Saint Guilhem le Desert


Vista sulla collina della chiesa e la città di Saint-Guilhem-le-Desert, Francia

L'abbazia di Saint-Guilhem-le-Desert nella valle del Gellone (30, a nord-ovest di Montpellier) deve il suo nome a Guilhem, un cavaliere francese del periodo medievale. Nato qualche tempo nel 8esimo secolo, Guilhem era il nipote di Charles Martel, il Duca di Aquitania, e uno dei cavalieri scelti dell'imperatore Carlo Magno. Combatté coraggiosamente contro i Saraceni (musulmani) di Spagna e divenne famoso come l'eroe delle ballate medievali grazie al suo talento cavalleresco e al suo carattere cavalleresco. Cristiano devoto che finì i suoi giorni (morto 812 AD) nel monastero di Gellone, dotò l'abbazia di una reliquia della Vera Croce, datagli da Carlo Magno. A causa di questa reliquia, il monastero prosperò presto e divenne un importante luogo di pellegrinaggio nel sud della Francia.

Con lo sviluppo del grande pellegrinaggio medievale a Santiago de Compostela (il santuario di San Giacomo nella Spagna nordoccidentale) nel 10esimo secolo, Saint-Guilhem-le-Desert divenne un palcoscenico riconosciuto su una delle quattro strade principali che conducevano a Compostela. Verso la metà dell'11esimo secolo questo afflusso di pellegrini nella valle del Gellone permise ai monaci di ricostruire il loro monastero su più vasta scala, utilizzando le tecniche architettoniche del primo stile romanico. L'attuale chiesa abbaziale risale a quel periodo.

La vita del monastero continuò, influenzata di volta in volta dagli eventi nazionali e dalle più ampie correnti incrociate della storia fino al suo lento declino nel 18th secolo e la sua soppressione durante la Rivoluzione francese in 1790. Nel 19esimo secolo l'abbazia fu vandalizzata e frammenti dei suoi edifici sono stati trovati sparsi in tutta la regione, anche fino al museo dei Cloisters, a nord di New York. Ricostruito nel 20esimo secolo, oggi l'abbazia è la chiesa parrocchiale del piccolo e pittoresco villaggio di Saint-Guilhem-le-Desert. Nessuna prova archeologica è venuta alla luce indicando la santità del sito in epoca pre-cristiana.

Informazioni biografiche su Guilhem

William un nipote di Charles Martel. È nato in Francia verso la metà del 8esimo secolo. Sua madre Aldana era una figlia di Charles Martel, quindi era un cugino di Carlo Magno. Come stretto parente di Carlo Magno, trascorse la sua giovinezza nella corte imperiale. Guglielmo fu nominato Conte di Tolosa in 790, e Carlo Magno collocò il suo giovane figlio (Luigi il Pio, che avrebbe ereditato l'Aquitania), nella sua tutela. Era il secondo conte di Tolosa e deteneva il titolo da 790 fino a 811.

Le seguenti informazioni dettagliate su Saint-Guilhem-le-Desert sono disponibili sul sito Linguadoca Sito web.

Guilhem dedicò i successivi tredici anni a sostenere le frontiere meridionali dell'impero dei Franchi. Era famoso come uno dei più valorosi guerrieri del suo tempo. Si è sposato due volte; la sua seconda moglie, la signora di Orange, era apparentemente la vedova di un signore saraceno che aveva ucciso e di cui aveva preso possesso. Gli exploit di Guilhem divennero famosi e si trasformò nell'eroe delle ballate medievali di prodezza cavalleresca e cavalleria. È l'eroe del Chanson de Guillaume, un precoce chanson de geste, e di alcuni successivi sequel.

