Santuario di Asklepion


Primavera e santuario di Asklepios all'Acropoli
Atene, Grecia

Sotto il Partenone, sulle scogliere meridionali dell'Acropoli, è una sorgente sacra in una piccola grotta. Mentre i dettagli del suo primo utilizzo e divinità sono andati persi nell'antichità, è noto che la primavera divenne il punto focale di un santuario del dio guaritore Asklepios dal 5 secolo aC. La sorgente sacra di Asklepios fu convertita in un luogo di culto cristiano dal 6esimo secolo dC e ridedicata agli Aghioi Anargyroi, o dottori santi. Sotto la grotta e il santuario primaverile sono estese rovine di altri templi ad Asclepio e anche di Igea, la dea della salute.

Il dio greco-romano della guarigione, Asklepios era figlio di Apollo e della ninfa Koronis (nato a loro nel tempio di Apollo in Epidauro) e fu insegnato l'arte della guarigione dal centauro Chirone. Il culto di Asklepios si diffuse dall'isola di Kos (casa del famoso medico Ippocrate) in tutta la Grecia e l'Asia Minore. Nei periodi classico ed ellenistico, molte città e città avevano santuari dedicati ad Asclepio, ma c'erano siti particolari che avevano una maggiore importanza di altri, tra cui Epidauro nella Grecia continentale, Kos nell'Egeo, Trikka in Tessaglia, Pergamo in Asia Minore, e Lebena nel sud di Creta. Ognuno di questi santuari di guarigione attirò un gran numero di pellegrini da parti distanti del mondo greco per oltre mille anni.

I templi di Asklepios erano sempre associati a sorgenti sacre, le cui acque portavano i poteri curativi degli spiriti della Terra. Poiché si credeva che Asklepios effettuasse le cure degli ammalati nei sogni, quei pazienti che cercavano l'aiuto di Dio per primi bevvero e si lavarono nelle acque della sua sorgente e poi dormirono all'interno dei recinti del tempio (chiamati abaton). Durante i sogni, Asklepios oi suoi serpenti apparivano ai malati, dando loro indizi sulla loro guarigione. I mezzi con cui venivano effettuate le cure erano l'astinenza dal cibo prima e durante il tempo nell'abatono, il bagno rituale, il sacrificio, l'incubazione, i sogni e poi la guarigione. Mentre i sacerdoti erano presenti ai santuari, non funzionavano come dottori né esistono prove per il trattamento medico in nessuna delle Asklepion. Quelle persone che hanno ricevuto cure presso l'Asklepieia hanno recuperato attraverso la loro fede in Asklepios, attraverso le suggestioni terapeutiche che hanno ricevuto nei sogni, o semplicemente nel corso naturale degli eventi.

I pazienti nei santuari di Asklepion parteciparono anche a rituali che coinvolgevano i serpenti, che si credeva fossero assistenti del dio guaritore. Spesso Asklepios è in piedi con un lungo bastone di legno, attorno al quale è intrecciato un grosso serpente. Questo bastone, che simboleggia l'albero della vita, e il suo serpente attorcigliato rappresentano i misteriosi poteri di guarigione della terra primordiale e sono essi stessi resti di culti pre-greci che adoravano la Terra. Un simbolo in qualche modo simile, il caduceo, un bastone alato con due serpenti attorcigliati, è usato frequentemente ma erroneamente come emblema medico. Senza rilevanza medica, il caduceo rappresenta invece la bacchetta magica di Hermes, o Mercurio, il messaggero degli dei e il patrono del commercio.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide di viaggio della Grecia

Martin raccomanda queste guide di viaggio

Santuario di Asklepion