Partenone, Atene

Partenone, l'Acropoli, Atene, Grecia
Sorgere della luna sul Partenone, l'Acropoli, Atene, Grecia (Ingrandire)

Simile a molti altri luoghi santi, le origini dell'uso sacro della grande roccia calcarea che sale dalla pianura attica ci sono sconosciute. Furono dimenticati molto prima della stesura delle prime storie registrate di Atene. I resti neolitici scoperti sulle pendici dell'Acropoli indicano un insediamento continuo sulla collina da almeno 2800BC, molto prima delle culture minoica e micenea che in seguito diedero vita al greco arcaico. Nel periodo micenea (1600-1100 aC) la vetta era circondata da un imponente muro di fortificazione che proteggeva il tempio-palazzo dei re sacerdoti micenei. Le prime strutture ellenistiche conosciute, risalenti al 6 secolo aC, erano due grandi templi dedicati ad Atena, in cima a una collina che probabilmente aveva ospitato antichi santuari davanti a loro. In 480 aC i Persiani distrussero questi templi e in 447 aC (alcune fonti dicono 438 aC) il capo ateniese Pericle iniziò la costruzione del tempio di Athena. Costruito dagli architetti Ictinus e Callicrates sotto la supervisione dello scultore Fidia, il tempio è generalmente considerato il culmine dello sviluppo dell'ordine dorico, il più semplice dei tre stili architettonici greci classici. L'edificio rettangolare (misurato sul gradino più alto della sua base per essere 101.34 piedi larghi per 228.14 piedi lunghi) era costruito in marmo bianco brillante, circondato da grandi colonne 46, coperto da tegole, e ospitava una statua della dea alta quasi 40 Atena. La statua, conosciuta come Athena Promachos, Athena il Campione, era fatta di legno, oro e avorio e poteva essere vista da una distanza di molte miglia.

Mentre gran parte della struttura rimane intatta, il Partenone ha subito notevoli danni nel corso dei secoli. In 296 aC l'oro della statua fu rimosso dal tiranno Lachares per pagare il suo esercito; nel 5 secolo dC il tempio fu convertito in chiesa cristiana; in 1460 ospitava una moschea turca; in 1687 la polvere da sparo immagazzinata dai turchi all'interno del tempio esplose e distrusse la zona centrale; e in 1801-1803 gran parte della scultura rimanente fu venduta dai Turchi (che controllavano la Grecia all'epoca) all'olandese Lord Elgin, che rimosse grossolanamente le sculture e le vendette al British Museum. Oggi gli scarichi delle automobili, l'inquinamento industriale e le piogge acide di Atene stanno rapidamente distruggendo le poche sculture rimaste di questa grande opera d'arte. Un notevole prezzo di ammissione è pagato dalle centinaia di migliaia di turisti che visitano il sito ogni anno. Tuttavia, poco di questo denaro viene utilizzato per la conservazione del Partenone, ma viene invece sprecato dai burocrati corrotti e dai funzionari del governo.

Il nome Parthenon si riferisce al culto di Athena Parthenos, la "Virgin Athena" che emerse completamente cresciuta dalla testa di suo padre Zeus. La dea vergine e patrona di Atene, rappresenta il più alto ordine di sviluppo spirituale e i doni dell'intelletto e della comprensione. Pura nel corpo, nella mente e nel cuore, Atena è il simbolo dell'aspirazione umana universale alla saggezza. Non era solo il personaggio e la statua della dea che simboleggiavano queste qualità, ma anche la precisa posizione topografica e l'orientamento astronomico del suo santuario, e la geometria sacra che infuse l'intero tempio. Anche se una discussione su queste questioni è troppo lunga da offrire in questa sezione, leggiamo alcuni passaggi di Vincent Scully, uno dei più illuminati studiosi che studiano l'architettura sacra greca.

"Gli storici greci in parte ereditarono e in parte svilupparono un occhio per certe combinazioni sorprendentemente specifiche di elementi del paesaggio espressivi di una particolare santità. Questo avvenne a causa di una tradizione religiosa in cui la terra non era un quadro ma una vera forza che incarnava fisicamente i poteri che governava il mondo ...... Tutta l'architettura greca esplora e loda il carattere di un dio o un gruppo di dei in un luogo specifico.Questo posto è di per sé santo e, prima che il tempio fosse costruito su di esso, incarnava l'intero divinità come forza naturale riconosciuta: con l'avvento del tempio, che racchiude la sua immagine al suo interno e si sviluppa come un'incarnazione scultorea della presenza e del carattere di Dio, il significato diventa doppio, sia della divinità in natura che del dio immaginato da Quindi, gli elementi formali di ogni santuario greco sono, in primo luogo, il paesaggio specificamente sacro in cui è ambientato e, in secondo luogo, gli edifici che sono posti all'interno di esso ....... Dobbiamo ora andare più che a riconoscere che, non solo alcuni paesaggi erano considerati sacri ed egizi da specifiche divinità, o piuttosto come incarnazioni della loro presenza, ma anche che i templi e gli edifici secondari dei loro santuari erano così formati in se stessi e così messo in relazione al paesaggio e tra loro come per valorizzare, sviluppare, integrare e talvolta anche contraddire il significato fondamentale che si sentiva nella terra ".

Francis Penrose, un archeologo britannico che studia il Partenone in 1891, ha suggerito che il sito è orientato verso l'innalzamento delle Pleiadi nella costellazione del Toro.

I lettori interessati a perseguire uno studio più approfondito di queste questioni sono incoraggiati a consultare le opere di Vincent Scully, Richard Geldard, Tons Brunes, Matthew Dillon, Jean Richer, Nanno Marinatos e Robert Lawlor elencati nel Bibliografia della Grecia.

Guide di viaggio della Grecia

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Per ulteriori informazioni:



Partenone, Atene