In 804 Guilhem si ritirò nell'Abbazia di Aniane. (Per molti secoli fu considerato del tutto lodevole che gli uomini abbandonassero le loro mogli e le loro famiglie per diventare monaci). In 806 diresse un gruppo di monaci che partì per fondare l'Abbazia di Gellone (ora Saint-Guilhem-le-Désert). Prima della sua morte, Carlo Magno aveva donato al giovane Guilemo un reliquiario, che si riteneva contenesse pezzi della Vera Croce. (Centinaia di tali false reliquie erano in circolazione ancor prima delle Crociate). Guilhem lasciò questo alla sua Abbazia, dove rimane fino ad oggi. Il reliquiario ingioiellato viene portato in processione nel villaggio una volta all'anno, il 3rd maggio - la festa di San Guilemo. Le repliche di biscotti sono disponibili nella chiesa abbaziale. I fedeli affermano di fornire protezione contro i fulmini.

Guilhem è conosciuto con diversi nomi, alcuni dei quali riflettono il suo aspetto, alcune delle sue conquiste, alcuni dei suoi ultimi anni di vita religiosa, e alcuni semplicemente confusione con altri semi leggendari Guilhems. Era Guilhem il piccolo naso - francese Guillaume au Court Nez, o il marchese au court nez - una deturpazione durante la sua battaglia con quel fastidioso moresco moresco che viveva nel castello di Gellone. Era anche Guillaum de Narbonne; Guillaume Fierabrace, Guillaume d'Orange e Guilhem de Gellone e Saint Guilhem.

Secondo il libro Holy Blood Holy Grail Guilhem era figlio di "Teodorico, re degli ebrei di Settimania" incoronato in 768. Attraverso di lui la linea di sangue di Gesù divenne la linea di sangue dei reali franchi. Questa fantasia è stata successivamente incorporata nella trama del romanzo best-seller The Da Vinci Code.

La città di Saint-Guilhem-le-Désert

La città Saint-Guilhem-le-Désert si trova nella valle del Gellon a nord di Gignac, a est della nuova autostrada A75, a circa 30 chilometri a nord-ovest di Montpellier. È davvero più un villaggio con una popolazione di circa 250.

Il villaggio ha conservato la sua personalità medievale con vecchie case in pietra color ambra, un'antica torre e una piazza ombreggiata con una fontana e tradizionali alberi di pianura. Si estende organicamente lungo il torrente Verdus, circondato da scogliere, verdeggianti con timo, querce e pini. La torre della prigione è una testimonianza del borgo medievale e continua a dominarla. È una semplice torre quadrata merlata, trafitta da una semplice finestra.

Saint-Guilhem-le-Désert è annoverato tra i Plus Beaux Villages (i più bei villaggi) della Francia, classificato da 1999 come sito nazionale. È sede di numerosi artisti, molti dei quali possono essere trovati nei loro studi intorno alla piazza.

Affacciato sul villaggio, sul lato della scogliera, è un castello di origine visigota. E 'stata solo una modesta fortezza, ma ha attratto storie colorate che coinvolgono Visigoti, Saraceni e trovatori. Secondo la leggenda questo castello era una volta la dimora di un gigante saraceno, chiamato Don Juan, che fu sconfitto in circostanze improbabili dall'omonimo Guilhem in combattimento singolo.

L'abbazia di Saint-Guilhem-le-Desert

L'abbazia si trova nella città di Saint-Guilhem-le-Désert nella valle del Gellone, non lontano da Montpellier, nel dipartimento dell'Hérault. È una fondazione benedettina dedicata a Saint-Sauveur. Fu fondato a 804 da Guilhem d'Orange, duca d'Aquitania e secondo conte di Tolosa, membro della corte di Carlo Magno, in seguito noto come San Guilemo.

Mentre il percorso di pellegrinaggio medievale verso il santuario di San Giacomo di Compostella in Spagna si sviluppò nel 10esimo secolo, il monastero di Saint-Guilhem-le-Desert divenne un punto di sosta su una delle quattro strade principali attraverso l'Europa che porta ad esso. Come tutti i punti di sosta di questo tipo, ha beneficiato finanziariamente dei suoi visitatori pellegrini più che solitamente ingenui. Verso la metà del 11esimo secolo i monaci erano abbastanza ricchi da ricostruire il loro monastero su una scala più ampia nell'ultimo stile romanico. L'attuale chiesa abbaziale risale a questo periodo.

