il pilastro 'djed', il simbolo di Osiriano che rappresentava la spina dorsale del mondo fisico e il canale attraverso il quale lo spirito divino poteva sorgere per ricongiungersi alla sua fonte. John Anthony West nota che gli obelischi erano di solito eretti a coppie, un obelisco era più alto dell'altro, e che le dimensioni dell'obelisco e gli angoli precisi del suo albero e del suo cappuccio piramidale (originariamente placcato in elettrone, una lega di argento e oro ) sono stati calcolati in base ai dati geodetici relativi alla latitudine e alla longitudine esatte in cui è stato impostato l'obelisco. "Le ombre proiettate dalla coppia di obelischi ineguali permetterebbero all'astronomo / sacerdoti di ottenere precisi dati calendari e astronomici relativi al sito dato e la sua relazione con altri siti chiave forniti anche di obelischi". I lettori interessati all'affascinante argomento degli obelischi dovrebbero consultarsi La magia degli obelischi di Peter Tompkins e Il mistero di Orione di Bauval e Gilbert.

Ankh: simbolo egiziano della vita
Scultura di Ankh, Karnak, Egitto

Obelischi nell'antico Egitto; Rivista di archeologia

Gli antichi egizi ornavano le loro facciate del tempio con coppie di obelischi per onorare i loro dei e ricordare le grandi imprese dei loro faraoni. Con quattro lati rettangolari ricoperti di iscrizioni geroglifiche, l'obelisco è progettato per condurre l'occhio dello spettatore verso il cielo, terminando alto e dritto in una piramide a quattro lati. L'obelisco ebbe origine durante l'Antico Regno dell'Egitto (2584-2117 aC) come una piccola struttura solida associata alla divinità del sole Re. Il faraone Senworset I (1974-1929 BC) costruì il primo obelisco gigante a Heliopolis durante il Medio Regno (2066-1650 BC). Giganteschi obelischi egiziani pesano centinaia di tonnellate e sono composti da solidi pezzi di granito estratti a Aswan nel sud dell'Egitto. Gli obelischi moderni, grandi e piccoli, si trovano in tutto il mondo e gli Stati Uniti dal Monumento a Washington, ai monumenti commemorativi di guerra, ai gravi lapidi dei presidenti (Washington, Jefferson e le tombe di Lincoln includono tutti i memoriali dell'obelisco). New York City è piena di obelischi, e un tour li porterà in tutta Manhattan e oltre per vedere monumenti, lapidi e persino un autentico originale egiziano, noto come Cleopatra's Needle. Ma come e perché l'obelisco è diventato e rimane così popolare?

Il fascino straniero con l'Egitto è antico quanto l'Egitto stesso. Ancor prima che Alessandro Magno conquistasse l'Egitto in 332 aC i viaggiatori greci intrapresero viaggi su e giù per il Nilo, lasciando graffiti sui monumenti e trasportando materiali esotici a casa. Sotto i Tolomeo, re greci che governarono l'Egitto da 332-30 aC, i greci che vivevano in Egitto adattarono alcuni aspetti della cultura egiziana, dalle divinità alla mummificazione. Ma furono i Romani che per primi amarono gli obelischi. Dopo che i Romani conquistarono l'Egitto in 30 aC, portarono via un gran numero di obelischi e oggi, più obelischi egiziani stanno a Roma, in totale 13, che in tutto l'Egitto. Dopo la caduta di Roma, nessun obelisco egizio avrebbe lasciato le rive del Nilo fino al 19esimo secolo. Durante il Medioevo, la conoscenza dell'Egitto era limitata principalmente ai contesti biblici: l'Egitto era la terra di Mosè, San Marco e Antonio; aveva protetto la Sacra Famiglia. I pochi europei che si avventurarono in Egitto andarono in pellegrinaggio o furono attratti dalle crociate o dal commercio. Con il Rinascimento e il suo revival classico, i motivi egiziani divennero più familiari. Temi egiziani apparvero nell'arte e nell'architettura e papa Sisto V (1585-1590) trasferì e re-eresse un obelisco (originariamente portato da Eliopoli, l'Egitto a Roma dall'imperatore Caligola) dal suo antico sito nel Circo di Nerone fino alla sua posizione attuale , a circa 260 di distanza, in piazza San Pietro in Vaticano. Verso la metà del XIII secolo, Gian Lorenzo Bernini mantenne l'obelisco come il fulcro del suo ridisegno di San Pietro.

