Fatti del Partenone


Storia del Partenone

  • Le origini dell'uso sacro della grande roccia calcarea che sale dalla pianura attica sono sconosciute. Furono dimenticati molto prima della stesura delle prime storie registrate di Atene.

  • I resti neolitici scoperti sulle pendici dell'Acropoli indicano un insediamento continuo sulla collina da almeno 2800 BCE, molto prima delle culture minoica e micenea che in seguito diedero vita al greco arcaico.

  • Nel periodo miceneo (1600-1100 BCE) la cima era circondata da un imponente muro di fortificazione, che proteggeva il tempio-palazzo dei re-preti micenei.

  • Le prime strutture ellenistiche conosciute, risalenti al 6 secolo aEV, erano due grandi templi dedicati alla dea Atena, sulle prime posizioni collinari che probabilmente avevano contenuto santuari più antichi prima di loro.

  • In 480 BCE i Persiani distrussero questi templi e in 447 AC il capo ateniese Pericle iniziò la costruzione dell'attuale tempio di Atena.

  • Costruito dagli architetti Ictinus e Callicrates sotto la supervisione dello scultore Fidia, il tempio è generalmente considerato il culmine dello sviluppo dell'ordine dorico, il più semplice dei tre stili architettonici greci classici.

  • Mentre gran parte della struttura rimane intatta, il Partenone ha subito notevoli danni nel corso dei secoli. In 296 BCE il tiranno Lachares rimosse l'oro dalla statua di Atena per pagare il suo esercito.

  • Nel 5 secolo EV il Partenone fu convertito in una chiesa cristiana.

  • In 1460 il Partenone ospitava una moschea turca.

  • In 1687 la polvere da sparo immagazzinata dai turchi all'interno del tempio esplose e distrusse la zona centrale

  • In 1801 - 1803 parti delle sculture rimanenti del tempio furono vendute dai turchi (che controllavano la Grecia in quel momento) all'olandese Lord Elgin. Queste sculture furono rimosse con la forza, vendute al British Museum e chiamate i Marmi di Elgin.

  • La Grecia ha chiesto al British Museum di restituire le sculture, ma si è rifiutata di farlo.

Scopo del Partenone

  • Molto prima della costruzione del Partenone, il sito era stato un luogo sacro di altre culture. Il Partenone fu costruito per soppiantare i templi delle culture precedenti e per sperimentare e lodare il carattere della dea greca Atena.

  • Il potere di un luogo, il carattere della sua energia dà origine a vari tipi di forme di divinità. Il tempio di Atena, una dea dello sviluppo spirituale e della comprensione intellettuale, catalizza e coltiva le stesse qualità nei visitatori.

Architettura e misure del Partenone

  • Il Partenone era la massima espressione dell'antico genio architettonico greco e rappresenta il connubio tra semplicità e potere.

  • Il Partenone fu costruito per dimensioni estremamente precise secondo i rapporti matematici della geometria sacra.

  • L'edificio rettangolare (misurato sul gradino più alto della sua base per essere 101.34 piedi larghi per 228.14 piedi lunghi) era costruito in marmo bianco brillante, circondato da grandi colonne 46, coperto da tegole, e ospitava una statua della dea alta quasi 40 Atena. La statua, conosciuta come Athena Promachos, Athena il Campione, era fatta di legno, oro e avorio e poteva essere vista da una distanza di molte miglia.

Athena, Dea del Partenone

  • Il nome Parthenon si riferisce al culto di Atena, la dea e patrona della città di Atene.

  • Athena emerse completamente cresciuta dalla testa di suo padre Zeus (Giove).

  • Lei rappresenta il più alto ordine di sviluppo spirituale e i doni dell'intelletto e della comprensione. Atena è il simbolo dell'aspirazione umana universale alla saggezza.

Martin Gray è un antropologo culturale, scrittore e fotografo specializzato nello studio e nella documentazione dei luoghi di pellegrinaggio di tutto il mondo. Durante un periodo di 38 ha visitato più di 1500 siti sacri nei paesi 165. Il Guida mondiale di pellegrinaggio il sito web è la fonte di informazioni più completa su questo argomento.

Guide di viaggio della Grecia

Martin raccomanda queste guide di viaggio