Dal XII secolo, l'abbazia era stata ribattezzata in onore del suo fondatore. E poiché il sito nella Valle del Gellone era stato selezionato perché era un deserto virtuale, lo conosciamo ora all'Abbazia di Saint-Guilhem-le-Désert. Con 1206, a Saint-Guilhem era stato costruito un nuovo chiostro con colonne e pilastri che ora si trovano in un museo americano. Molti di loro richiamano le colonne classiche romane, ma si allontanano dai modelli classici nella loro varietà di design.

Durante i secoli 14th to 16th, progressivamente diminuito. Sotto il sistema "commende" l'abate fu nominato dal re, che scelse tra i membri del clero alto (piuttosto che essere eletto dai monaci della comunità). Il sistema portò inevitabilmente all'abuso e per secoli gli abati successivi delle famiglie aristocratiche accumularono titoli e trascurarono i loro doveri monastici.

Come altri edifici religiosi francesi, Saint-Guilhem ha sofferto nelle guerre di religione durante e dopo la Riforma. In 1569 l'Abbazia fu saccheggiata dai protestanti e le sculture furono danneggiate. Mobili e accessori furono venduti per pagare le riparazioni e per una guarnigione per proteggere l'Abbazia. Con 1670 il monastero era in uno stato di avanzata decadenza. I monaci invitarono la congregazione di Saint-Maur a intraprendere lavori di riparazione per salvare gli edifici dalla rovina e ristabilire la vita monastica.

L'abbazia diminuì nel 18esimo secolo. In 1783, era collegato al vescovato di Lodeve, perdendo la sua indipendenza. I monaci di Saint-Maur occuparono il monastero fino alla rivoluzione francese, quando la comunità era stata ridotta a sei monaci. E 'stato soppresso in 1790 durante la Rivoluzione Francese, e gli edifici venduti in modo minaccioso a un scalpellino. La chiesa dell'abbazia sfuggì al vandalismo quando divenne una chiesa parrocchiale, ma il resto fu vandalizzato. Nel chiostro sono state create varie attività commerciali, tra cui un'azienda di spinning e una conceria. Case private furono costruite negli edifici intorno al chiostro e nel chiostro stesso utilizzato come cava di pietra.

Frammenti dell'abbazia possono essere trovati in tutta la regione, e anche molto più lontano. Puoi vedere alcune di quelle colonne del chiostro risalenti a prima di 1206 nel museo dei Cloisters, a nord di New York (parte del Metropolitan Museum of Art di New York). È difficile sapere chi merita di meglio il titolo di Filisteo Cretino - le persone che li hanno venduti, coloro che li hanno acquistati o quelli che ora rifiutano di restituirli. Il danno cumulativo di questi vari atti di vandalismo era così grave che ora è impossibile determinare il numero e la sequenza delle sue colonne - o anche le dimensioni del chiostro.

In 1840, l'abbazia è stata presa in mano dai Monuments Historiques. Restauro poiché 1960 ha cercato di ripristinare l'aspetto originale dell'edificio. È stato costruito un nuovo chiostro. Dalla fine degli 1970, una comunità di monaci del Carmelo San Giuseppe ha fatto dell'abbazia la loro casa.

L'abbazia è uno dei numerosi siti del Patrimonio Mondiale della Linguadoca. In 1987, l'abbazia di Gellone è stata classificata come monumento storico francese. Nell'5 di dicembre, 1998, è stato classificato come sito Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO come parte dei "Sentieri di San Giacomo" - le vie di pellegrinaggio di San Giacomo di Compostela.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Saint Guilhem le Desert