Nel 18esimo secolo durante l'Illuminismo, l'obelisco cominciò a simboleggiare l'eternità e la commemorazione, e divenne una forma popolare di commemorazione per le vittorie e gli eroi degli europei. L'Egitto fu visitato da occasionali estranei durante i secoli 17th e 18th che spesso portavano a casa piccoli oggetti come amuleti, ma lo stile del revival egiziano (compresi gli obelischi) e l'egittomania acquistarono ampia popolarità grazie alla campagna di Napoleone in Egitto (1798-1799) e alla pubblicazione di Voyage di Vivant Denon in Basse et la Hautes Egypt (1802) e Description de l'Egypte (1809). Con l'invenzione della nave a vapore negli 1840, viaggiare in Egitto è diventato molto più rapido ed efficiente per gli europei e gli americani. Molti altri occidentali hanno fatto il viaggio verso il clima caldo dell'Egitto. Sempre più pubblicazioni dedicate al tema egiziano attraggono ulteriormente i viaggiatori a fare il viaggio, e per lo meno ispirano decorazioni in stile egiziano. Nei primi 1800 alcuni europei, come il console generale britannico Henry Salt, il console generale francese Bernard Drovetti e l'uomo forte e proto-archeologo italiano Giovanni Battista Belzoni, raccolsero manufatti da spedire alle istituzioni europee come il Louvre e il British Museum, che stavano iniziando a stabilire le loro collezioni.

Negli Stati Uniti, gli obelischi apparvero nel 18esimo secolo come memoriali. Alcuni dei primi esempi includono il Columbus Memorial di Baltimora, che è stato costruito in 1792 per onorare l'300 anniversario della scoperta del Nuovo Mondo di Colombo e l'obelisco della Battaglia di Lexington in Massachusetts, progettato negli 1790 per commemorare gli americani che erano morti in la prima battaglia della guerra rivoluzionaria. Gli obelischi continuarono ad aumentare di popolarità, e durante la guerra civile, divennero ancora più comuni come lapidi e memoriali. Oggi, l'obelisco è una vista comune nei cimiteri di tutta l'America, in piedi come memoriali per i defunti.

All'inizio del 19esimo secolo, gli obelischi divennero il simbolo della diplomazia internazionale e delle relazioni commerciali con l'Egitto: i Khedives d'Egitto (governanti dinastici dell'Egitto che iniziarono la loro eredità con la nomina del Sultano ottomano a Muhammad Ali in 1805) ne presentarono tre come regali. Due, eretti da Thutmose III (1479-1424 aC) ad Eliopoli, e trasferiti ad Alessandria da Augusto, furono donati alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti. Il terzo, assegnato da Ramesses II (1279-1212 BC) a Luxor, è stato assegnato alla Francia.

La Gran Bretagna ricevette uno degli obelischi di Alessandria, noto come Cleopatra's Needles, in 1819 dal leader egiziano Muhammad Ali (1769-1849), un turco che fu nominato dal sultano ottomano per sovrintendere all'Egitto e al Sudan e che guidò l'Egitto verso la modernizzazione. L'obelisco ha atteso ad Alessandria fino a quando non è stato consegnato in 1877. La traversata è stata dura e tragica (alcuni sei marinai sono morti), ma l'obelisco è sopravvissuto al viaggio e ora si trova sulle rive del Tamigi a City of Westminster vicino ai Golden Jubilee Bridges. I nomi dei sei marinai deceduti sono su una lapide alla base dell'obelisco. Muhammad Ali ha presentato la Francia con il suo obelisco di Luxor in 1826. Fu trasferito in Francia in 1833, dove re Luigi Filippo lo fece rialzare in Place de la Concorde dove si trovava la ghigliottina. Doveva servire come monumento per commemorare il re Luigi XV e quelli che persero la vita durante la rivoluzione francese. Il terzo obelisco, l'altro Cleopatra's Needle, è stato assegnato negli Stati Uniti in 1879 e trasferito in 1880.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni:

Philip Coppens

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Karnak

https://www.khanacademy.org/humanities/ap-art-history/ancient-mediterranean-ap/ancient-egypt-ap/a/karnak


Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Karnak