Tempio di Amon, Oasi di Siwa, Egitto


Il Tempio di Amon, Oasi di Siwa, Egitto

L'oasi di Siwa si trova nel deserto dell'ovest egiziano 300 chilometri (185 miglia) a sud-ovest della città mediterranea di Marsa Matruh. La parola Siwa deriva dall'arabo Wahat Siwah, che significa "Protettore del dio del sole egiziano Amon-Ra". Siwa è conosciuta principalmente come il sito di un tempio dell'oracolo greco dedicato al dio del sole egiziano Amon. Il tempio può ancora essere visto sulla collina di Aghurmi, che è 4 chilometri dalla città di Siwa.

Gli strumenti in selce mostrano che Siwa era già abitata nel Paleolitico e nel Neolitico, ma i primi documenti storici risalgono al Medio e Nuovi Regni del faraonico Egitto (2050-1800 BC e 1570-1090 BC). Tuttavia, è improbabile che i faraoni ed i loro governatori abbiano mai esercitato un vero controllo su Siwa, poiché non ci sono segni di edifici risalenti a questo periodo.

Eppure Siwa era, a suo modo, un centro della cultura egiziana, poiché un tempio lì, costruito per onorare il dio sole a testa di ariete Amon-Ra, ospitava un oracolo divino la cui fama, di circa 700 aC, era diffusa nel Mediterraneo orientale . Il re Cambise di Persia, figlio di Ciro il Grande e conquistatore dell'Egitto, nutriva rancore contro l'oracolo, probabilmente perché aveva predetto che le sue conquiste in Africa avrebbero presto vacillato - come in effetti fecero. In 524 BC Cambise inviò da Luxor un esercito di uomini 50,000 per distruggere l'oracolo di Siwan, una dispersione di forze che non poteva permettersi sulla sua strada per conquistare l'Etiopia. L'intero esercito svanì senza lasciare traccia, sepolto nei mari di sabbia tra Siwa e le oasi interne egiziane, e nessun segno di esso è stato trovato fino ad oggi.

Il visitatore più illustre di Siwa era indubbiamente Alessandro Magno. Fu acclamato faraone d'Egitto dopo aver sconfitto il Dario persiano nella battaglia di Issus in 333 aC. In 331 salpò dalla sua appena fondata città di Alessandria, raggiunse la Mersa Matruh e marciò verso Siwa lungo la strada del deserto che è ancora usata oggi.

Anche se non lo sappiamo per certo, lo scopo di Alessandro nel fare il viaggio potrebbe essere stato un pezzo di creazione di immagini politica. Ciascuno dei faraoni della dinastia 28th dell'Egitto si era recato a Siwa per essere riconosciuto al tempio lì come figlio di Amon-Ra, il dio supremo; ciascuno, da allora in poi, è stato raffigurato come indossando le corna di ariete di Amon sulla sua testa. Alessandro voleva la stessa dichiarazione di potere divino per legittimare la sua conquista dell'Egitto e mettersi sullo stesso piano dei faraoni.


Santuario del Tempio di Amon, Oasi di Siwa

Con l'avvento dei tempi romani, gli oracoli passarono di moda, così come gli dei egizi, che i greci avevano più o meno integrato nella loro stessa mitologia. Auguri e la lettura di interiora animali erano più lo stile romano. Quando il viaggiatore e storico Strabo visitò l'Egitto in 23 aC, poté notare che l'oracolo di Amon aveva perso quasi tutta l'importanza, anche se senza dubbio il dio era ancora adorato localmente fino all'avvento dell'Islam.

I prossimi mille anni nella storia di Siwa furono difficili. I disordini sociali ed economici seguirono lo scioglimento del potere politico romano. Le tribù beduine razziarono gli insediamenti sparsi dell'oasi e interruppero quel piccolo commercio che i Siwa avevano. Intorno all'anno 1200 la popolazione è stata ridotta a 40 uomini normodotati, forse persone 200 in tutto. Quindi l'intera popolazione si spostò dal terreno basso vicino al tempio dell'oracolo fino a una collina vicina che poteva essere fortificata.

Il primo europeo a visitare fin dall'epoca romana fu il viaggiatore inglese William George Browne, che venne in 1792 per vedere l'antico tempio dell'oracolo. Verso la 19 secolo altri visitatori europei, mai accolti dalla popolazione, descrissero l'intera collina come un vasto alveare di edifici. In 1820, Siwa è passata sotto il dominio esterno per la prima volta quando fu conquistata dalle truppe di Muhammed Ali, il pascià ottomano dell'Egitto. Con il governo centrale, i bisogni difensivi della città furono ridotti e per la prima volta da 1200 fu permesso di costruire case fuori dalle fortificazioni della città - sebbene la maggior parte delle persone fosse riluttante a farlo. Un violento temporale a 1926 ha demolito molte case, tuttavia, e reso gli altri non sicuri, costringendo le persone a partire. L'antica città è ora quasi in rovina, anche se la sua natura a nido d'ape è ancora chiaramente riconoscibile.

Recentemente, un gruppo di archeologi greci che lavoravano vicino all'oasi di Siwa, nel deserto occidentale dell'Egitto, ha scoperto tre tavolette indicanti che il corpo di Alessandro potrebbe essere stato portato lì per la sepoltura dopo la sua morte in una campagna militare. Sono in corso ulteriori ricerche su questo argomento.

Altri siti di interesse storico locale includono: i resti del tempio dell'oracolo; il Gebel al Mawta (la Montagna dei Morti), una necropoli di epoca romana con dozzine di tombe scavate nella roccia; e "Bagno di Cleopatra", un'antica sorgente naturale.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Per ulteriori informazioni:

https://sacredsites.com/africa/egypt/temple_of_amun_siwa_oasis.html

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Siwa_Oasis

http://www.siwa-oasis.it/amun.html


Guide di viaggio in Egitto

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Oasi di Siwa