Avebury

Anello di pietra di Avebury, in Inghilterra
Anello di pietra di Avebury, in Inghilterra

Novanta miglia a ovest di Londra e venti miglia a nord di Stonehenge si trova Avebury, il più grande anello di pietra conosciuto al mondo. Più antichi del più famoso Stonehenge, e per molti visitatori molto più spettacolari, i molteplici anelli di Avebury sono ammantati di misteri che gli archeologi hanno appena iniziato a svelare.

Simile a Stonehenge e molti altri monumenti megalitici nelle isole britanniche, l'Avebury è una costruzione composita che è stata aggiunta e modificata durante diversi periodi. Dato che il sito esiste attualmente, il grande cerchio è costituito da una banca di pietra calcarea coperta di erba che misura 1,396 di diametro (metri 427) e 20 piedi alti (metri 6) con un profondo fossato interno con quattro ingressi sulla bussola cardinale punti. Proprio all'interno del fossato, che chiaramente non era usato per scopi difensivi, si trova una grande cerchia di massicce e irregolari pietre sarsen che racchiudono circa 28 di acri di terra. Questo cerchio, originariamente composto da almeno pietre 98 ma ora con solo 27, racchiude due cerchi di pietre più piccoli. I due cerchi interni furono probabilmente costruiti per primi, attorno a 2600 BC, mentre il grande anello esterno e il terrapieno risalgono a 2500 BC. Il cerchio nordico ha un diametro di 320 e in origine aveva ventisette pietre di cui solo quattro rimangono oggi; il cerchio meridionale ha i piedi 340 e una volta conteneva ventinove pietre, di cui solo cinque rimangono in piedi.

La costruzione del complesso di Avebury deve aver richiesto enormi sforzi da parte degli abitanti locali. Le pietre di sarsen, di altezza variabile da nove a oltre venti piedi e di peso pari a 40 tonnellate, furono prima scavate nella roccia e poi trascinate o spostate a una distanza di quasi due miglia dal loro sito di cava. Queste pietre sono state quindi erette e ancorate nel terreno a profondità tra 6 e 24 pollici. Lo scavo del fossato accerchiato richiedeva una stima di tonnellate di roccia 200,000 da scheggiare e raschiare via con gli strumenti di pietra più grossi e le cianfrusaglie (ci sono alcune prove che questo fossato una volta era pieno d'acqua, dando così agli anelli di pietra interni l'aspetto di essere ambientato su un'isola). Dagli studi di scavo e resistività del suolo è noto che i tre anelli originariamente contenevano almeno pietre 154 di cui solo 36 rimane in piedi oggi. Ci sono tre ragioni per la scomparsa di queste pietre. Nel 14esimo secolo, e forse prima, le autorità cristiane locali, nel loro continuo sforzo per sradicare ogni traccia di pratiche religiose "pagane", crollarono, spezzarono e seppellirono molte pietre. Successivamente, nei secoli 17th e 18th, ancora più delle pietre rimanenti furono rimosse dalle loro fondamenta. Le colture potrebbero quindi essere piantate in queste aree e le massicce pietre potrebbero essere suddivise in pezzi più piccoli da utilizzare per la costruzione di case e altri edifici.

Nei primi anni dell'18esimo secolo, tuttavia, il profilo generale del tempio di Avebury era ancora visibile. Il dott. William Stukeley, un antiquario che visitava spesso il sito negli 1720, osservava con sgomento quanto gli agricoltori locali, ignari del valore culturale e archeologico dell'antico tempio, continuarono con la sua distruzione. Per oltre trent'anni Stukeley ha effettuato misurazioni accurate e numerosi disegni del sito, disegni che sono oggi la nostra unica testimonianza sia dell'immensa dimensione che della complessità dell'antico tempio. Stukeley fu il primo osservatore nei tempi storici a riconoscere chiaramente che il piano terra originale di Avebury era una rappresentazione del corpo di un serpente che passava attraverso un cerchio e quindi formava un simbolo alchemico tradizionale. La testa e la coda dell'enorme serpente erano delineate da larghe file di piedi in piedi 50, ognuna delle quali estendeva le miglia 1 e 1 / 2 nella campagna. Una delle strade terminava in un altro anello di pietra noto come "santuario". Continuando le sue esplorazioni e la mappatura della campagna che circonda il serpente di pietra, Stukeley ha raccolto prove che il complesso sacro di Avebury includeva molti altri enormi monumenti di terra e pietra.

Solo 1500 metri a sud dei principali anelli di Avebury si trova Silbury Hill, la più grande e forse la più enigmatica di tutte le costruzioni megalitiche in Europa. Incrociando la campagna circostante ci sono numerose linee serpeggianti di pietre erette e misteriose camere sotterranee, molte posizionate secondo gli allineamenti astronomici. Forse le rivelazioni più sorprendenti dell'antica grandezza di Avebury sono emerse dalle recenti ricerche di John Michell, Paul Broadhurst e Hamish Miller. Attingendo a leggende e folclore, scavi archeologici e rabdomanti, questi specialisti hanno determinato che il tempio di Avebury faceva parte di una vasta rete di siti sacri neolitici disposti lungo una linea di quasi duecento chilometri che si estendeva in tutta l'Inghilterra meridionale. Posizionati direttamente su questa linea sono i grandi siti di pellegrinaggio di Glastonbury Tor e St.Michael's Mount. (Per ulteriori informazioni su questa linea e sui siti che lo seguono, consultare il libro di Hamish Miller, Il sole e il serpente.)

Il periodo di tempo per la continuità principale dell'uso del complesso di Avebury nel Neolitico e nella prima età del bronzo era, secondo gli studi di datazione attuali, intorno agli anni 2300. Questo lungo lasso di tempo e le vaste dimensioni dell'intero complesso testimoniano che il tempio di Avebury era forse il sito sacro più significativo di tutta la Gran Bretagna, se non dell'intero continente europeo. E a proposito del suo uso? Varie congetture sono state fatte ma è prematuro parlare con certezza. Per capire i misteri di Avebury ci vorranno ancora alcuni anni. Solo da quando 1980 ha avuto luogo l'incontro essenziale tra scienza e spirito, tra archeologia e intuizione che potrebbe svelare i segreti di questo meraviglioso luogo.

vista aerea di avebury
Veduta aerea di Avebury Stone Ring che circonda il villaggio di Avebury



Silbury Hill, complesso neolitico di Avebury, Inghilterra
Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide di viaggio in Inghilterra

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Per ulteriori informazioni:

Avebury

europa uk avebury