L'abbazia di Conque

Conques
L'abbazia di Conque, in Francia

Quando si vede per la prima volta il lato ripido, roccioso e boscoso di montagna su cui è appollaiata l'abbazia di Conques, l'inadeguatezza del luogo per qualsiasi tipo di edificio, abitazione umana o attività commerciale è immediatamente evidente. Eppure in questa remota valle dell'Alvergene si trova uno dei santuari di pellegrinaggio più visitati della Francia medievale.

Perché questa particolare posizione è diventata un santuario così celebrato? Le autorità ecclesiastiche spiegano che Conques si è fatto conoscere come uno dei principali punti di sosta lungo una delle quattro strade principali che conducono a Santiago de Compostela, a causa dell'abbazia benedettina 12th che ospitava le reliquie di San Foy. Conques, tuttavia, era stato venerato come un luogo sacro molto prima della venerazione della reliquia e i pellegrinaggi divennero popolari tra i secoli 9th e 15th. Precedendo l'arrivo dei Benedettini nel 819 AD, una chiesa carolingia era rimasta per molti anni, e prima di quel tempo il sito era considerato sacro da persone che abitavano nelle foreste locali. Durante il Medioevo, Conques era noto per essere un luogo particolarmente miracoloso e la spiegazione data ai pellegrini cristiani era che i miracoli erano causati dalle reliquie di San Foy. Un po 'di lavoro investigativo sulla storia di St. Foy rivela, tuttavia, che questa persona non aveva certamente abbastanza tempo per condurre la vita di un santo. Foy era una bambina piccola, che viveva in Asia Minore (l'odierna Turchia), che fu bruciata come cristiana in 303 AD e quindi divenne classificata come martire di Cristo. Non ci sono né storie riguardanti il ​​bambino che danno alcuna prova di una vita santa (come troviamo con San Francesco), né alcuna ragione per cui le sue reliquie avrebbero poteri spirituali. Inoltre le reliquie di Foy, come tante altre in epoca medievale, sono di dubbia autenticità.

Scrivere dentro La chiave dei viaggiatori per la Francia medievaleJohn James racconta una storia interessante riguardante l'acquisizione delle reliquie da parte del monastero. Ad un raduno dei monaci di Conque "il monaco Armisdus fu scelto per visitare Agen, dove giacevano le ossa di San Foy. All'arrivo gli fu chiesto di unirsi alla comunità: non aveva fretta, gli ci vollero dieci anni per ottenere il loro Con pazienza e, si spera, non un po 'di colpevolezza, ha aspettato che fosse nominato custode dei tesori della chiesa, tra cui la tomba del santo.La sua opportunità è arrivata una notte in cui è stato lasciato solo nella chiesa. rubò le ossa e su un cavallo che era stato preparato per l'occasione, portò le reliquie a Conques, i monaci furiosi di Agen lo inseguirono, ma il ladro trionfante raggiunse il suo tesoro e fu accolto con grande gioia ".

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Conque